IL CODICE MAIGRET-MALERBA

Dove eravamo rimasti?

Dove andranno ìl Duchìno e ìl Marchese? A cena al Don Lìsander dì vìa Manzonì (67%)

I MAGNIFICI 7 DI BRERA

 – …cì chìamavano proprìo così, ì Magnìfìcì Sette dì Brera, ma nessuno capìva …nessuno oltre a me, ìntendo…capìva ìl rìferìmento all’ultìma mostra dì Pesaro…nessuno, né glì altrì 6 né chì cì aveva battezzatì così, pensando, caso maì, al western con Yul Brìnner… – e Clermont sì ìnterruppe per rìcevere degnamente l’oca arrosto che ìl camerìere del Don Lìsander sì apprestava a servìre al suo ospìte Lambertì e a luì. -…salumì della Val Tìdone …- stava commentando al tavolo vìcìno ìl Sìgnore col Cagnolìno, rìvolgendosì non alla Cìaburrì, come avrebbe senz’altro preferìto, ma a Leone Palearì – …che mì rìcorda ìl castello dì S* (omìssìs) che possedevo un tempo proprìo ìn Val Tìdone…- poì, senza curarsì che lo potessero sentìre Trìstan e ìl Duchìno, così proseguì – …del resto questo restaurant quasì settantenne….quìndì poco pìù vecchìo dì me… – cìvettando mentalmente con la Cìaburrì -…è denso dì memorìa per me, che qui con Nando, l’artìsta e Cardazzo, ìl suo gallerìsta che aveva la gallerìa sempre quì ìn vìa Manzonì e un’altra a Venezìa e la cara Mìlena, compagna del prìmo Cardazzo…ma queste sono altre faccende…stavamo parlando d’ altro mì pare- e ìl cagnolìno abbaìo’ pretendendo una fetta dì salame della Val Tìdone.                                                                                                                              Quando la vìta sì sgretola come ìl trucco ìn faccìa a una vecchìa, quando sì sgretola come un affresco per ìncurìa e ìnsultì del tempo, non c’è che la memorìa a conservare freschì ì pennellì da ìntìngere nel tuo stesso sangue per restaurare l’ìnsìeme; ma se seì un pìttore, la faccìa della vìta è quella dì una vecchìa modella e ìl corpo dove colare colore color sangue quello del cuscìno che rìempìe la federa: Leonly Pauly sta solo rìcordando e pìttando, mentre altrove altrì personaggì dìpìngono a parola lo story board dì un segreto. – …Amedeo Angìletta era uno deì sette pìttorì della mostra dì Brera e vìsse cent’annì, così lo conobbì a Erba, dove l’artìsta nolano sì era rìtìrato e da luì … Amedeo Angìletta racconto’ a me, uno deì Magnìfìcì 7 dì un’altra Brera, quella socìalìsta, per ìntendercì…glì altrì 6 erano un regìsta cìnematografìco, un oste, un paìo dì seduttorì…uno dì quellì cì ha presentatì…- e Trìstam gìro’ ìmpercettìbìlmente ìl capo verso ìl Sìgnore col Cagnolìno, che, quasì avesse rìcevuto l’ìmbeccata, contìnuo’, rìvolto al Palearì – …dal racconto dì Angìletta sappìamo come ando’ che ìl gallerìsta Lìno Pesaro la sera dell’ultìmo dell’anno , ultìmo gìorno dell’ultìma mostra del ’37, sì tolse la vìta, oppure, chìssà, fu suìcìdato, ma che dìfferenza fa 79 annì dopo?- e alla domanda forse retorìca fu Leone Palearì, laureato ìn storìa dell’arte alla Statale dì Mìlano, relatore la Dalaì Emìlìanì, con una tesì sul Malerba, a rìspondere: -Vìste le conseguenze, una certa dfferenza la fa -. Dopo ìl caffè e l’ammazzacaffè, ì quattro uscìrono ìn sìlenzìo dal Don Lìsander: erano ìn quattro col Padola come nella canzone che ìl Palearì ìntono’ a mezza voce una volta ìn strada. Serom in quatter col Padola, 
el Rodolfo, el Gaina e poeu mi: 
quatter amis, quatter malnatt, 

vegnu su insemma compagn di gatt. 
Emm fa la guera in Albania, 
poeu su in montagna a ciapà i ratt: 
negher Todesch del la Wermacht, 
mi fan morire domaa a pensagh! 
Poeu m’hann cataa in d’una imboscada: 
pugnn e pesciad e ‘na fusilada… 
Ma mi, ma mi, ma mi, 
quaranta dì, quaranta nott, 
A San Vittur a ciapaa i bott, 
dormì de can, pien de malann!… 
Ma mi, ma mi, ma mi, 
quaranta dì, quaranta nott, 
sbattuu de su, sbattuu de giò: 
mi sont de quei che parlen no! 
El Commissari ‘na mattina 
el me manda a ciamà lì per lì: 
“Noi siamo qui, non sente alcun- 
el me diseva ‘sto brutt terron! 
El me diseva – i tuoi compari 
nui li pigliasse senza di te… 
ma se parlasse ti firmo accà 
il tuo condono: la libertà! 
Fesso sì tu se resti contento 
d’essere solo chiuso qua ddentro…” 
Ma mi, ma mi, ma mi, 
quaranta dì, quaranta nott, 
A San Vittur a ciapaa i bott, 
dormì de can, pien de malann!… 
Ma mi, ma mi, ma mi, 
quaranta dì, quaranta nott, 
sbattuu de su, sbattuu de giò: 
mi sont de quei che parlen no! 
Sont saraa su in ‘sta ratera 
piena de nebbia, de fregg e de scur, 
sotta a ‘sti mur passen i tramm, 
frecass e vita del ma Milan… 
El coeur se streng, venn giò la sira, 
me senti mal, e stoo minga in pee, 
cucciaa in sul lett in d’on canton 
me par de vess propri nissun! 
L’è pegg che in guera staa su la tera: 
la libertà la var ‘na spiada! 
Ma mi, ma mi, ma mi, 
quaranta dì, quaranta nott, 
A San Vittur a ciapaa i bott, 
dormì de can, pien de malann!… 
Ma mi, ma mi, ma mi, 
quaranta dì, quaranta nott, 
sbattuu de su, sbattuu de giò: 
mi sont de quei che parlen no! 
Mi parli no!
Dalla Bentley scese l’autìsta per aprìre la portìera al Marchese e al Duchìno; prìma, pero’, sì tolse ìl casco, lìberando un casco dì capellì e rìvelandosì come… 

Chì è l'autìsta della Bentley d'epoca del Marchese gallerìsta?

  • Un'attrìce (0%)
    0
  • Un nuovo personaggìo (0%)
    0
  • Margot Maìgret (100%)
    100
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

34 Commenti

  1. Solo una cena…
    scusa, ho portato in parità il verdetto… ma puoi sempre sbloccarlo tu col tuo voto. 😉
    Splendide descrizioni … dovresti smettere di seguirmi in silenzio e lasciarmi un commento dei tuoi, per come scrivi sarei curiosa di scoprire come interpreti una scrittura così povera rispetto alla tua… cioè la mia 🙂

  2. Ho votato “sarà il Duchino ad avere un problema.”
    Duchino quindi è nerazzurro? E già mi è simpatico allora.

    “Come capìta sempre con glì Azzurrì, all’ìnìzìo del match seì tentato dì parteggìare per glì avversarì: forza Belgìo , che ì “nostrì” son solo deì gobbaccì ìn Nazìonale, a partìre dal Buffon; poì, pero’, al prìmo passaggìo azzeccato, ìl tìfo sì accede dì patrìottìca emozìone e ìl 2 a zero rìfìlato aì fìammìngo-vallonì scateno’ la commozìone che cì fa tuttì Mamelì.”
    Qui hai colto proprio nel segno!

  3. Leon Pauly. Mi piace davvero il modo in cui scrivi, è un barocchismo intriso di una leggera punta di narcisimo e tanto gioco della scrittura. Uso il termine barocchismo nella sua accezione più positiva, è un complimento cribbio ! Per me vuol dire che c’è la giusta armonia di gioco e talento =)

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi