YOUNG ‘N’ THEIR DREAMS

Dove eravamo rimasti?

che cosa farà l'agente davanti questa macchina? troverà la targa intatta per poi scoprire che Rebecca è la proprietaria dell'auto (100%)

HOME SWEET HOME PT. 2 / EPISODE 4:

L’ agente di polizia trova a terra la targa della macchina ancora intatta.

A Philadelphia nel frattempo, John si collega via skype insieme a Jace, i due parlano della mancanza che entrambi sentono dopo solo un giorno,

La scrivania di John si trova vicino la finestra.

John viene distratto dal ragazzo che vive difronte a lui che lo guarda in modo sospetto.

John riprende a parlare con Jace per poi concludere la videochiamata.

John riesce a sistemare le tende e al di fuori della finestra vede che il ragazzo che era insieme al ragazzo che abita difronte lui, sta uscendo da casa ed una macchina lo prende per portarlo via. 

John scende al pianterreno dove ci sono Jordyn e Jamie che parlano delle loro vite. 

Rebecca e Alexia vanno in negozio per lavorare e si portano i gemelli.

John, Jordyn e Jamie rimangono da soli e decidono di ordinare una pizza.

John chiede a Jamie chi è il ragazzo che abita davanti loro, Jamie gli dice che si chiama Austin, ha diciannove anni, bocciato due volte a scuola e deve fare l’ultimo anno di liceo. Inoltre frequenta una persona non molto raccomandabile e insieme fumano erba e vanno sempre ingiro per fare baldoria. Insomma un ragazzo da cui stare alla larga!!!

Il fattorino che consegna le pizze arriva nella casa, John va ad aprire.

Si ritrova davanti un ragazzo alto e moro e molto simpatico.

John ne rimane colpito.

I ragazzi mangiano le pizze e Jamie dice a Jordyn se ha una fidanzato, quest’ultima le risponde che è single in cerca della persona giusta.

John in modo schietto chiede a  Jamie se sia lesbica e Jamie senza problemi dichiara la sua omosessualità.

John ne è felice che la ragazza si sia aperta, a sua volta lui lo fa con lei, Jordyn si stupisce della velocità con cui si sono dichiarati. 

Jordyn ribadisce da sua eterosessualità e che tra le due non ci sarà mai nulla.

John chiede a Jamie se Austin fosse gay, quest’ultima gli risponde di no, lo ha sempre visto con delle ragazze.

Jamie propone ai due di andare in una discoteca gay per divertirsi ma John e Jordyn non ne hanno voglia, andranno domani.

Nel frattempo, nel negozio di fiori, le due donne vengono raggiunti da agenti della polizia che gli comunicano che è stata ritrovata la targa e la macchina di Rebecca.

La donna viene a conoscenza che l’auto è stata bruciata.

Rebecca è sconvolta, non può credere a quello che sta sentendo.

L’episodio termina con gli agenti di polizia che escono dal negozio di fiori, mentre la telecamera si allontana dall’entrata del negozio fino a far vedere il negozio intero per poi vedere uno: stacco a nero.

FINE TERZO EPISODIO. 

QUARTO EPISODIO: AUSTIN

Una donna si dirige con una torta in mano verso la casa di Rebecca, suona e si ritrova davanti John.

La donna si chiama Clarissa ed è la madre di Austin, la torta è per dare il benvenuto ai nuovi arrivati.

John è assonnato e imbarazzato nel ricevere una torta di mattino presto. 

Clarrisa fa conoscenza con Jordyn, i gemelli e anche il cane Osvaldo, per poi andare via. 

Rebecca dice ai suoi figli che dovrà ritornare ad Harrisburg per vedere le condizioni dell’auto bruciata.

I ragazzi rimangono sconvolti quando vengono a conoscenza che l’auto è stata data alle fiamme. 

Il negozio rimane chiuso, Alexia accompagnerà Rebecca nel viaggio fino ad Harrisburg. 

I ragazzi rimangono soli e decidono di ordinare dei dolciumi vari su un sito che prima delle undici del mattino riesce a consegnare entro il pomeriggio.

Le ragazze decidono cosa prendere dal sito mentre John va in camera sua e scrostando le tende vede il ragazzo difronte a lui a torso nudo che fa i pesi.

John apre la finestra e sale sul tetto, prende un pacchetto di sigarette e fuma davanti il ragazzo, facendo finta di nulla.

Il ragazzo smette di fare pesi e chiude le tende. 

John riceve una videochiamata da Jace, i due parlano del loro amore.

John è rivolto con telefono difronte la finestra del ragazzo.

Austin apre le tende, è completamente nudo e John sorpreso, involontariamente fa cadere il telefono nel giardino di Austin, che si trova sotto di lui, a pochi metri. 

Austin sorride compiaciuto e richiude le tende.

John sconvolto e perplesso, esce di casa e con molto timore suona nella casa di Austin,

Alla porta, si presenta Austin vestito con jeans e t-shirt.

Austin perplesso gli chiede cosa vuole e John gli dice che il suo telefono è caduto nel suo giardino, per poterlo andare  a riprendere.

Austin fa entrare John nel giardino, dove riesce a recuperare il telefono.

Austin chiede a John se gli stesse facendo delle foto e quest’ultimo risponde che stava videochiamando, anche se il telefono era rivolto verso la sua stanza.

I due fanno conoscenza, si trovano fuori la porta della casa.

I due vengono interrotti da un ragazzo, quello con cui era Austin sulla macchina.

Austin è in ansia quando arriva e liquida John in due secondi, salutandono frettolosamente.

John e quell’altro ragazzo si guardano negli occhi.

Il ragazzo ha un volto che suscita antipatia.

John lo guarda un pò intimorito e ritorna in casa frettolosamente.

John si volta verso i due che…

cosa fanno di due ragazzi

  • guardano male John (0%)
    0
  • rientrano in casa (100%)
    100
  • si baciano (0%)
    0

Voti totali: 1

Vota la tua opzione preferita

Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

21 Commenti

  1. Umm non male questo finale di episodio è questo nuovo.

    Devo però ammonirti un secondo, perché mi hai fatto alcuni errorini, dovuti sicuramente dalla fretta e da un controllo di Word mancato :p

    Nella prima parte del testo hai confuso un punto con una virgola:

    Jamie è vestita con un pantalone della tuta da uomo blu. una maglietta bianca ed ha un taglio di capelli corto.

    Nella frase dopo ti sei dimenticato la maiuscola dopo il punto 😉

    Per il resto la storia mi prende e mi piace, continua così uomo!

  2. Buona ananas a tutti signori.

    Allora, ho appena finito di leggere il capitolo e, subito dopo, il commento di keziarica (di cui condivido quasi tutto, solo una cosa che ha scritto non mi ha convinto troppo ma è na sciocchezza) e le tue risposte.

    Alla luce di questo, beh, non ho molto da dire.

    Anche io avevo trovato questo capitolo un po’ostico, nel senso che mi sembrava un po’troppo…pieno?
    Nel senso, wow ne succedono di cose in questa terza puntata xD

    L’unica cosa che mi sento di consigliarti, è quella di “segnalare” magari maggiormente gli stacchi di scena o i “commenti” dell’autore.
    I spiego meglio: solitamente per segnalare a noi lettori in cambio di inquadratura o determinate azioni, tu scrivi in claps. Prova invece a mettere queste parti in grassetto, in modo proprio da tagliare il testo, quasi fosse una sorta di pausa.

    Per il resto, abbonamento rinnovato e come sempre seguo 😉

    • grazie mille del commento, vorrei capire cosa ho detto che non ti ha convinto nelle risponde, secondo: questa è la seconda puntata e no terza, la prima l’ho dovuta dividere in 3 parti da come si legge nei titoli, comunque ripeto il mio non è un racconto di 1 pagina ma una puntata di una serie tv, il primo episodio durerà si e no 40 minuti ed è il pilot, in genere il pilot dura dai 40 ai 60 minuti, essendo il pilot, deve dare l’idea di cosa parlerà il film e lasciare dei colpi di scena cosi da mantenere vivo l’interesse nello spettatore. Non capisco cosa intendi quando dici segnalare i stacchi di scena con il grassetto, dovrei mettere il grassetto dove? non ho capito l’ultima frase, grazie

      • We boss eccomi qui, scusa il ritardo nella risposta.

        Allora la cosa che non mi aveva convinto non era nelle tue risposte quanto più nel commento lasciato da kaziarica, vi era un passaggio su cui non concordo ma nulla di che.

        Per quanto riguarda il secondo punto, beh hai ovviamente ragione te, mi sono sbagliato nel confondermi io xD

        Terzo punto, ti faccio al volo un esempio pratico.

        (SI SENTE UNA MUSICA ROCK PROVENIRE DALL’INTERNO DELL’AUTO).

        Se questa frase, che serve per indicarmi una data azione me la metti centrale, oppure me la evidenzi in grassetto, secondo me funzionerebbe di più, attirando l’attenzione di chi legge e sottolineando con maggior forza una passaggio.

        L’ultima frase,infine, era un modo simpatico per dire che continuo a seguire la storia :p

        • hey ciao non preoccuparti, ah ok ora ho capito, hai ragione, seguo sempre i tuoi consigli fin dai tuoi primi commenti e te ne sono grato, sto cercando di migliorare, sull’ultima frase non mi riferivo proprio all’ultima frase ma a quella in cui dicevi del grassetto, comunque ti ringrazio per perdere il tuo tempo nel leggere i miei capitoli

  3. Ciao Gianluca,
    capisco l’idea di voler presentare la tua storia come una sceneggiatura, capisco meno il passaggi di scena repentini, in special modo quando John rivela alla sorella la sua omosessualità. Una fase delicata che richiede molta più cura e attenzione. Ci sono molti elementi in questo incipit, non si riesce a capire molto di quel che succede.
    Perforare un cruscotto con l’ausilio di un coltello mi pare poco credibile, per grosso che sia. Non sarebbe stato meglio nascondere lo zaino da un’altra parte?
    I ragazzi che arrivano con la musica rock e la bottiglia di whisky hanno attinenza con la storia? Mi paiono un stereotipo troppo abusato: rock=guai.
    Sai, su questa piattaforma ho ricevuto molti consigli utilissimi, uno di questi era: scrivi per il lettore. Non sempre l’immagine che hai in testa è comprensibile a chi legge. Giro anche a te questo consiglio e prendi le mie parole per quello che sono, consigli.
    Io non ho mai scritto una sceneggiatura e non ne sarei capace, quindi non so fino a che punto il mio commento possa essere utile.
    Ciao e alla prossima!

    • ciao, grazie del tuo commento, John non rivela affatto alla sorella che è omosessuale, negli episodi la sorella è già a conoscenza della sessualità del fratello, forse hai letto male o non mi sono spiegato bene io: John è timoroso di rivelare al mondo intero di essere gay, ci stava pensando da un pò di dire a tutti di essere gay ma l’episodio in cui la ragazza transessuale viene presa ingiro porta John a non voler fare quel grande passo, ma è solo una spiegazione del suo stato d’animo in quel momento. Per quanto riguarda il perforamento del cruscotto, non lo spiego ma è una macchina truccata, quel cruscotto ha una base debole, credimi un buon coltello affilato riuscirebbe anche a tagliare una gomma, quello che scrivo non è un libro ma una serie televisiva e la scrivo in modalità sceneggiatura. I due ragazzi nella macchina fanno parte della serie tv che poi ritroveremo nei prossimi episodi, se ora leggi vari personaggi che incontri man mano nella storia, solo dopo capirai il loro senso nella storia, è come vedere dei personaggi all’inizio di una storia e dopo vedi lo sviluppo delle loro storie, non è una cosa cosi immediata. Il fatto del rock e il whiskey non lo trovo uno stereotipo, voglio far capire al lettore che i due ragazzi in quel momento vogliono trasmettere un messaggio di:”a me non frega un cazzo di nessuno, siamo selvaggi e facciamo quello che cazzo ci pare”, più che uno stereotipo è un’accostamento tra ciò che usano per far vedere come sono ribelli: whiskey e musica rock sono un esempio, ma comunque non è importante quello. Infatti prendo le tue parole come dei consigli, hai ragione, purtroppo non ho spiegato cosa succede, ma le cose vengono con il tempo, puntata dopo puntata, non mi piace svelare tutto subito, se leggi attentamente riuscirai a capire tutto della storia, nulla è lasciato al caso e nulla rimarrà senza una risposta, è una serie tv che sto scrivendo, non si tratta di un racconto, tu la leggi e come se la vedessi su netflix, ti sarà capitato di vedere telefilm e non capire cosa centrassero vari personaggi che comparivano cosi dal nulla e poi con il seguito delle puntate capisci il loro senso nella storia, perciò spero che continuerai a leggere le mie puntate per capire il seguito della storia, spero tu abbia letto anche le due puntate precedenti, con questo ti ringrazio molto del tuo commento, apprezzo tantissimo, grazie mille davvero…

    • un altra cosa: quando dici che lo zaino sarebbe stato meglio nasconderlo da un altra parte voglio risponderti che è stato fatto apposta che lo zaino fosse messo li, ha una sua storia dietro ogni azione che io scrivo in ogni episodio che ovviamente non viene rivelata subito, lo scopri man mano con le puntate, ha un motivo ben specifico del perchè quello zaino è li dentro,,,spero di averti fatto capire come la penso e la maniera in cui mi approccio al pubblico in generale…

  4. Allora finalmente vedo il tuo stile!

    Partiamo dal presupposto che adoro il cinema, e i continui rifementi che fai ad inquadrature e tagli di scena lo adoro!

    Mi piace poi che scrivi questa storia come se fosse un copione da seguire, dove noi che leggiamo dobbiamo vedere letteralmente la scena, inventarla, visionarla e dio, ragazzo mio ti adoro per questo.

    Però permetti a questa banana di darti un paio di consigli al volo.

    Primo: occhio alle ripetizioni, posso capire un loro uso in chiave rafforzativa (esempio, E lui la colpì, la colpì, la colpì più volte).
    Però Delle volte tendi a ripetere un nome più volte, oppure tendi ad usare una parola più volte dentro la stessa frase. Ok, va bene portarmi qui il copione del tuo film interiore, però prova a usare qualche sinonimo.

    Seconda cosa: prova a giocare con la formattazione, usa il grassetto o il corsivo per sottolineare determinate parole o concetti.

    Secondo me potrebbero rendere il testo ancora più vero, ancora più copione.

    • grazie mille del riscontro, hai ragione, tendo a ripetere le cose per far capire meglio al lettore, deve capire tutto quello che succede, non voglio che rimanga con il dubbio su tutto ciò che sta per vedere, lo faccio per quello e credimi i sinonimi li cerco su internet ma purtroppo mi ripeto ed è verissimo, è come se io ti presentassi una sceneggiatura di ogni singolo episodio ed è questo che io tendo a fare visto che studio in una accademia di cinema e mi hanno insegnato cosi a scrivere una sceneggiatura, ovviamente su questo sito non scrivo in maniera perfetta, diciamo che l’importante è far capire al lettore ciò che sta succedendo, gli episodi continueranno e spero di emozionarti che è la cosa in cui mi focalizzo di più

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi