Lo Scrittore e il Serial Killer II

Dove eravamo rimasti?

Andrea non si ferma davanti a nulla, si spinge fino a rapire Maria per girare il film della sua morte, voi però potreste salvarla. E Luisa? Maria subisce le violenze, ma il film non potrà essere girato perchè arrivano in tempo a salvarla. I due scappano,ma non finisce qui. (100%)

Luci a San Siro

Silvio giunse in Questura,durante il tragitto allertò Roberto che,tornato indietro, lo aspettava in ufficio. Silvio non si sedette, gettò il cellulare sul tavolo

– Bisogna trovarla, devi organizzare una squadra, e alla svelta – esordì senza neanche sedersi

– Certo, lo faccio subito, anche più di una, ma non può averlo solo perso? – domandò indicando il telefono

– Mi doveva aspettare a casa, non c’era, fosse per un disguido avrebbe trovato la maniera di avvertirmi, no, deve esserle successo qualcosa.

– Certo, ma da dove cominciamo a cercarla?

– Roberto, lei ha uno dei nostri anelli, glielo dato ieri, solo per fare scena, sai un anello colpisce sempre

– Uno di quelli “luci a san Siro”?

– Proprio, meglio della catenina o bracciale, un anello ha più significato.

– Sai che mi devi delle spiegazioni, vero?

– Si, ma adesso muoviamoci.

Mentre Silvio dava istruzioni alle due squadre organizzate da Roberto, lui chiamò Luisa per avvertirla, ovviamente la cosa la incuriosì molto

– Che storia è l’anello “luci a san Siro”?

– Amore, è di tanti anni fa, nella mia vita senza amore, dove non c’eri tu.

– Non mi hai risposto, e farai meglio a farlo.

– Va bene, in breve, ricordi la canzone?

– Si, ma non vedo il nesso

– Ma si, dove dice : “ ricordi il gioco? Dentro la nebbia,tu ti nascondi e se ti trovo ti amo la”

– Si, meravigliosa, e allora?

– Ecco al g.a.s. avevamo bijoux con dei microchips, quindi che sia stato un bosco, piuttosto che una città, o quello che decideva la ragazza, fatta la scommessa che se la trovavamo ci doveva stare, era sempre un finale scontato.

– Che esseri subdoli – commentò Luisa

– Molte non aspettavano altro, e se giocavano erano già propense a dire di si. Per le più difficili lasciavamo fare al caso, avevamo la proposta del secolo:“ Se, chissà tra quanto tempo, giorni, mesi, anni, dovessimo incontrarci di nuovo, vuol dire che il destino ha scritto che dobbiamo fare un pezzo di strada insieme” Massimo un mese c’era l’incontro. Ci sono cadute in molte. Ovviamente funzionava meglio con un bracciale o una collanina, l’anello era troppo impegnativo, per questo ne abbiamo avanzato qualcuno. Era divertente anche per loro, ma è stato una vita fa.

– Quindi le ha dato l’anello?

– Solo per gentilezza, da quello che ho capito il resto lo aveva già avuto, però adesso possiamo localizzarla

– Che culo, speriamo che arriviate in tempo. E così c’è un’altra storia in costruzione.

– Credo, ora però fammi andare

– Certo amore, sii prudente.

In cortile due volanti lo stavano aspettando, in una c’era Silvio, lui salì nell’altra. Ne pc di bordo era già visibile il puntino pulsante che indicava la posizione dell’anello, partirono. Roberto guidava la piccola pattuglia, e in collegamento radio con Silvio decisero di non usare sirene, per non farsi sentire dai rapitori. Il puntino era sempre più vicino, indicava un casolare, o una villa verso Casteggio, arrivati a Bressana girarono a destra, poi una serie di stradine, le ultime sterrate e furono in vista della casa. Era una villa, alberi intorno, e un laghetto sulla sinistra. Arrivarono nella radura, scesero, e si piazzarono dietro le auto con la pistola in mano. Roberto prese il megafono e si apprestò a fare il solito avviso, ma non ce ne fu bisogno, una voce uscì dalla casa

– Sono qui, mi sentite? Silvio, aiutami

Corsero tutti verso la porta dalla quale arrivava quel richiamo. Maria era lì, nuda, sulla rete del letto, legata, scoppiò a piangere, qualcuno la coprì.

Ebbe anche la forza di dire

– Il dna di uno di quei bastardi è dentro di me, Silvio vuoi estrarlo tu?

– Certo amore, prendo il kit

– No – intervenne Roberto – ho chiamato una squadra della scientifica, non voglio errori, faranno tutto loro, e poi ti libereremo, devi avere pazienza.

– Certo, ma tu Silvio stammi vicino.

Silvio si avvicinò, e, senza toccarla le inviò un bacio.

– Quanti erano? – domando Roberto

– Due – rispose lei – uno, quello che mi ha violentato, giovane, l’altro sui quarant’anni.

– E dove sono?

– Scappati, avevano un baracchino sintonizzato sulle nostre sequenze, hanno sentito tutto, però sono dovuti fuggire velocemente, magari ci sono prove per rintracciarli

Della scientifica vennero due squadre, fu tutto controllato con scrupolo e trovato tanto materiale.

*

A pochi kilometri, in uno spiazzo, fu incendiata la Panda di Andrea. I due fuggitivi salirono sulla Mercedes del cliente e si diressero verso casa sua, a Salice Terme.

*

Maria fu portata in Ospedale, le fu fatta tutta la procedura antistupro, ma dopo la doccia volle tornare a casa, era lì, vicino a Silvio che voleva passare la notte. Dopo la violenza e la brutalità voleva solo le carezze di chi l’aveva chiamata Amore, e sperava con tutte le sue forze che quella fosse la verità.

*

Il Cliente abitava in una villa immersa nel verde, non si vedeva dalla strada

– Puoi chiamarmi Paolo – disse ad Andrea – e smetti di tremare, adesso siamo al sicuro.

– Si, ma io ho perso tutto, avranno già scoperto chi sono.

– Io ne ho per tutti e due, basta che mi aiuti a fare quello che mi piace.

– Ma chi sei?

.

Oramai Andrea sarà stato scoperto, non deve più neutralizzare Luisa per non essere scoperto, però è parecchio arrabbiato, e allora...

  • Andrea ha scoperto che il Cliente è una persona importante e vuol provare a barattarlo in cambio della propria libertà, però... (33%)
    33
  • Il Cliente prende in mano la situazione e vuole scegliere lui le vittime, Andrea, anche se arrabbiato, deve solo obbedirgli. (67%)
    67
  • Insieme al Cliente intende vendicarsi e rapiscono ugualmente Luisa. (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

87 Commenti

  • ma sì, diciamo che Silvio scopre tutto prima, ne hai già disseminati abbastanza di cadaveri 😉
    Non so se “mii piace” sia il termine ma trovo interessante questa idea di Andrea che perde tutta la sua sicurezza non appena esce dall’ombra e qualcun altro prende le redini.
    Qua in Francia poche settimane fa faceva scalpore uno stimato anestesista accusato di avere negli anni coscientemente ucciso diversi pazienti. Sarà parente di Arcuri? 🙂
    Ciao

    • Ciao, pensa te, io invece ho un mio carissimo amico che lo fa per lavoro, è un Padre Fondatore del G.A.S. Tanti anni fa in Francia, e precisamente a Parigi, ci venivo ad acquistare Bigiotteria, poi sono arrivati i cinesi e hanno sputt..,scusa, affossato il mercato a noi italiani. Magari il prossimo raccontino mi sfogo e faccio una strage di musetti gialli. Per tornare al racconto, devo ammettere che Andrea mi era diventato antipatico, per cui nei prossimi ultimi due capitoli credo che potrebbe scomparire in malo modo…
      Una buona serata

  • No, Silvio scopre tutto prima (sono un buono, ormai lo sai)
    Ciao ivano,
    Quando già mi ero convinto che Andrea fosse il più disgustoso e sadico criminale che si potesse immaginare, tu alzi ancora la posta e dipingi questo dott. Arcuri in modo anche più abietto. Il fatto che possa anche influenzare le indagini, poi, è un colpo da maestro.
    Ciao, a presto

    • Ciao ,si, sei buono, vedremo a chi faremo venire un bello spavento. Mentre scrivevo il precedente capitolo mi è venuto in mente che se qualcuno riesce a togliere il dolore deve per forza riuscire a darlo, e chi meglio di un Anestesista? E allora ecco il nostro Arcuri. E adesso lo faremo incontrare con Silvio, anche se ancora non ho idea di cosa potrà accadere. Non so a te, ma a me le idee mi arrivano mentre sto scrivendo, per questo non mi preoccupo mai troppo, qualcosa nascerà.
      Un caro saluto

  • Ciao, hai ragione, avrei potuto farla liberare subito, non ci ho pensato, ho dato la priorità alla ricerca di prove, senza toccare nulla, però il prelievo del dna glielo fa qualcuno del personale medico, difatti scrivo così :
    ” Maria fu portata in Ospedale, le fu fatta tutta la procedura antistupro.”
    Invece, l’anello col microcips è pura invenzione, dovevo trovare qualcosa per farli arrivare subito, e mi piaceva l’idea che quei bricconcelli del g.a.s. avessero inventato un meccanismo di rimorchio così complesso.
    Un caro saluto

  • Il cliente prende in mano la situazione, magari poi finiscono a scannarsi tra loro, due sociopatici in tensione e rancorosi.
    Ho trovato inquietante ma geniale la storia dei gioielli microchippati, invece ho qualche dubbio sulla scena del “salvataggio” di Maria. Non sono esperta, ma credo proprio che i prelievi di DNA su una vittima li faccia solo personale medico, e credo anche che seppur volendo preservare indizi e impronte, non si lasci la vittima ferita e legata, ma la sì liberi e soccorra innanzitutto. Insomma, la scena mi ha lasciato perplessa.
    Ciao

  • Il cliente prende in mano la situazione. Andrea trema, è chiaramente in panico e non può far altro che obbedire.
    Ora sono diventati una coppia, e i mezzi dell’ex cliente potrebbero portarli molto lontano a meno che, la polizia….
    Ottimo, ti aspetto al varco per il prossimo, buona domenica 😉

  • Salviamola, sarà la vecchiaia, ma mi sto intenerendo!
    Anche Silvio, però! Sta trasgredendo alle regole del g.a.s.!
    Non so come andrà a finire questa storia, ma sono nella fase in cui comincio a desiderare un epilogo in cui il serial killer fa una fine sadica e orribile. 🙂
    Ciao!

    • Ciao, un’opzione, quella del salvare Maria, aggiunta all’ultimo secondo, ma sta trionfando, e che mi ha creato un piccolissimo problema, ho dovuto aggiungere un particolare, se no come farebbero i “nostri” ad arrivare in tempo? Il g.a.s. si sta sgretolando, d’altronde ha regole che non possono reggere al confronto col vero amore, almeno finche l’amore è sorretto dalla passione. Dato che già è una seconda parte, e non ce ne sarà una terza, il killer, o fa una brutta fine, o si converte e va in convento…
      Ti auguro una buona serata

  • Ho optato per l’opzione salvataggio: siamo già al 5 della seconda parte, bisognerà pure che i “buoni” comincino a ottenere qualche successo.
    Con tutti i cambi di scena cominciavo a pensare che il racconto si disperdesse su troppi fronti diversi, riunire Maria e i cattivi è una buona idea, è ora di cominciare a riunire i diversi intrecci. Mi piace.
    Ciao

    P.S. Ma questo “consuma” una volta e già regala anelli? 😉

    • Ciao,nella prima stesura del capitolo non era contemplato che Maria si salvasse, poi ho pensato che poteva spiacere a qualche lettore, perciò all’ultimo secondo ho messo qell’opzione. Perciò son dovuto tornare ad aggiungere un particolare che mi permettesse di fare in modo che la cavalleria arrivi al momento giusto, altrimenti impossibile, dato il poco tempo che separa Maria dalla morte.
      Il tuo P.S. non poteva essere più appropriato….
      Buona serata

  • Opto per il video in rete.
    Stai portando avanti un sacco di plot in parallelo: il “business” assassino, il gioco gatto-topo di Andrea con Luisa, la storia d’amore, i dubbi amore-gruppo di Roberto, ora anche il principio di (forse)relazione tra i due colleghi… Ma quanti seguiti vuoi dare a Lo scrittore e il serial killer? Sicuro che il racconto non si stia trasformando in qualcosa di più grande? 🙂

    • Ciao, hai perfettamente ragione, ma è più forte di me, quando scrivo continuano a venirmi idee, e mi sembra brutto non seguirle, e poi mi trovo impicciato e aggrovigliato.
      Guarda quante cose devo sistemare, però me le hai scritte, così mi aiuti anche. Dal prossimo prometto che qulcosa la elimino, o mi preparerò a farlo nel seguente, anche perchè voglio finirlo, e nel prossimo mi getterò in una storia d’amore, forse.
      Un saluto

  • Io dico che Luisa si insospettisce, mi sembra il seguito naturale di quello che si è letto nel capitolo. Penso che la tua scrittura sia davvero enormemente migliorata, il capitolo è chiaro, lineare, ben scritto, anche nei passaggi da un registro (gli scherzi, allusioni tra colleghi) all’altro (quello drammatico).
    Alla prossima

    • Ciao,ti ringrazio del bel commento,mi ha fatto un piacere immenso. Spero di continuare così, ma non so se riuscirò sempre.
      Se riesco nel fine settimana vado avanti con un nuovo capitolo.
      Ora ti metto un link, ci sono una serie di miei racconti, li avevo scritti per un sito che si chiamava Zeugmapad, che poi ha chiuso e li ha trasferiti li.
      Uno in perticolare che si intitola “E se domani” volevo trasferirlo qui da noi, con l’intento di migliorarlo e magari cambiarlo con l’aiuto degli amici. Volevo farlo in contemporanea, creando un nuovo nick. AmoMarta me la sconsigliato, e io le do retta. In ogni caso lo ha trovato essere una buona storia. Lo farò,magari finito quello di ora. Però mi farebbe piacere, se tu avessi tempo e voglia di dargli un’occhiata, e dirmi che ne pensi e se può essere una buona idea.
      Se vuoi leggi anche gli altri, io li trovo carini.
      Scusa del tempo che ti rubo.
      https://www.smashwords.com/profile/view/IvanoMigliorucci
      Ti auguroun buon fine settimana
      Ivano

      • Ivano, ho dimenticato di dirtelo, che testa che sono.
        L’ho letto “E se domani”, molto carino il concetto lo sviluppo e il finale… aperto. Secondo me merita ampiamente di essere ripreso e esteso, ci sono passaggi in modo quasi riassunto che puoi largamente approfondire. Non sei obbligato di riprenderlo qui, puoi anche riscriverlo liberamente come vuoi tu senza sottoporti al volere del pubblico.
        Su un piano strettamente personale, e scherzoso, non avrei nessun motivo per andare a vedere “come sarebbe stato se” in un’altra dimensione, ma tu mene hai dato la voglia: per vedere un mondo in cui Silvio sarebbe rimasto solo l’oscuro musicista da crociera che merita!!!! 😉
        Ciao

    • Ciao,e grazie di essere passata. Purtroppo a causa del lavoro ho tardato a scrivere il capitolo, e così non va bene, chi legge non può ricordare tutto. Adesso sarò più puntuale,così da non creare ulteriori problemi.
      Tra l’altro ho in testa un raccontino che scrissi tempo fa,e vorrei espanderlo portandolo qui, se decido mi iscrivo con un’altro nick e lo mando.
      Quando lo farò te lo farò sapere, cosi se avrai voglia lo leggerai. E’ molto particolare,un rosa che sfora nel fantasy. Beh,se poi l’incipit non interessa lo blocco li.
      Un abbraccio e a presto

      • Posso sconsigliartelo?
        Finisci questa storia. Quando sarà finita scriverai la prossima. Che motivo hai di entrare con due nomi e lavorare a due storie contemporaneamente? E che significa “se non interessa lo blocco”? Le storie sono doni, non sono stracci. Non devi mai lasciarle andare. Puoi impiegare anche un ventennio a finirne una, ma non mollarla mai in sospeso, e non scrivere due storie insieme. E’ il modo migliore per per tornare indietro. Se invece vuoi andare avanti pensa alla tua storia come a un figlio e curala fino alla fine. Ne faresti un altro solo per vedere se ha gli occhi azzurri e se sono neri come quelli del primo lo molli per strada? 😉 scrivere è magia, interessante lo rendiamo noi, non lo stabilisce il numero di lettori, credimi. 😉

        • Grazie del consiglio,lo seguirò senz’altro. Hai voglia di fare una cosa? Te lo chiedo proprio per il consiglio che mi hai dato. Quel raccontino è già in rete, lo havevo scritto per un sito che si chiamava Zeugmapad, ma poi ha chiuso, e li ha trasferiti tutti su Smashwords. Basta che vai Smashwords e cerchi Ivano Migliorucci. Escono tutti. Quello che volevo portare qui si intitola: E se domani. Volevo al limite ampliarlo e cambiarlo secondo le scelte degli amici che sono qui.
          Sempre se hai voglia, cosi mi dici cosa ne pensi e se è anche il caso che io faccia l’operazione di portarlo qui, quando ho terminato questo
          Un abbraccio ulteriore

              • Ho letto la tua storia, E se domani,
                una buona storia e una buonissima idea. Devi lavorarci sopra, però. Concedere più spazio alle emozioni. Un esempio veloce: ti trovi davanti un sosia in casa in piena notte, cosa fai? Ammesso che tu rimanga calmo – e già è improbabilissimo – quando quello ti dice proprio di essere te in un’altra dimensione, cosa pensi? Ecco, te l’ho chiesto perchè l’impeto di andare avanti con la storia ti impedisce di soffermarti su fattori fondamentali che tra l’altro servono a caratterizzare i personaggi. Non è normale farsi una conversazione con l’intruso che dice di essere un altro te, senza prima aver avuto un mezzo infarto… 😉 potrei dirti di più, ma questo non è il luogo. Tuttavia sono d’accordo, lavoraci, è davvero una buona idea.

            • Ciao,ti ringrazio di essere andata a leggerlo e dei consigli che mi hai dato. Purtroppo devo ammettere di non essere capace di riuscire a capire e scrivere le cose che giustamente mi hai fatto notare. Quando scrivo mi sembra che la fantasia non mi manchi, però non ho la tecnica e la giusta comprensione delle situazioni. In ogni caso spero, piano piano, di migliorare. Se riesco domani scrivo un nuovo capitolo.
              Buon fine settimana

  • Deve cambiare fisionomia, un po’ di problemi diamoglieli!
    Ciao ivano,
    La trama si fa sempre più complessa e la parte sentimentale (o godereccia? :-D) sta prendendo un bel po’ di spazio. Un accostamento ardito e molto originale con l’efferatezza delle situazioni dall’altra parte.

    Ciao!

    • Ciao Moneta,e grazie del commento,anche Danio ha votato così,vuol dire che lo faremo cambiare…comincio a studiare come. Si mi piace la parte sentimentale(e godereccia).
      Magari nel prossimo capito ad Andrea facciamo ammazzare qualcuno,e agli altri diamo qualche zuccherino sentimentale, che è sempre un bel dolcificante.
      A presto

  • Luisa si insospettisce…
    Ciao Ivano! Anche tu un giallo? Cercavo proprio tra i gialli dato che mi sto cimentando anch’io. Quelli interessanti scarseggiano, il tuo mi piace. Tu hai uno stile fresco pur nel descrivere situazioni spinose, l’ho sempre pensato della tua scrittura. In ogni caso ti seguo in quest’avventura. Felice di averti trovato qui. 😉

  • Ho votato per Luisa che si insospettisce.
    Inquietante, molto.
    Ci sono alcuni problemi di forma e di stile, che mi hanno fatto storcere il naso qualche volta. Non voglio tediarti con i soliti discorsi, perciò non li paleso qui. Se ti va di conoscere le mie perplessità puoi contattarmi in privato e sai come fare.
    Lo sviluppo della trama è lineare e preciso, la psicologia dei personaggi è ben delineata, forse anche troppo, io sfumerei su più di un dettaglio.
    In ogni caso, continuo a leggerti con interesse.
    Buona continuazione.

    • Ciao,e grazie del commento. Quella degli occhi, è la prima cosa che mi è venuta in mente quando ho cominciato a scrivere il capitolo. Ma secondo te siamo ancora tanti nel sito, o qualcuno ha abbandonato? Mi ricordo che quando mi sono iscritto, meno di un anno fa, eravamo tanti, a scrivere, leggere e commentare.
      Ho fatto un commento al tuo, e anche chiesto una delucudazione, se riesci, prova a spiegarmi.
      Buona settimana

      • L’idea che siamo in una fase di stanca è venuta anche a me. Del resto anche i miei ritmi, da febbraio 2016 ad oggi, sono notevolmente rallentati. Boh, penso che la cosa sia ciclica, magari fra qualche mese cambia. Alla tua domanda, se non ti disturba, rispondo qui. In realtà non devo dirti niente che già tu non sappia. Sono molti gli utenti che hanno più di un account, per loro stessa ammissione. Nella pagina del disclaimer:
        https://theincipit.com/copyright-disclaimer/
        non si accenna minimamente alla limitazione di un account per persona fisica. Su altri siti non è così, è espressamente vietato. Se vuoi esserne sicuro dovresti provare a chiedere direttamente in redazione, ma è improbabile che non si siano accorti di tutti gli account doppi. In altri casi ci sono account costituiti da coppie di autori presenti anche singolarmente (mi sa che questo lo sai 😀 ) e anche qui nessuno ha mai avuto niente da ridire. Come fa uno che vuole avere più di un account? Può provare a registrarsi scegliendo un nick diverso. Tutto qui. Non so se il sistema effettui dei controlli per cui ti impedisce di usare la stessa casella email per due nick diversi. Ma in questo caso è sufficiente indicare una casella diversa.
        Si fa male a qualcuno? Io penso di no. L’unico effetto negativo potrebbe essere togliere spazio ad altri, magari la redazione potrebbe non gradire. Ma penso che in fin dei conti siano contenti: più storie in corso significano più materiale da leggere, più visite, più possibilità di incontrare i gusti del lettore.
        Spero di averti risposto.

        Ciao, buona settimana anche a te

  • Ottimo capitolo, però Andrea dovrebbe stare attento. La storia dell’identikit potrebbe segnare l’inizio della propria fine, e a questo proposito ho votato che Lucia viene dimessa e lui deve prendere provvedimenti.
    Forse la vendetta non è nei suoi propositi, però la ragazza, pressata dai poliziotti, potrebbe fornire ulteriori dettagli.
    Ciao e buona serata 😉

  • Il capitolo mi è piaciuto davvero molto, l’ho trovato scritto bene, fluido, preciso, “di elegante fattura” si potrà dire? Ho trovato molto carino il passaggio su Luisa e dall’alto è tutto bello ma si rischia poi di cadere.
    Forse il particolare degli occhi della vittima è un po’ eccessivo: il dettaglio bleah da film splatter 🙂 ma ci può stare.
    Due soli appunti: non ho capito il”era vero” in apertura. A che serve? A che si riferisce?
    E lo scambio tra i due poliziotti: sembra incredibile a proposito della faccia da bravo ragazzo. Penso che lo sappia qualunque sbirro che un criminale non si riconosce dalla faccia, se non sai come si farebbe prima?
    Ciao Ivano, ancora auguri e bravo, davvero, trovo che la tua scrittura migliori enormemente a ogni pagina. E nonostante il periodo indaffarato al lavoro, doppio bravo!

    • Ciao, anche se non si può dire a me fa piacere. Il dettaglio degli occhi è stato il primo pensiero quando ho cominciato a scrivere il capitolo, lo so che è non è molto fine, ma mi piaceva una visione in “stereofonia”, mentre il nido di capelli l’ho aggiunto nella riletttura. “Era vero”, all’inizio, nvece mi è venuto spontaneo, prima di iniziare ho riletto il capitolo precedente, e l’ho scritto di getto. Lo scambio tra Marco e Roberto sull’ identikit era solo da supporto, quello che mi interessava era introdurre l’appuntamento per l’aperitivo e l’accenno al G.A.S. Allora ho scritto quel dialogo, alquanto inutile ai fini della trama, solo per quello. Aspetto il tuo nuovo incipit, lo seguirò con molto piacere.
      Il tuo giudizio mi ha fatto davvero piacere.
      E ovviamente ti faccio gli Auguri di Buon Onomastico.
      Un abbraccio

  • Cerca subito il racconto.
    L’incipit ci scaraventa subito nell’azione, ma del resto non è un incipit, è il capitolo 11.
    Ho trovato un po’ brusco il modo in cui si presentano, ‘metti la cintura’ ancora prima di ‘piacere sono Tal dei Tali’, se si verificasse nella vita reale, probabilmente indisporrebbe la ragazza. Come anche il discorso successivo: ok andare dubito al sodo, ma così è forse eccessivo. Magari avresti potuto spendere due parole per spiegare che passano alcuni minuti in una conversazione che ‘rompe il ghiaccio’.
    Ovviamente, forse è ormai inutile ribadirlo, sono solo personalissime opinioni: la storia è tua, come il protagonista, magari vuoi proprio rimarcare una certa sua rudezza.

    Ciao ciao

    • Ciao Moneta,
      hai ragione, ma io nella mia testa sapevo che si erano scambiate mail e allora non ci ho pensato molto ad un approccio più elegante. Per quello delll’andare subito al sodo, io un caffè glielo fatto prendere, dove l’ha drogata, più che altro lui ha poco tempo, perchè a mezzogiorno deve andare a prendere il cliente.
      Per quanto riguarda la rudezza, un pò rude dovrà esserlo, in fin dei conti parliamo di un assassino, ma nei rapporti normali mi piace pensarlo dolce ed educato, di quelli che lasciano il posto alle signore sul tram, per capirci.
      Grazie delle critiche, mi stimolano a pensare.
      Se non dovessimo sentirci più ti auguro un meraviglioso Natale

  • “Ignorava che sarebbe stata la sua destinazione finale.”
    “ma quello messo da Andrea non era solo zucchero”
    Perché, amico mio, dai queste informazioni? Non sono indispensabili e anticipano troppo. Il lettore le immagina da solo e prova piacere nel farlo.
    Poi, “Papero solitario” è davvero osceno come nickname.
    Bene Ivano, continuo a seguirti e a commentarti con interesse, se ti fa piacere.
    Ah! Voto che Andrea va alla ricerca di Luisa.

    • Ciao,e grazie di essere anche nella seconda parte. Allora cominciamo; questa è una seconda parte, nella prima tutte le donne capitate nelle mani di Andrea sono finite seppellite nel canale, perciò non do nessuna informazione nuova che anticipi la sua fine, è già tutto scritto,come per le altre, non credo che il lettore pensi diversamente, e se così fosse stato non lo avrei scritto. Quello dello zucchero nonso cosa dire, ma tra quando l’ho detto e quando lei è svenuta sono passate forse due righe,ma anche meno, non penso di aver rovinato nulla,ma qui non so cosa altro dire.
      E veniamo a Papero Solitario, tu dici che è osceno, bene e perchè? Cosa vogliamo ottenere? Rimorchiare ragazze. Adesso ti spiego, i personaggi del racconto sono reali, anche i nomi, io dovrei essere Roberto, e siamo i tre fondatori del GAS, poi spiegherò di cosa si tratta, Marco, che nella realtà faceva il Dentista, e purtroppo adesso non c’è più per una brutta malattia, era un gran frequentatore di siti per rimorchio,ed il suo nick di maggior successo ere proprio Papero Solitario, ispirava dolcezza e fiducia, visto che è quello che deve fare Andrea l’ho usato, e poi ho messo le paperelle sul laghetto a mo di richiamo sul nome.
      Certo che mi fa piacere se continui a seguirmi, e tu quando ne inizi un’altro?
      A presto
      Ivano

  • Cerca di entrare in confidenza con Meglio Sola, potenzialmente pericolosa per lui.
    Non lo so, ma io Andrea me lo immagino fisicamente così normale che un identikit non sarebbe poi così significativo.
    Certo che più la sua impresa criminale cresce e si sviluppa più rischia di mettersi in pericolo, vedremo.

    Certo che Papero Solitario, come pseudonimo per un serial killer è insospettabile 😀
    Ciao Ivano

    • Ciao Marezia,anche io Andrea l’ho immaginato del tutto normale,anzi anche carino, educato e sicuramente non trasandato; uno di cui ti fidi. Però credo che da un testimone un’identikit lo facciano sempre, e allora chi siamo noi per impedirglielo? Se poi, nel frattempo mi viene in mente qualcosa lo faremo fruttare,altrimenti lo releghiamo in un cassetto in Questura.
      Il nick Papero Solitario mi ispirava tanta simpatia, più di Meglio Sola, triste e oscuro, ma era prima di Roberto, adesso gliene troveremo uno all’altezza del nuovo Amore.
      Visto come sono romantico?
      Un salutone

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi