Un quartiere a luci verdi

Dove eravamo rimasti?

Nel prossimo episodio: - Aurora, Greta e qualcun altro (45%)

AURORA, GRETA E QUALCUN ALTRO

I rintocchi in lontananza le ricordano che da parecchie ore non mangia niente. Sente una gran fame.  

«Andiamo a prenderci qualcosa?» propone Aurora, accelerando il passo. E aggiunge: «È bene affrettarsi.»

Si muove con la sicurezza di chi conosce bene il posto. Greta coglie un segno di apprensione nell’ultima frase, ma si lascia guidare senza domande. La segue, come fossero due vecchie amiche. Si sente stranamente a suo agio. Insieme, attraversano le arcate, affiancate dal labrador.

Un soffio di vento viene incontro ai loro passi, trascinando con sé una mescolanza di profumi.  

Una vera sfida sensoriale, inebriante e irresistibile. Si accostano a un caravan di street food appostato dietro la curva del marciapiede. Ordinano due panini. Mangiano in silenzio. Dentro il pane artigianale trovano esattamente la farcitura che hanno scelto.

Greta pensa, ma non lo dice, che odia l’ambiguità. Riaffiora in lei il ricordo un po’ sbiadito di quando, in un ristorante stellato, ha mangiato una combinazione di alimenti inaspettati, nascosti sotto i nomi estrosi di un arzigogolato menu. Ma è sicura ormai che il flashback riguardi un’altra sé, immersa in un altro tempo.

Volge uno sguardo intenso verso Aurora che, incurante delle sue proteste, insiste nel volere pagare il conto. Lo fa senza imbarazzo, con gesti disinvolti.

Greta spia ogni dettaglio del suo comportamento, nella speranza di catturare il segreto del pensiero, che ne fa la regia. Rivolge a se stessa un rimprovero intimo: ammette che le riesce difficile immaginare mondi diversi dal suo. È in compagnia di una perfetta sconosciuta, e si pone interrogativi esistenziali mai pensati prima.  

«Cosa vuoi sapere?» chiede Aurora senza preamboli.» «Mi guardavi, vero? Sai, sono abituata alla curiosità della gente. Ti ho sentita più vicina. Ho avvertito un’emozione nel tuo respiro.»

C’è un breve silenzio tra loro due.

Greta avverte una paura stupida che Aurora legga nel suo cuore, come sembra leggere nei suoi pensieri. Pensa a quante volte lo sguardo ha distratto e impoverito la sua mente, precludendo altri modi di dare senso alle cose e produrre esperienza.

Finalmente chiede: «Perché la luce verde ha fatto scappare i droni? Chi è il professore?» le parole escono veloci, impazienti. Non dubita neanche per un istante che il concetto di verde possa essere astratto per l’altra.

E Aurora: «La luce verde è un esperimento del professore. Lo conoscono tutti, è come una bandiera per il nostro movimento.»

«Ah, lavora per la Resistenza?» domanda Greta, ricordando le parole del vecchio dei piccioni.

«In un certo senso sì. Sente il bisogno di riscatto.»

«Riscatto?»

«Sai com’è, la sua generazione è piena d’esperienza ma è stata messa KO dalle nuove tecnologie. Una generazione spaesata e spesso sola…»

«E il verde in tutto il quartiere, allora?»

«Lo sentii dire che infonde quiete e equilibrio. Chi più chi meno, siamo tutti dentro un sistema vorticoso, feroce e iper connesso. O no?» Sorride.

Mentre parlano, dal fondo della via sale un forte clamore. Così forte che Greta sente lo stomaco contrarsi per un malessere indefinito ma ostinato, e di nuovo avverte una vaga inquietudine formicolarle nel sangue.

Il cane abbaia forte. Aurora si agita. Fa un po’ di passi, si volta: «Mi dispiace, non posso restare qui. Ciao.»

Greta la vuole fermare. Tenta di afferrarle una mano, ma la sfiora appena. Per un istante. Quanto basta a trattenere il ricordo del calore che sfugge dalle sue dita affusolate.

In una manciata di secondi, una fiumana di gente urlante proveniente da tutte le parti, si riversa su entrambi i marciapiedi. Una marea di persone sale o scende la via, e i palazzi e le cose fuggono in senso contrario. Greta viene travolta. Si trova a camminare in mezzo alla folla, senza una meta precisa. Nessuno sembra notare la sua presenza.

Ha un soprassalto. Nota un uomo con un megafono in mano. A guardarlo dal di dietro, sembra proprio suo marito. Cammina con un lieve dondolio delle spalle, esattamente come lui. Veste lo stesso giubbotto smanicato blu scuro con delle righe bianche. Sotto il giubbotto, indossa la medesima camicia a quadretti. Sul capo, porta uno strano berretto verde messo al contrario, con la visiera bianca a pois neri calata sulla nuca.  

Lei tenta di avvicinarsi. Comincia a zigzagare tra la gente. «Scusi, scusi, devo passare.» ripete con affanno. Accorcia la distanza tra sé e l’uomo.

«Francescoooo!» grida, tutta pallida e sudata.

Ma lui non la sente. Non si gira. Tira dritto, gracidando dal megafono slogan confusi.

Di colpo, lei si blocca, quasi inciampa. Il tacco si è incastrato in una delle griglie di areazione sul marciapiede.

Un paio di ragazzi la guardano con un risolino malcelato. Sfila il piede dalla scarpa, si china, la tira con un gesto nervoso.  Dopo due tentativi, riesce a liberarla. Il tacco si è salvato. Per fortuna. Sente la caviglia un po’ indolenzita.

Alza lo sguardo. Giusto in tempo, per vedere l’uomo col megafono sparire dietro un cartellone pubblicitario.

Il prossimo episodio inizia con la frase:

  • - Non possiamo stare con le mani in mano (10%)
    10
  • - Tutto bene signora? (50%)
    50
  • - La situazione è ormai insostenibile (40%)
    40
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

175 Commenti

  1. Ciao! Ho finalmente trovato il tempo di tornare qui e mi sono messa in pari.
    Credo che la cosa che mi è piaciuta di più è il finale, che spiega e non spiega. Pare l’inizio di qualcosa di più lungo, come base d’idea.
    In generale, mi piace quando sono confusa (e anche quando resto in sospeso con un finale aperto) e stupita e questo è successo, quindi mi è piaciuto.
    Se devo trovare un pelo nell’uovo, avrei preferito sentire di più il punto di vista di Greta. Tipo perché prima piange e poi decide di sistemarsi? Due parole su come si sente, su cosa le passa per la testa mi avrebbero fatta entrare più in empatia. All’inizio era così, poi l’ho persa un po’.

  2. Ciao Maria ,
    un racconto iniziato nella realtà e finito nella realtà.
    Un racconto che ho interpretato come un viaggio per fuggire allo routine quotidiana di una donna comune, come ce ne sono tante che, come lei, a volte hanno bisogno proprio di fuggire dalla realtà per apprezzare quello che possiedono; e Greta non è messa poi tanto male: un buon lavoro, una bella famiglia e magari anche un marito bisognoso, come lei, di intraprendere un viaggio ai “confini del vero”.
    Attendo il prossimo racconto.
    Ilaria

  3. La tua è una delle storie più intriganti che ho trovato sul sito, un viaggio onirico che tutto sommato non necessitava di un finale tanto più chiarificatore… sebbene la mia parte razionale preferisca sempre un bello spiegone “da Silente” 🙂 Ho visto che hai scritto diverse storie, ora pian piano comincio a recuperarle. Alla prossima!

  4. Premesso che non leggo spesso questo genere. Ho letto tutto insieme. Bella la descrizione dell’amarezza iniziale e anche il finale a sorpresa, ma in mezzo a volte troppo confusionale (magari sono io che non riesco a cogliere il senso di quanto non è razionale). Forse io avrei fatto capitoli più brevi per arrivare prima al succo del discorso.
    Alla prossima

    • Questa storia è la prima che ho scritto nel genere “fantasy”. La considero una specie di esperimento 🙂
      Mi dispiace che tu ti sia persa tra il secondo e il nono capitolo, capitoli in cui, volutamente, il confine tra reale e surreale non erano netti :-
      Ti ringrazio ugualmente della lettura e commento 🙂
      Ciao

  5. CLAP! CLAP! CLAP! CLAP! CLAP!
    Un finale in cui sembra tutto un sogno e poi si scopre che non lo è. Uno dei miei finali preferiti! ^_^

    La mia parte razionale si sta ancora “grattando la pera”, ma il racconto mi è piaciuto molto e spero di leggerti “presto”.

    Alla prossima storia 🙂

    Ciao 🙂

  6. Ciao Maria,
    Un finale a sorpresa. Quindi il mondo a luci verdi non era solo suo, anche il marito ne ha fatto parte in qualche modo (era l’uomo col megafono, giusto?). Non so se ho capito esattamente il messaggio del racconto, il bisogno di vivere qualcosa di diverso? Una svolta di mezza età?
    Il racconto mi è piaciuto, non so bene come sentirmi riguardo all’esperienza vissuta. Mi piacciono però le interferenze tra i vari mondi. Ho in testa un’idea in proposto, ma la lascio ad Allegra, sperando che abbia voglia di scriverla😉
    Alla prossima!

  7. Ciao Maria. Come sempre pendo dalla tua penna, le tue descrizioni mi irretiscono, senza lasciarmi capire un tubo.
    Lascerei che sia il marito a parlare, mentre Greta riacquista un attimo di pace, dopo tutti questi eventi.
    In bocca al lupo per il finale, nel frattempo ti auguro una buona Pasqua! 😊

  8. Ciao Maria,
    il “viaggio” di Greta per il quartiere ha portato esperienze strane in una strana dimensione. Quasi una rivisitazione del Pese delle Meraviglie, in chiave urbana e vissuta da un’adulta anziché da una bambina. Non ho ancora ben chiaro quel che vuoi trasmetterci con questo racconto, la necessità di far prevalere i rapporti umani, piuttosto che quelli digitali, anche se l’anziano che parla di social mi ha un po’ spiazzato… Non so, manca ancora qualche tessera al puzzle, sono sicura che arriverà con i finale. Scelgo il marito e ti auguro una buona settimana.

  9. Ciao Maria,
    senza volere ti ho mandato in parità. Bene, non so ancora come andrà a finire, ma pare che creda abbia subito un’evoluzione e qui ne guadagna la storia. Al suo ritorno a casa, spero incontri il marito… che poi stava col megafono tra la folla, magari avrà anche qualcosa da raccontarle e da spiegarle.
    Che dire? Ci vediamo al finale.
    Buona domenica e alla prossima!
    p.s. una cosina ci sarebbe: “uno sciame di cellulari pressoché tutti identici” io avrei tolto qualcosa… tutti o pressoché, ma è una mia idea 😉

    • Ciao Keziarica
      sicuramente un’evoluzione c’è stata (almeno era quello che volevo accadesse) 🙂
      Dopo l’ultimo capitolo, spero mi saprai dire se ho deluso le aspettative, anche nell’eventualità di non trovare tutte le risposte.
      grazie e a presto
      PS l’osservazione ci sta. Mi piaceva una specie di rafforzativo dell’immagine. (Ti è venuto in mente qualche riferimento pittorico?)

  10. Uno dei figli.

    Ok, la mia parte razionale non ci ha capito un tubo, ma la mia parte “onirica” è rimasta affascinata. Ancora non sono riuscito a capire come tutto questo abbia “risvegliato” Greta, ma forse lo scoprirò nell’ultima puntata 🙂

    Ciao 🙂

  11. ciao Maria
    io dico che la situazione è ormai insostenibile perché è quasi giunta l’ora della tremenda, se tale sarà, verità.
    Spero che altri facciano la mia scelta in quanto il “tutto bene signora” è proprio scontato (vista la storta e il male alla caviglia).
    La tua scrittura è sempre molto lineare e chiara.
    Non giri intorno ai discorsi e la lettura vola.
    Continua così, attendo il prossimo.
    Ciao ciao
    Ilaria

  12. Io ho votato per la situazione che si fa insostenibile, che ad un passo dalla conclusione ci sta! Nella sua brevità questa storia continua ad essere carica di carattere, un racconto davvero originale. Spero che il finale riservi qualche sorpresa 🙂

  13. Direi “non possiamo stare con le mani in mano”… Scusa, ti ho mandato in parità…
    Ciao Maria.
    Anche io , come altri lettori, non so bene dove vuoi andare a parare, so che hai in mente un disegno e so che lo svelerai piano piano, prima di arrivare alla fine. Ora il marito con il megafono fa irruzione in questo mondo strano, mi ricorda vagamente il mio primo racconto qui, Eddie. Anche se, ovviamente, non ha nulla a che fare con il tuo.
    Vediamo che succede 🙂
    Alla prossima!

  14. Ho letto tutto d’un fiato i sette capitoli pubblicati e ancora mi chiedo “ma dove vuole andare a parare?”. Quindi sono curiosa di scoprire cosa succederà ancora.
    Ho scelto “Greta e Aurora a confronto”, perché dopo aver messo “tanta carne al fuoco” credo sia tempo di tirare le somme e prepararsi al gran finale.

  15. Ciao Maria.
    Scelgo Aurora, Greta e qualcun altro.
    Questo capitolo è stato meno avventuroso degli altri e ovviamente una piccola pausa ci sta ogni tanto. Continuo a immaginare questo mondo parallelo stranissimo, sinceramente non vorrei mai esserci… Anche perché ora entrerà in gioco il tempo. Un argomento di cui parlare ore e ore.
    Spero che il prossimo passaggio sia proprio dedicato allo scorrere dei minuti, dei giorni un concetto davvero relativo per ognuno di noi e altrettanto importante.
    Ciao Maria alla prossima

  16. Aurora e Greta a confronto!

    >Cos’è che ti confonde?
    Il fatto che accadono cose a cui non si riesce a dare una spiegazione (ad esempio, in questo capitolo, i “cellicotteri”). Ma è proprio questo il bello del viaggio onirico: non tutto deve avere una spiegazione 🙂

    Ciao 🙂

  17. Ciao Maria,
    un episodio interessante, quasi onirico, ai confini con questo mondo e il mondo che prende forma nel dormiveglia, poco prima di sognare. Ti faccio notare un paio di cose:
    “Lo sa che può essere sospettata di averli NASCOSTO lei”
    “«Sospettata, io? Di cosa parla? Il suo tono è indignato.” mancano le caporali di chiusura.
    “S’infosca”… non che non sia corretto, ma risulta forse un po’ artificioso. S’incupisce, mi sarebbe suonato meglio. Ma è una mia opinione, ci mancherebbe, sta al gusto dell’autore.
    “l’uomo fa secco secco” l’accostamento di queste due parole mi fa pensare a un uomo magrissimo, ma credo che il tuo intento fosse far risultare perentoria la frase o sbaglio?
    “È la nostra percezione e l’uso che ne facciamo ad essere soggettivi.” Soggettiva? O soggettivi, nel caso in cui la frase fosse partita con “sono”.
    Detto questo, il capitolo è ben scritto, come sempre.
    Anche io, ultimamente, ho problemi a collegarmi al sito dal Mac, ho ovviato con Chrome, eppure sul cell funziona benissimo.
    🙂
    Alla prossima!

  18. Dal cane.
    Maria ho recuperato, è stata dura, non riuscivo più a entrare sul sito. Devo ammettere che la tua storia è davvero moto intrigante e che tu con gli intrecci non ti smentisci mai. Ho anche notato che il tuo stile si è affinato, molto brava.
    (mi farebbe piacere se leggessi una storia presente in the incipit che si intitola 3×1, appena all’inizio, solo un episodio) ti abbraccio, al prossimo!!!

    • Ciao Alessandra
      Ho notato anch’io che ultimamente ci sono stati problemi con l’accesso al sito, speriamo si risolvano presto.
      Confesso che gli ultimi episodi di ogni racconto che scrivo sono, per me, i più impegnativi. Temo sempre di non riuscire a chiudere la storia in modo coerente, in più preferisco i finali aperti agli “spiegoni”, che spesso sottovalutano la fantasia e capacità critica dei lettori.
      grazie della tua presenza e delle belle parole.
      a presto

  19. Ciao Maria,
    Capitolo inquietante che un po’ eccita e un po’ rilassa, come il respiro chat da affannoso ritorna tranquillo. Ho pensato a un’esperienza di pre-morte, ma non credo sia qualcosa di così banale. Cosa sta accadendo a questa donna? Non resta che scoprirlo col prossimo episodio.
    Intanto voto per il padrone del cane, non sono pronta ad abbandonare questo strano mondo.
    Alla prossima!

  20. Maria eccomi.
    Mi dispiace che il commento nel capitolo precedente a questo non sia andato a buon fine, purtroppo la piattaforma o il mio collegamento, non saprei, a volte danno problemi.
    Comunque.
    Ribadisco che tu hai una scrittura fluida, morbida, elegante che mi piace tantissimo. Il tuo romanzo è curato nei minimi particolari e mi fa proprio piacere leggerti.
    Scelgo Greta.

    • Buongiorno Ilaria
      In effetti, ho notato anch’io che da un po’ di tempo succedono cose strane. Spesso la pagina non è disponibile, si fa fatica a inviare i commenti, le notifiche non arrivano… già per non parlare della gara agli “incipoints” tra molti giovani autori, racconti caricati due volte ecc…
      A parte questo, mi fa piacere che continui a leggere e commentare la mia storia.
      grazie e a presto.

  21. Ciao Maria!
    Io voglio ripartire da Greta. Ho trovato un po’ frettoloso questo capitolo. A differenza degli altri, in cui era facile seguire la protagonista, non mi sono sentita partecipe del suo monologo interiore e ho sentito meno ansia, pur nella siturazione così caotica e concitata. O forse volevo solo che seguisse il vecchio? 😉
    Ovviamente il livello è sempre altissimo e ho proprio indicato un minuscolo peletto nell’uovo. A prestissimo!

  22. Ciao Maria, bello ritrovarti in un altro contesto: quello del tuo racconto, scritto a mio modesto avviso in maniera magistrale. Le tue descrizioni riescono ad irretire il lettore che non si libera del senso di inquietudine, di disgusto, incredulità e vertigine sin dal primo capitolo. Ecco, sono proprio le vertigini quelle che sento, amplificate da questa strana luce verde. Immagino che la protagonista della tua storia si senta diffidente (come darle torto?) proprio quando… Sono ansiosa di proseguire la lettura!
    Ti seguo, ovviamente.
    Unico appunto, fermo restando la mia inesperienza e probabilmente l’infondatezza del mio consiglio: forse sarebbe meglio ridurre gli aggettivi e gli avverbi.
    A presto! 😊

  23. Ciao Maria, un capitolo che fotografa bene quel periodo alienante che, prima o poi, colpisce tutti.
    Credo, addirittura, che a volte sia necessario affacciarsi sul proprio dubbio esistenziale e Greta, come tanti di noi, di dubbi ne ha abbastanza. L’ immersione che sta vivendo la nostra protagonista può ripulirla ma anche risucchiarla irreversibilmente. Confido nella dualità che fortifica.
    Arrivati a questo punto io seguirei “il vecchio e la bambina”, che detta così sembra il titolo del prossimo capitolo.
    A presto

  24. Ciao Maria,
    un episodio carico di nostalgia, di mistero e poesia. Ho notato nell’ultimo paragrafo che hai dedicato a quello che, immagino, sia un viaggio mentale verso la villette di cui la bimba parla, un ripetersi di rime, quasi volessi dare al paragrafo la musicalità di una poesia, è una cosa voluta? Immagino di sì, vista la tua bravura.
    Bellissime le descrizioni e interessante la rivelazione del vecchio; non riesco ancora a capire dove andrai a parare, perciò voto perchè segua entrambi così da scoprire qualcosa in più su questo strano mondo.
    Alla prossima!

  25. È titubante: si è sempre mostrata titubante, che sia ancora titubante 🙂

    —————————–
    «Lei si trova sul rovescio della sua routine, un luogo dove tutto è irregolare, ambiguo, imprevedibile, inquietante. Un luogo che esce dalla banalità del quotidiano, dove gli oggetti e gli esseri umani sono indecifrabili, perfino decontestualizzati.»
    ——————————
    Questo è molto interessante; non so ancora cosa significhi, ma mi suona interessante 🙂

    Invece non ho capito la scena tra gli asterischi: è un ricordo? Di quando?

    Ciao 🙂

    • Buongiorno Red
      Rompere con la routine è come uscire dalla confort zone della quotidianità.Ti trovi a vedere cose che prima non avevi visto, a percepire il mondo intorno a te in un modo e da una prospettiva diversi. Passi necessari per un cambiamento interiore 🙂
      Il testo tra gli asterischi… Beh, prova a sbirciare quello che ha scritto Keziarica 🙂
      Ciao e grazie

  26. Ciao Maria.
    L’atmosfera è ancora onirica e nebulosa. Nonostante le accurate descrizioni degli ambienti, sono come in un sogno e sto provando quello che prova Greta: confusione, irritabilità, sbandamento. Quindi fino ad ora mi hai trasportato in questo mondo…mi chiedo dove andrò a finire e non ho la più pallida idea.
    Molto bene.
    Ilaria

    • Buongiorno Ilaria
      Sto finendo il prossimo episodio e mi faccio un sacco di domande cercando di definire, nella mia testa, il prosieguo. Come al solito, le mie storie nascono da un’idea iniziale ben precisa, per poi trasformarsi in qualcos’altro inseguendo la trama.
      Sono comunque contenta che, sin’ora, ti piaccia “il flusso di coscienza” della protagonista.
      grazie e a presto

  27. Ciao Maria! 🙂

    Torno a fare un giro da queste parti dopo mesi di assenza e son contenta di essermi imbattuta nel tuo racconto! Oddio, non che ci abbia capito molto fino ad ora… Cosa diavolo sta succedendo attorno a Greta? Chi sono questi cellulari muscolosi e Silvia, cosa voleva dire? Bizzarrissimo!
    Non ho tempo di attaccarmi ad un intero libero, ahimè, ma la voglia di leggere è più forte che mai e quindi ho detto: “Aspetta che torno su TI per vedere che c’è di nuovo da seguire!”

    Vediamo se nel prossimo capitolo si inizierà a capire qualcosa di più, intanto povera Greta, spero le cose le vadano un po’ meglio d’ora in poi; è il suo compleanno!
    Voto: una bambina 🙂 Ciaoooo

  28. Ciao Maria,
    questa volta non reiesco a individuare un nesso con l’arte pittoria, ma so che l’arte c’entra 😉
    Bel capitolo, un po’ inquietante, i ragazzini che le piombano adsosso, come gli uccelli nell’omonimo film di Hitchcock, mi fanno venire i brividi.
    Vediamo cosa ci riserva il prossimo episodio, io voto per la bambina, il vecchio lo lascerei ai suoi piccioni…
    Alla prossima!

    • Ciao Keziarica
      in effetti, per l’ambientazione di questo racconto e un po’ di questo episodio mi sono ispirata a alcune atmosfere dei quadri della cosiddetta pittura metafisica e surrealista. Contrasti Luce e ombre, Illusione, elementi decontestualizzati, quiete e silenzio sospesi, che producono inquietudine.
      La bambina sembra l’orientamento che va per la maggiore…vedremo
      grazie ancora e a presto.

  29. Ciao Maria, capitolo molto digitale, pensa che io continuo a dire alle mie figlie che il cellulare fa male, ma non immaginavo a tal punto.
    Dopo questo step mi aspetto di tutto, stupiscici!
    Prima di uscire da uno strano locale c’è sempre uno sconosciuto che ti dà un suggerimento o un consiglio.
    A presto

  30. Bellissima storia, davvero entusiasmante ed avvincente!!
    Adoro il tuo stile e soprattutto la trama che stai costruendo…anch’io avrei bisogno di qualche consiglio per la mia storia…magari potresti dare un’occhiata.
    Continua così e aspetto con ansia il prossimo episodio!!

  31. Ciao Maria,
    a leggere, parrebbe che Greta sia entrata nel mondo di Hopper, sbaglio?
    Ho scritto un paio di racconti sui suoi quadri (non conosco l’arte, ma Edward Hopper mi piace molto) e adesso sono curiosissima di conoscere il seguito e spero di non aver preso una cantonata…
    mi incuriosisce soprattutto la cosa dei cellulari e della loro personificazione, aspetto il prossimo e dico che esce, ma non prima di aver ricevuto il suggerimento.
    Bel lavoro 🙂
    Alla prossima!

  32. Ciao Maria.
    Mi sono immedesimata in questa atmosfera surreale e angosciosa. Hai descritto benissimo l’ambiente che circonda Greta e ti assicuro che è venuta l’ansia anche a me.
    Mi piace, continua!
    Ho scelto il suggerimento.
    Ciao
    Ilaria

  33. Rieccomi, maria. Ho votato che sta sul posto.
    Il nero colore cangiante e la gabbia causa effetto non mi sono chiarissimi 😀
    Questa Silvia mi pare una sorta di Bianconiglio al contrario, in un certo senso l’ha distratta con i suoi stivali psichedelici e poi l’ha inseguita in una realtà che mi pare avere qualcosa di inusuale.
    Mi sa che la virata fantasy è cominciata 😉
    Ciao, ti auguro una buona giornata

    • Ciao Erri
      Con cangiante intendevo dire che il modo di percepire il nero è influenzato dalla luce e da come è stato costruito, perché il nero non è un colore puro. Per dirla semplice: lo raffreddi se lo mescoli al verde o al blu e lo scaldi se dentro ci aggiungi ad esempio l’arancione o il rosso.
      Per la gabbia, in certe situazioni, quando si deve decidere, ci si sente come in trappola perché non è chiaro cosa considerare causa e cosa invece effetto.
      Mi fai pensare che non sono riuscita a esprimere bene i concetti in entrambi i casi.
      Grazie e al prossimo 

  34. Ciao Maria,
    Mi è piaciuto molto questo episodio. Carico di volteggi nell’aria e poesia. Piacerebbe molto anche ad Azzurra…
    Il cambio dei colori e del mondo circostante mi incuriosisce, che si trovi in un’altra dimensione? Chissà…
    Direi che resta sul posto e cerca riparo.
    Alla prossima!

  35. Tra le opzioni io noterei prima di tutto gli scarponcini slacciati, per quanto io stessa ami portarli così, ma non è un pensiero condiviso dai più.
    Ciao, cara, come stai? Scelgo di seguirti, o almeno farò del mio meglio. La storia mi piace, più che altro mi piace il tuo modo di scrivere, scorrevole e vivido. Dimenticarsi il compleanno della donna di casa, che scellerati! Vediamo dove finirà, poi. (stando alla trama finirà da qualche insolita parte) – 😉

  36. Adoro l’idea che la protagonista di un racconto fantastico sia una donna in crisi di mezza età, sono molto curioso di scoprire questo luogo impensabile di cui parli… però condivido la perplessità degli altri lettori riguardo la domanda finale, ciascun dettaglio può trasmettere cose diverse (io vado per la sciarpa, è l’accessorio più fantasy XD) ma non è una scelta quella che si percepisce

  37. Ciao Maria,
    bentornata!
    Bene, una storia nuova nuova, ora vediamo che succede alla cara Greta che si ritrova ad affrontare, mio malgrado qualcosina ne so, la condizione di passaggio dall’essere considerata una giovane donna a una donna matura. L’impronta dell’incipit denota una donna comune, con una vita comune, legata alle piccole cose di sempre, immagino che arriverà qualcosa a stravolgerne la routine, qualcosa di speciale, vista la categoria in cui hai scelto di collocare il racconto.
    Aspetto il secondo e voto per gli scarponcini slacciati. Immagio che tu abbia già tutto in testa, ma mi piacerebbe essere coinvolta maggiornente nell’evoluzione della storia, degli scarponcini o una sciarpa non possono determinare la direzione che prenderà il racconto, a meno che non siano particolare determinanti per il bivio da inforcare. 🙂
    Alla prossima!

    • Ciao Kesiarica,
      mi fa piacere trovarti qui, sei una lettrice sempre attenta ai dettagli (il genere giallo ti ha preso, hem?)
      Per il tipo di racconto che ho in mente, ero indecisa tra Avventura e Fantasy, e, se devo dire la verità, nessuno dei due mi convince al cento per cento. Ho optato per il secondo. Vedremo se ho fatto una scelta passabile…
      Dici che gli scarponcini devono essere un “indizio” riguardo alla direzione del racconto?
      Come ho scritto prima a Gianluca vedrò di migliorare nella scelta delle future opzioni.
      grazie ancora

  38. Ho votato per Scarponcini slacciati. Mi piace molto la rapidità del ritmo della storia, rende bene l’idea di come il tempo esterno sia diverso da quello interno. Il simbolismo del tornello, purché forse involontario, è suggestivo. Ti seguo e a presto. Cerca di coinvolgerci di più nella storia però : questi dettagli, al primo sguardo, non dicono molto.

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi