Amore in punta di piedi

Dove eravamo rimasti?

Nell'ultimo episodio andremo avanti di 2 anni. Cosa vi piacerebbe sapere? Come va il rapporto tra Emily e Paolo (100%)

Due anni dopo

Ormai sono passati due anni, i due anni più belli della mia vita. Sarebbe impossibile descrivere le emozioni che ho provato durante questi anni, ma credo che l’effettivo che più si addica a ciò sia  “meraviglioso”. 

Io e Paolo stiamo ancora insieme, ma a causa del mio lavoro abbiamo dovuto trasferirci in un’altra città vicina la nostra, dove Paolo ha aperto un piccolo ristorante che va a gonfie vele. Io ho proseguito i miei studi, e adesso lavoro con un’importante compagnia di ballo dove ho conosciuto la mia migliore amica Miriam. È stata proprio lei la prima persona alla quale ho rivelato la notizia che ha cambiato la vita mia e di Paolo: l’arrivo di una bambina. Si, io e Paolo siamo diventati genitori di una Stella, una bambina bellissima che oggi ha 1 anno; siamo entrambi fieri di lei. Stella è la copia di Paolo, con i suoi stessi occhi e le sue stesse guance che io bacio sempre. Pensavo che nessun sentimento potesse superare l’amore che provavo per Paolo, ma dopo la nascita di mia figlia mi sono ricreduta.

Tutti sono pazzi di lei, e di questo ne sono felicissima. Perfino mia madre mi chiama ogni giorno per avere sue notizie, e Stella è innamorata di lei proprio come lo è di me.

Il rapporto tra i miei genitori è migliorato, e adesso riescono ad avere una conversazione pacifica senza litigare dopo poco tempo. 

Com la famiglia di mio padre va tutto bene, e Marta è felicissima di avere una nipotina con la quale giocare quando vado a trovarli, cosa che purtroppo non accade molto spesso.

Grazie alla mia compagnia ho anche avuto la possibilità di esibirmi in molti programmi televisivi, come che ha aumentato la mia fama; è sempre bello quando la gente ti ferma per strada per chiederti una foto o un autografo, anche se cerco sempre di mantenere i piedi per terra.

Se penso che tutto ciò sia successo a me, una ragazzina in lotta con se stessa e con il mondo, mi meraviglio ancora.

Io non credo più nelle favole, ma devo ammettere che, da quando ho conosciuto Paolo e ho visto per la prima volta gli occhi di Stella, sto iniziando a ricredere nel “e vissero tutti felici e contenti”. Spero solo che il mio lieto fine possa durare in enterno.

Categorie

Lascia un commento

6 Commenti

  1. Ciao Rossella.
    Dirà di essere andata da un’amica ovviamente, la classica scusa che salva sempre tutte.
    Ho recuperato i 3 capitoli e mi sono davvero piaciuti, la storia scorre, la protagonista mi piace e la situazione è particolare.
    Un solo appunto che penso ti avranno già fatto in molti: attenta agli spazi dopo la punteggiatura, sembra un errore da nulla ma infastidisce il lettore.
    A presto

    • Ciao Feather, grazie per aver letto la storia. A dirla tutta anche io trovo fastidioso non mettere lo spazio dopo la punteggiatura, ma purtroppo, dovendo scrivere non oltre un certo numero di battute, molte volte mi sono trovata costretta a eliminare gli spazi per poter inserire i caratteri necessari alla stesura del capitolo. Ti ringrazio per avermelo fatto notare, cercheró di prestare più attenzione.

  2. Ciao Rossella, io continuo a seguire la tua storia perché quando gli adolescenti hanno qualcosa da raccontare vanno ascoltati, parlo per esperienza perché ho due figlie!
    Per questo motivo scelgo l’opzione relativa all’invito del ragazzo, cosa che io sconsiglierei con tutta la mia forza alle mie due ragazze ma sono curioso di vedere come gestiresti tu questa esperienza.
    Ti vorrei dare lo stesso consiglio che mi è stato dato relativamente agli errori di forma, leggi molto e ceca di rubare tutto il buono che c’è, vedrai che ti tornerà utile.
    A presto

  3. Ciao Rossella, ho letto il tuo incipit e mi ha incuriosito!
    Per la scelta dell’opzione credo di orientarmi veso la nuova compagna del padre, restare a guardare il display per due minuti giustificherebbe la sua inaspettata meraviglia…
    Per gli errori di forma chi è che non ne ha mai fatti, sulla sostanza del racconto, invece, stupiscici!
    Buon viaggio e a presto!

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi