Il tombino maledetto.

Dove eravamo rimasti?

E ora, cosa succede PER DINDIRINDINA? il Rinocestruzzo li picchia tutti e due e poi trova una soluzione. (100%)

Botte & Saltelli

“Sempre se il Dottor Strange qui è d’accordo eh, sai, ora che è mago decide anche se usare i poteri o no…” disse sarcastico Davide

“MA COSA DICI? MA SE TI HO APPENA DETTO CHE  NON LO SO COME FUNZIONA NE PERCHÈ HO QUESTI POTERI!?!” urlò ancora Marco

“OH, BELLINO, STAI CALMO E ABBASSA LA VOCE EH, CHE NON SEI ODINO. TI PRENDO A SCHIAFFI TI PETTINO!” disse Davide facendosi sempre più vicino, arrivando fino ad essere a un centimetro dal naso di Marco, che da parte sua aggrottò le sopracciglia, strinse i pugni e si fece se possibile ancora più vicino.

Davide sfera un pugno,  ma un calcio rotante lo prese in piena spalla lanciandolo contro l aperte opposta.

Stessa sorte toccò a Marco che fu sollevato da terra da una testata per ricadere al suolo in un tonfo sordo.

“Oh, ma sei scemo?” chiese Davide al Rinocestruzzo. “Ma cosa fai? Ma te sei matto… Ti abbiamo slavato, e che modi sono?” così dicendo si rialzò, si spolverò i vestiti ed andò ad aiutare a rialzarsi Marco.

“Perfetto, adesso che abbiamo chiarito e non ci sono questioni in sospeso, come conviene fra gentiluomini, direi che necessita prendere una decisione sul da farsi.” E così dicendo si avviò verso l’armadio da cui erano un attimo prima usciti i ragazzi. “Per di qua, se è concesso avere un oncia della vostra attenzione e un braccio della vostra fiducia.”così dicendo col piede pestò la base dell’armadio. 

Si sentì un Clic e la parete dell’armadio di fronte a loro si spalancò rivelando buio. Non un posto buio, ma proprio buio. Si affacciarono sospettosi e non si vedeva niente. Si girarono verso lo strano essere “E secondo te questo risolve la faccenda? Che dovremmo fare, buttarci qui dentro e sperare che vada tutto bene?” gli chiese Davide.

“In effetti no. Dovrete avere la compiacenza di saltarmi in groppa  – o sulla testa – e fidarvi di me. Noi rinocestruzzi vediamo al buio. Io vedo le pietre poste per passare e saprò guidarvi saltellando dall’una all’altra fino alla porta di là.”

Marco e Davide lo guardarono con sospetto.

“Come facciamo a fidarci?” chiese Marco

“Avete alternative?” rispose Rinocestruzzo.

Fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio, si dice. Davide e Marco che fanno?

  • Non si fidano e decidono di tornare indietro da dove sono arrivati. (0%)
    0
  • Non si fidano e dicono al Rinocestruzzo che non sono mica scemi (0%)
    0
  • Si fidano, montano in groppa e vediamo che succede. (100%)
    100
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

17 Commenti

  1. “Ma sei scemo? Io vado a casa!” è quello che direbbe qualcuno di sensato, ma non si è mai sensati quando si ha il mondo davanti 🙂
    Tutti nel tombino! E di corsa, pure!

    Ci sono degli errori nel capitolo, nulla che renda impossibile la lettura, ma saltano delle lettere qua e là.

    Ciao 🙂

  2. Uhm se il tombino è “maledetto”.. vuol dire che purtroppo i due ragazzi lo scopriranno a loro spese? Sciuramente la curiosità stimola ad andare a controllare cosa succede ma a scendere… forse solo 18enni un po’ troppo spavaldi lo potrebbero decidere così.. alla leggera! Vediamo quindi…

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi