Gli acchiappasogni

Dove eravamo rimasti?

Che cosa succederà a Michela? Rivedrà il ragazzino (quello che si è beccato il calcio nella schiena) e lo pregherà di liberarla. (75%)

Simili e dissimili

Ci volle un po’ prima che le persone imprigionate nella gabbie smettessero di agitarsi. Intanto rimasi a fissare il lucchetto che teneva chiusa la mia gabbia. Per potermi liberare avrei dovuto aspettare che tornasse quell’uomo. Incontro che preferivo evitare. Fu allora che notai qualcosa muoversi e rividi il ragazzino di prima. Si rannicchiò all’angolo di un gabbia non lontana da me a fissarmi.

Avrei voluto chiamarlo a voce alta, ma ebbi paura che in questo modo avrei spaventato gli altri prigionieri. Gli feci cenno di venire da me, pregai sussurrando di liberarmi. Ma lui non si mosse. Le luci si spensero e piombai nel buio. L’unica luce proveniva dall’esterno, c’erano dei punti in cui il tendone non era fissato bene a terra. Rimasi a guardare quelle lame di luce fino a quando sentii uno strano clic. Tentai di capire da dove provenisse. Poggiai le mani alle sbarre e precipitai nel vuoto. La mia caduta si arrestò su una superficie dura. Solo quando mi rialzai capii di essere libera.

Non mi feci sfuggire questa occasione e senza fare rumore andai verso quelle lame di luci e sgattaiolai fuori dal tendone. Mi mescolai tra la gente che camminava tra le attrazioni e intanto cercai l’uscita. Cercai di capire dove fosse il cancello dalla quale entrai, ma al di là delle luci colorate c’era solo nebbia. Continuai a camminare in cerca di qualche altra soluzione. Ero così impegnata a cercare che mi scontrai contro qualcuno. Non fu difficile riconoscere nell’uomo di spalle quello che mi rinchiuse in gabbia. Ero spacciata.

Ma la fortuna volle che, mentre lui si stava voltando per vedere chi lo avesse infastidito, qualcun altro mi tirò via per un braccio. Era il ragazzino. Mi nascose dietro una macchina dei pop-corn lì accanto. Capii che fu lui a liberarmi quando lo vidi mettere una chiave in tasca. Poi si beccò il rimprovero dall’uomo che tornò a parlare con altre due persone. Il più alto si rivolse a lui. «Allora Morfeo ci sono novità?»

«Forse sì Fantaso.»

Il più alto si avvicinò mostrandosi molto interessato. «Di che genere?»

«Ne è arrivata un’altra dei loro. Guarda.» Morfeo tirò fuori dalla tasca la sfera di vetro e la mostrò ai due.

«Fa parte dei traditori. Dove si trova adesso?»

«L’ho rinchiusa insieme agli altri … »

L’uomo venne interrotto da quello più basso e grasso. «Allora perché siamo ancora qui?! Scaviamo nella sua testa e prendiamoci quello che ci serve.»

«Io ho in mente di usarla in maniera diversa.»

«Un’idiota capace di finire preda della sua stessa trappola non può essere importante.»

Fantaso diede un ceffone sulla testa del più basso che si arrabbiò. «Fobetore la tua testa è già vuota prima ancora di averla svuotata di tutto il suo contenuto. Ragiona, hai visto la sua sfera? E’ giovane, non può avere alcuna informazione utile. Ma è una di noi. Basterà togliere quello che non serve, aggiungere e modificare altre parti e sarà perfetta.»

«Hai detto la stessa cosa anche degli altri, ma noi siamo ancora qui.»

Fantaso stava per colpirlo ancora, ma Morfeo intervenne. «Più sono e più la nostra vendetta sarà grande quando ritorneremo nel mondo reale.»

A quelle parole Fobetore si calmò. I tre se ne andarono e il ragazzino mi prese per mano trascinandomi via. Adesso sapevo come si chiamava l’uomo che mi rapì e anche che non era solo. Ma non ebbi tempo di pensare ad altro. Perché il ragazzino mi stava riportando al tendone. Perché se fu lui a liberarmi? Mi opposi facendo resistenza.

«Ferma! Ferma! Devo riportarti dentro.»

«Cosa? Ma tu sei scemo. Io non ci torno lì dentro!»

«Morfeo ha detto che non ti vuole fare del male. Se non ti trova nella tua gabbia, allora sì che te ne farà.»

«Quell’altro ha detto che vuole cambiarmi le rotelle nel cervello. Questo a casa mia significa fare del male.»

«No, se ti fidi di me. Stanno venendo a liberarti, per portarti da noi.»

Le parole del ragazzino mi fermarono dal continuare a oppormi. «Voi chi?»

«Hai sentito che Morfeo e Fantaso stavano parlando di altri? Io sono uno degli altri. E so anche come impedire che ti stravolgano la testa. Fidati.»

L’idea d’essere rinchiusa di nuovo nella gabbia non mi piaceva. Ci volle lo sguardo spaventato del ragazzino per convincermi. Mi girai e vidi i tre uomini venire verso di noi. Decisi di fidarmi del ragazzino.

Il ragazzino riuscì a portarmi alla gabbia, mi spinse dentro e sentii il lucchetto richiudersi. Un secondo dopo le luci all’interno del tendone si accesero e i prigionieri ritornarono a urlare alla vista dei tre uomini. Mi girai a guardare dove fosse il ragazzino, ma non lo trovai.

Fobetore, cominciò a girare per il tendone urlando e facendo delle smorfie con la faccia. Fantaso e Morfeo vennero verso di me. Non fui l’unica a essere tirata fuori, presero anche Ivan. Fantaso mi tenne bloccata, mentre Fobetore venne verso di me correndo. Mi colpì con forza alla testa. Non vidi cosa aveva in mano, ma provai molto dolore. Prima di perdere i sensi vidi che fece la stessa cosa anche con Ivan.

Dove si ritroverà Michela?

  • Da sola a scoprire che cosa le ha fatto Fobetore. (10%)
    10
  • Ritroverà il ragazzino e incontrerà gli altri “risparmiati” dai tre uomini. (80%)
    80
  • Insieme a Morfeo, Fantaso e Fobetore e scoprirà chi sono i traditori. (10%)
    10
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

117 Commenti

  1. Il finale ha ritmi più rilassati rispetto al resto della tua storia e questo è un bene, temevo in una chiusura frettolosa e invece sei riuscita a dare al racconto una buona conclusione. Se farai un seguito, come dal finale mi pare di capire sia tua intenzione, ti suggerirei di lavorare un po’ sugli aspetti più deboli (secondo me ovviamente) di questo, ossia il ritmo a volte troppo sostenuto e una certa tendenza a raccontare invece di mostrare. Se trovassi qualcuno che ti fa da beta reader ne trarresti giovamento, probabilmente. Comunque una bella storia che sono contento di aver letto, continua così 🙂

    • Ti dirò che, quando ho ripreso questo racconto, la scelta di comprimere la storia in alcuni episodi era voluta. E quindi ecco il ritmo sostenuto, e la storia più raccontata che mostrata. Arrivata agli ultimi due episodi questa esigenza non era più necessaria. Il finale aperto è capito. Ma non ci sarà un seguito, almeno fino a quando non me ne verrà in mente uno. 😀 Comunque, grazie per tutte le dritte che hai saputo darmi in ogni tuo commento.

  2. Avrei usato il discorso diretto anche all’inizio del capitolo, dove secondo me il riassunto del dialogo tra Oniro e Michela non rende bene l’idea del momento. Per il resto belle immagini potenti come sempre, soprattutto quella del bosco che diventa mare, e il capitolo in generale scorre meglio di altri, l’esposizione è più chiara e si riesce a seguire tutta l’azione per bene. Per il finale voto per rimandare a casa Michela senza troppe storie, in fondo ormai ne ha passate abbastanza!

  3. Eccomi 🙂 Ti confermo l’impressione che ho avuto negli ultimi capitoli, il racconto sta prendendo la sua forma ma è tutto un po’ troppo frettoloso e si fa fatica a tenere il filo tra un capitolo e l’altro. Questo in particolar modo non è stato semplicissimo da seguire perché c’è un solo dialogo in tutto il capitolo a spezzare un po’ il ritmo, e non è neanche un vero e proprio dialogo ma più che altro una narrazione interna… Io avrei tirato un po’ il freno a mano, anche se essendo vicino al finale capisco che sia difficile 🙂 Per il prossimo capitolo comunque andrei dal ragazzo del racconto, visto che è stato introdotto!

    • Ti ringrazio per la pazienza. Come ho scritto in altri commenti, questa storia non mi è riuscita proprio bene. Vorrei dire tante cose, ma lo spazio a disposizione si riduce sempre di più. A questo punto il racconto sta diventando più il riassunto dei miei pensieri su questa storia. 😅

    • Riassunto degli episodi precedenti … Michela riesce a fuggire dal circo e incontra Oniro (molto più potente di Morfeo), ma questo non le assicura sufficiente protezione. E infatti finiscono tutti e due nella trappola di Morfeo. Quest’ultimo la punirà privandola di tutti i suoi sogni, e non solo quelli. Perché quello che apparentemente sembra un sogno in realtà è altro. E penso che si sia intuito.
      Chiedo scusa se ho rallentato il ritmo. Comunque, grazie di essere sempre qui.

  4. Ciao Danica, ti ricordi di me? Prima o poi si torna su The Incipit, è troppo un bel posto! ahahah
    Seguivo già la tua storia, ma non la ricordavo tutta e l’ho riletta daccapo: sarò sincera, qua e là ho trovato qualche difficoltà a chiarirmi personaggi e intrecci onirici ma essendo un fantasy mi aspetto che presto tu chiuda il cerchio e dissipi i dubbi. Anche la storia che ho cominciato io sembra un fantasy in effetti… si vede che è il periodo giusto per raccontarsi storie pazze e magiche.
    Per adesso voto perché si liberi da Morfeo.
    A presto!!!

  5. Direi di creare un po’ di scompiglio nel mondo onirico, quindi voto per i gravi danni 🙂 In questo capitolo ho notato un certo senso di fretta, con tanti periodi brevi, rapidissimi passaggi da una scena all’altra e anche qualche refuso di troppo. Come già ti dicevo trovo che la storia sia diventata molto più interessante in questi ultimi capitoli rispetto all’inizio, ma forse hai ancora bisogno di dare un’aggiustatina alla forma e magari di dedicare più tempo alla revisione, prima di pubblicare il capitolo. Comunque la lettura resta piacevole e il viaggio nel mondo dei sogni, che Michela sta imparando a manipolare, regala bei momenti 🙂

    • Complimenti per l’intuito. In effetti non ho voluto aspettare e ho pubblicato subito l’episodio. Confesso che sto scrivendo questa storia usando lo Smartphone e puntualmente vengo fregata dal vocabolario. 😅 Mettici pure il voler raccontare tante cose insieme e questo è il risultato. Comunque è bello vedere che al di là di tutto questo racconto piace.

    • Ho pensato di riuscire a mostrare chi è Oniro. Più forte di Mofeo, interessato a Michela per capire le sue capacità, ma anche perché conosce la sua famiglia e sa che cosa sono in grado di fare gli acchiappasogni. Mi sa che fumoso e ingarbugliato non è il sogno, ma la mia idea.😂

  6. Ciao Danica,
    sono passata rendere la cortesia 🙂.
    Avevo già notato il tuo nick in commenti a diversi racconti, soprattutto quelli più vecchi, ma non avendo notizie di lavori in corso non mi sono soffermata.
    Trovo l’idea molto originale e ben congegnata, forse avrei approfondito un po’ di più gli ambienti che accolgono questa bella avventura, ma io sono una che ama le descrizioni e non faccio molto testo. Nei primi capitoli si nota una certa urgenza, come se avessi voluto mettere tutto per iscritto subito, per non perdere l’idea; questo dà in alcuni passaggi un senso di superficialità. Negli ultimi due episodi, però, le cose sono cambiate. I tempi si sono un po’ dilatati e hai dato spazio alla fantasia. Bello il sogno è gli accadimenti a precipizio in esso contenuti. Mentre leggevo mi facevo un’immagine mentale dell’ambiente descritto e mi domandavo come lo avessi visto tu, nella tua testa.
    Voto la persona temuta da Morfeo.
    Alla prossima!

  7. Al netto di qualche passaggio un po’ troppo rapido e asciutto, questo capitolo mi è piaciuto davvero tanto. Ho avuto quello che aspettavo dall’inizio della storia, un viaggio onirico pieno di situazioni bizzarre e suggestive, come la scena con i mulini a vento che come immagine è davvero forte. Spero che la storia continui così. Per il seguito voto per la persona temuta da Morfeo!

  8. Io voto l’uomo seduto alla scrivania semplicemente perché è presto per conoscere chi l’ha salvata dall’annegamento 😉

    Capitolo denso di trovate: mi è piaciuto un casino! L’unico appunto che posso fare è sulla domanda finale: parli di una figura ma l’unica che hai introdotto è quella che tiene per mano Michela; tuttavia non può riguardare quella perché tra le domande vi è “chi ha salvato Michela dall’annegamento” mentre se la figura fosse quella, la domanda non avrebbe senso 😉

    Ciao 🙂

    • La figura che tiene per mano Michela dovrà pur avere un’identità. E ho lasciato la scelta tra i personaggi comparsi in questo episodio. La persona che ha salvato Michela, e della quale si è vista solo la mano, mi era sembrata un’opzione fattibile. Così come l’uomo anziano visto all’inizio. O una persona arrivata nella parte finale a ribaltare la situazione. Mi sa che ho posto male la domanda. 😅

  9. Capitolo densissimo di azioni concitate, elaborate e fantasiose. Non è semplice condensare tutto quello che avevi da dire in soli 5000 caratteri.
    Leggere questo aggiornamento è stato a metà tra un viaggio nel paese delle meraviglie, un trip di droga e salto nel film Parnassus.
    Molti passaggi richiedono sicuramente più attenzione alla lettura per non rischiare di perdere il filo frenetico della trama.
    Detto questo, brava!
    Ci si legge.

  10. Ciao, ho recuperato ora la tua storia! La premessa è interessante e originale e la storia procede rapidamente, ma personalmente sento un po’ la mancanza di un contesto più ampio e di qualche descrizione in più che mi aiuterebbe a calarmi meglio nell’atmosfera del racconto. Per essere una storia a tema sogni trovo la narrazione un po’ troppo terra-terra, per capirci, ma magari è una scelta di stile. Comunque ti seguirò e per il prossimo capitolo voto per il tentativo di contattare la famiglia!

    • Ciao, non nego di aver scelto di usare descrizioni più “asciutte”. E forse ho esagerato, riducendole all’osso. 😅 Prendendo in prestito le parole del tuo commento dico che il mio è “uno stile terra-terra perché fatico a spiccare il volo”. È la prima volta che mi cimento con il tema dei sogni. E confesso che i primi tre episodi sono frutto di una scrittura “improvvisata”. E adesso che ci sto meditando sopra, fatico a trovare un modo per proseguire.
      Comunque ti ringrazio per il commento e benvenuto.

    • Ciao, felice anch’io di rivedere che sei ancora su TI. Già il fatto che del mio racconto ti sia rimasta una buona impressione è più che positivo.
      Comunque, in breve si può riassumere che Michela si è cacciata nei guai entrando nel mondo onirico. Ha conosciuto chi sono i cattivi della storia (Morfeo, Fobetore e Fantaso), e anche che non è l’unica ad essere finita in quel mondo. Scoprirà che ci potrebbe essere una via di fuga, e come hai visto in questo quarto episodio non è proprio chiaro come si faccia ad uscire da questo mondo perché nessuno vuole aiutare i cattivi.😉

  11. Ciao Danica,

    Mi dispiace apprendere che purtroppo non continuerai presto questa storia, perché la trovo interessante, tuttavia di capisco, io la mia scorsa storia l’ho trascinata molto a causa di eventi personali e non so neanche con che ritmi (spero decenti) continuerò questa ultima.

    entrerà nel carrozzone

    a presto,
    Istinto

  12. Ciao!
    Vedo che ormai non scrivi da tanto tempo, ma io comincio a seguire e attendo con pazienza che tu abbia risolto tutto con l’altra storia di cui parli ad AmoMarta. Perché questo racconto è davvero affascinante e, da ex studentessa di liceo classico, apprezzo anche tutti i riferimenti greci per i nomi dei personaggi. E niente, mi è piaciuto l’inizio in medias res, senza alcuna presentazione, e mi è piaciuto come sei andata avanti. Quindi aspetto.
    A presto, spero.

    • Quello che dici, in realtà, lo stanno già facendo i ragazzi che sono già lì. Ma non forzano la situazione per non rischiare che, liberandosi loro, possano liberare anche Morfeo e gli altri. Quindi Michela potrebbe anche provarci, sperando però che non le si ritorca contro niente. 🙂

  13. Intricato, veloce e avvincente. Il secondo capitolo mi piace molto. Sono parecchie le cose che mi intrigano : l’ambientazione circense, l’uso del contrappasso che fai per cambiare luogo, i nomi che sembrano provenire da un romanzo di inizio settecento…
    Ti continuo a seguire con piacere e sono curioso di sapere più su Fobetore.

  14. Incontrerà i “risparmiati” e il ragazzino – a proposito, gli avrei già dato un nome in questo stesso episodio per evitare di denominarlo troppe volte “ragazzino”.
    Sembra che questa tua storia faccia analogia col timore che tutti noi abbiamo che le lobby orientino le menti dei giovani, e del popolo in genere, a seguire degli scopi prefissati. Alla prossima 🙂

  15. Ciao Danica, bentornata con questo incipit che ha qualcosa di inquietante. Poi, le scene sono abbastanza violente…questi acchiappasogni non mi piacciono, però la tua storia sì. 😉 Seguo volentieri e dico ragazzino. 🙂
    Un abbraccio a presto

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi