Complice la luna

Il molo della baia di roccia

Lo stridore delle assi di legno calpestate da passi incerti insieme all’infrangersi delle onde sugli scogli era tutto quello che si poteva sentire sul piccolo molo della baia di roccia. “Chissà se mi reggono” pensò ridacchiando e osservando il legno marcio e sfilacciato delle tavole.

Un respiro profondo per godere, ad occhi chiusi, dell’odore del mare, salmastro; le braccia tese, lontane dai fianchi, i palmi rivolti verso il mare, i talloni staccati da terra, le dita costrette a sopportare il peso di un leggero dondolio e respiri lenti e profondi.

Un piccolo peschereccio stava uscendo da un porticciolo in lontananza; a osservarlo meglio si potevano scorgere i marinai impegnati sul ponte. Era lontano, ma lei poteva immaginare senza troppa difficoltà le imprecazioni alla vita che un lavoro così faticoso costringe a pronunciare, le raccomandazioni al Signore per una pesca fruttuosa e perché il mare, imprevedibile, li risparmiasse anche in questa occasione dai suoi abissi.

Una luna timida si specchiava nel mare, e brillava di una luce tremula che poteva offrire un po’ di calore in quella notte fredda, d’inverno. Stelle luminose le creavano tutt’intorno un nobile corteo di silenziose ancelle.

I capelli scossi dalla brezza marina, le finivano sul viso e le percuotevano, quasi ad intermittenza, le palpebre come piccole fruste inconsapevoli del lieve dolore che provocano.  Nel tentativo di sottrarre i suoi ciuffi corvini all’impeto del vento, si sfiorò le guance: sentì la pelle secca e screpolata come quando andava in montagna da bambina. “La salsedine” e senza pensarci tracciò il profilo del viso con l’indice e con sicura spontaneità ne posò la punta sulla lingua per gustare il sapore delle onde, per percepire la nota salata del mare. “Che strano sapore”, e con dolce malizia approfittò della luce della luna per guardarsi le piccole mani, fredde, intirizzite e insanguinate.

Cosa farà la donna dopo aver visto le sue mani insanguinate?

  • Si getterà in mare (67%)
    67
  • Griderà a perdifiato (33%)
    33
  • Ripercorrerà il molo correndo a squarciagola (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

9 Commenti

  1. ho votato per .. ” un membro… ” perché potrebbe portarci chissà dove, magari dove lei stessa non sa di essere stata….
    Un consiglio: sfrutta le tue 5000 battute , fino all’ultima , se puoi . È la tua storia: non frenarla, sprona la tua fantasia e poi , magari lavori di forbici , ciao🙋

  2. Ciao Sara, apprezzo i capitoli brevi che danno dinamicità alla storia, ma poiché il racconto mi sta prendendo molto, io ne vorrei sempre di più, soprattutto se penso alla tirannia dei pochi caratteri che abbiamo a disposizione, è ovvio che ammiro la tua capacità di sintesi.
    Credo che il Capitano voglia saperne di più su questa misteriosa Leila.
    A presto

  3. Ciao Sara,
    un bell’incipit, un po’ corto, forse.
    Io che non sono granché forte con le virgole, ho notato che la prima frase del tuo racconto ne è completamente sprovvista… scelta mirata?
    Ho scelto che griderà a perdifiato, non mi pare sia molto lucida, magari qualcuno potrebbe soccorrerla e dare inizio al racconto di una bella storia.
    Aspetto il secondo, magari con qualche carattere in più. 🙂
    Alla prossima!

  4. Ciao Sara, incipit breve ma intenso, mi ha catturato a tal punto che seguirò incuriosito il tuo racconto, anche perché il genere che hai scelto mi appassiona.
    Delle tre opzioni sceglierò quella di buttarsi in mare, le altre opzioni sono quasi simili e quindi voto una sorta di consapevolezza nel trovarsi le mani insanguinate.
    A presto e buon lavoro!

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi