il codice della vita

l’inizio di tutto

Il tempo non esisteva, esisteva l’attimo, quell’attimo indecifrabile, minaccioso ed enigmatico.

Il buio mi cinghiò in un suo abbraccio, lasciandomi sola nelle mie disperazioni, capii in quel momento che la solitudine è l’essenza del vuoto, è come se un terribile assassino entri nella tua casa e ti ghermisce nel suo abbraccio di morte.

Ma cos’è la Morte? Un nemico crudele? No, non credo proprio, la Morte è pace, è dolce ma può essere anche crudele oppure no?

Se la morte fosse obbligata a mietere dolci vittime, obbligata da destino? Ve lo siete mai chiesto?

E se il buio in realtà fosse lo spettacolo più bello del mondo? No, in questo momento l’unica cosa che volevo era la luce calda del tramonto e la certezza di non essere una marionetta incapace di provare emozioni.

Ma cosa sono le emozioni? E se in realtà non esistessero? Se fossero solo sussurri trasportati dal vento?

Un’altra domanda mi tormentava: ero entrata dentro quell’incubo per caso oppure senza la mia volontà?

No, non credo nel caso, credo nelle scelte  

dove si trova la protagonista?

  • é un'anticipazione del futuro (44%)
    44
  • la protagonista si trova in uno stato di deja-vu (11%)
    11
  • in un sogno (44%)
    44
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

25 Commenti

  1. lo so, è brutale riprendere dopo più di un anno però, non potevo farne a meno, la voglia di continuare questo racconto mi ha spinto a scrivere un nuovo capitolo, ieri improvvisamente mi sono ricordata del racconto così eccomi qua a finire un’avventura lasciata in sospeso da troppo tempo.
    Non so se questo messaggio lo leggerà qualcuno, non credo, è passato tanto tempo però comunque, volevo ringraziarvi per il sostegno 🙂

  2. Wow sono molto colpito. La cosa incomincia a farsi interessante. Sono colpito anche dalle conoscenze tecniche di base… Come sempre attendo impaziente il seguito fantasticando su cosa possa succedere. Di certo UNO mi intriga molto e nn vedo l’ora di “approfondire la sua conoscenza

  3. ciao Sissi, ben tornata!!!!
    ho perso al prima puntata, ma ho avuto la fortuna di leggere 2 episodi insieme, strano non aver partecipato alla scelta.
    che dirti? mi piace molto, sono molto curiosa.
    questo nuovo personaggio mi intriga e sono in attesa di come riuscirai ad arrivare al tema della fantascienza.
    resto in attesa del prossimo episodio 🙂

  4. “No, la chiesa e la politica sono le prime organizzazioni a tenerci all’oscuro di tutto, ci rendono ignoranti, perché si sa, colui che è colto, colui che sa e conosce la verità non può essere manipolato.” Senza dubbio la frase più bella e più vera di tutto il capitolo. Ora sappiamo qualcosa in più sulla protagonista, voto per l’incontro con l’uomo per rimanere nel mondo concreto, il sogno l’abbiamo già visto. Scrivi benissimo, davvero. Belle le riflessioni e i modi in cui le presenti…complimenti !

    • Grazie mille,inizialmente credevo che l’argomento in questione nel racconto fosse troppo azzardato,molto spesso le persone tendono ad evitatare di mettersi di fronte a questo genere di storia,per scetticismo oppure semplicemente perché vogliono continuare a vivere la loro Vita bendati,perché molto spesso la verità mette paura.
      Invece,sono contenta che ho il vostro appoggio.
      Nel racconto mi immedesimo nella protagonista,vedo dai suoi occhi,sento dalle sue orecchie e penso le medesime cose,in questo racconto cerco di esprimere me stessa e le mie opinioni,cosa che purtroppo nella realtà non è possibile,perché,spesso capita che molte persone visto che ho solo 15 anni mi pregiudicano,considerano me e le mie idee infantili.
      Spero di stupirvi con il seguito,a presto 🙂

  5. Il déjà vu ha sempre il suo fascino, lo scelgo.
    Ciao Sissi,
    Scrivi che accetti le critiche, quindi mi permetto.
    Ci sono molti errori evitabili in questo incipit. Alcune coniugazioni di verbi, dei tempi verbali ballerini. Sono tutte cose che non invitano alla lettura e che si potrebbero rimediare con una rilettura di quanto scritto di getto.
    Anche alcune frasi sono un po’ ambigue per come sono espresse:
    ‘ero entrata dentro quell’incubo per caso oppure senza la mia volontà?’
    personalmente non capisco bene cosa tu intenda.
    Per come ragiono io, l’incipit è interessante e non ti faccio obiezioni di ‘originalità’: Matrix non piace perché è originale, da un certo punto di vista non lo è affatto. Piace perché tocca certe corde. Insomma, la storia è importante, ma come la si racconta è fondamentale.
    Sono curioso di leggere il seguito, ma ti esorto a dedicare un po’ di tempo alla revisione.

    Ciao a presto

    • ciao grazie mille per le tue critiche, cercherò di migliorare, te lo prometto, molto probabilmente non mi sono espressa molto bene comunque, la protagonista non riesce a capire se l’hanno portata dentro quel luogo contro la sua volontà oppure per caso si era imbattuta in quell’incubo trovandosi nel posto sbagliato e nel momento sbagliato

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi