il codice della vita

Dove eravamo rimasti?

cosa succederà incontra l'uomo in un luogo di tranquillità (57%)

cosa vedi ?

I giorni seguenti quello strano incontro mi sentii come una contraddizione umana, in bilico tra ciò che la mia mente riteneva normale e quello che in realtà avevo visto. Cercavo in tutti i modi di darmi una spiegazione plausibile ma niente, non c’era nulla che potesse spiegarmi quel paradossale incontro. Dopo una giornata noiosamente normale di scuola, mi buttai di peso sul pouf sprofondando nel blu cobalto della stoffa. Accesi la televisione per distrarmi un poco, ma l’effetto fu l’opposto. ”notiziario straordinario delle 14…in data odierna vi sono stati numerosi casi di suicidio, sono poco chiare le motivazioni che hanno spinto uomini così importanti a compiere tale gesto, la polizia sta indagando”.. L’unico modo per mettere fine ai miei pensieri era ascoltare della musica rock, la mia preferita. Appena afferrai il telefono mille notifiche (letteralmente, non era un’esagerazione) invasero lo schermo del computer…Il messaggio era lo stesso :- tra due minuti vai in bagno e lavati le mani-. Ma, cosa voleva dire ? non aveva senso. In quel momento misi da parte la razionalità, andai in bagno dove mi lavai le mani  come mi era stato detto di fare dal mittente misterioso. Quando toccai l’acqua avvertii una strana sensazione, come se qualcosa mi stesse inghiottendo in un vortice di calma. Nel frangente di un battito di ciglia, mi trovai in un luogo sconosciuto. Un forte odore di lavanda m’avvolse e, candido prato pizzicò le mie caviglie, ma ciò che mi colpì di più fu il paradisiaco lago che si celava davanti ai miei occhi, pareva un arcobaleno per via dei tanti colori che si mescolavano tra di loro, come se qualcuno avesse versato interi barattoli di pittura nelle fresche acque. Non poteva esistere un lago come quello in natura però, dopo tutto quello che mi era accaduto, il lago mi parve quasi normale. Mi girai di scatto avvertendo la sgradevole sensazione che qualcuno mi stesse fissando e, infatti, c’era Uno poco lontano da me.

 –Alexis, non pensavo saresti venuta-

-in realtà anch’io sono stupita di me stessa … Com’è possibile tutto questo? Dammi delle spiegazioni, ti prego-

– Ogni cosa ha il suo tempo cara Alexis-

-Tutto questo è fisicamente impossibile, che sta succedendo??-

-Cosa vedi di fronte a te?-

-Non ignorare le mie domande ti prego-

-cosa vedi?-

– VOGLIO DELLE RISPOSTE-

-cosa vedi?-

-VEDO TE, CI SEI SOLO TE, COSA DEVO VEDERE ?-

– se non vuoi il mio aiuto posso andarmene all’istante…- Egli si girò pronto ad andarsene, con la sua camminata stramba, non potevo lasciarlo andare via così con dubbi che mi consumavano.

-fermo!-

-ero sicuro avresti cambiato idea cara ragazza … Quindi, cosa vedi?-

-nulla … C’è solo aria tra noi, non capisco-

-hai detto bene, c’è dell’aria tra noi, tante particelle di ossigeno, però immagino che a scuola ti abbiano insegnato che l’aria è invisibile a occhio umano vero ?-

-perché, è sbagliato?-

-in parte sì, puoi usare il terzo occhio per vedere le particelle microscopiche-

-come?-

-Semplicemente concentrandoti e mettendo da parte tutto ciò che conosci anzi, che pensi di conoscere-

Mi sforzai di vedere le particelle invano, l’unica cosa che riuscì a vedere erano gocce di sudore che lentamente abbandonavano la mia fronte andandosi ad accasciare sul suolo per via dello stress. Dopo più di mezz’ora di tentativi falliti miseramente feci per arrendermi ma Uno mi guardò come a volermi dire di poter contare su me stessa. Mi bastò quel momento per trovare una forza nuova dentro di me, non pensai più a nulla, solo a quegli occhi. Dopo pochi istanti iniziai a vedere tanti piccoli pallini luminosi

-Prova a toccarli- incuriosita, avvicinai la mano a uno di quei puntini e lo trovai inaspettatamente solido.

-cosa sono ?-

-particelle di ossigeno-

-quindi, ci sono riuscita? Ma come faccio a vederle se sono così microscopiche ma soprattutto a sentirne la solidità?-.

-inconsapevolmente, hai ingrandito le particelle tanto da riuscire a sentirle. Ricorda, è l’osservatore a cambiare il sistema. Posso benissimo farti l’esempio del gatto per fartelo capire , ma sarebbe stato alquanto triste.-

– mi sembra ancora tutto così assurdo –

-ci vuole del tempo per elaborarlo, è comprensibile. Ah! Un’altra cosa molto importante ed assai inquietante purtroppo … Sicuramente avrai sentito dei numerosi suicidi che sono avvenuti oggi, non sono  suicidi ma omicidi-

-cosa?! Chi li ha uccisi ?-

-non sei pronta oggi, ti ho già traumatizzata abbastanza, posso solo dirti che uomini pericolosamente ambiziosi stanno cercando di controllare l’intera società, eliminano tutti coloro che sono ritenuti pericolosi.-

-ma, quelli che “si sono suicidati” non erano criminali, erano uomini famosi ma non avrebbero mai fatto del male a nessuno quindi, perché li temevano ?-

-perché erano vicinissimi alla verità ecco perché la setta li ha uccisi-

-la setta?-

– si, ma devi giungere da sola alla verità-

Non feci in tempo a dire altro che Uno sparì nel nulla lasciandomi come prima del suo arrivo: piena di dubbi,ma con una parola nella mia testa: CONSAPEVOLEZZA

cosa succederà nel prossimo episodio ?

  • una figura misteriosa segue Alexis (0%)
    0
  • scegliete voi (0%)
    0
  • Alexis trova una rosa blu con un messaggio (100%)
    100

Voti totali: 1

Vota la tua opzione preferita

Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

25 Commenti

  1. lo so, è brutale riprendere dopo più di un anno però, non potevo farne a meno, la voglia di continuare questo racconto mi ha spinto a scrivere un nuovo capitolo, ieri improvvisamente mi sono ricordata del racconto così eccomi qua a finire un’avventura lasciata in sospeso da troppo tempo.
    Non so se questo messaggio lo leggerà qualcuno, non credo, è passato tanto tempo però comunque, volevo ringraziarvi per il sostegno 🙂

  2. Wow sono molto colpito. La cosa incomincia a farsi interessante. Sono colpito anche dalle conoscenze tecniche di base… Come sempre attendo impaziente il seguito fantasticando su cosa possa succedere. Di certo UNO mi intriga molto e nn vedo l’ora di “approfondire la sua conoscenza

  3. ciao Sissi, ben tornata!!!!
    ho perso al prima puntata, ma ho avuto la fortuna di leggere 2 episodi insieme, strano non aver partecipato alla scelta.
    che dirti? mi piace molto, sono molto curiosa.
    questo nuovo personaggio mi intriga e sono in attesa di come riuscirai ad arrivare al tema della fantascienza.
    resto in attesa del prossimo episodio 🙂

  4. “No, la chiesa e la politica sono le prime organizzazioni a tenerci all’oscuro di tutto, ci rendono ignoranti, perché si sa, colui che è colto, colui che sa e conosce la verità non può essere manipolato.” Senza dubbio la frase più bella e più vera di tutto il capitolo. Ora sappiamo qualcosa in più sulla protagonista, voto per l’incontro con l’uomo per rimanere nel mondo concreto, il sogno l’abbiamo già visto. Scrivi benissimo, davvero. Belle le riflessioni e i modi in cui le presenti…complimenti !

    • Grazie mille,inizialmente credevo che l’argomento in questione nel racconto fosse troppo azzardato,molto spesso le persone tendono ad evitatare di mettersi di fronte a questo genere di storia,per scetticismo oppure semplicemente perché vogliono continuare a vivere la loro Vita bendati,perché molto spesso la verità mette paura.
      Invece,sono contenta che ho il vostro appoggio.
      Nel racconto mi immedesimo nella protagonista,vedo dai suoi occhi,sento dalle sue orecchie e penso le medesime cose,in questo racconto cerco di esprimere me stessa e le mie opinioni,cosa che purtroppo nella realtà non è possibile,perché,spesso capita che molte persone visto che ho solo 15 anni mi pregiudicano,considerano me e le mie idee infantili.
      Spero di stupirvi con il seguito,a presto 🙂

  5. Il déjà vu ha sempre il suo fascino, lo scelgo.
    Ciao Sissi,
    Scrivi che accetti le critiche, quindi mi permetto.
    Ci sono molti errori evitabili in questo incipit. Alcune coniugazioni di verbi, dei tempi verbali ballerini. Sono tutte cose che non invitano alla lettura e che si potrebbero rimediare con una rilettura di quanto scritto di getto.
    Anche alcune frasi sono un po’ ambigue per come sono espresse:
    ‘ero entrata dentro quell’incubo per caso oppure senza la mia volontà?’
    personalmente non capisco bene cosa tu intenda.
    Per come ragiono io, l’incipit è interessante e non ti faccio obiezioni di ‘originalità’: Matrix non piace perché è originale, da un certo punto di vista non lo è affatto. Piace perché tocca certe corde. Insomma, la storia è importante, ma come la si racconta è fondamentale.
    Sono curioso di leggere il seguito, ma ti esorto a dedicare un po’ di tempo alla revisione.

    Ciao a presto

    • ciao grazie mille per le tue critiche, cercherò di migliorare, te lo prometto, molto probabilmente non mi sono espressa molto bene comunque, la protagonista non riesce a capire se l’hanno portata dentro quel luogo contro la sua volontà oppure per caso si era imbattuta in quell’incubo trovandosi nel posto sbagliato e nel momento sbagliato

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi