Storia a Caso

Il Dentifricio a caccia del nipote

C’era una volta un dentifricio che era un malato terminale.La sua grave condizione era dovuta al fatto che come mestiere sosteneva un cavatappi di 350 kg,e quindi con il passare del tempo le sue spalle divennero doloranti e malaticcie.Un giorno il dentifricio andò da un grasso per farsi curare,ma il grasso gli disse che solo suo nipote l’avrebbe potuto curare.Quindi il dentifricio andò a casa del nipote del grasso,che era fatta di prosciutto.Il dentifricio entrò ma dentro la casa c’era solo una pepita d’oro,del nipote nessuna traccia.Prese la pepita e andò via affranto.Per la strada incontrò un romanzo che gli disse che il nipote era andato in un sottomarino.Allora il dentifricio si recò al porto,dove c’era un’atmosfera cupa,il porto era deserto e l’aria era rarefatta.Si gettò in mare,e vide il sottomarino del nipote.Nuotò all’impazzata per arrivarci ma poco prima di arrivare,il suo amico piedistallo lo fermò,dicendogli che il nipote non avrebbe mai potuto curarlo,solo degli antibiotici avrebbero potuto farlo.Allora andò in farmacia,lì c’era un monocolo che lo fissava,quindi il dentifricio disse di smetterla di fissarlo,altrimenti lui gli avrebbe infilato una spina nell’occhio,ma il monocolo non smise di guardarlo,perciò il dentifricio fece ciò  che c’era da fare:gli spezzò le braccia.Così il monocolo se ne andò via.Ma non si potevano spezzare le braccia alle persone:è un reato,quindi il dentifricio fu arrestato.

FINE

I dentifrici sono brutte persone?

  • Ma la pepita a cosa serve? (75%)
    75
  • No,sono teneri (0%)
    0
  • Si,giaceranno all'inferno (25%)
    25
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

9 Commenti

    • Grazie,sono a conoscenza del fatto che tra alcuni sostantivi e alcuni verbi non c’è concordanza,il problema è stato che è avvenuto un cambiamento di numero di taluni sostantivi,e per via di una mia distrazione,non ho corretto i verbi e gli aggettivi.Prometto che no farò nessun’altro errore,per via di una semplice distrazione 🙂

  • Partire da un generatore casuale di parole per scrivere un racconto humor è probabilmente un’idea vincente.

    Ora la mia domanda è: farai una storia ad episodio (tutte storie più o meno slegate tra loro) o sarà un racconto unico che parla di questo dentifricio malato terminale?

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi