Summer in the City

Dove eravamo rimasti?

Il dado è tratto, e ora? Scopriamo se Enrico è riuscito a trovare la misteriosa inquilina (50%)

I tre giorni del COGUARO

Inutile dirvi che sono stato un sogno per tutte le presenti, al Don Lisander. 

Ho passato il mio aperitivo in piedi come un tordo tentando di non dare troppo nell’occhio. 

Tornando a casa, dopo aver deciso di non pedinare nessuna delle ragazze del bar per vedere se si sarebbe messa sulla mia stessa strada, mi sono trovato a ragionare sui primi appuntamenti.

Al tempo di Facebook, MSN, Badoo, dei profili Fake e di Lesbiche che spadroneggiavano su chat in tumulto, il single disperato invocava il soccorso di un eroe per riconquistare la libertà. Finalmente arrivò Hitch, l’incredibile principe di Bel Air forgiato dal fuoco di mille battaglie. Le dichiarazioni di cuore, le sfrenate passioni, gli appuntamenti al buio furono affrontati con indomito coraggio da colui che, solo, poteva cambiare il mondo.

Quando ti domanderai che cosa dire, come presentarti o se le piaci oppure no, non dimenticare che lei è già lì, è uscita con te! Il che vuol dire che ti ha detto un sì, quando poteva dire un no. Vuol dire che si è fatta un programma, quando poteva mandarti a quel paese; il che vuol dire che tu non hai più il compito di cercare di piacerle! Adesso hai l’obbligo di non mandare tutto a puttane.

Ed è qui che si distinguono gli uomini dai codardi: mandare tutto a puttane. Per quanto credo che l’impressione che vi abbia dato non sia quella di tombeur, il mio aspetto a volte mi ha aiutato a prendermi rivincite sulla mia inadeguatezza. 

TUTTI, nessuno escluso, sono il “peggior appuntamento” di qualcun altro. E’ così, che ci crediate o no. Per quanto pensiate di essere, brillanti, affabili, affascinanti, siete stati almeno una volta dei coglioni, e avete rovinato la serata a qualcuno. 

Io lo sono stato stato.

Sono uscito una volta con La mamma e credo tanto che le sia bastato, dato che è stata pure l’ultima.

Oddio, non è che mi dispiaccia. Era un periodo in cui non facevo tanti piani. Per usare un eufemismo dirò che ero affamato come un coguaro.

La mamma è stata battezzata così da Zanna perché, a detta sua, era uguale alla mamma di un nostro amico. 

Dio, le somigliava vagamente, ecco.

Andiamo in un Pub irlandese e con il drink davanti mi lascio andare, le parlo di me e sfoggio quel tipo di umorismo che la fa ridere senza pensare che sia un idiota. Facciamo una passeggiata che ci porta alle macchine, sono le 2 del mattino ma nessuno dei due sembra stanco. Così continuiamo a conoscerci appoggiati alla sua Y10.

Le gravito attorno sempre di più finché non attracco. 

Lingue come se piovesse e mani come se grandinasse. 

Si fanno le 4. Ci salutiamo che quasi albeggia, le labbra sono arrossate.

Sinceramente, ero convinto che l’appuntamento fosse andato bene ma non l’ho più sentita. Devo averla sconvolta.

Penso che nella sua versione della storia  io sia Il Polipo, FottaMan, Capitan Arrapato o roba del genere.

Per la cronaca ho avuto anche degli appuntamenti in cui sono stato SUPER.

Ma non bagniamoci di gloria, facciamola bagnare. 

Il colpo alla Fonzie riesce poche volte nella vita, ma quando succede ti guardi allo specchio e dici “EHY…”, innamorato di te stesso.

La mia è stata al primo appuntamento con una ragazza a cui era rimasta bloccata la tessera Blockbuster nel distributore.

Io mi sarei limonato da solo.

Lei no. 

Le donne si rifugiano spesso dietro il “Io sono la donna, sei tu che devi sapermi prendere, divertire, interessare”.

In questo modo, se la serata sarà un insuccesso e lei non ti cagherà più sarà colpa tua che non sei riuscito a raggiungere i suoi standard minimi. Si adagiano sulla loro posizione di predominio, quella condizione amorosa che vede molti di noi appendere la palle al chiodo e dimenticarle lì.

Molte seguono il dogma di vita di non dover MAI, per nessun motivo al mondo, fare il primo passo.

NON SI PUò.

Giungiamo così alla donna LEGO.

Non quella montabile, porcelloni.

E’ la donna delle storie finite male, quella che si rimpiazza da sola, quella che si convince che: “…(lui) avrebbe fatto così anche se ci fosse stata un’altra…!” 

Questo per il postulato che l’uomo è un porco.

Gli Ex-fidanzati, gli ex-scopamici e i friendzonati perciò si fanno i viaggi quando tu, ragazza, cercavi soltanto un amico. 

La scusa del telofacciocapire è un contratto con una clausola grande come il culo che ti fai per conquistarle. È legittimo quando fa comodo e commestibile quando capiscono che la retromarcia è l’unica via di fuga. Così fanno inversione a U su tutto quello che credevi  su di loro e sulla tua sanità mentale.

Non voglio sparare a zero su tutto il genere femminile, ci sono ragazze che hanno scoperto di non avere la patatad’oro e vivono serenamente le loro storie, con il coraggio che serve.

Ma questa è una questione di carattere, non di genere. Sento dire spesso che è l’uomo che DEVE provarci perché è più abituato alle delusioni, al sentirsi respinto. Gli uomini prendono le batoste nello stesso modo in cui le prendete voi, è solo che ci hanno fatto il callo. Non che faccia meno male.

Il millesimo calcio nelle palle fa male esattamente come il primo.

Il primo incontro è andato piuttosto male, ma il caso può ancora dire la sua

  • Conosciamo Zanna, uno dei migliori amici di Enrico con una predilezione un tipo di ragazza definita "la pantera" (60%)
    60
  • Enrico è sempre più ossessionato dall'inquilina e sono gli amici a cercare di riportarlo sulla terra (20%)
    20
  • Enrico avrà un secondo incontro con l'inquilina misteriosa, piuttosto insolito (20%)
    20
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

55 Commenti

    • Ciao FueGod!

      Raramente le migliori cose della vita riescono al primo colpo, che Enrico Sia l’eccezione che conferma la regola!
      Sotto sotto, spero anche io in questo fatidico incontro ma come hai detto, qua siete voi a decidere! 🙂
      Spero che la settimana prossima tu possa leggera la storia che vuoi 😉

      Buona scrittura e buon ponte!

    • Il background è sicuramente quello della vita universitaria ai suoi più splendenti albori e vuoti pneaumatici, che ho provato sulla pelle.

      L’Influenza di Paz, come di Jack Frusciante, come dei primissimi Muccino’s Brother fa sicuramente parte dell’inconscio da cui queste storie traggono fondamenta, ma c’è anche tantissimo altro.

      Ti ringrazio, come sempre!

      Buona Scrittura!

  • Tetteballerine, Ho dovuto votare quello.
    Comunque, come ho letto in qualche altro commento, consiglio anche io di approfondire un poco di più il concetto di stereotipo, piuttosto che citarlo e basta. Magari perché un determinato personaggio ha certe convinzioni ecc.
    Per il resto il capitolo è ben scritto, sarcastico e divertente. Complimenti!

    • Ciao Maria!

      A quali (dei tanti) stereotipi ti riferisci? 😉
      Per il momento c’è solo un personaggio, Enrico, il nostro narratore. Sta provando a farci il quadro della sua vita, per poi aprire le porte e farci entrare. Dopodiché, temo, non si potrà più tornare indietro.

      Ciao e buona scrittura!! 🙂

      • Mi riferisco per esempio alla frase ” Il Maschio è fondamentalmente un MAIALE e prima o poi ci proverà comunque, anche se non gli piaci.”
        Se non c’è qualche personaggio coinvolto in una scena del tipo “Show, don’t tell” la frase è superflua. Prova a toglierla, vedrai che il testo scorre lo stesso. Un suggerimento: la maiuscola si usa al solito per gridare 🙂
        ciao e Buona domenica

        PS ti aspetto da me, se vorrai naturalmente 🙂

  • Bello, scritto bene e filante che è un piacere.
    Ti seguo e spero che continuerai su questa falsariga. Ho votato per la radio, da come l’hai presentato(ma è parere mio) Enrico non mi sembra tipo che da fuori di matto(urlare al soffitto) e non sappiamo ancora com’è messo fisicamente per minacciare qualcuno(esce di casa e fa passare un brutto quarto d’ora a qualcuno)
    Ciao e a presto 😉

    • Ciao Danio!!
      Grazie mille per il tempo che ti sei preso per darmi un giudizio così esauriente su quello che è, di fatto, solo il primo capitolo di una storia molto articolata.
      Giusto, Enrico non è un ragazzo dal temperamento così caldo da dare in escandescenza. Vediamo cosa deciderà la comunity.

      Grazie mille!!

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi