DON SONNlNO

Dove eravamo rimasti?

La ragazza sì chìama... Martìna (100%)

DON FALZAREGO

Dì che sa la neve oggi? Sa dì Calvà: sa di Calvados e e di rimpianto. Alla santissima sùpersantissima comùnione, don Sonnino ha avùto ùn piccolo rigùrgito e l’ostìa da meat and blood s’è fatta fetta biscottata imbùrrata, modesta madeline di piccole colazioni d’inverno a Moena. Dove, piccino, il Sonnino aveva imparato a sciare. Di bùon mattino, imbùrrato a pane e marmellata, il bambino Sonnino lasciava, sci a spall’arm, la pensione di Moena per raggiùngere le piste e la neve, la neve sapeva di zùcchero filato. A sera, sùlle scale della pensione di Moena, il ragazzino Sonnino s’intrattenva volentieri con Pinìn… La santa messa conclùsa, il parroco di Saint Aùgùstin, ùn sapore dì rìmpianto in gola, percorre a passo spento la main road di Saint Aùgùstin. Rimpianto e qùasi pianto poiché la signorina Corinne (forse) non s’è vista oggi alla messa. Magari delùsa dalla serata al sùo hotel, col Sonnino sùlle spine, lùi romano antilùpi giallorossi, per ìl big match con la sùa lnter, in svantaggio a San Siro (ma che cavolo dì santo è?) fino al pareggio di Vecino che basta e non basta. Niente letto allora dopocena. E adesso niente bella (forse) Corinne a messa o dopomessa. E sprecata (perla alle povere vecchie pirla parrocchiane) la lettùra del giorno: “ Possiamo soltanto sperare. E tentare. Su qùalche altro mondo, probabilmente è diverso, E meglio. Vi sono chiare alternative di bene e di male. Non qùeste oscùre mescolanze, qùeste mìsùre…” eccetera eccetra che nessùno nessùna aveva riconosciùto come The Man ìn the Hìght Castle dì Philip K. Dick tradotto in italian con “La svastica sùl sole”, Sole sùlla neve a disegnare lùne e rùne d’ombra: incontro a don Sonnino e controcorrente viene qùalcùno e non è la rimpianta Corinne o qùalcosa di simile, è ùn altro prete, ìl former parroco don Falzarego. Vecchìo e vecchìa manìera lo è. Ma non doveva esser morto? Don Sonnino vorrebbe cambiar marciapiedi ma l’altro l’ha già adocchìato. Ma non era morto? Vecchio e vecchio stile, pùnta inesorabile don Sonnino. Pare la scena topica di ùno spaghetti western. E sarà invece piùttosto seqùenza da Bava…Ecco don Falzarego, già parroco in paese, incrociare il nùovo parroco, don Sonnino e attraversarlo! Attraversarlo! Passa attraverso il prete il vecchio prete fantasma: Falzarego passa da parte a parte il sùo sùccesssore e scompare. Al Sonnino fa l’effetto di ùno choc e percio’ canta così: oh oh oh / il tùo tocco è come il rock. Come ùn bacio della cosiddetta Corinne, Se ci fosse stato. Ma non c’è stato bacio. C’erano dolci baci e langùide carezze con la Pinin sùlle scale della pensione di Moena? La pensione di Moena ed ora sei qùasi in pensione, Sonnino! Come si chiamava la pensione di Moena? E la sorella di Pinin? La sorella maggiore della Pinin? Marina, ti pare. E la ragazza Martina? Dov’è la ragazza Martina? Dal cucuzzolo della montagna

con la neve alta così

nella valle noi scenderemo

con ai piedi un paio di sci-sci!

 

Dal cucuzzolo della montagna

sotto a un cielo tinto col blu

e con in testa un passamontagna

scenderemo sempre più giù!

 

Scivolando con gli sci,

scivolando con gli sci,

scivolando con gli sci

con una lunga lunga lunga seggiovia

sulla cima tutta bianca torneremo!

 

Dal cucuzzolo della montagna

con la neve alta così

nella valle noi scenderemo

con ai piedi un paio di sci-sci!

 

Dal cucuzzolo della montagna

con la neve alta così

nella valle noi scenderemo

con ai piedi un paio di sci-sci!

 

Dal cucuzzolo della montagna

sotto a un cielo tinto col blu

e con in testa un passamontagna

scenderemo sempre più giù!

 

Scivolando con gli sci,

scivolando con gli sci,

scivolando con gli sci

con una lunga lunga lunga seggiovia

sulla cima tutta bianca torneremo!

 

Dal cucuzzolo della montagna

con la neve alta così

nella valle noi scenderemo

con ai piedi un paio di sci-sci!

 

Dal cucuzzolo della montagna

con la neve alta così

nella valle noi scenderemo

con ai piedi un paio di

con ai piedi un paio di

con ai piedi un paio di

sci-sci! sci-sci! sci-sci!

Dov'è Martìna?

  • Al paese (0%)
    0
  • A casa (0%)
    0
  • A scìare (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

4 Commenti

  • Ciao Fab.S.C.
    Dopo aver letto il tuo profilo, sono spaventata all’idea di muoverti anche la minima opinione sul tuo operato.
    Di conseguenza, per ora, mi limiterò a consigliarti solamente il cambio di stile del carattere: grassetto e con tutti quegli accenti, mi è risultata molto pesante la lettura.
    Ho appreso che non non ti farai carico di questo “problema”, ma dovresti.
    Ciao.
    Ilaria

  • Don Sonnino la conoscerà, anche se non mi sembra che, qualunque sia l’opzione scelta, la storia possa prendere veramente direzioni diverse.
    Ciao, Fab Seb.
    Perdona la franchezza, ma che problema hai con la tastiera?
    Hai solo le “u” e “i” accentate?
    Se è un gioco, o una tua scelta espressiva, non sono in grado di apprezzarlo.
    Peccato, perché se tolgo la fiumana di accenti, leggo un incipit interessante e dallo stile molto personale.

    Ciao

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi