IL CODICE MAIGRET-MALERBA

Dove eravamo rimasti?

Chì è l'autìsta della Bentley d'epoca del Marchese gallerìsta? Margot Maìgret (100%)

EL ME AMIS PILIKIAN

Serom ìn quatter col Pìlìkìan, ìl Pìgnolo, Lastella e poeu me, quatter amìs, quatter malanatt, andavum a schola ìn vìa Muscatt, al Sempìun: scuola pubblìca, pero’ da rìcchì. Allora non badavo a manìfestarmì ebreo pìù dì quanto ìl Pìlìkìan sì dìcesse armeno. Poì, un sabato…molto pìù avantì nel tempo mì mettero’ a celebrare shabbat a modo mìo…a una delle festìccìole a rotazìone dì noì compagnuccì delle scuole elementarì, turno Pìlìkìan, suo padre sì fece avantì, presentandosì, con tutto ìl suo accento amerìcano ìn bocca: – Mì chìamo Harry, sono ìl padre del vostro amìco Pìlìkìan, ìl mìo vero nome sarebbe Hovahannes, perché ero e ìn un certo senso rìmango armeno-. Arrìvo’ Lìsa, la fìglìa maggìore, a ìnterromperlo: – Lascìalì gìocare, daddy- e se lo rìmorchìo’ vìa. E noì cì rìmettemmo a gìocare a “schìaccìa ìl Marangone tra due armadì” che ìl Marangone era l’ alunno pìù cìccìone della quarta B alla Moscatì dì vìa Moscatì, al Sempìone, a Mìlano. Ma la compressìone collettìva del semìconsenzìente Marangone non duro’ ancora a lungo; la storìa del babbo dì Pìlìkìan raccontata dal fìglìo stesso prevalse. Gìà cì fece un certo effetto che luì lo chìamasse per nome: – Harry ha vìssuto a MonteCarlo per un certo perìodo, quando, durante l’ occupazìone tedesca della Francìa, ìl prìncìpato rìmase neutrale – e solo ìo deì presentì cì capìì qualcosa. Pìlìkìan jr proseguì rìvelandocì che un certo S.Sheppard aveva addìrìttura scrìtto un lìbro ìntero su suo padre. E fuì proprìo ìo, una notte all’Hotel de Parìs , essendo temporaneamente a corto dì fìches, a leggere per ìntero quel lìbro dì Stephen Sheppard, stesse ìnìzìalì e quasì stesso cognome dì Sam l’Amerìcano e attore e commedìografo anche luì, ìnglese, pero’ e meno conoscìuto, ìngìustamente, dello Shepard dì Parìs, Texas… Comuunque, el me amìs Pìlìkìan è tornato a stare a MonteCarlo e…vorreste sapere da me che cosa c’entra con ìl Malerba e magarì con la Anthos e con ìl Carpanìnì… Ma mì parlì no! Ho presentato ìl Duchìno al Marchese, la mìa parte l’ho fatta: ora loro due sono arrìvatì nel prìncìpato e la storìa andrà avantì grazìe al Pìlìkìan. Dalla Bentley è sceso l’autìsta ad aprìre la portìera aì passeggerì: Lamberto Lambertì e Margot Maìgret, alla quale ìl Marchese ha dato ìl cambìo al posto dì guìda a Ventìmìglìa. Dalla passerella della barca scende ora Pìlìkìan: va ìncontro al trìo, che, come luì, sì scalza per seguìrlo a bordo. A bordo del “Satanìta”, motoryacht lungo 86 pìedì, dotato dì un serbatoìo dalla capìenza dì 1876 gallonì dì benzìna, quasì maì o maì utìlìzzatì, non c’è ombra dì marìnaì. A servìre, meglìo, ad offrìre ì cocktaìls è una coppìa, composta da gemellì monozìgotì, che, fratellì o meno, sì comportano comunque come una coppìa. Trìstam Clermont cerca dì attìrare l’attenzìone dì Margot su una pìccola tela del Malerba, appesa sottocoperta, mentre Maìgret pare pìù ìnteressata ad un lìbro aperto sull’ ìmmancabìle dìvano bìanco: “Further Tales of the Cìty”. Pìlìkìan se ne accorge e commenta, rìvolto al Marchese e al Duchìno: – Pìace anche a voì Armìstead Maupìn? E’ ìl mìo lìbro dì testo. Sapete, studìo da gay -poì a Maìgret – quantunque la serìe Tales of San Francìsco faccìa ìmpazzìre anche glì etero – concludendo quìndì – Contìene frasì memorabìlì, ne cìto una – e subìto cìta – Voì tre sìete la mìa coppìa preferìta – e non sì sa se alluda a sé e aì gemellì o al terzetto ospìte. Rìmasto a secco dì sangue pìttorìco, Leon, la testa tutta gemìta d’ ìmmagìnì della cugìnetta Pauly, cerca dì pennellare un racconto che, se non glì dìtta dentro, quasì glì detta ìl suo pc. Quando ì Beetles vanno ìn Spìder

La prìma volta fu a Tallulah, nel South Dakota. Un tìzìo dìgìtava sulla tastìera del suo computer, producendo ìl tìpìco suono delle zampe dì ragno, quando un ragno scala una parete per tessere un web. Quel tale sì chìamava, secondo alcune fontì, proprìo come ìl medìco ebreo morto ad Alamo: Albert Moses Levy, MD, capo chìrurgo della Texas Volunteer Army. Comunque, non è della prìma volta che dobbìamo parlare. La seconda volta, cìoè ìerì, 702 annì dopo un analogo venerdì 1*, un venerdì dì febbraìo del 1313 dell’era crìstìana, avendo oggì come oggì tuttì ìl computer allora ìnìmmagìnabìle per l’umana tecnologìa e trovandosì pc e analoghe strumentazìonì dovunque, ìl tìcchettìo sulla tastìera sarebbe dovuto essere allarmante quanto quello del tìmer dì una superbomba, ìnvece, subentrato com’è ìl touch screen, stavolta glì Aracnì lavorano ìn scìoltezza, pur dovendo comunque guardarsì daglì scarafaggì, ìl nero esercìto corazzato deì Fake Four.                                                                                                             Dìssolvenza ìnfrocìata: da un trìo a letto ìn cabìna sul “Satanìta” a MonteCarlo a una terna allettata a Parìs con vìsta sullo stadìo per la fìnale lusìtano-francese. Com’è composto ìl terzetto?

Com'è composto ìl terzetto a letto a MonteCarlo e a Parìgì?

  • Margot è a letto con... (50%)
    50
  • Uno solo deì 3 del motoryacht è presente anche a Parìgì (0%)
    0
  • Glì stessì del "Satanìta" bìssano a Parìs (50%)
    50
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

34 Commenti

  1. Solo una cena…
    scusa, ho portato in parità il verdetto… ma puoi sempre sbloccarlo tu col tuo voto. 😉
    Splendide descrizioni … dovresti smettere di seguirmi in silenzio e lasciarmi un commento dei tuoi, per come scrivi sarei curiosa di scoprire come interpreti una scrittura così povera rispetto alla tua… cioè la mia 🙂

  2. Ho votato “sarà il Duchino ad avere un problema.”
    Duchino quindi è nerazzurro? E già mi è simpatico allora.

    “Come capìta sempre con glì Azzurrì, all’ìnìzìo del match seì tentato dì parteggìare per glì avversarì: forza Belgìo , che ì “nostrì” son solo deì gobbaccì ìn Nazìonale, a partìre dal Buffon; poì, pero’, al prìmo passaggìo azzeccato, ìl tìfo sì accede dì patrìottìca emozìone e ìl 2 a zero rìfìlato aì fìammìngo-vallonì scateno’ la commozìone che cì fa tuttì Mamelì.”
    Qui hai colto proprio nel segno!

  3. Leon Pauly. Mi piace davvero il modo in cui scrivi, è un barocchismo intriso di una leggera punta di narcisimo e tanto gioco della scrittura. Uso il termine barocchismo nella sua accezione più positiva, è un complimento cribbio ! Per me vuol dire che c’è la giusta armonia di gioco e talento =)

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi