E boh, il titolo lo scelgo dopo. Però la storia è figa, quindi leggetela.

Dove eravamo rimasti?

Che cazzo è quello? Giovanna (86%)

Il destino può essere cambiato?

Un enorme ammasso di rocce formava qualcosa dalle fattezze femminili.

“Non è un lui, è una lei!” diceva il Re con uno strano sorriso e poi mettendo la lingua leggermente di fuori.

Il pilota iniziò a tremare, ma non solo dalla paura: tonnellate e tonnellate di pietra si stavano avvicinando a lui, causando piccole scosse di terremoto.

“Il mio nome è Giovanna” usci da un gruppo di rocce a forma di bocca.

“Mio Dio parla pure…” e il pilota svenne…

Nella sua mente si formarono strane sequenze di ricordi, ma nessuna mostrava momenti di gioia o felicità. Non aveva una famiglia da cui tornare, un lavoro che ora sicuramente avrà perso, una casa. In quel momento comprese che in realtà non c’era niente da perdere, che nessuno lo avrebbe pianto, che lui non è altro che un ammasso di carne. Piano, piano, come se bruciassero, i ricordi sparivano: la sua morte era imminente. Alcuni però restavano vividi, e sembrava di poterli rivivere…

“Mamma, da grande voglio fare il pianista!”

“Ma cosa dici… non è meglio andare a fare il soldato? Magari ti fanno guidare anche gli aerei…”

“Ma cosa dici Mamma? Io voglio fare il pianista!”

“Non si può fare tutto quello che si vuole nella vita…ognuno deve attenersi al posto che gli è stato dato. Fidati figliolo, il soldato è il lavoro più valoroso e ben pagato che puoi ispirare a fare…”

“Ma, Mamma..”

Perché gli venivano in mente queste scene?…

“Vorrei iscrivermi al Conservatorio”

“Hai i soldi per pagarlo?”

“Perché… Servono soldi per farsi riconoscere la propria passione?”

“Se ne vada…non accettiamo rifiuti della società”

“Lei è una puttana, se lo faccia dire…”

“Basta” il pilota urlava nella sua mente. Perché proprio ora, ricordava questo dolore? Perché la sua mente lo costringeva a ricordare…

“O che cazzo fai, mi bagni le regali calzature? Sai quante frustate ti costerà?”

“T-t-ti prego perdona la tua serva Kohael”

“Cosa c’è, sei cosi grassone che devi sfruttate una bambina per pulirti?…”

“Anche lei ha un destino già deciso” pensò. Il dolore si faceva sempre più intenso…

“Oppure no? Chi decide il nostro destino se non noi stessi? Forse se avessi avuto una possibilità sarei stato in grado di cambiare le cose?” Proprio quando il dolore era diventato insopportabile…

“Io posso darti quella possibilità, ma promettimi che salverai questo mondo dalla schiavitù”

“Ma tu chi sei?”

“Accetti la mia proposta?”

Non aveva niente da perdere.

“Si”

Si risvegliò nel cadavere del re. Intorno a lui tutti i nobili erano morti, come se qualcuno li avesse sviscerati. 

“Che… che è successo?” si chiedeva il pilota.

 La bambina che aveva difeso dal re, si avvicinò a lui e gli si strinse alla gamba.

“Vuoi essere il nuovo padrone di Kohael?” 

“Kohael, ora sei libera, puoi fare tutto quello che vuoi” gli rispose.

“Ma Kohael non ha nessuno con cui stare!”

Piangeva, ma il pilota ora sapeva cosa fare.

“Kohael, vuoi essere mia figlia?”

Nel prossimo capitolo metto...

  • Tutti e due (83%)
    83
  • Un Ladro (17%)
    17
  • Un Ubriacone (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

13 Commenti

  • Tutti e due.
    A me è sembrato di capirlo.
    Ma è una mia impressione o non sfrutti tutti i 5000 caratteri?
    Due capitoli in tre giorni è una velocità un po’ eccessiva, ti conviene aspettare qualche giorno il più. Il sito consiglia due pubblicazioni a settimana, è vero, ma la norma è una sola pubblicazione ogni sette dieci giorni.
    Ciao a presto… ma non troppo.

      • Sarò JAW con te: non ho capito in che modo la storia di Giovanni e Tommaso dovrebbe farti capire se la gente legge o no la tua storia. Sicuro che il tuo pusher non ti stia fregando? Posce, se vuoi che qualcuno ti legga segui alcune semplice regole:
        1. rispetta il lettore
        2. rispetta il lettore
        3. Giovanni e Tommaso (per vedere se leggi sin qui).
        Ti suggerisco di correggere gli errori nella biografia, sono gli unici che puoi correggere e la gente li nota e si domanda cosa mai voglia dire ‘solo intricate’.

        • Jaw mi sei simpatico!
          Ora per il fatto di Giovanna domanderò allo spacciatore, forse lui la conosce. ..
          JAW: 1 e 2 rispetta il lettore
          Per ora penso di non aver offeso nessuno, datemi un po’ di tempo per cominciare! (Frase ad alto contenuto di ironia, non sono un troll bastardo che vuole creare flame).
          Comunque mi piacciono le tue storie, sei molto bravo a scrivere!
          P.S. Grazie di avermi segnalato l’errore nella biografia!

          • Grazie a te (sono asolutamente serio) per avermi risposto con la giusta dose di ironia.
            Apprezzo sempre l’ironia e chi non si prende troppo sul serio.
            Riguardo alle ‘regole’, ora che so un po’ meglio con chi ho a che fare posso provare a spiegarmi: la mia è una constatazione. A mio parere un commento come il tuo (la tua prima risposta, intendo) tende a indispettire il lettore. Rispetto in questo senso: sappiamo bene che esistono anche quelli che commentano senza leggere, perché vogliono il voto di scambio. Ma non sbatterglielo in faccia. Sono comunque un’esigua minoranza. Passaci sopra. Mamma mi diceva ‘Sii superiore’. Sarebbe come se io adesso ti chiedessi un riassunto delle mie storie, per essere sicuro che le hai lette davvero. 😉
            Comunque, trovo interessante la tua scrittura. Per mio gusto personale sfoltirei un po’ di roba, ma è comunque ricca e fantasiosa. Se ti impegni un po’ potresti diventare un Frank Zappa del Fantasy (Seee. Speraci!) 😀

            Ciao a presto
            P.S.: Aspetto i riassunti

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi