Aether

Dove eravamo rimasti?

Che cosa tratterà il prossimo capitolo? L'incontro tra Zoe ed il misterioso peronaggio (80%)

L’uomo

Tra le strade semideserte di un piccolo centro commerciale, un giovane uomo girovagava a piedi pieno di curiosità.
Due occhi celesti contrastavano il colore corvino dei suoi capelli, mentre la sua camicia celeste dava una certa luminosità al suo candido volto. Un bellissimo uomo, dopotutto.
Il suo sguardo si focalizzò dall’altra parte di un vetro e notò molte persone che mangiavano: era già ora di colazione.
La sua mano strinse quindi la maniglia della porta, e poi la spinse.
Un barista sulla sessantina che stava al bancone lo notò, elogiando sin da subito il suo aspetto:
<< Che cosa ci fa un bell’uomo come Lei in questo locale? >>
Il giovane uomo sorrise, sfoderando dei denti perfettamente bianchi e simmetrici.
<< Grazie per le lusinghe, >> rispose cordialmente, << ma mi sentirei più a mio agio con una tazza di cappuccino ed una brioche appena sfornata. >>
<< È nuovo Lei di qui? >>, domandò cortesemente, non associando il suo volto a nessuno di conosciuto.
Il giovane uomo ci mise qualche secondo a formulare una risposta, poi disse: << Sarei solo di passaggio. >>
Il barista si voltò di nuovo, e poi prese una tazza per il cappuccino come richiesto dal cliente, la mise sotto la macchinetta del caffè e spinse la leva verso il basso. Infine, una volta pronto, si rivoltò verso di lui porgendoglielo con gentilezza.
<< E dove starebbe andando, se posso sapere? >>, domandò cortesemente.
Il giovane uomo prese la tazza in mano, mentre con l’altra si tastò la barba incolta: << Sto andando a Miami Beach, ma probabilmente ho appena perso il treno, >> rispose facendo spallucce.
<< Mi dispiace, >> si scusò il barista cercando di tiragli su il morale. Poi chiese: << Per lavoro? >>
L’uomo scosse la testa: << No, >> poi fece una breve risata, << sto andando a trovare una persona che conosco, >> aggiunse.
<< Ma forse posso ancora arrivare in tempo… >> esclamò con un tono di voce piuttosto calmo, ma con uno sguardo che sembrava avere appena trovato l’ispirazione: <<  C’è qualche bus diretto a Miami Beach? >>
Il barista sorrise.
<< È fortunato, ne passa uno proprio qui davanti tra dieci minuti. >>
Il giovane uomo assunse uno sguardo vittorioso, dopotutto non aveva ancora perso la sua occasione.
Gustò quindi la sua colazione, scambiando qualche battuta simpatica con il barista e poi pagò.
Il giovane uomo ad un certo punto alzò il braccio e guardò l’orologio: il bus sarebbe passato di lì a momenti.

Il mare davanti a loro si muoveva impetuoso e le macchine che passavano per Ocean Drive non rasserenavano l’umore ancora frastornato di Zoe.
<< Lo so che è stata dura, >> cercò di rassicurarla Sam, << ma devi mettere da parte quello che ti è successo se vuoi andare avanti. >>
La ragazza lo guardò storto: << Ah, davvero? >> Poi scosse la testa, facendogli notare la sua disapprovazione: << Tu neanche sai che cosa ho visto là. >>
Il ragazzo alzò quasi le mani al cielo dalla disperazione: << Ancora? È da due giorni che vai avanti con questa storia… Non credi che dovresti raccontarmelo invece di sgridarmi continuamente? >>
Zoe sbuffò: << Non capiresti… >>
Sam rispose con una risatina isterica: << Perché tutte le volte che ti chiedo qualcosa rispondi che non hai niente… E ti arrabbi. Spiegami perché… >> Scosse la testa: no, non era quella la soluzione. << Anzi: non me lo dire. Non mi serve saperlo adesso. Voglio solo che tu stia bene. >>
Lei strinse gli occhi, disperata: << No, non posso… >>
<< E allora raccontami… >> Almeno così si sarebbe un po’ calmata, pensò.
<< Non mi crederesti, >> rispose, temendo di fare la figura della stupida. Temendo di perderlo.
Il ragazzo ci riprovò: << Dimmi qualunque cosa. Me la farò andare bene, ma non sopporto quella tua faccia così triste. Ti prego… >>
Zoe sussultò: << Non sei disposto ad ascoltarmi davvero… Vuoi solo che io stia bene… >>
<< E che cosa cambia? >>
Alle orecchie di Sam, quelle due frasi parevano la stessa identica cosa. Detta solo in modo diverso.
Zoe si alzò arrabbiata: << Questa, poi! >> Poi scosse la testa.
Lo amava, eccome se lo amava! Ma aveva bisogno di riflettere su ciò che lei avrebbe voluto e che cosa si aspettava davvero da lui.

<< Vado a fare un giro, ci sentiamo dopo, >> gli disse cercando di non scomporsi.
Sam ci rimase male, davvero male. Ma si fidava della sua ragazza.

Zoe camminò sotto le alte palme di Ocean Drive, guardandosi intorno per cercare una risposta.
Infine, sfinita, si sedette su una panchina.
Il suo sguardo venne catturato da un giovane uomo vicino a lei che stava leggendo il giornale: dove lo aveva già visto?
<< Ciao, Zoe, >> la salutò lui.
La ragazza inclinò la testa: << Ci conosciamo? >>

Che cosa Succederá tra Zoe ed il misterioso personaggio?

  • Zoe parla un po' con il personaggio, ma poi arriva Sam che interrompe tutto. (80%)
    80
  • Zoe parla un po' con il personaggio, e poi decidono di prendere qualcosa da bere insieme. (0%)
    0
  • Zoe parla un po' con il personaggio, e poi lei se ne va per conto suo. (20%)
    20
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

36 Commenti

    • Ti dirò… Concentrare una storia in dieci capitoli non è semplice… Devi adattare, tagliare, sintetizzare… E tenere comunque un alone di mistero. In dieci capitoli sarà un’impresa, ma dovrei farcela a mettere una parola fine e a risolvere la trama. Speriamo ?

  • Sulla scelta concordo con Red, non lo vedo nemmeno io cattivo, solo che non può essere così perfetto!?
    Bel capitolo, sopratutto bello il modo di inserire la scena in una conversazione, è la protagonista stessa a raccontarlo alla sua amica ma anche a noi lettori. È una scelta di narrazione particolare che ho apprezzato molto ?
    Ciao, buona giornata!?

  • La scelta che mi convince di piú é Zoe che parla un po’ con il personaggio e Sam che li interrompe.
    Mi è piaciuto molto l’inizio di questo capitolo con la descrizione dell’uomo che entra nel bar. Il personaggio mi piace, stai costruendo molto bene il tuo intreccio. C’è la giusta dose di azione/descrizione/mistero 🙂 mi fa davvero piacere seguirti.

    • Sará sempre una scena a due, perchè la modalità con cui racconto il terzo capitolo è un po’ particolare. A dire il vero ci saranno anche qui tre personaggi, però non nel modo in cui potresti immaginarlo. È una sorpresa, spero che riesca anche stavolta!
      Ciao ciao e alla prossima,
      Fant

  • Ovviamente scelgo Zoe. 🙂

    Questo capitolo è stato insolito. Inutile dire quanto sia complesso descrivere un oggetto o forma che non appartiene a questo mondo.
    Trovo che tu sia riuscito a rendere molto bene l’idea di un elemento vivente che prova ad interagire con il nostro mondo. 🙂 Aspetto il momento in cui la povera Zoe lo incontrerà

    • So che non sarà nelle vostre aspettative, però ho cercato di lasciare una sorta di effetto sorpresa nel terzo capitolo.
      Comunque devo dire che è proprio vero che non è stato facile descrivere questa strana forma di energia! Ma dal tuo commento sembra che io ci sia riuscita. Wow, grazie davvero per questo bel commento.
      Allora al prossimo capitolo!

  • Ciao! Come promesso, eccomi qui: inizio subito col dire che ho votato per l’incontro tra Zoe e il misterioso personaggio, perché credo che, quando un racconto è ancora così agli inizi, sia giusto tenere un filo logico che aiuti il lettore a non perdersi.
    Devo dire che ho apprezzato molto la descrizione di questa creatura fatta di energia, anche se, se posso permettermi un piccolo appunto, mi pare che veda il mondo con occhi un po’ troppo “umani”: la cosa si nota, secondo me, nel punto in cui descrivi il suo primo incontro con un essere umano (Zoe, se non ho frainteso). Si sofferma su dettagli che affascinerebbero un uomo come gli occhi e i capelli: ma quest’energia è “altro”, forse potrebbe trovare interessanti dei dettagli che dicono poco invece a una visione antropocentrica?
    A parte questo, direi che la trama promette bene e la forma è generalmente piacevole: occhio solo ad alcuni erroracci (un’ + sostantivo maschile, per esempio) che rovinano un po’ l’esperienza di lettura. Se puoi, dai anche un’altra occhiata alle virgole, dal momento che ci sono un paio di punti in cui la struttura della frase non è proprio chiarissima.

    • Beh, un motivo per cui la creatura vede il mondo da occhi umani c’è. E con l’avanzare della storia lo scoprirai.
      Mi spiace se ho fatto degli errori, però non l’ho proprio visto…
      Ciao e alla prossima, spero proprio di riuscire a seguire il tuo consiglio per migliorare!

    • Grazie mille per avermi lasciato un commento!
      Sono davvero felice che la storia ti piaccia! Il prossimo capitolo sarà di nuovo qualcosa di poco banale, almeno spero che l’effetto sorpresa possa sorprendervi…
      Ciao e a presto!

    • Grazie ancora! Avevo appena risposto al tuo primo commento, ma mi hai preceduta ehehe
      Il misterioso personaggio e Zoe sono legati tra loro da un legame che poi svelerò, ma spiegare subito che cosa è successo tra i due mi era sembrato troppo eccessivo. Ho quindi optato per spiegare che cosa è successo alla forma, ma Zoe presto tornerà.
      Allora alla prossima! XD

    • Ciao!
      Ti ringrazio davvero tanto per esserti fermato a leggere questo capitolo, poiché anche voi contribuite a rendere questa storia più bella.
      So che probabilmente non sarà nelle vostre aspettative, ma il secondo capitolo è una sorta di sorpresa che spero vi piaccia.
      Ciao e alla prossima!

    • Ciao! Sono davvero felice che la storia ti piaccia, wow!
      Mi spiace di non averlo potuto ancora fare, ma ho deciso di non svelare ancora che cosa è successo a Zoe, ma che cosa è successo alla forma… Spero che il secondo capitolo possa essere ancora più interessante del primo…
      Ti ringrazio in ogni caso per aver contribuito a rendere più piacevole la trama della storia.
      Ciao e alla prossima!

    • Grazie mille, davvero. Grazie per esserti fermata a leggere cinque minuti questo mio primo capitolo e a rendere più bella questa storia.
      Sicuramente il rapporto tra la forma e Zoe è molto speciale… Ma sarete voi a darmi una mano a capire in che modo possa esserlo!
      Grazie ancora,
      Fant

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi