IL CODICE MAIGRET-MALERBA

Dove eravamo rimasti?

Com'è composto ìl terzetto a letto a MonteCarlo e a Parìgì? Glì stessì del "Satanìta" bìssano a Parìs (50%)

STA PER VENIRE LA RIVELAZIONE E NON HO...

 … nìente da mettermì. Sono fìglìo della Regìna Elìsabetta: mìa madre Anthos le è gemella non solo nella somìglìanza estetìca, ma nelle ìnsìmulabìlì espressìonì mìmìco-gestualì. Sono fìglìo unìco dì madre sefardìta parecchìo marrana ìdentìca a Queen Lìz e dì padre pìttore che magarì dì cognome faceva Carpanìnì. La sola dìfferenza tra Wìndsor e Anthos è che Wìndsor tutt’ora vìve e regna. Questa è la prìma rìvelazìone su FC che ognì tanto qui dìce ìo.La seconda rìguarderà la Dogana deì Sognì.                                                                                                                                                                                                                                                                                       Lascìato ìl Marchese ìn cabìna sul “Satanìta”, Pìlìkìan con la Bentley dì Trìstam, trìste nella pìù tradìzìonale petìt mort del dopocojto, era partìto per Parìs con la Maìgret e col Duchìno, alla cuì conjunzìone carnale trìangolare, composta daì due, Margot e Lambert e dalla gemellare unìtà ermafrodìta daglì ìdentìcì lìneamentì maschìo femmìnìellì che paìon rìtrattì dal Malerba (cìo’ sarà oggetto della terza rìvelazìone), aveva assìstìto con voyeurìsmo crìtìco. Alfìn gìunto nella Vìlle Lumìnosa la sera della fìnale pedatorìa europea, ìl neo dìvìn marquìs s’era dato al maquìs vìrtuale, lascìando Margot nello studìo’ al Maraìs, dove garbatamente scopando la Maìgret tra ìl Duchìno e un non ancora meglìo ìdentìfìcato Legìonarìo dì San Gìorgìo seguì ìn tv la dìretta tìfando Francìa e tuttavìa rallegrandosì della vìttorìa lusìtana neì tempì supplementarì.                                                                                                                                                                                                                                                                               Neì sognì rìcorrentì all’alba vìsìto stanze dì case che mì sono famìlìarì pur non rìuscendo maì a collocarle sulla mappa della realtà e ìncontro gente che rìconosco senza maì averla ìn veglìa conoscìuta. Poì ì doganìerì sulla soglìa del rìsveglìo mì sequestrano quasì tutto: quel che contrabbando è racconto, storìa… Leon Pauly, ìntanto, sempre sostenendo ìl Portogallo mìnìaturìzzato nello stadìo-schermo del pc, alternava al football la stesura del suo racconto strano.                                                                                                               Nell’Uovo dì Pasqua del Papa Ragno                                                                                Qualì sono ì rapportì tra Papa Ragno Seìmìllesìmo Terzo e Don Basìlìo? Tanto x comìncìare, vedìamo dì scoprìre l’ìdentìtà segreta dì Boss Basìlìo, ìl Doge delle Pantegang. La crocefìssìone del cosplayer presso l’ex Mulìno Stuckey alla Gìudecca è nel suo stìle. Eppure non è stato luì. Quando Papa Ragno venne eletto ìn un conclave dì polvere, Basìlìo sì chìamava ìn un altro modo e faceva ìl derattìzzatore: ìl derattìzzatore a Venezìa! Roba da chìodì, tanto per dìrla nel gergo dì un fan del Golgota come luì, ìl derattìzzatore venezìano. Come un qualsìasì agente dell’antìnarcotìcì sì vende aì capospaccìo, ìl futuro doge fìnì per vendersì aì topì. Che dìvennero ben presto onnìpotentì ìn cìttà. Uscìrono allo scoperto per Carnevale. Pantegane travestìte da pantegane e zoccole mascherate da puttane mìsero ìn atto un perfetto golpe sessuale.                                                                          Le maschìe aggressìve mìsero ìncìnte schìere dì damazze, le fertìlì zoccole partorìrono una generazìone dì fìglì e fìglìe della classe dìrìgente. Avvelenatore delle acque che avrebbe dovuto bonìfìcare, ìl derattìzzatore rìnnegato aveva fatto la sua parte nel drogare la cìttadìnanza e fu premìato con una corona. Dì spìne. La trama sì svìluppo’ nella fondazìone dì un ìmpero parallelo basato sulle perversìonì. (deleted deleted deleted error)                                                                                                                                                                                                                                            A partìta fìnìta, a bocce…a palle ferme, Margot Maìgret rìvelo’ aì due uomìnì, un fìnto ìnglese e ìl Duchìno, l’ìdentìtà delle modella del Malerba nella tela appesa nel motoryacht del Pìlìkìan, mentre quest’ultìmo, manomessa la Bentley, s’era approprìato dì un Jaguar XK color lavanda grìgìa, un roadster del 1955, a bordo del quale stava precìpìtandosì a…

Pìlìkìan su un Jaguar rubato sì sta precìpìtando a...

  • Venezìa (33%)
    33
  • MonteCarlo (33%)
    33
  • Nìzza (33%)
    33
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

34 Commenti

  1. Solo una cena…
    scusa, ho portato in parità il verdetto… ma puoi sempre sbloccarlo tu col tuo voto. 😉
    Splendide descrizioni … dovresti smettere di seguirmi in silenzio e lasciarmi un commento dei tuoi, per come scrivi sarei curiosa di scoprire come interpreti una scrittura così povera rispetto alla tua… cioè la mia 🙂

  2. Ho votato “sarà il Duchino ad avere un problema.”
    Duchino quindi è nerazzurro? E già mi è simpatico allora.

    “Come capìta sempre con glì Azzurrì, all’ìnìzìo del match seì tentato dì parteggìare per glì avversarì: forza Belgìo , che ì “nostrì” son solo deì gobbaccì ìn Nazìonale, a partìre dal Buffon; poì, pero’, al prìmo passaggìo azzeccato, ìl tìfo sì accede dì patrìottìca emozìone e ìl 2 a zero rìfìlato aì fìammìngo-vallonì scateno’ la commozìone che cì fa tuttì Mamelì.”
    Qui hai colto proprio nel segno!

  3. Leon Pauly. Mi piace davvero il modo in cui scrivi, è un barocchismo intriso di una leggera punta di narcisimo e tanto gioco della scrittura. Uso il termine barocchismo nella sua accezione più positiva, è un complimento cribbio ! Per me vuol dire che c’è la giusta armonia di gioco e talento =)

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi