Obscurio

Dove eravamo rimasti?

Che mostro trovano? Il mostro dell'ombra (75%)

Si torna a casa

Stavo camminando quando cominciò ad offuscarmisi la vista. In pochi secondi vidi tutto nero e cercai di urlare ma non ci riuscivo: stavo soffocando. “È la fine.” pensai. Ormai non avevo più fiato nei polmoni e stavo cominciando a rilassare i muscoli quando mi risvegliai. Era tutto buio e non riuscivo a capire se fossi sospesa o se sotto di me ci fosse una superficie. Tirai un respiro di sollievo, mi alzai e feci qualche passo. Sfoderai il pugnale e mi feci avanti circospetta. 

– Non puoi vedere niente, perché cammini? Rischi di cadere!-  Disse una voce calma. L’eco rimbombava e io non riuscivo più a ragionare: dovevo camminare o restare ferma? Dovevo rinfoderare il pugnale? Non sapevo più cos’era giusto e cosa sbagliato.

– Io… Io ho il potere dell’ombra!- Cercai di farla sembrare una minaccia ma la voce mi si spense in gola facendola risultare come un “Per favore, non uccidermi!”. Qualcuno alle mie spalle rise. Mi girai di scatto ma non vidi nessuno.

– Smettila di ridere! Vieni fuori!- Urlai.

– Ma sono già qui, non mi vedi?- Mi guardai in giro. Non vedevo niente. Cominciai a menare colpi al vuoto. Un altra risata. La paura cominciò ad assalirmi:  come potevo combattere un mostro che non vedevo, o che non c’era nemmeno? Mi tremavano le ginocchia e non riuscivo più a muovermi. Mi massaggiai le tempie e chiusi gli occhi, cercando di focalizzare il mio obbiettivo. Quando chiusi gli occhi mi accorsi che riuscivo a scorgere una sagoma nera davanti a me. Girai la testa e non la vidi più. Riuscivo a vederla solo ad occhi chiusi. Mi mossi in avanti e menai un fendente ma l’ombra si scansò.

– Hai capito, eh?- Disse l’ombra. Mi venne incontro e velocissima mi buttò a terra. Cercai un ombra da far diventare solida ma non c’era niente: tutto buio. Ci provai lo stesso pensando a qualcosa di utile “Vediamo, mi potrebbe servire…un arco!” Subito da terra si sollevò la sagoma di un arco con delle frecce. Ne incoccai una ma mi resi subito conto di non saperlo usare: le frecce andavano ovunque meno che vicino al mostro. Evocai qualcosa di più utile, uno scudo. Stranamente il mostro se ne stette lì fermo a guardarmi, sogghignando.

– Bene, hai finito? Ora possiamo combattere?- Ero ormai pronta: avevo un armatura completa, il pugnale e lo scudo.

– Sì..-

– Bene- In un millesimo di secondo mi fu addosso ma io riuscii a colpirlo con il pugnale. Era scomodo combattere ad occhi chiusi ma dopo un po’ di tempo mi ci abituai. Il mostro brontolò e formò un incudine d’ombra. Me la fece cadere addosso e io non feci in tempo a scansarmi. Stranamente non sentii dolore, ma non riuscivo ad alzarmi. Ero stesa a terra come un tappeto mentre il mostro si avvicinava lentamente. Mi guardò e rise. Si accucciò fino ad arrivare alla mia altezza e io aprii gli occhi. Lo vedevo ancora, così sarebbe stato più facile combattere. Ma non potevo farlo da sotto un incudine. Il mostro mi graffiò il viso con i suoi artigli. Allungai ancora un po’ il braccio. Finalmente ero riuscita a recuperare il pugnale. Lo estrassi in fretta e tagliai di netto un braccio del mostro. Mentre urlava evocai un ombra qualsiasi e riuscii a spostare l’incudine. Il mostro mi afferrò ma io gli passai sotto le gambe, pugnalandolo alla schiena. Finalmente si disintegrò e io svenni. 

Sentivo un vuoto allo stomaco ma non avevo il coraggio di aprire gli occhi. Sentii di nuovo qualcosa di solido, ma anche un dolore fortissimo alla schiena. Svenni di nuovo.

Mi risvegliai tutta dolorante. Avevo la testa appoggiata su qualcosa di caldo. Sentivo dei respiri. Socchiusi gli occhi e scorsi alcune figure che mi guardavano dall’alto.

Spalancai gli occhi e girai la testa: tutti i miei amici erano sopra di me e io avevo la testa sulle ginocchia di Simone. Cercai di alzarmi ma la schiena non mi sosteneva e ricaddi a terra.

– Stai giù, hai la schiena a pezzi.-Disse Simone. Osservai meglio il luogo in cui ero: nella radura con l’albero. Non sapevo come ci fossimo arrivati ma non mi importava: dovevamo tornare a casa prima che qualche altro mostro ci attaccasse.Strisciai fino all’albero e infilai l’indice nel foro. Tutti gli altri fecero lo stesso. Mi sentii sollevare da terra e in pochi secondi ero nel boschetto del parco.Gli altri mi dovettero portare a spalla fino a casa mia, dove mi lasciarono riposare.

Qualche giorno dopo Simone mi chiese di incontrarci a casa sua. Quando arrivai lo trovai in camera sua, tutto indaffarato con i compiti. Mi vide entrare e smise subito di scrivere.

-Allora- Chiesi- Qual’è questa cosa importante?- Lui diventò tutto rosso.

– Ehmm…Io…Mi chiedevo se…Se ti andasse di…Se ti andasse di stare con me.- Io sorrisi. Era uno dei miei giorni più felici. Annuii. Mi sentivo al settimo cielo. Purtroppo sapevo che quella felicità non sarebbe durata a lungo: saremmo dovuti tornare nell’albero. Non tutti i mostri erano stati sconfitti.

Categorie

Lascia un commento

72 Commenti

  1. Oh yeah! Finalmente un mostro interessante! (M. Mente) spero che vincerà quella votazione!
    Ci sono rimasta male: pensavo che fosse successo qualcosa di più misterioso ad Ambra nel bosco… Ma sono eccitatissima per il mostro della mente! Non vedo l’ora di sapere cosa fará la Squadra del fulmine!

  2. Ambra. Quasi a caso.

    a) rallenta. Stai andando troppo veloce. Così la gente non fa in tempo a leggere e votare.
    b) non erano precipitati in una grotta? O mi sono sbagliato io? Oppure è davvero come è scritto e cioè che avrebbero dovuto essere sottoterra ed invece sono da tutt’altra parte? 😉
    c) Molto bello questo capitolo ^_^

    Ciao 🙂

  3. Cavolo! Ogni volta che leggo un nuovo capitolo voreri che ce ne fosse un’altro subito dopo già pronto da leggere!
    Ho capito come hanno fatto Nicola e Emma a non rompersi qualcosa: Nicola ha volato e Emma è tornata indietro nel tempo ed’è riuscita a cadere in una posizione più comoda! Giusto? 🙂

  4. Ah, vedo di non essere l’unico che scrive cose comlicate.
    Molto interessante, spero ci saranno degli aggiornamenti riguardo come e perchè ci sono questi poteri. Dove diavolo ha preso l’esplosivo il ragazzo? Voglio uno spin-off su di lui!
    Scheezi a parte mostro nuovo.
    Se vuoi leggere una cosa complicata passa pure dal vecchio Zaxzom, che è ansioso di chiudere la.sua storia

  5. Modificarlo e incolpare Vittoria di qualche cosa

    Il secondo capitolo è scritto nettamente meglio del primo e mi è piaciuto. Gli errori te li hanno già detti gli altri, io invece ho un piccolo consiglio:
    il carattere < se ne mangia tre o quattro su TheIncipit, quindi è meglio usarne un altro: c'è chi usa il – e chi le «
    In altre parole
    Mi arresi.
    Verrebbe scritta
    – Già – Mi arresi.
    Oppure
    «Già» mi arresi.
    Quest’ultima è quello che preferisco, ma non tutte le tastiere le producono senza far sudare sette camicie…

    Ciao 🙂

  6. Ciao, ho appena finito di leggere i tuoi capitoli. Devo dire che l’idea è bella e originale. Attenta alle ripetizioni come “le rovesciò la borsa per terra e tornò per terra” e ai salti da un tempo all’altro (o racconti tutto al presente o tutto al passato). Per creare suspense ti consiglio di provare con le frasi brevi, come: “ci incamminammo verso casa. Qualcosa ci passò davanti. Un’ombra. Pensai si trattasse di una normale persona, ma il mio istinto mi urlava una sola parola. Scappa.” Non è il massimo la mia rielaborazione, ma fa provare al lettore un po’ di paura. 🙂 Non vedo l’ora di vedere cosa accadrà…bravissima!

  7. Come storia non è male, però ci sono alcuni errori, come, ad esempio, in questo passaggio: “Anche Ambra sembrava Agitata ma non lo dava tanto a vedere.Ambra mi prese per un braccio e mi trascinò via.Corremmo a perdifiato per i quattro isolati e arrivammo a casa di Ambra”, nel quale hai ripetuto per 3 volte di fila “Ambra”. Una possibile correzione potrebbe essere “Anche Ambra sembrava agitata ma non lo dava tanto a vedere. a mia amica mi prese per un braccio e mi trascinò via. Corremmo a perdifiato per i quattro isolati e arrivammo a casa sua.”
    Ti consiglio anche di andare a capo più spesso, specialmente quando scrivi una conversazione tra 2 o più personaggi.

    Non sapendo quale opzione scegliere, perché mi piacciono tutte e 3, mi sa che faccio prima a non votare. 🙂

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi