Olympus

Dove eravamo rimasti?

Chi ha sparato? Harry Herk, il misterioso straniero (100%)

Le stranezze non sono finite

Mi girai di scatto verso la porta. Harry Herk se ne stava fermo, con il revolver fumante ancora in mano e il poncho che svolazzava per la brezza serale. Perplesso, lo squadrai. Aveva un sorrisetto beffardo e gli occhi furbi, e chissà come i suoi vestiti sembravano sempre in ottimo stato, come se li avesse comprati la mattina stessa. Fui richiamato dai miei pensieri dal rantolo e dal tonfo alle mie spalle, seguiti dall’urlo di Hestia dietro il bancone. Mi voltai. Theo era riverso a terra,  con due ferite da proiettile al petto. Il sangue zampillava velocemente, e abbandonava il suo corpo alla stessa velocità in cui lo abbandonava la vita. Mi avvicinai, tamponando le sue ferite con entrambe le mani. Con grande sforzo, attirò la mia attenzione al suo viso, e sussurrò: “Non ti preoccupare, amico”. Poi spirò. Mi ero appena fatto un amico in quella stupida città, e quel belloccio aveva dovuto rovinare tutto. “Che problema hai?!?, urlai quasi in lacrime, Che aveva fatto di male?”. Poi mi ricomposi, e gli puntai la Chrono-27. “Getta le tue armi” intimai. Quando la sua pistola, il suo fucile e il suo coltello furono a terra, mi avvicinai, e gli legai le mani dietro la schiena con il suo stesso lazo. “Harry Herk, ti dichiaro in arresto per omicidio in luogo pubblico”. Lo portai nel mio ufficio e lo legai ad un palo. Una volta che si fu messo comodo a terra, parlò: “Guarda che non ho fatto niente di illegale. Controlla la mia bisaccia. Troverai il mandato di arresto per quel tipo”. “Sta’ zitto!”, lo interruppi, ma poi aprii la bisaccia. In effetti c’era un foglio di carta con un ritratto sbiadito di Theo. “Ricercato, vivo o morto. Ricompensa 200 dracme da riscuotersi al municipio presso Zeus Chronson”. Era incredibile! Mio padre aveva piazzato una taglia sulla testa di Theo. Avevo bisogno di spiegazioni. Chiusi a chiave la porta dell’ufficio, e lasciai Herk legato al suo interno, poi mi incamminai verso il municipio. Nonostante fosse notte, volevo parlare con mio padre. Stranamente, lo trovai nel suo ufficio, con un bicchiere di whiskey Ambrose in mano, che guardava fuori dalla finestra. “Guarda com’è limpido il cielo stasera”, disse, ma lo interruppi subito. “È vero che hai messo una taglia sulla testa di uno di nome Theo?” gli chiesi. Disse che non si ricordava, e si mosse verso uno schedario per controllare. Dopo un po’ di tempo, tirò fuori una cartella ingiallita. “Probabile che sia questo qui con i capelli rossi. Prometheus Japson, ricercato per spionaggio industriale, vivo o morto. Wow, ho piazzato questa taglia sessant’anni fa…” Sessant’anni? Theo non poteva essere così vecchio. Volevo risposte, ma me ne andai con il triplo delle domande. E cosa fa un uomo quando vuole distrarsi? Corsi al saloon, che tanto era aperto tutta la notte. Il corpo di Theo era stato portato via, ma la macchia di sangue era ancora lì a terra. Hestia era dietro al bancone, quindi le chiesi del whiskey e mi sedetti davanti a lei. “Dev’essere un duro colpo per te”, iniziò, ma la interruppi bruscamente: “Hestia, voglio un whiskey, non le condoglianze”. Poi mi accorsi che si era rabbuiata, e allora mi resi conto di aver esagerato. “Scusami, dissi, è che sono scosso e voglio bere, tu non c’entri nulla, non avrei dovuto parlarti in quel modo”. Lei allora tirò fuori due bicchieri. “Posso essere anche una compagna di bevute”, disse sorridendo, e poi diventò più seria e mi prese la mano. “Comunque, mi dispiace per il tuo amico,” disse, e alzò il bicchiere, “A Theo”. Risposi anche io e brindammo. Era cresciuta da quando me n’ero andato, non mi aspettavo bevesse così tanto. Continuammo a bere e parlare per gran parte della notte, e mi accorsi solo dopo che per tutta la durata della conversazione non ci eravamo mai lasciati la mano. Alle prime luci dell’alba, iniziai a barcollare verso l’uscita, ma mi fermò: “Sei troppo ubriaco per tornare all’ufficio. Resta a dormire qui”. E allora barcollammo insieme verso le scale sul retro del saloon, in cerca di una stanza libera. Ad un certo punto, sulle scale, inciampò e mi cadde addosso, trascinando entrambi a terra. In quel momento, così avvinghiati, mi guardò negli occhi. Le nostre facce erano troppo vicine per non fare nulla, ma essendo ubriaca mi sembrava di starmi approfittando di lei. Non feci in tempo a completare il ragionamento, che mi baciò. 

Dopo alcuni minuti che ci baciavamo sulle scale, fummo interrotti da una voce familiare: “Ehi amico, devo morire più spesso se questo è il risultato!”. Non credevo ai miei occhi, Theo era sopra di noi, appoggiato al corrimano, e ci guardava sorridendo. L’alcol, le domande, il bacio con Hestia, Theo vivo… era troppo. Svenni.

Che cosa farà Ermes dopo aver avuto tutte le spiegazioni da Theo?

  • Andrà a liberare Harry Herk (50%)
    50
  • Tornerà a fare altre domande a Zeus (50%)
    50
  • Approfondirà con Hestia (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

46 Commenti

  1. Ottimo finale! Cose in sospeso ed altre spiegate. Ade che ha preso il posto di Zeus non me lo aspettavo e mi ha fatto piacere. Come tutti i finali su The Incipit forse un po’ accelerato, ma sempre una gran finale 🙂

    Il difetto di questa storia è forse stato la lunga pausa che non ha permesso di godere appieno di tutti i risvolti.

    Ciao 🙂

  2. Anime perdute,
    Siamo arrivati alla fine. Permettetemi di dire che, qualunque cosa ne pensiate, è stato un bel viaggio. Non so se vi piacerà il finale, ma sono contento di aver concluso un lavoro, nonostante l’avessi iniziato anni fa, e sono contento che ci fosse ancora qualcuno a leggermi. Il mio percorso su theincipit è stato molto controverso, perciò è veramente un grande onore che qualcuno “mi si fili” nonostante tutto, quindi vi ringrazio.
    Lasciatemi pure i vostri commenti, le vostre opinioni, e soprattutto le vostre critiche: so che posso migliorare.
    Alla prossima avventura!

    [ ]

  3. Anime Perdute
    Ci ho messo un po’, lo ammetto, ma ripeto: cerco sempre di avere il mood giusto per essere ispirato a scrivere, così il lavoro viene al massimo delle mie potenzialità. Spero di aver compensato l’attesa con un buon capitolo e niente, non vedo l’ora che votiate così da farvi sapere come va a finire!
    Aspetto i vostri commenti,

    [ ]

    • Si dai ce la posso fare ahahah
      In teoria dovrei essere meno impegnato in questi giorni, ma cerco sempre di aspettare il mood giusto per scrivere, così mi viene meglio (credo, ma magari è un placebo).
      Comunque ormai ci sono dentro fino al collo, si merita una conclusione!
      Ciao

      [ ]

  4. Buongiorno Anime Perdute,
    Scusate l’attesa, ci ho messo un po’ più di tempo a scrivere la prosecuzione della storia, ma spero che l’opera compensi il ritardo. Si avvicina la resa dei conti, chissà cosa sarà successo…
    Attendo con ansia i vostri voti, buona lettura!

    [ ]

  5. Anime Perdute,
    Visto lo stallo in seguito all’ultimo capitolo, stavolta ho deciso di non votare, ma di incorporare entrambi i seguiti, cercando di accontentare tutti. È venuto un po’ più lungo del previsto (5000 caratteri precisi), ma spero vi piaccia. Ci avviciniamo alla fine muahahahahaha,
    Buona lettura!
    [ ]

  6. Buongiorno anime perdute

    Eccoci con un altro capitolo, la trama si sta infittendo ma purtroppo abbiamo sorpassato la metà, quindi svilupperò una conclusione. Proprio perché si sta infittendo, qualora servano chiarimenti ovviamente basta chiedere. La domanda di oggi è un po’ intricata ma vi chiedo fiducia.
    Buona lettura!

    [ ]

    • Ciao Red Dragon,
      Devo dire che è bello essere tornato e non vedo l’ora di pubblicare un altro capitolo.
      Comunque per tutti (se ci dovesse essere qualcun’altra in ascolto) ecco una cosa che sicuro vi servirà:

      IL RIASSUNTAZZO DI OLYMPUS
      Ci troviamo in un non meglio specificato deserto western. Ermes ritorna nella città natale Olympus dopo anni di viaggi. Qui incontra vari personaggi della sua infanzia, quali Bacco il barista, Archie l’armaiolo, suo zio Don e suo padre Zeus (il sindaco), che però sembra essere rimbambito in qualche strano modo. Dopo aver sventato una rapina e salvato la cameriera Hestia, incontra il misterioso straniero Harry Herk, arrivato da qualche tempo, l’unico non nato a Olympus. Infine, scambia due parole con una misteriosa prostituta di nome Seph, che si ricorda di lui, ma lui non riesce a riconoscerla. Più tardi lo zio Don gli suggerisce di diventare sceriffo, ruolo un tempo ricoperto dallo zio Ade, morto in circostanze misteriose nella miniera lì vicino.

      Questo dovrebbe bastare, per altri chiarimenti fatemi domande specifiche.
      Al prossimo episodio!

  7. Buongiorno anime perdute

    Non vi aspettavate che tornassi eh? Tranquilli, non me lo aspettavo nemmeno io. Allora, sono consapevole che nessuno ricorda questa storia e perciò nessuno voterà, ma per orgoglio e perché odio lasciare le cose in sospeso ho intenzione di concludere questo racconto. Chissà se gli habitué del sito, tipo red dragon che mi legge sempre, continueranno a seguirmi. Sinceramente non mi interessa poi troppo, non voglio i voti, i commenti o gli incipoints, penso solo che Olympus si meriti una conclusione, e perciò continuerò a scrivere, anche votandomi da solo se necessario.
    Per oggi è tutto, buona lettura

    [ ]

    • So che è abbastanza episodico ma ho avuto difficoltà, non sapevo come articolarlo, comunque ottima scelta.
      Sto leggendo la tua trilogia dei mutati maggiori.
      Io invece sabato torno dalle vacanze che coincidenza.
      A presto

  8. Ciao! Come mai hai cambiato nick?

    Trovo molto interessante questa commissione dei greci e far west. Mi chiedo chi sia lo Straniero e cosa aspettarmi da questa storia. Per ora seguo ultrainteressato.

    Zeus… dunque troppo affettuoso, no. O severo ed autoritario o Distaccato. Mumble… mumble… alla fine ho scelto Distaccato 🙂

    Ciao 🙂

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi