In un mondo parallelo

Dove eravamo rimasti?

cosa vedono Liz e Steve? il mago, che grida come una donna, e i due sfrutteranno la situazione per saperne di più sul Paese Senza Nome (33%)

IL MAGO E LA FATA

Liz oramai dormiva da ore, Steve si occupava di tenere vivo il fuoco, che avevano acceso con una grande fatica, per tenerla al caldo, i suoi capelli sembravano ardessero come il fuocherello accanto a lei, il ragazzo rimase a fissarla per qualche minuto, pensava a quanto fosse bella, ma tra i due non vi era il minimo interesse.

Un urlo improvviso fece svegliare bruscamente Liz, i due si allertarono immediatamente, Steve  con del legno fabbricò una torcia di fortuna, e dopo aver “acceso” la torcia e aver raccolto gli zaini si incamminarono.

Steve:” Liz non credi dovremmo accamparci da un’altra parte?”

Liz:” Perché dici così? magari c’è qualcuno in pericolo e noi potremmo aiutarlo, dai forza non fare il codardo e sbrigati con quella torcia!”

Steve non era per niente d’accordo con l’amica, ma decise lo stesso di seguirla. Camminarono per qualche minuto e videro una ragazza, non era possibile definirne l’età ma aveva intorno a se un’aurea color azzurra, un vestito succinto dello stesso colore, lunghi capelli biondi ricci, con un paio di ali dello stesso colore dell’oceano davvero maestose. I due si avvicinarono molto lentamente, impauriti ma allo stesso tempo incuriositi.

Si guardarono e si chiesero cosa ci facesse una fata così piccina e graziosa in quella foresta tutta sola, Liz si avvicinò, ma prima che potesse dire qualcosa, la creatura cominciò a cantare, o meglio a gridare, era davvero un suono terribile, i ragazzi furono costretti a tapparsi le orecchie,

Steve gridò:” Non vogliamo farti del male, siamo amici, pensavamo fossi in pericolo”

La fata si accorse, finalmente, della loro presenza, e cominciò a fissarli  e disse:” che creature siete voi? non assomigliate a un troll, nemmeno a orchi, fate o creature marine cosa siete e da dove venite?”

Liz cominciò:” siamo umani e veniamo dalla Terra, è una luogo molto lontano, non sappiamo come siamo finiti qua, nemmeno il motivo annesso ma…”

Purtroppo non riuscì a finire la frase che la creatura con grande velocità piombò su Steve, che preso dal panico rimase bloccato,non riusciva a muovere nessun muscolo del corpo, Liz fu scaraventata per terra, lo osservò da più vicino e cominciò a toccagli i capelli biondi, lo annusò, forse per capire se fosse una minaccia o meno, non fece in tempo a fare un’altro passo che una luce bianca la colpì, lei si frantumò in mille pezzi neri come la pece. 

Steve e Liz si girarono di scatto e videro il mago che in un batter d’occhio accese un fuoco e vi buttò ciò che rimaneva della fata.I  due erano a dir poco confusi, non capirono ciò che stava accadendo, era successo troppo in fretta. 

Il mago rendendosi conto che i ragazzi erano turbati decise di materializzare delle buon tazze di thé, e li invitò a sedere su dei tronchi di legno, e cosi Steve si concesse del meritato riposo, era stanco e decise di dormire per riprendere energie, e così Liz e il vecchio mago cominciarono a parlare del Paese Senza Nome, per molto tempo, spiegando anche il comportamento della fata…

di cosa discutono Liz e il mago?

  • il mago le racconta solo il motivo per cui sono arrivati nel Paese senza nome, e poi invaso dal sonno dormirà vicino a Steve. (0%)
    0
  • il mago le racconta solo l'origine del nome del paese e poi ha un imprevisto e deve correre a casa, e i due amici continuano il loro viaggio (0%)
    0
  • il mago le racconta tutto (100%)
    100

Voti totali: 2

Vota la tua opzione preferita

Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

9 Commenti

  1. Ciao! Ho votato per la fata, mi incuriosisce come personaggio <3
    Hai davvero molta fantasia e uno spiccato senso per le stranezze, tutto questo mi piace! L'unico consiglio che ti do, oltre ad una maggiore attenzione alla punteggiatura e ad alcune ripetizioni (cose che miglioreranno con il tempo molto tranquillamente senza preoccuparti) è di prenderti più tempo per affrontare ogni personaggio che i giovani incontrano e approfondirli un po' di più, dato che sono molto interessanti e rischi poi di buttare troppa carne al fuoco. Un bacio <3 Brava!

  2. Ciao,
    la storia potrebbe essere interssante, ma devi curare di più la forma perchè così com’è è difficile da “decifrare”. Punteggiatura, a capo e virgolette (o qualsiasi altro modo tu volgia usare per segnalare un discorso diretto), sono fondamentali per dare struttura al testo.
    Un’altra cosa occhio ai tempi verbali e alle concordanze:
    “quando si accorsero che davanti a loro si concretizzò” questi due tempi verbali cozzano tra loro. Un’azione succede prima dell’altra? contemporaneamente? dopo?

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi