Le Cronache di Traeh

Dove eravamo rimasti?

Cosa ne pensi dei vari personaggi? Mi piacciono. (100%)

Dread III

Era completamente diverso dal luogo da dove erano fuggiti; era un grosso spazio pieno di cianfrusaglie, scatoloni, buste e rottami di oggetti non più funzionanti. Se si provava a scorgere il panorama di quel luogo, si vedevano delle persone che dormivano nei modi e nei posti più strani e altre, che stanche di quel modo di vivere, decisero di aspettare il triste mietitore appesi a degli alberi.
-Aaah, ora si che mi sento a casa. A proposito, Arya, Alex, non vi siete ancora stufati di fare sempre le stesse cose? Un giorno di questi vi ritroverò sulla ghigliottina- disse il ragazzo che li aveva tratti in salvo dalle guardie.
-Zitto, non rompere!- tuonò Arya allontanandosi.
-Eeeh Steven, lo sai che non so resistere al fascino delle donne- disse Alex mettendo un braccio sulle spalle di Steven.
-Ma vaffanculo và- disse Steven ridendo.
Vedendo Arya allontanarsi, i due decisero di raggiungerla percorrendo una strada che portava a delle collinette con sopra numerose croci. Appena arrivati, Arya si avvicino a una lapide molto curata a cui si inginocchiò e ci mise dei fiori; su quella lapide c’era una grossa scritta, quasi più grossa dei nomi, che diceva “GIUSTIZIATI CON DISONORE”.
-Ragazzi, non vi siete stufati di tutto questo? Siamo trattati come spazzatura. Se solo pensiamo di avvicinarci ai nobili, ci giustiziano. Io voglio andarmene! Voi siete con me?-disse con tono serio Arya.
-Io ti seguirei ovunque- rispose Alex.
-Non lo so ragazzi, devo vedere i miei impegni- disse Steven.
I due si girarono verso Steven e si misero a ridere.
Il tempo passò in fretta, il Sole aveva già da un pezzo lasciato il suo posto alla compagnia Luna. I tre si erano decisi, presero quel poco che avevano e si incamminarono verso l’uscita di quel luogo considerato da loro come il peggior inferno esistente.
Questa decisione cambiò il loro futuro, nemmeno loro si aspettavano ciò che sarebbe successo.

Ti è piaciuto Dread? E dove andranno a finire i ragazzi?

  • Nel magico mondo del fantastico. (100%)
    100
  • Verranno presi e giustiziati. (0%)
    0
  • Secondo me... (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

14 Commenti

    • l’inizio del capitolo è venuto così perché ho dovuto interrompere il racconto di Alex ed essendo abbastanza lungo, se non ce lo mettevo il capitolo veniva corto. Mi dispiace che nessun altro segue qui la storia, però nel frattempo ho iniziato la storia su Youtube sotto forma di audio libro (apportando qualche modifica tra cui la descrizione dei protagonisti che mi sono accorto non aver fatto) e spero che così riesca a raggiungere più persone.
      Ciao 🙂

  1. Secondo me è una maledizione che ha oscurato il sole e toglie la vitalità alle persone. Anche chi ha “qualcosa da portare assolutamente a termine”, per cui la fiacchezza non riesce a fermala, è comunque influenzata divenendo indisponente perché ha fretta di terminare per “andarsene a dormire”. Chi ha lanciato la maledizione? Non lo so. Perché? Probabilmente:
    a) qualche sgarbo subito da un qualche mago/essere fatato/altro
    b) si tratta di un incantesimo per prendere in pugno una città altrimenti imprendibile (e qui bisognerebbe capire il perché)
    c) qualcuno odiava la città dei fiori per motivi suoi…

    Ciao 🙂

  2. a) stai andando troppo veloce: così voto solo io!
    b) questo capitolo è stato più breve degli altri o sbaglio?
    c) giustiziati no, se no la storia è già finita. Nel magico mondo del fantastico sì per via della trama riportata nell’incipit. Avrei voluto votare il secondo me… ma non saprei che cosa, visto che non conosco il mondo (l’unica opzione possibile sarebbe la famiglia che abbiamo visto all’inizio).

    Ciao 🙂

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi