il desiderio e la vergogna

Dove eravamo rimasti?

per quale motivo la signora non aveva accettato di congiungersi con i due mirava solo ai soldi (100%)

8 cap. Il desiderio

Monica si svegliò nella sua stanza, completamente nuda con accanto la signora Lulù che la guardava.

<<Ciao, ti sei svegliata.>> disse sorridendogli a mala pena 

Monica ricordò di quella sera, ricordò di quello che successe iniziando a piangere.

<<Sei stata brava sai, è rimasto soddisfatto.>>

<<Come ha potuto!  Io ero venuta per lavorare come fotografa, no per fare la prostituta.>>

<<Ehi. vacci piano! non ho mai insinuato che tu sei una prostituta, come ti salta in mente?!>>

<<Io non desideravo fare del sesso, ma guadagnare onestamente.>>

<<Ti darò ciò che mi a pagato Giorgio.>>

<<Non voglio i suoi soldi! ma come fa a vivere cosi? sembrava una donna per bene.>>

<<Nella vita vanno fatte delle scelte, ed io ho fatto la mia. la vita a volte ti mette a dura prova, ed io ho colto quella sbagliata.>>

<<Mi sentirò sporca per tutta la mia esistenza.>>

<<Non dire cosi, sei giovane, sei una bella ragazza. dimenticherai se vuoi, ma se invece di pensare alla tua vergogna, pensi al tuo piacere? a quello che hai provato.>>

<<non ero io in quel momento! mi sono lasciata andare come una svergognata! aveva ragione a dirmi che ero una puttana! >>

<<Di chi stai parlando?>>

<<Di nessuno. >>

La signora Lulù si sedette accanto a lei nel letto accarezzandogli i capelli e asciugandogli le lacrime, forse aveva intuito qualcosa.Monica si gettò tra le sue braccia piangendo e vergognandosi perciò che era accaduto, quando la signora prese la sua faccia, guardandola negli occhi e la baciò delicatamente, mentre Monica rimase ferma cercando di capire il gesto della signora.La prese di nuovo a baciare toccandogli uno dei seni che al contatto con la sua mano si irrigidì dal solleticare il capezzolo.

<<lasciati andare, provare eccitamento non è da vergognose. il piacere di noi donne fa impazzire agli uomini, pronti per desiderarci, e farci impazzire.>>

<<Non per me.>>

La mano della signora iniziò a scendere sempre piu, facendo si che Monica ferma e titubante, provasse di nuovo piacere insieme a lei.

<<Noi donne sappiamo come far impazzire gli uomini, e anche le donne.>> disse nel suo orecchio per poi morderlo

<<Signora Lulù… non di nuovo.>>

gli stuzzicava la vagina con il suo dito, aspettando che Monica cedesse.

<<Rimani al mio fianco e sarai un giorno tu a prendere il mio posto, tutto questo sarà tuo Monica.>>

La baciò con foga salendo sopra di lei mentre la ragazza si lasciò andare nuovamente in quel brivido che in lei cercò di frenare da sempre. Si sentiva desiderata, si mordeva le labbra gemeva con voglia, si trasformò  in una Monica che non conosceva. iniziò a partecipare anche lei toccando il seno della signora facendola eccitare, prese possesso del suo corpo comandando come aveva sempre voluto e desiderato. Quella voglia che aveva sempre avuto e sempre fermato dal suo giacomo, che la insultava come una poco di buono. Cosi decise che il sesso per lei era sbagliato, dopo che giacomo l’aveva lasciata, un trauma che si portava da un anno. Ma non so cosa la spinse di nuovo ad essere quella che era con la signora Lulù che godevano in quel letto L’una con L’altra.

dopo qualche ora svegliandosi trovò la signora accanto a lei che dormiva, si alzò dal letto si vestì prese le sue cose e usci dalla camera. Si avviò alla porta dell’uscita quando la signora la fermò.

<<Anche tu te ne vai? non vuoi portare a termine il tuo compito?>>

<<No, non fa per me. la saluto signora Lulù.>>

<<Non vorresti tutto questo? un giorno sarà tuo.>>

<<no.>>

Cosi riprese a camminare uscendo dalla porta senza voltarsi e ritornò a casa

perche Monica se ne va dalla villa e dalla signora Lulù

  • non era quello il suo lavoro (0%)
    0
  • gli faceva paura diventare come la signora (0%)
    0
  • gli faceva paura la sua natura di perversa (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi