L’UOMO DEI NUMERI

Dove eravamo rimasti?

Cosa succede ora? Pensiero sparso romantico: si raccontano, si baciano e ricominciano a frequentarsi. (45%)

Far l’amore...

Era trascorsa gran parte della stagione fredda. Dalle mie parti, quando fa freddo lo senti fin dentro alle ossa, ma già a febbraio, ogni raggio di sole sa di mare e il cielo terso sa di libertà.

Avevo una gran voglia di primavera, di vita. Udn era rientrato nel mio equilibrio. Avevamo ripreso a vederci – o meglio – a guardarci. Fuori e dentro.

Avevo il terrore di non riuscire a farcela, ma lavoravo su di me per lasciarmi andare. Volevo restare accanto a quell’uomo. Era lui.

Udn aveva risvegliato in me l’entusiasmo. Non facevo fatica a comunicare le mie emozioni, la mia gioia.

(pensieri sparsi: avevo sempre dipinto tutto con il mio entusiasmo. Era sempre prodiga di emozioni la mia piccola anima, e più la vita mi schiaffeggiava, più mi difendevo a suon di sorrisi e mi trinceravo dietro la mia energia. Tutto sarebbe passato, come l’acqua in un fiume, se avessi risposto alla vita con la vita, alla gioia con la gioia, alla forza con la forza. E dinanzi alle circostanze più nefaste, mi ero fatta scudo con la mia caparbia voglia di vivere. Nemmeno la morte mi aveva fermato. Poi però, i miei pesi erano diventati insostenibili e la mia anima, affranta, aveva inginocchiato quella tenacia. Ero cambiata, avevo fatto del mio aspetto esteriore il mio unico schermo ma dentro ero vuota. Del mio entusiasmo nessuna traccia. Fino a lui).

A volte mi perdevo nel guardarlo. E stentavo a credere che potesse essersi fermato davanti a me.

Era bellissimo. Aveva il viso di un angelo. Il corpo di una statua greca. Fiero. Imperscrutabile, ma era come combattuto, trasparivano tracce di battaglie interiori continue. Bello e dannato.

La sua apparenza celava una tensione immanente, che reggeva un ordine in tutti gli equilibri.

Attraeva come una calamita. Lui era attento a tutto, con meticolosità robotica. E spiegava le minuscole parti di quella perfezione a me, con parole esili e spontanee. Rendendo ogni cosa di una facilità quasi banale.

La sua intelligenza numerica surclassava tutti e tutto. Lui arrivava dovunque. Entrava nelle situazioni in un attimo e le gestiva da dentro. Senza lasciare spazio. Era geniale. E come tutti i veri geni, umile, schietto.

La sua intelligenza emotiva invece, la mostrava di rado e mai di buon grado. Per lui era sintomo di debolezza.

L’uomo dei numeri era una fiamma che arde da ambo i lati. Ma non lo sapeva. E faceva di tutto per nascondersi. Era corazzato.

Fra noi sembrava andare tutto bene. Ma a me mancava qualcosa: far l’amore.

Udn aveva fatto del sesso il suo sponsor ufficiale, per entrare nel mondo e nella sfera femminile. Sembrava conoscere a memoria il mio corpo, e in generale pareva che il mio corpo rispondesse ad una tipologia precisa. Applicava vere e proprie formule composte di movimenti ed azioni per soddisfare la mia pelle. Ci riusciva. Come in tutto quel che faceva. Ero sempre appagata e soddisfatta. Le nostre notti di sesso erano vere e proprie sessioni da manuale. Era molto appassionato. Bravissimo, dolce e sanguigno. Ben dotato. Ridevamo e parlavamo durante il sesso. Per udn era naturale come mangiare o dormire e trasmetteva questa naturalezza anche a me.

(pensieri sparsi: avevo avuto poche esperienze sessuali per poter sostenere una disquisizione dettagliata sull’argomento. Ma avevo imparato la differenza tra far sesso e far l’amore. Mi piaceva applicarmi in entrambi i casi. Ma il sesso era una pratica. Mentre far l’amore era l’espressione di un’arte, quella di amare. Era meno semplice di quel che potessi pensare. E forse avevo fatto l’amore solo con il padre dei miei figli, poche volte. Non che disdegnassi il far sesso, ma avevo nostalgia della pienezza che ricordavo desse solo il far l’amore).

La perizia sessuale era una maschera. Udn ne indossava diverse.

(pensieri sparsi: Udn aveva mostrato la sua maschera più fulgida quando mi aveva conosciuto. Roma, pomeriggio di inizio autunno, Pincio. Mi aveva già stregato con racconti cantati dalla sua voce calda e circondati dai suoi sorrisi, ma ad un certo punto aveva preso a descriversi, con dovizia di particolari, quasi come se stesse declamando il suo curriculum vitae. Mi stupii quel suo modo di fare. E sortì in me la voglia di allontanarmi, non per staccarmi da lui, ma per capire chi fosse veramente. Lo ascoltai. Ma con distacco. E alla fine della via del Corso, avevo compreso che quel che diceva di se, era il suo spauracchio. Stava descrivendo una buccia. Una presentazione di carta velina. Il guscio di un uovo sodo, che per me fu facile infrangere. Entrai dentro quell’uomo soffiando.)

La maschera del sesso però era diversa. Mi incuteva timore. Non era semplice infrangerla. Arrivare nella parte di lui che non voleva scoprire. Il suo cuore.

Avevo bisogno di entrare in contatto con la sua anima, con il suo amore di se. Con il suo amore per me. Non volevo il suo corpo. Non solo. Mi mancava. Era come se facessi l’amore portandomi dietro un vuoto, un’ombra nera. 

Arrivai a casa sua: 

  • Hey! Stanca?
  • Hoy! No, felice! Ascolta…
  • Dimmi tutto
  • Ho voglia di fare l’amore con te

Cosa risponderà il protagonista?

  • Pensiero sparso complesso: dirà di no. (29%)
    29
  • Pensiero sparso romantico: dirà che ci proverà se lei lo porta per mano. (43%)
    43
  • Pensiero sparso semplice: non capirà la domanda, ma dirà di si. (29%)
    29

Voti totali: 7

Vota la tua opzione preferita

Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

40 Commenti

  1. Ben trovata Ally! Stile inconfondibile il tuo.
    Dirà di no.
    È il ritratto di un narciso…non dará se stesso, se non l’immagine di se che potrà servirgli. Almeno non si darà prima di aver dato filo da torcere! Sei solo al 4 capitolo…non é così?
    Ti seguo con curiosità

  2. Lui sa che lei è troppo, che non sarà mai al suo livello, e questo per lui è motivo di fuga e di attrazione.
    Loro già si appartengono, lui deve solo avere il coraggio di arrendersi a questo. Ma vorrebbe dire non dirigere lui …

  3. Ally!
    Sempre particolare il tuo stile.
    Ho votato per il diventare amici…in realtà manca la nozione dell’attrazione fra i protagonisti. Quindi un’evoluzione diversa dall’amore può essere interessante nel caso non si attraggano…

    Grazie! Continua cosi…

  4. Ben trovata Ally! Aspettavo il prosieguo.
    Ok…si rivedono. Ma direi che è il caso di farli innamorare. No?
    La frase sul muro dall’ospedale è molto intrugante.

    Ti seguo con molta attenzione.
    Belli i pensieri sparsi.
    Scrivi!

  5. È strano questo uomo dei numeri, tanto strano quanto maledettamente reale. Deve essere proprio uno di quegli uomini che non si innamora, per noia, per rivalsa o semplicemente uno di quelli che fa passare i suoi anni migliori senza costruire nulla.
    Mettere le mani avanti è sempre un sinonimo di disonestà, anche se lo si fa in maniera poetica, voto per il “solo sesso”

    • Grazie!
      Si. Da un capitano senza veliero ad uomo dei numeri senz’anima. Bella sfida……provo.
      Non ho idee di come procedere. Far impazzire lei forse è un modo…non so.
      Tagliare i ponti, non credo.
      Restare…scontato.
      Vedremo!

      Felice che mi leggi!

  6. Buon anno Ally!
    Leggere quello che scrivi è come viverlo!
    Intriganti entrambi i personaggi. Lui è confuso dalla dolcezza della protagonista. E lei ha più paura di lui.
    Ho votato per lei che ama tacendo. Credo che tu abbia in serbo un colpo di scena…
    Seguo!

  7. Ciao Ally ben tornata.
    Sempre interessanti i tuoi incipit, e ammetto che amo leggerli.
    Insomma, la tua protagonista mi sembra molto più intrigante del suo uomo dei numeri.
    Per cui, la curiosità è tanta.
    Ed avendomi già fatto mezza idea, voto per:
    lei lo aveva tradito.

    ps.- Sui tramonti marini abbiamo qualcosa in comune. 🙂
    Buon fine e inizio Anno nuovo.

    • Ciao Alex!
      Grazie di leggermi…si. beh…hai colto un aspetto chiave. La protagonista e l’uomo dei numeri hanno molto in comune.
      Sul se…e chi tradira chi…vedremo.
      Per il momento sto provando a delinearne i contorni.

      A prestissimo!
      Quasi all’alba del nuovo anno…
      Auguri!

    • Ciao Louise! Felice di ritrovarti a leggermi.
      Le tue parole mi daranno spunto:
      …”chi abita il mondo astratto dei numeri corre spesso il rischio di non vedere le cose concrete sotto il naso”…

      Verissime.
      Lui…udn…è un giovane d’età ma nobile nei sentimenti. Volevo accentuare questa sfumatura. Ci riproverò a brevissimo nel capitolo due.

      Grazie. Sei preziosa!

  8. Un grande ritorno Ally! Bellissimo il tuo modo.
    Eheheh…uomo dei numeri…ok. Ci sta, mi piace. Ma che vuol dire? Lo spiegherai vero?
    Ho scelto di votare per l’uomo traditore. Un uomo non è mai confuso, neppure nei racconti, a meno che non sia innamorato perso. E la protagonista adultera farebbe troppo fiction.
    Chissà…ti seguo!

    • Ei! Grazie di seguirmi e di avermi spiegato la sua scelta.
      Vero…le donne non tradiscono gli altri…e gli uomini non tradiscono se stessi.
      Sulla confusione, bah…non so. Vedremo cosa scenderà nella mia penna…
      A prestissimo!

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi