DON SONNlNO

ALTARlNl

Se Sant’Agostìno venìsse oggì ed avesse così poca aùtorìtà come ì sùoì dìfensorì, non otterebbe nìente. Dìo ha provvedùto bene alla sùa Chìesa avendolo ìnvìato prìma” (Pascal, Pensìerì)

Altarìnì
Era sempre ùn po’ blasè. Era ùn tìpo ùn po’ fanè, o magarì anche raté: Don Sonnìno te lo vedevì al sùo posto…che so…a Santa Fè. E allora che cì faceva Don Sonnìno a Saìnt Aùgùstìn? Faceva ìl parroco e come cì fosse fìnìto lo sa Dìo. Chì altro, senno’, date le cìrcostanze? Don Sonnìno era ùn ebreo romano. Famìglìa convertìta aì tempì dello zìo Sìd: così lo chìamavano ìn famìglìa. Da protestante come zìo Cìd (così, spagnoleggìando e motteggìando, sì rìvolgeva ìl gìovane Sonnìno all’antenato polìtìco sabaùdo), ìl don s’era fatto cattolìco e qùìndì prete. Percorso analogo a qùello percorso da Don Mìlanì, al qùale Don Sonnìno non somìglìava pùnto. Sotto alla tonaca, che ìndossava sempre, ìl parroco dì Saìnt Aùgùstìn, localìtà scììstìca né alla moda né non alla moda, portava ìntìmo grìffato e nelle scarpacce da prete ìnfìlava calze stravagantì ordìnate vìa maìl. Né ì parrocchìanì d’alta qùota né glì altrì ìndìfferentì montanarì né ì tùrìstì avevano maì notato ì dettaglì d’abbìglìamento del Don e non dìco ì boxer ma neppùre qùeì partìcolarì pedalìnì con ìl profìlo dì Bogart all’altezza del malleolo. Del resto, qùantì sono qùantì nell’era del web e del vod sappìano rìconoscere al volo l’ìcona del B-movìe pìù famoso della storìa del cìnema, “Casablanca”? Tantì qùantì possano notare la spìccata somìglìanza dì Sonnìno col Walter Chìarì. Solo ì pochì snob ancora memorì del b/n da grande e pìccolo schermo. Ora ì fattì che stìamo per narrare accadono nella stagìone delle settìmane bìanche. Alla messa del prìmo mattìno, qùella tradìzìonalmente defìnìta
delle vecchìe sorde , la platea è dì solìto composta da ùn commando dì vecchìe sorde o sordastre, per lo pìù perse neì loro confùsì retropensìerì. Oggì è dùnqùe davvero ìnsolìta la presenza dì ùna bellezza ìn doposcì. Talmente ìnconsùeta che Walter, cìoè Don Sonnìno, nemmeno la nota. E contìnùa, Don Sonnìno, contìnùa con la Lettùra del Gìorno. “ …la sìgnorìna Corìnna pìccola, smìlza, col vìso da topo, ì sùoì grìdolìnì affannatì, la sùa ùmìltà; poì, qùand’ella sì rìtìra, maì prìma, la sorella Adelaìde, alta, altera, rìgìda, estremamente magra, con ùn naso grande affìlato, le labbra arrìccìate e fìnì, glì occhì acrì, forse oltraggìata dal fatto che la sorella non le lascìa ìl prete vìsìtatore com’ella desìdererebbe tùtto per sé. Don Ardìto legge qùesto oltraggìo…” e ùna voce daì banchì sì leva stentorea a ìnterrompere: “ Carlo Coccìolì, ìl Cìelo e la Terra, Vallecchì edìtore”. La copìa del romanzo ùscìto gìùsto sessant’annì prìma qùasì sfùgge dì mano a Don Sonnìno, che ha sollevato lo sgùardo gìùsto ìn tempo per ìntravvedere alta, altera, magra, la Sconoscìùta gìrar sùì tacchì, pùr se ì doposcì non hanno tacchì, per lascìar la chìesa. Aspettandosì fìocchì dì neve sparsì ad effetto specìale sùlle sùe trecce morbìde, la gìovane ìn pìena beltà defìnìsce tra sé ìl Don blasè, fanè, raté, mentre sì allontana da Saìnt Aùgùstìne, parrocchìa omonìma del paese o vìceversa. Dentro, ìntanto, la meno sorda e pìù aggùerrìta delle vecchìe sì sta domandando che Vangelo sìa qùello dì Coccìolì.

Raté sta per fallìto, ìn modo elegante, blasè, seppùre ùn po’ sfatto, fanè                                                                                                                         Coccìolì sta per Carlo Coccìolì, narratore che cambìo’ pìù volte fede e Paese, vìvendo anche a Cìttà del Messìco, dove scrìsse anche ìn castìglìano e descrìsse nelle sùe pagìne mìglìorì la perdìta ìnconsolabìledell’amatìssìmo cane

Chì è la Sconoscìùta?

  • Don Sonnìno la conoscerà (50%)
    50
  • Don Sonnìno non la conosce (0%)
    0
  • Don Sonnìno non l'ha rìconoscìùta (50%)
    50
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

4 Commenti

  • Ciao Fab.S.C.
    Dopo aver letto il tuo profilo, sono spaventata all’idea di muoverti anche la minima opinione sul tuo operato.
    Di conseguenza, per ora, mi limiterò a consigliarti solamente il cambio di stile del carattere: grassetto e con tutti quegli accenti, mi è risultata molto pesante la lettura.
    Ho appreso che non non ti farai carico di questo “problema”, ma dovresti.
    Ciao.
    Ilaria

  • Don Sonnino la conoscerà, anche se non mi sembra che, qualunque sia l’opzione scelta, la storia possa prendere veramente direzioni diverse.
    Ciao, Fab Seb.
    Perdona la franchezza, ma che problema hai con la tastiera?
    Hai solo le “u” e “i” accentate?
    Se è un gioco, o una tua scelta espressiva, non sono in grado di apprezzarlo.
    Peccato, perché se tolgo la fiumana di accenti, leggo un incipit interessante e dallo stile molto personale.

    Ciao

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi