MODESTEIN

Dove eravamo rimasti?

Chì aggancerà Lìly la Caprese a Caprì? ìl mìlanese (50%)

NET OR LET?

Maì smettere col tennìs e con l’amore. L’ultìma volta è stata ìn Francìa, è stata col fìglìo dì…è stata con Darìo, ìl fratello dì Shantì. A gìocare al tennìs ho comìncìato contro ìl muro, allo stesso modo sì dìce abbìa comìncìato Bjorn Borg; sono dìventato bravo, ma non come Bjorn Borg. A gìocare al tennìs ho comìncìato al Forte: contro un muro dì Forte de’ Marmì. Le prìme partìte vere le ho gìocate con mìo padre, un pìttore che al Forte prendeva ìl caffè con Carrà; senza essere del lìvello dì Carrà, tuttavìa mìo padre era un Maestro: lo chìamavano Maestro perché era pìttore, non maestro dì tennìs, quantunque anche col tennìs e lo scì se la cavasse pìuttosto bene. A scìare non ho ìmparato da mìo padre; ho ìmparato presto a scìare da un maestro dì scì; lezìonì ìndìvìdualì, credo a Moena. Mìa madre non ha maì ìmparato. Darìo e Shantì sono fìglì dì Erìka, con e senza la kappa. Maì smettere con ìl sesso, con l’amore e con ìl tennìs. Ma qui a Caprì non cì sono montagne da scìare e le palle da tennìs fìnìebbero tutte ìn mare e glì scugnìzzì raccattapalle per recuperarle dovrebbero tuffarsì dall’alto, come facevano ì ragazzì dì Acapulco, che sì buttavano dall’alto per ì grìngos. Quando stavo nel Messìco, usavo sempre ìl cognome Sarno per farmì passare per ìtalìano, che nel Messìco non è che lì vedono dì buon occhìo glì amerìcanì, che lì chìamano grìngos e non certo per complìmentarlì, anche se ì messìcanì clandestìnì che rìescono ad andare a pulìr pìscìne a Hollywood quando tornano al Paìs sì danno certe arìe da nordamerìcanì. Anch’ìo ho avuto la pìscìna a Hollywood e me la sono fatta fare con ìl colore dell’acqua come ìl mare dì Caprì, pero’ ìl pulìtore non l’ho voluto messìcano. Qui a Caprì non stìamo al Quìsìsana.                                                          Qui a Caprì non sto al Quìsìsana, dove uso stare quando vengo a Caprì; alloggìo con ì mìeì ospìtì a Vìlla Lysìs, gìà La Glorìette, ìn vìa Lo Capo, ora meglìo conoscìuta come Vìlla Fersen: era ìnfattì la casa caprese del conte Jacques d’Adelsward-Fersen; ìl mìo brìllante amìco e regìsta mìlanese, gìocando su un’omonìmìa (e sulla sua bìzzarra ìronìa), essendo gìurato deì Premì Fersen, ha dato d’ìntendere all’ente che ha restaurato neglì annì novanta la dìmora ìn chìave museale dì essere on locatìon con me e con Nìcky Sarno per studìare una cerìmonìa dì premìazìone qui per ìl prossìmo anno e così cì hanno aperto le porte. Sono sempre pìù ìn sospetto: come maì l’amìco mìlanese, juror dì un premìo ìntìtolato a questo conte gay, cì ha portatì qui a stare nella vìlla che fu dì Fersen e del suo amante Nìno Cesarìnì, romano? Che cosa c’è sotto, oltre alla bella vìsta del mare caprese? Vuol mettermì ìn cattìva luce con le ragazze, sotto questa bella luna caprese? Le 2 gìrls che sì è portato qui, una da Roma e una da Anacaprì, pìù la commedìografa Steìn, le vuole solo per sé? Tant’è: Nìcky Sarno lì tìene d’occhìo, dìetro al copìone dì Double Cream. CLOE

Giornata fiacca, eh, Al? Perchè non ti prendi anche tu il giorno libero e provi a trombarmi? Magari ce la fai.

AL

Quando lavoravo al Papagayo di Saint Tropez, l’ ora di punta erano le cinque del mattino. Le ragazzine in microgonna arrivavano tutte eccitate dalla Cave de Roi e allora…

CLOE

Ma tu non hai mai neppure attraversato il ponte di Brooklyn, capo. Vuoi sapere come ho cominciato a fare l’ attrice? Ho superato un provino senza saperlo. E’ successo in un bar di Saint Germain. C’ era un ragazzo: uno studente di filosofia. Si faceva chiamare Jean-Paul e cercava la sua de Beauvoir. Dirsi tutto, farsi del male e tutto il resto. Ho debuttato sul suo scendiletto tarlato. Ma Jean-Paul era troppo giovane, troppo bello, troppo californiano anche con un maglioncino nero tutto bucato addosso. Un po’ come te, se non fosse per la tua aria da pantegana, non so se mi spiego.  Pensa alle ragazzine di Saint Tropez, sudate di discoteca, fatti una sontuosa chiavata individuale e preparati per il casting: il ruolo di Sartre è vacante. Soggetto: l’ esistenzialismo erotico nel terzo millennio. Au revoir, Al.                                                                                                                         Nìcky mì tìene d’occhìo schermandosì col copìone dì Zelda, ìo tengo ìl mìo sguardo monocolo puntato sull’anacaprese Lìly mentre la ìpnotìzzo con aneddotì tennìstìcì (sì dìce net quando la palla del servìzìo tocca la rete oppure let, shot form dì let’s play agaìn?) e ìntanto penso a B.B, che è un uomo e quìndì non è Brìgìtte Bardot. Anche Fersen non è Fersen: Aleksander Frjrejzen, ebreo dì Lodz, venne con la famìglìa a Genova nel 1913 e a Genova dìvenne Alessandro Fersen, maestro dì recìtazìone; ìl conte Fersen, esteta, venne da solo a Caprì, dove ebbe moltì amorì e un amore , Nìno Cesarìnì, che ìn zona Cesarìnì, torno’ a Roma dove , come ìl conte Max

Chì B.B.?

  • Bernard Berenson (40%)
    40
  • Bìanchì Bandìnellì (40%)
    40
  • Bjorn Borg (20%)
    20
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

27 Commenti

  1. Un finale inatteso e del tutto spiazzante. Non dice o racconta niente della storia narrata finora, ma prende una direzione diversa e con altro spessore. Non so giudicare se il racconto mi piaccia o meno, di sicuro l’ho letto con curiosità capitolo dopo capitolo.

  2. Il mio episodio preferito…
    “Dalla telefonata ho capìto che mì sì suggerìsce un “Ace ìn the Hole” ìn versìone remake sìsmìco e fare ìl Chuck Tatum Mobìle Devìce dì un Leo Mìmosa da neo-neorealìsmo mì stuzzìca.” Bellissima frase e azzeccatissimo paragone.
    Budapest, la Mitteleuropa mi sembra adatta.

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi