IL CODICE MAIGRET-MALERBA

Dove eravamo rimasti?

Pìlìkìan su un Jaguar rubato sì sta precìpìtando a... Nìzza (33%)

CONSERVA L’ AMORE NEL FRIGIDAIRE

 … a Sud, calata la capote come scappellando un Panama Presìdent all’estate. Pìlìkìan, resìstente all’ìnvasìone terrorìstìca ìn Francìa e aì suoì vìzìosì collaborazìonìstì, sarà fermato da una cellula dì questì vìzìosì eredì dì Vìchy: troppì percìo’ morranno. Mì arrìva sul vecchìo Nokìa come me sempre valìdo pìù affìdabìle della generazìone touch screen tuttofare l’oroscopo Vodafone:” Quanto amore tì aleggìa ìntorno… Prendìne pìù che puoì e conservalo ìn frìgorìfero”. Detto fatto, data la stagìone estìva, mentre la sìtuazìone precìpìta precìpìtevolìssìmevolmente.                 Jaguar rubato, Jaguar fermato.                                                                                                                                                      Il carretto passava e quell’uomo gridava gelati 
al 21 del mese i nostri soldi erano già finiti 
io pensavo a mia madre e rivedevo i suoi vestiti 
il più bello era nero coi fiori non ancora appassiti 
All’uscita di scuola i ragazzi vendevano i libri 
io restavo a guardarli cercando il coraggio per imitarli 
poi sconfitto tornavo a giocar con la mente i suoi tarli 
e alla sera al telefono tu mi chiedevi perché non parli 
Che anno è che giorno è?                                                                                                                                             E’ ìl 14 luglìo dell’anno ìn corso…ìn corsa verso la strage: ìl camìon deì presuntì gelatì è arrìvato alla Passeggìata deglì ìnglesì dì Nìzza, mentre un’auto ìnglese d’epoca è stata fermata dalla polìzìa stradale su segnalazìone del proprìetarìo munìto dì falsa ìdentìtà brìtannìca su falso passaporto del regno Unìon Jack (lo Squartatore?); ìl guìdatore del camìon ascolta ìn cuffìa una canzone dì cuì non capìsce le parole. Lucìo Battìstì non copre ìl rìchìamo da muezzìn che rìmbomba nella mente del guìdatore che grìda “gelatì” aglì agentì che lo fermano per un controllo frettoloso all’ ìmbocco della promenade del Negresco.                                                                                                                                                                                                              Apro ìl frìgorìfero e tra amore ìn ghìaccìo e bìrra gelata scelgo la cerveza.                    Apre ìl suo pc Leon Pauly, che sì mette a scrìvere senza accorgersì delle breakìng news da Nìzza.                                                                                                                 Pìoggìa d’ìnsettì d’estate Peggìo dì una calamìtà bìblìca, dapperttutto sulla Terra un’unìca stagìone surrìscaldata che se ne frega delle rotazìonì, deglì equatorì ed emìsferì e delle consuetudìnì, ìnsettì dì ognì tìpo e modello ronzano, attaccano, pungono, volando e colpendo, dalla zanzara comune o tìgre a ìbrìdì non ìdentìfìcatì, come un esercìto-orda-dì-merda dì tìpettì su velocìpedì elìcottero, un pandemonìo dì mosche e mosquìtos, perversì nel loro ìmperversare. E ì ragnì? Che cì stanno a fare? E’ la rìvoluzìone, la sovversìone del Loro Regno o segno ìnquìetante dì nova alleanza tra alìenì? Cìo’ penso, reso ìnsonne dal concerto zzzzzìfulante: e le proboscìdì! Lo sapete che anche le mosche pìù ìnsìgnìfìcantì sono dotate della loro bella proboscìde? E dì una moltìtudìne dì puntì dì vìsta: tantì quantì ì loro occhìettì. Quanto durerà questa notte gremìta? Non dovrebbe essere attìtudìne deì ragnì ìntrappolar l’ìnsetto per cìbarsene poì con tutta calma? Forse non c’è ragnatela abbastanza grande per questo cataclìsma. Meglìo che cerchìamo dì leggere qualcosa , per tappar dì frasì le falle del buco nero della notte ìnfuocata. Ma temo che, orsì da cìrco formato bonsaì con organì a pedalì, glì ìnsettì sì stìano mettendo ìn posa ìn ognì e-book per raffìgurare a modo loro lettere dell’alfabeto che compongano un ìpertesto segreto… 
Col Tempo, il carattere irascibile di Mister Non Nominabile s’era fatto ancora più impossibile. Le sue creature non le sopportava proprio più. Ritenne di aver commesso un errore “irreparabile” facendo la Donna e decise di provare una soluzione alternativa. Dispose dunque l’avviamento di un test: nome in codice Adamo&Abele.                                                                               Aprìrono ì loro strumentì elettronìcì ìl Marchese, compagno dì resìstenza dì Pìlìkìan, ìl Duchìno, rìmasto ìndìetro a Parìgì, l’ìnglese farlocco che sì fa chìamare Amery e ha preso ìn ostaggìo Margot Maìgret, pentìta dì aver reso edotto anche ìl suo rapìtore sul collegamento tra la modella del Malerba, ìl padre del Pìlìkìan e la madre del Fabrìzìo Carpanìnì, fìglìo dì Anthos e del Gìorgìo pìttore deglì arlecchìnì, con ìl quale la compagna Colombo, omonìma e, ìn un certo senso, “doppìo” della Antho Sìpì Del Balzo, ebbe a che fare a Mìlano con un altro Gìorgìo, futuro grande attore e con “San Gìorgìo”. Ma la rete è gìà stata strappata dal carro stragìsta deì gelatì, mentre ìl drago che sì spaccìa per San Gìorgìo sta volando a…

... ìl drago che sì spaccìa per San Gìorgìo sta volando a...

  • a Lepanto (50%)
    50
  • all' aeroporto Marco Polo (50%)
    50
  • all' aeroporto Ataturk (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

34 Commenti

  1. Solo una cena…
    scusa, ho portato in parità il verdetto… ma puoi sempre sbloccarlo tu col tuo voto. 😉
    Splendide descrizioni … dovresti smettere di seguirmi in silenzio e lasciarmi un commento dei tuoi, per come scrivi sarei curiosa di scoprire come interpreti una scrittura così povera rispetto alla tua… cioè la mia 🙂

  2. Ho votato “sarà il Duchino ad avere un problema.”
    Duchino quindi è nerazzurro? E già mi è simpatico allora.

    “Come capìta sempre con glì Azzurrì, all’ìnìzìo del match seì tentato dì parteggìare per glì avversarì: forza Belgìo , che ì “nostrì” son solo deì gobbaccì ìn Nazìonale, a partìre dal Buffon; poì, pero’, al prìmo passaggìo azzeccato, ìl tìfo sì accede dì patrìottìca emozìone e ìl 2 a zero rìfìlato aì fìammìngo-vallonì scateno’ la commozìone che cì fa tuttì Mamelì.”
    Qui hai colto proprio nel segno!

  3. Leon Pauly. Mi piace davvero il modo in cui scrivi, è un barocchismo intriso di una leggera punta di narcisimo e tanto gioco della scrittura. Uso il termine barocchismo nella sua accezione più positiva, è un complimento cribbio ! Per me vuol dire che c’è la giusta armonia di gioco e talento =)

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi