Mutati Maggiori – La Fine delle Famiglie

La situazione odierna

Sono passati alcuni mesi dagli ultimi eventi accaduti, alla Stazione Orbitante Nebula i Mutati ritrovati nei laboratori delle tre famiglie sono stati sottoposti ad intense cure.

Alla donna-tigre che era stata soggetto dell’esperimento Odysseus, le è stato dato il nome Hifi; è ancora sotto cura ed osservazione. Nel suo percorso di ripresa, la sta accompagnando Ray, un “cucciolo” Mutato Maggiore Procione unico della sua specie; lui la sta aiutando in tutto quello che può fare: aiutarla nei movimenti, nello studio, ma soprattutto in quella che lui chiama “cura delle coccole” che, a suo dire, aiuta molto la sua anima provata.

Hifi indossa un top a canottiera ed un paio di short. Nessun altro abito; dice che le sono scomodi. Quando può permetterselo, va pure in giro nuda. Ray, come tutti i Mutati Maggiori Cuccioli, non indossa alcun abito.

Adesso Hifi sta tenendo in braccio Ray. Anche se sembra che sia lei a coccolare il bambino, in realtà è il contrario: Ray l’accarezza, l’abbraccia, le parla dolcemente… ed Hifi si commuove tutte le volte.

«Va meglio?» le chiede Ray dopo un bel po’ di tempo

«Sì… io… ti voglio bene!» e lo stringe forte a sé

Ray sorride e ricambia.

«Forza – dice dopo un attimo – Vediamo come vanno i tuoi movimenti»

Scende e si dirige in un luogo pieno di nastri a diverse altezze. Lo supera a fa cenno ad Hifi di raggiungerlo. Hifi si muove tra i nastri piegando il suo corpo in diverse posizioni, scavalcando i nastri, passandoci sotto ed in altro modo evitandoli. Con grazie felina, è proprio il caso di dirlo, riesce a superare il percorso. Ray applaude.

«Visto che ce l’hai fatta?» dice tutto contento andando ad abbracciarla

«Sì… grazie» risponde lei ricambiando

Ray sta per dire qualcos’altro, quando bussano alla porta. Entra una ragazzina. È Vale, la Mutata di classe Protector che Ray ha salvato dal luogo degli esperimenti.

«’ao Rrrrrrray» pronuncia con qualche difficoltà.

«Vale! Riesci di nuovo a parlare!» esclamano sia Hifi che Ray

Vale annuisce e consegna loro un foglietto. Ray legge.

«Dicono che sono riusciti a ricostruire le tue corde vocali, ma adesso devi esercitarti a parlare. Che dici?» conclude voltandosi verso Hifi.

La donna-tigre annuisce. Poco dopo si trovano tutti seduti intorno ad un tavolino.

«Allora – dice Ray – ripeti con me: ci»

«Fi»

***

Intanto al Centro Raccolta Mutati Abbandonati, Mila sta comunicando con Annah sulle ultime novità. Annah l’ha messa al corrente sui progressi dei vari Mutati che hanno salvato.

«…alcuni di loro potremmo mandarteli in settimana, se non hai problemi» conclude.

«Tranquilla: c’è sempre spazio per chi ha bisogno di aiuto. Mi sto organizzando per un’altra sessione di adozioni. Qui va tutto bene. Asso sembra che si sia ben integrato, dopo la brutta vicenda che lo ha coinvolto. Continua a chiamare Ari “Orsetto”, con grande disappunto di Tila, ma per il resto va tutto bene»

«Continua a considerare i Mutati Maggiori dei Peluche?»

«Eccome! Però sono viventi e quindi bisogna volergli bene. Sta diventando il suo motto. A proposito di Mutati Maggiori: ti ricordi quel “trattato” che ci ha consegnato Asso? Beh, lo abbamo quasi tutto decodificato. E ci sono cose interessanti: ad esempio, sapevi che sono stati i primi ad organizzarsi durante i conflitti come una sorta di forza… polizia, soccorso, un po’ tutto? Sembra che qualcosa nei loro genomi li abbia spinti in questa direzione… e dire che sono stati creati come cavie prima e macchine da guerra dopo. Ci manca solo una piccola parte. Credo che riguardi il motivo per cui il progetto sia stato abbandonato secoli addietro. Ho contattato Regina, la Mutata Leader, per discuisire delle scoperte con lei. Sei invitata, se sei interessata»

«Eccome! Ma credo che lo siano anche parecchi Mutati Maggiori… a proposito: si sa niente delle tre Famiglie?»

«Non si sono più fatte vive da allora. Però qualcosa sotto banco si muove. Come sai sono arrivate ai ferri corti e la gente sembra sapere qualcosa: hanno iniziato ad abbandonare tutti i Mutati che avevano acquistato dalle famiglie. Alcune si stanno preparando a lasciare le loro case. Gli Squadroni sono aumentati… c’è gran fermento, anche se per ora non è successo niente. A parte l’enorme mole di lavoro che si sta accumulando. Ogni giorno porto tra i 10 ed i 20 nuovi Mutati abbandonati da quegli incompetenti. Se continua così dovrò ingigantire l’isola – ride – In settimana dovrei mandarti alcuni per dei controlli medici»

«Sei sicura di riuscire a gestire la situazione? Insomma…»

«Non ti preoccupare: me la caverò benissimo. Ora ti devo salutare: ho altri Mutati da accogliere»

Spegne il monitor. Il volto sorridente si spegne. Poggia i gomiti sul tavolo e si tiene la testa con le mani.

«Dovrò decidermi a far qualcosa: rischio di avere mezzo pianeta da gestire, se continua questo tasso di abbandono… ma perché gli umani di Altair IV sono così stupidi?»

«Mila? Ci sarebbe altri 10 Mutati che avrebbero bisogno della tua assistenza»

«Quanti bimbi?»

«Otto»

«Arrivo, Vivian. Prepara il tutto» si alza.

Come vogliamo procedere?

  • Scateniamo il Caos: diamo inizio agli eventi! (33%)
    33
  • Vediamo le 3 famiglie: cosa si stanno preparando a fare? (50%)
    50
  • Allarghiamo l'orizzonte: assistiamo all'incontro con Regina (17%)
    17
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

124 Commenti

  • Innanzitutto complimenti per la copertina, anche se in ritardo. 🙂
    Questi due ultimi episodi sono stati molti densi dal punto di vista delle informazioni. Non mi resta che iniziare a leggere la seconda parte per scoprire che cosa accadrà ai Mutati. Anzi, a questo punto a tutti i personaggi coinvolti nella storia. 🙂

  • A chi mi legge ora: il 22 Agosto mi hanno assegnato la copertina e la prima pagina! Sto ancora saltellando ^_^ Non riuscirò a capire con quali criteri viene assegnata, ma sono felice ^_^

    Il prossimo capitolo arriverà domani o dopodomani (spero domani) e l’inizio della seconda parte, spero, il giorno dopo 🙂

    Ciao 🙂

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi