LA GIOVANE SCRITTRICE

LA NUOVA STORIA

Una bambina era bravissima a scrivere. Aveva incominciato quando aveva 5 anni e lì aveva scritto la sua prima storia: CAPELLO E CAPPELLO. Anche se poteva sembrare stupido, era serio e parlava della sbadatitudine che c’è il giorno d’oggi. Le piaceva scrivere e dopo il grande successo di CAPELLO O CAPPELLO, non si era più fermata, aveva preso titoli di libri già esistenti e scriveva una storia che si collegava al titolo. Poi li faceva leggere alla sua maestra.

Lei amava anche raccontare sul suo diario ciò che le accadeva a scuola: “14-05-2017

Caro diario, oggi a scuola, quel brutto edificio che tutti i grandi dicono importante, ho fatto la verifica di geografia sui climi d’Italia. Non so come sia andata, credo bene.

Parlando di altro, ti ricordi che il 13-05-2017 ho litigato con Beatrice perché ci escludeva per stare da sola con Andrea? Ecco, oggi ho risolto, anche se in fondo, in fondo la odio ancora 😀 ” Questo era solo un pezzo delle cinque pagine che ogni giorno scriveva sul suo diario peloso. Scriveva anche riflessioni: “7-03-2017

Caro diario, io penso che chi dice che la scuola è noiosa non ha tutti i torti, ma credo che non abbia totalmente ragione perché non è colpa delle insegnanti se tutto ciò che impariamo, il modo in cui lo impariamo sia noioso, ma è colpa di chi ha “costruito” il programma scolastico (non ancora bene chi). Le maestre fanno del loro meglio per non trascurare la scuola, prenderla sul serio ma anche scherzarci un po’ su. ” E ovviamente poi continuava. Scriveva sogni nel cassetto, realizzabili che siano o no: “23-08-2017

Caro diario, da grande voglio fare i due lavori del mondo: la cantante e la scrittrice. Ho promesso alla mia famiglia che quando sarò ricca e famosa le comprerò una villa per uno. Ma non lo faccio solo per i soldi, io lo voglio davvero. A me piace cantare e sono anche molto brava, per non parlare di come scrivo! Non voglio vantarmi (anche se è ciò che sto facendo) ma sento che ce la posso fare, con la mia bravura guadagnerò tanto da dare la metà del mio stipendio da cantante ai poveri, ma quelli da scrittrice me li tengo per le ville 😉 .” Se scoprivi dove si trovava il suo diario, scoprivi tutto su di lei.

La mattina del 15-05-2017, il compleanno di papà Gianandrea, Emma si svegliò e ovviamente, prima di andare a fare colazione cantò le sue due canzoni preferite: Credo (Giorgia) e Vanità (Giorgia). Insomma Giorgia era il suo idolo. Come dicevo, si alzò dimenticandosi che giorno speciale era (anche se il regalo lo aveva fatto) . Il padre, che faceva l’infermiere, aveva fatto il turno di notte e sarebbe arrivato solo dopo le 7:30. Mentre si vestiva la madre, Noemi, la salutò perché lei faceva la professoressa di inglese alle medie. Dovete sapere che Emma in quel periodo stava scrivendo una storia su un sito chiamato THe incipit. La sera prima aveva scritto l’ultimo capitolo  del  racconto e aveva scritto il primo capitolo della nuova storia che però non si era inviato, era disperata. Dato che era pronta, accese il portatile e iniziò a scrivere, anche se non la finì. Poi andò a scuola, dove la maestra di geografia la colse impreparata con una interrogazione, fortunatamente non interrogò lei. A inglese ripassarono i pronomi personali e a scienze fecero le cellule. Poi tornò a casa e cominciò a scrivere, scrivere e scrivere… Raccontava di una bambina amante del canto scriveva storie fantastiche che non sembravano affatto scritte da una bambina di 10 anni, ma da una di 15.

Che tipa è Emma?

  • Una ch eha solo amici maschi perchè è una maschiaccia (40%)
    40
  • Una che odiano tutti e che sta sempre da sola (20%)
    20
  • Una che si relaziona molto facilmente (40%)
    40
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

77 Commenti

    • Ciao Nic. Ormai il tuo NICname è questo.
      Sai che ci ho pensato? Nel senso che ho pensato che descrivere le lezioni sarebbe stato un po’ inutile, ma prendo assolutamente in considerazione la tua nota, perciò cercherò di aggiungere anche questo nel prossimo libro. Anche delle visite per Verona non sarebbe male. Per la “QUESTIONE SARA” beh, ho intenzione di infilare qualche episodio nel 2 in cui magari viene invitata in qualche posto e Sara la lascia andare… La lascia fare.
      Sono contenta che non vedi l’ora del 2.
      Ciao

  • Grazie Nic, si, ho immaginato la ragazza piccola, minuta e bassa e non ho potuto che pensare a Rue.
    Mi spiace per gli errori, però hai visto che ce ne sono molti di meno rispetto ai seguenti capitoli.
    Per Red, vorrei fare un seguiti, ovviamente.
    Magari hai ragione… Rue se ne va e la sua rivale diventa la sua migliore amica

  • Molto bello, perché sfugge al tema “Dei club” che dopo un pó annoia.
    Ho votato il canto, ma mi sono chiesto: Emma non é un pó troppo piccola per vivere da sola?
    Mi piacerebbe che a scuola Emma trovasse un “rivale” col quale competere a canto e in scrittura.
    Anch’io ho trovato qualcqualche erroruccio (?) dovuto alla fretta e capisco benissimo il tuo scusante.
    Ciao, Nic

    • Ciao NorahEmme. Benvenuta! Sono contenta che la mia storia ti piaccia. Volevo mettere nel settimo capitolo la storia dei fratelli. Ma poi non sapevo cosa mettere nelle tre possibilità, perciò ho deciso così, nella speranza che tutti votassero fratelli. Per fortuna è successo. Aspetterò ancora un po’ prima di scriverne un altro.
      Ciao anche a te Naomi. Ciò che ho scritto a NorahEmme è assolutamente vero, ma ammetto una cosa: aspetto un po’ anche perché non so cosa inventarmi, come far reagire Emma e Selena (Gomez). Se avete dunque (tutti) qualche consiglio da darmi sarei molto felice di aggiungerlo nella storia 😀 .

    • Ciao Hannock. Come prima cosa benvenuta. Seconda cosa: Emma sono io. Infatti, se vai a leggere la mia scorsa storia, le due protagoniste erano Emma ed Elisa (la mia migliore amica) e Selena, bè, non so perché l’ho messo. Era il primo nome che mi era venuto in mente.
      Ciao

    • Ciao Basilissa, benvenuta! Lo dico a te, ma a tutti, dato che praticamente nessuno ha votato le altre due, secondo me era decisamente più armonioso se formavano un club per chiunque voglia entrare, dato che ormai amici lo sono già. Comunque, grazie per aver letto la mia storia

  • Anche io sono un pochino confusa come Red, però penso che ora dovrebbero far capire loro che hanno sbagliato….
    Un piccolo consiglio noioso: secondo me le abbreviazioni vanno bene nei messaggi ma non in una storia, ti consiglio di scrivere “perché” è non “xché” e “comunque” anziché “cmq”… dai l’idea di andare di fretta nello scrivere usando le abbreviazioni, e ho sempre pensato che sembra di ascoltare un robottino ?

  • Bello questo commento. Complimenti. Studi lingue? Pensavo solo spagnolo!
    Cmq, oggi ho dato inizio alle due settimane + belle: ho iniziato a leggere “Hunger Games, la ragazza di fuoco”, sono rimasta senza parole.
    Oltre ai miei libri, grazie.
    GILI

  • Matteo, domani ti riporto Hunger Games, l’ho finito. è una storia mitica e consiglio questo libro a chiunque sta leggendo questo commento. Mi è piaciuto molto, se mi presti il 2, poi il 3 lo prendo nel posto più bello del mondo… la biblioteca.
    ciao

  • Gli altri 2 club gli chiedono di entrare e loro accettano. Magari il loro club diventerà una sorta di segreto. Qualcosa che hanno in comune. Carina la descrizione della camera di Selena: sono scoppiata a ridere pensando ad un computer con gli unicorni, magari anche con il salvaschermo con gli arcobaleni! No, proprio non fa per me.
    Ciao!

  • ———————
    -Guarda, non fai per me. Non so se noti dai vestiti o da che altro, ma sono un po’ una maschiaccia. –
    ——————–
    Questa io non l’ho mai sentita…

    Io voto che nessuna delle due riesca a creino un club tutto loro.

    Questo capitolo è più frammentario rispetto al precedente.

    Ciao 🙂

  • Ho sempre odiato i club, non li ho mai sopportati.
    Sono ciò che fanno i più popolari per sentirsi al centro dell’attenzione… E mi hanno rovinato abbastanza le elementari, me lo ricordo ancora…
    Quindi voto che creeranno un club solo loro due, perché cercare così tanto di essere accettati a volte è solo la propria rovina, è meglio se ne stiano per conto loro, si divertiranno di più. 🙂
    Bel capitolo comunque, migliori sempre di più ?

    • Non so, io avevo in mente di far entrare Emma nel club e poi verso la fine, dopo mille volte che chiedeva a TopTough di far entrare anche Selena nel club, nel senso che se hanno fatto entrare lei, possono far entrare anche Selena, poi tutti i maschi del club protestano contro Sandas e fanno diventare capa Emma che fa diventare quel club di soli maschi un club per chi vuole. Ovviamente fa entrare anche Selena. Diventano B.F.F. 😀
      GILI 😛

    • Ciao Erri, sembra che mi conosci! Io mi relaziono molto facilmente e Nicholas Andrews ti può dare conferma. Io saluto le persone per strada e se sono da qualche parte in particolare e vedo una bambina/o che mi sembra interessante non mi faccio problemi a farmela/o subito amica/o !
      Mi spiace, ma comunque non hai vinto. Ciao

  • Ciao Gili, bentornata con una nuova storia, direi autobiografica…
    Non ti conosco quindi voto per preferenze mie, la mia migliore amica delle elementari era un maschiaccio e perciò voto quell’opzione perché mi ricorda la mia infanzia ☺️
    P.S. Anche io avevo un diario peloso!!! Fuxia, con la faccia di Minnie sulla copertina ?

  • Senza offesa,Emma, ma ho voluto modificare la realtà, creando qualche cambiamento che potrebbe farti venire più difficile la scrittura, ma più interessante la storia, perciò ho votato “bambina odiosa”.
    A parer mio questa storia diventerebbe un po’ troppo ordinaria se non distorta dalla vita di tutti i giorni, no?
    Per il fatto del vantarsi sta’ tranquilla: meno volte ti scusi, meno volte riconosceranno il vanto.
    DOMANDONA: hai messo l’INCIPIT nel genere avventura, ma non credi che la tua autobiografia possa risultare un pochino fuori luogo?
    Comunque sono certo che andrai benissimo, come sempre 😉
    Domandina: chi è Andrea? il fidanzato di Beatrice? O solo un amico a cui è molto legata?
    Alcune cose bisogna spiegarle, ma se hai lasciato il mistero apposta ritiro la domanda, sono certo che tu sai ciò che fai.
    Ho ripreso in mano Biancaneve, sono andato avanti di due capitoli e spero che presto aggiungerò il quinto.
    Se vuoi passami a trovare lì, ho proprio bisogno di te, cuginetta mia!
    DOMANDONA: sai se si possono scrivere racconti a più mani? cioè un INCIPIT scritto da più scrittori?
    Se sì mi piacerebbe farlo con te, ma solo se tu hai voglia.
    Abbraccione, da Nicholas!
    P.S. di nuovo senza offesa 😉

    • Ciao Nicholas, hai ragione per l’opzione votata. Se riesci a far vincere quella, sarebbe molto bello. Sai, con una storia così è difficile mandare avanti se sei una che parla con tutti. (Io però sono così) Per l’avventura, volevo fare qualcosa che somigliasse alla realtà, ma con tutti i generi che c’erano non sono riuscita a trovarne uno adatto. Se mettevo fantasy dovevo aggiungere qualcosa di magico, non ho nessuna voglia di indagare e di far morire qualcuno, era l’unica via. Andrea è uno bellissimo e che Beatrice si vuole tenere per sé, ma nella realtà non è così, Beatrice è quasi la mia migliore amica! Ho dimenticato di scriverlo. Ho visto e letto i tuoi ultimi capitoli, la storia continua a piacermi, non ho commentato perché ero di fretta, ma poi lo farò.
      Per scrivere racconti a quattro/sei//otto ecc. bisogna incontrarsi e unire i cervelli, online non si può, ma potrebbe essere una buona idea per quelli che hanno formato THe incipit e se stanno leggendo questo commento, spero inseriranno questa possibilità. Se poi hai voglia di incontrarci per scrivere una storia, quando abbiamo finito le nostre, Biancaneve ovvero la più MALVAGIA del reame e LA GIOVANE SCRITTRICE, potremmo iniziare a pensare al tema, ho già un’ideuccia che volevo utilizzare per la nuova storia, ma poi mi è venuta in mente quella della autobiografia
      GILI 😛

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi