HIDDEN

Dove eravamo rimasti?

Cosa succede John escogita un piano (50%)

Come back

John ,cautamente e senza farsi vedere, si avvicinò al lago , dove la sua ipotesi trovò conferma. Il ragazzo iniziò a conversare con Caren e disse:” perché hai fatto tutto questo? Perchè hai rubato un eigol?” La fata in rosso rispose:” il mio piano iniziale era quello di rubare tutti gli eigol, ma le altre fate me lo hanno impedito. Così ho deciso di prendere quello fondamentale per il loro regno, in modo tale da vendicarmi per tutto il male che mi hanno fatto.” Il ragazzo ribattè :” ma cosa ti hanno fatto queste fate per farti infuriare così tanto?” Caren sorrise e poi disse:” prima che io arrivassi, questo luogo era diverso da ora: tutto era come nella parte più oscura della foresta. Un giorno arrivai io e cercai di rendere vivo e brillante il bosco e di ripopolarlo con creature fantastiche. Grazie al mio operato ottenni il rispetto delle fate e fui considerata come una regina. Quando venne il momento dell’incoronazione del nuovo edere al trono, il popolo scelse di non appoggiarmi, abbandonandomi ed eleggendo un’altra regina. Così decisi di prendere l’eigol e di porlo nel mio lago, attingendo da lui ulteriore potere”. In quel momento John ebbe un’idea. Mentre Caren parlava , il ragazzo cercò di spostarsi sempre di più verso il lago che assorbiva il potere dell’eigol. Becky aveva già intuito il piano di John e così cercò di distrarre Caren, provocandola e dicendole :” Caren, tu hai fatto rivivere la nostra foresta ma, a causa della tua brama di potere, non eri adatta a governarla. Sarai anche la più forte delle fate, ma non oggi…” John d’un tratto afferrò l’eigol e lo tirò fuori dall’acqua. Becky colpì Caren e la fece cadere nel lago, dove fu risucchiata dal suo stesso potere. Quell’immagine riportò alla mente di John il momento della morte di sua madre e di sua sorella, ma si fece forza , pose l’eigol nell’acqua e sorrise. Abbracciò Becky e chiuse gli occhi ; quando li aprì il castello era scomparso nel nulla e i due amici si ritrovarono fuori dalla foresta. Il ragazzo , una volta ristabilito l’equilibrio e posizionato al suo posto l’eigol , decise di salutare la sua amica fata e di ritornare a casa, dove lo aspettava la sua famiglia. Varcò la soglia della porta, lasciandosi alle spalle quel mondo nascosto per poi ritrovarsi nella sua cantina. Salì al piano superiore, dove vide suo padre; lo abbracciò affettuosamente e gli chiese da quanto tempo fosse arrivato a casa. E il padre rispose:” tesoro , sono qui da soli 20 minuti” John sbalordito per aver vissuto quella fantastica avventura in appena 20 minuti, rise e andò in camera sua. Da quel giorno si appassioniò sempre più alla lettura di testi magici, fino a diventare un ricercatore di arti oscure , sperando di trovare un modo per riportare con sé sua madre e sua sorella. Quel ragazzo non si è ancora arreso e tenta ogni giorno una soluzione diversa. Posso assicurarvi che un giorno quel ragazzo ci riuscirà, io ci riuscirò.

Categorie

Lascia un commento

38 Commenti

  1. Non amava parlare….. per osservare e poter cogliere particolari che lo circondano e che sfuggono alla maggior parte delle persone…….. Solo lui è in grado di farlo perché concentrato su se stesso prova determinate emozioni senzazioni che il mondo intorno gli regala sotto forma di colori odori bellezze negatività e tant altro ancora da scoprire …….. Continua così mettendo in risalto questa personalità dall’ animo introverso ma sensibile difronte all’ imminente realtà!

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi