MODESTEIN

Dove eravamo rimasti?

Clooney o Stallone, la Streìsand...voì come lo vedete ìl cast dì "Tablets by HerculeSteìn"?Commentate! Modest Steìn sarà ìnterpretato da... (100%)

L’ESTATE DEL GHIRO

 “ …che cosa rìmane dell’esìstenza? L’estate del ghìro ” Lord Byron           Glìs Somnìculosos: questo, more or less, ìl nome scìentìfìco del ghìro. Curìoso quel che tì resta addosso dì un’educazìone classìca: ìl nome scìentìfìco del ghìro! Bìzzarro ìbrìdo tra la pìgra operosìtà del sìmpatìco anìmaletto a cuì sì deve l’espressìone “dormìre come un ghìro” e la nevrotìcorìlassata ìperattìvìtà dì un produttore dì Hollywood a bordo pìscìna (mì rìferìsco a Hollywood prìma delle rìvoluzìone, chì non l’ha vìssuta ìgnora la dolcezza del vìvere cìnema), per farmì la bocca sfoglìo le pagìne dì una commedìa dì Zelda che mìsì ìn scena neppure tantì annì fa.

 

1. L’ interno di un bar, che possiamo immaginare ispirato all’ Oak Room del Plaza, 768 Fifth Ave.: dietro al bancone, un barman e una ragazza, davanti tre alte seggiole. Per il resto, basta un po’ di neon. Musica in pp. Il barman agita lo shaker a ritmo di musica, poi, non appena la musica sfuma, si rivolge alla ragazza e ad invisibili avventori.

 

BARMAN

Bene…tu saresti…? Hi, Phil: quando a Braodway? Tu ti chiameresti… Salve, Fiona: il solito? Tu verresti…? Dall’ Europa, non è così? Il cuscino tra la spiritualità orientale e il materialismo americano… Hey, Jack: un doppio Jack Daniel’s, o sbaglio? Saresti venuta qui per…? Benvenuti, signori Collins: un po’ in ritardo stasera. Sei venuta a New York per fare l’ attrice anche tu, vero? Giusto a mezza strada tra gli Champs Elysée e il Viale del Tramonto…Olà, Lenny! Tre mojitos, ragazza. Sempre che tu sappia preparali. Selma, sei splendida!

 

La ragazza, che ha cercato invano d’ interloquire, reagisce.

 

RAGAZZA

Ok, stronzo. Che sarebbe questo, uno scherzo? O il rito d’ iniziazione per l’ arruolamento nel corpo dei marines? Semper fidelis: non è quello il motto? Mi chiamo Cloé, vengo da Parigi, ma mio padre è americano. A Parigi, Francia…sai per caso dov’è?…è quel vecchio bidet a mezza strada tra la Torre di Londra e Alexanderplatz…a Parigi facevo l’ attrice, ma sognavo di diventare cameriera. Paga migliore e si vede più gente, di solito. E adesso cacciami via, se ne hai il coraggio.

BARMAN

Scusa, hai detto qualcosa? Due Vodka Martini. Absolut:assolutamente.

CLOE

Ho detto…

BARMAN

Benvenuta a bordo, Cloé.

CLOE

“Benvenuta a bordo”? Ma da dove sei uscito, da un film in bianco e nero?

BARMAN

Senti, francesina, stavo solo cercando di mostrarti come funzionano le cose qui. Quando arrivano i clienti, intendo. Tra noi baristi, solo comunicazioni frammentarie. Ma mi sembri piuttosto sveglia: imparerai in fretta.

CLOE

Più in fretta di quanto tu prepari un Martini decente, amico.

L’uomo non la prende benìssìmo.                                                                                                                                                                                                                                            BARMAN

Non sono tuo amico. Chiamami Al. In quanto ai Martini, ho lavorato all’ Harry’s bar. Venezia, Italy: hai presente?

CLOE

Ci sono stata tre volte a Venezia. In viaggio di nozze.

AL

E ti è sempre andata male…

CLOE

Non direi: non mi sono mai sposata.

Doble Cream” by Zelda Steìn: l’ho messa ìn scena con e per Verena, la gìovìnetta deì Grìgìonì tanto gelosa della Castorìadìs, la mìa dìva con cuì andavo al Plaza e adesso son solo rìcordì…ìl Plaza, la Castordìadìs, Verena… non cì sono pìù…l’Oak Room è la lobby dì un condomìnìo dì luusso, la svìzzera una moglìe, la Castorìadìs l’amante dì un altro.                                                    – Ma voì ebreì vì chìamate tuttì Steìn? – mì ha detto Nìcky Sarno con la sua arìa pìù bevuta.                                                                August ìn NY. Gìra e rìgìra, tuttì glì ebreì sì chìamano Steìn, almeno quellì che non sì chìamano Levì o Cohen: Zelda, Fred, Modest, Eìn-Steìn. By the way, per Fred ìntendo Fred Steìn, fotografo dì Dresda espatrìato a Parìs e da lì a New York, ìl Fred A-steìn del fotorìtratto, quello che scatto’ a Eìnsteìn funzìona come un tìp tap dì Fred Astaìre.                                                                         Ma adesso è dì Modest Steìn che devo occuparmì. Travolta? O un carattersta/protagonìsta, oppure uno sconoscìuto?

Chì sarà M.Steìn sullo schermo, alla fìne?

  • Nè Sylvester nè John (100%)
    100
  • Travolta (0%)
    0
  • Stallone (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

27 Commenti

  1. Un finale inatteso e del tutto spiazzante. Non dice o racconta niente della storia narrata finora, ma prende una direzione diversa e con altro spessore. Non so giudicare se il racconto mi piaccia o meno, di sicuro l’ho letto con curiosità capitolo dopo capitolo.

  2. Il mio episodio preferito…
    “Dalla telefonata ho capìto che mì sì suggerìsce un “Ace ìn the Hole” ìn versìone remake sìsmìco e fare ìl Chuck Tatum Mobìle Devìce dì un Leo Mìmosa da neo-neorealìsmo mì stuzzìca.” Bellissima frase e azzeccatissimo paragone.
    Budapest, la Mitteleuropa mi sembra adatta.

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi