Olympus

Dove eravamo rimasti?

Chi è corso a chiamare Ermes? Theo (67%)

La battaglia finale (più o meno)

Con non poca fretta, accompagnai Seph fuori dalla miniera, seguendo la scia di lanterne che avevo lasciato. Accanto a Bell c’era un altro cavallo, ai cui piedi c’era Theo. “Allora amico, esordì, ce la diamo una mossa? La città è nel caos, sono arrivati dal nulla!”. Subito montammo a cavallo e partimmo al galoppo verso Olympus, intanto che chiedevo chiarimenti all’immortale. “Chi è spuntato dal nulla? Spiegati meglio”, chiesi, e lui: “È arrivato un cavolo di esercito, mentre venivo a chiamarti li sentito che blateravano qualcosa sulla banca”. Erano altri banditi a caccia di benedizioni? Da dove erano arrivate così tante persone? Non avevo tempo per farmi domande simili. “E mio padre?”, chiesi. “Lui e il medico si sono barricati nel municipio con il corpo di tuo zio, invece Herk è corso in banca”. Era incredibile, per quanto mi stesse antipatico quello straniero, era comunque sceso in campo per dare una mano. Era un eroe, dovevo dargliene atto. Arrivammo in città, irriconoscibile per via della marea di persone che correva da una parte all’altra. Alcune botti in fiamme erano al centro della strada, mentre le vetrine dell’emporio erano state rotte. “Va’ al saloon!” dissi a Theo, “La maggior parte della gente sarà lì”. Io invece sarei andato in banca. Mi avvicinai dal retro, ed entrai da una finestra rotta. Mi ritrovai in uno stanzino, un ripostiglio o qualcosa del genere. Socchiusi la porta e sbirciai dalla fessura che si era creata. Un gruppo di uomini era appostato alla porta principale e alle finestre della facciata, mentre un altro drappello si affaccendava davanti alla porta della stanza-cassaforte. ‘Dove diavolo è finito Herk?’ pensai. “Forza, datevi una mossa ragazzi, prima che arrivi quell’imbecille dello sceriffo”, disse l’uomo al comando. Non ci potevo credere: era Herk. Se ne stava lì, col suo poncho e il cappello con le tese che coprivano gli occhi, e il sigaro in bocca. Le armi erano tutte rinfoderate: era il capo dei banditi. “È incredibile quanto sia stupida la gente in questa città, cominciò a monologare, tutti così contenti di sentire quello che volevano sentire che non si sono accorti che li stavo fregando… Pensavate fossi l’eroico pistolero eh? Che potevate guardare dall’alto delle vostre belle casette di frontiera… Intanto siete gli unici in questo stupido deserto a possedere le benedizioni, i vostri poteri sovrannaturali dei miei stivali… DIRITTO DI NASCITA bla bla bla, ma fatemi il piacere. Quel cantaballe di Zeus è il primo a fregarli e nemmeno se ne accorgono!”. Aveva detto troppo: non potevo starmi zitto davanti a quel mare di cavolate. Uscii dalla stanza puntandogli la pistola. “Che vai dicendo, traditore?!” dissi, e lui subito mi rispose sorridendo: “Ermes! Sei arrivato, finalmente. Vuoi arrestarmi?”. Subito lo zittii: “Mio padre sarà un bastardo, ma non sta ingannando nessuno, quindi sta’ zitto! Che cosa credi di fare, intascarti tutte le benedizioni?”. Lui scoppiò a ridere, e poi schioccò le dita. Sei uomini abbandonarono le loro posizioni e mi accerchiarono, puntandomi le loro pistole. “Ohh Ermes, quasi ti invidio… vorrei essere un idiota credulone anch’io…” Ma fu interrotto da uno degli uomini davanti alla porta blindata: “Ehi capo? L’abbiamo aperta!”. Il sorriso di Herk si accentuò ancora di più. “Ottimo!”, disse, e poi si rivolse a quelli intorno a me: “Ragazzi, fate quello che dovete fare” e andò verso la stanza-cassaforte. Erano in cerchio quasi perfetto accanto a me, tutti con le pistole cariche puntate da qualche parte sul mio corpo. Avevano commesso un errore, e io avevo già pianificato come sfruttarlo. “Va bene, ragazzi, dissi, mi arrendo” e posai la Chrono-27 a terra. Nel farlo, però, misi rapidamente la mano in tasca, e poi la ritirai fuori, stringendo nascosta nel pugno la Benedizione. “Mi dispiace, sceriffo, disse uno di loro, non facciamo prigionieri”. Attivai la Velocità, e tutti svuotarono i loro caricatori, ma io mi ero buttato celermente a terra. Quegli idioti si colpirono a vicenda, mirando tutti al centro del cerchio. Ripresi la pistola e corsi verso il caveau, preparandomi ad affrontare Herk. A metà strada, però, un’esplosione ruppe la parete alla mia destra, e l’urto mi scaraventò a terra. Con gli occhi socchiusi e le orecchie che fischiavano, vidi di sfuggita Herk che montava su un carro con una borsa piena di benedizioni, insieme a quel che restava della banda. Chiamai a me tutte le mie forze per rialzarmi, e corsi da Bell, per inseguirlo. Si era già avviato verso ovest nel deserto roccioso, e io ero al galoppo dietro di loro. Non potevo permettere che portasse via le benedizioni. Coperto dal rumore delle ruote, affiancai il carro e saltai indisturbato sul tetto di legno. Però, qualcuno mi notò, e due uomini salirono. Sparai a entrambi. Presi una delle loro pistole e iniziai a sparare a caso attraverso il tetto, sperando di colpire gran parte della banda. Infine, mi avvicinai al davanti del veicolo, scoperto, dove Harry Herk teneva le briglie.

Che cosa si fa con Herk?

  • Ci si unisce a lui da bravo fuorilegge (0%)
    0
  • Lo si arresta da bravo sceriffo (75%)
    75
  • Lo si ammazza da bravo pistolero (25%)
    25
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

46 Commenti

  1. Ottimo finale! Cose in sospeso ed altre spiegate. Ade che ha preso il posto di Zeus non me lo aspettavo e mi ha fatto piacere. Come tutti i finali su The Incipit forse un po’ accelerato, ma sempre una gran finale 🙂

    Il difetto di questa storia è forse stato la lunga pausa che non ha permesso di godere appieno di tutti i risvolti.

    Ciao 🙂

  2. Anime perdute,
    Siamo arrivati alla fine. Permettetemi di dire che, qualunque cosa ne pensiate, è stato un bel viaggio. Non so se vi piacerà il finale, ma sono contento di aver concluso un lavoro, nonostante l’avessi iniziato anni fa, e sono contento che ci fosse ancora qualcuno a leggermi. Il mio percorso su theincipit è stato molto controverso, perciò è veramente un grande onore che qualcuno “mi si fili” nonostante tutto, quindi vi ringrazio.
    Lasciatemi pure i vostri commenti, le vostre opinioni, e soprattutto le vostre critiche: so che posso migliorare.
    Alla prossima avventura!

    [ ]

  3. Anime Perdute
    Ci ho messo un po’, lo ammetto, ma ripeto: cerco sempre di avere il mood giusto per essere ispirato a scrivere, così il lavoro viene al massimo delle mie potenzialità. Spero di aver compensato l’attesa con un buon capitolo e niente, non vedo l’ora che votiate così da farvi sapere come va a finire!
    Aspetto i vostri commenti,

    [ ]

    • Si dai ce la posso fare ahahah
      In teoria dovrei essere meno impegnato in questi giorni, ma cerco sempre di aspettare il mood giusto per scrivere, così mi viene meglio (credo, ma magari è un placebo).
      Comunque ormai ci sono dentro fino al collo, si merita una conclusione!
      Ciao

      [ ]

  4. Buongiorno Anime Perdute,
    Scusate l’attesa, ci ho messo un po’ più di tempo a scrivere la prosecuzione della storia, ma spero che l’opera compensi il ritardo. Si avvicina la resa dei conti, chissà cosa sarà successo…
    Attendo con ansia i vostri voti, buona lettura!

    [ ]

  5. Anime Perdute,
    Visto lo stallo in seguito all’ultimo capitolo, stavolta ho deciso di non votare, ma di incorporare entrambi i seguiti, cercando di accontentare tutti. È venuto un po’ più lungo del previsto (5000 caratteri precisi), ma spero vi piaccia. Ci avviciniamo alla fine muahahahahaha,
    Buona lettura!
    [ ]

  6. Buongiorno anime perdute

    Eccoci con un altro capitolo, la trama si sta infittendo ma purtroppo abbiamo sorpassato la metà, quindi svilupperò una conclusione. Proprio perché si sta infittendo, qualora servano chiarimenti ovviamente basta chiedere. La domanda di oggi è un po’ intricata ma vi chiedo fiducia.
    Buona lettura!

    [ ]

    • Ciao Red Dragon,
      Devo dire che è bello essere tornato e non vedo l’ora di pubblicare un altro capitolo.
      Comunque per tutti (se ci dovesse essere qualcun’altra in ascolto) ecco una cosa che sicuro vi servirà:

      IL RIASSUNTAZZO DI OLYMPUS
      Ci troviamo in un non meglio specificato deserto western. Ermes ritorna nella città natale Olympus dopo anni di viaggi. Qui incontra vari personaggi della sua infanzia, quali Bacco il barista, Archie l’armaiolo, suo zio Don e suo padre Zeus (il sindaco), che però sembra essere rimbambito in qualche strano modo. Dopo aver sventato una rapina e salvato la cameriera Hestia, incontra il misterioso straniero Harry Herk, arrivato da qualche tempo, l’unico non nato a Olympus. Infine, scambia due parole con una misteriosa prostituta di nome Seph, che si ricorda di lui, ma lui non riesce a riconoscerla. Più tardi lo zio Don gli suggerisce di diventare sceriffo, ruolo un tempo ricoperto dallo zio Ade, morto in circostanze misteriose nella miniera lì vicino.

      Questo dovrebbe bastare, per altri chiarimenti fatemi domande specifiche.
      Al prossimo episodio!

  7. Buongiorno anime perdute

    Non vi aspettavate che tornassi eh? Tranquilli, non me lo aspettavo nemmeno io. Allora, sono consapevole che nessuno ricorda questa storia e perciò nessuno voterà, ma per orgoglio e perché odio lasciare le cose in sospeso ho intenzione di concludere questo racconto. Chissà se gli habitué del sito, tipo red dragon che mi legge sempre, continueranno a seguirmi. Sinceramente non mi interessa poi troppo, non voglio i voti, i commenti o gli incipoints, penso solo che Olympus si meriti una conclusione, e perciò continuerò a scrivere, anche votandomi da solo se necessario.
    Per oggi è tutto, buona lettura

    [ ]

    • So che è abbastanza episodico ma ho avuto difficoltà, non sapevo come articolarlo, comunque ottima scelta.
      Sto leggendo la tua trilogia dei mutati maggiori.
      Io invece sabato torno dalle vacanze che coincidenza.
      A presto

  8. Ciao! Come mai hai cambiato nick?

    Trovo molto interessante questa commissione dei greci e far west. Mi chiedo chi sia lo Straniero e cosa aspettarmi da questa storia. Per ora seguo ultrainteressato.

    Zeus… dunque troppo affettuoso, no. O severo ed autoritario o Distaccato. Mumble… mumble… alla fine ho scelto Distaccato 🙂

    Ciao 🙂

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi