HIDDEN

John Miller era un ragazzo che non amava parlare, un ragazzo molto solitario, con pochi amici ma con una grande voglia di conoscere il mondo. La sua famiglia era una delle più importanti della città in quanto suo padre aveva diretto i lavori per la sua ricostruzione dopo il misterioso allagamento. Era il 1999 quando avvenne la disgrazia . Sembrava tutto tranquillo: l’autobus stava accompagnando i bambini a casa al ritorno dalla scuola, il postino bussava alle porte, la signora Clarissa innaffiava i suoi amati gerani , i cani giocavano fra di loro e c’era il solito traffico. John aveva 7 anni ed era in auto con la sua famiglia. Con lui c’erano  i suoi fratelli , Ben e Maggie, e la sua bellissima madre, Elisabeth. Ben aveva i capelli biondi, occhi verdi e tante lentiggini che gli coprivano il piccolo naso. Era molto diverso da John. Non amava studiare, era interessato solo al calcio e alle ragazze. Aveva 14 anni ed era considerato il più popolare della scuola. John lo vedeva come un idolo e faceva ogni cosa lui gli chiedesse. Un giorno il povero John arrivò anche a fare uno scherzo alla preside e a gettarle addosso tre litri di vernice verde, che gli costò una sospensione di una settimana. Ben non amava molto suo fratello, lo chiamava solo quando gli faceva comodo e lo prendeva spesso in giro. John soffriva di questo, ma nonostante ciò, continuava ad obbedirgli, sperando di essere visto diversamente e di essere amato di più. Maggie , invece , era una ragazza tranquilla, molto simile a John. Non era molto alta, aveva gli occhi verdi e capelli lunghi castani . Era un ragazza di 11 anni, amava leggere, scoprire cose nuove ed essere a contatto con gli animali. Cercava sempre di difendere il fratellino, affrontando anche ragazzi più grandi e forti di lei. Maggie non aveva paura di niente, amava la sua famiglia e per loro avrebbe fatto qualsiasi cosa. La madre dei ragazzi era la donna più bella del paese. Con la sua lunga chioma bionda e suoi occhi verde smeraldo aveva fatto innamorare tutti, uomini e donne, anziani e bambini. Anche lei , come John, era stata molto timida e aveva avuto poche amiche. Conosceva poche persone, una di queste  però, l’aveva fatta innamorare. Si trattava di Mike Miller, un ragazzo bello e gentile, che giocava a football. Dopo molti anni di fidanzamento i due giovani si sposarono e qualche anno dopo ebbero i loro adorati figli. John amava la sua mamma ed era l’unica persona che lo faceva sentire protetto. Quel giorno alla radio suonava “my heart will go on”  di Céline Dion e tutti cantavano a squarciagola. Tutti  tranne John che osservava attentamente fuori. Era attento a tutti i particolari, estraniandosi dalla realtà. All’ improvviso vide dell’acqua fuoriuscire violentemente dal tombino. L’acqua usciva sempre più , fino a quando il tombino esplose; lo stesso fenomeno si verifico per tutti gli altri della città. In pochissimo tempo le strade furono sommerse e si scatenò il panico.

Cosa succederà in città?

  • John ne uscirà illeso (15%)
    15
  • John resterà ferito (15%)
    15
  • Molte persone moriranno (70%)
    70
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

21 Commenti

  1. Non amava parlare….. per osservare e poter cogliere particolari che lo circondano e che sfuggono alla maggior parte delle persone…….. Solo lui è in grado di farlo perché concentrato su se stesso prova determinate emozioni senzazioni che il mondo intorno gli regala sotto forma di colori odori bellezze negatività e tant altro ancora da scoprire …….. Continua così mettendo in risalto questa personalità dall’ animo introverso ma sensibile difronte all’ imminente realtà!

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi