HIDDEN

Dove eravamo rimasti?

Che cosa decide di fare John? Scopre un passaggio secreto nella cantina della sua casa (58%)

il passaggio

John, essendo molto curioso, volle analizzare meglio quella mappa. Guardando attentamente notò che quei tubi iniziavano da un punto , ma non avevano una fine e così cercò di capire come si potesse scendere lì giù. Il ragazzo iniziò a scrutare tutte le strade e le abitazioni riportante sul foglio. Ad un certo punto balzò ai suoi occhi una strana casa ,che gli era molto familiare. Si trattava della casa della signora Clarisse, che distava circa 200 metri dalla dimora del ragazzo. Dopo aver fatto alcuni calcoli , John capì che quei tubi partivano da casa sua. Il ragazzo non riusciva a credere  a questa scoperta perché conosceva la sua casa come le sue tasche. Inoltre l’edificio non era molto ampio e possedeva solo 4 stanze. John non riusciva a capire dove fosse questo passaggio. L’unico ambiente più misterioso ed inquietante per il ragazzo era la sua cantina; così decise di scendere in quella stanza buia. Scese le scale, provò ad accendere la luce, ma era  fulminata ed aprì la porta. Tutto era come sempre: l’aria era umida, non c’era luce, agli angoli delle pareti c’erano le solite ragnatele e regnava il silenzio. L’unico rumore che si poteva udire erano i passi del ragazzo  a causa delle sue scarpe di gomma che a contatto con l’umidità del pavimento, producevano uno stridio. John camminò per alcuni metri ed arrivò di fronte ad una parete; cercò di trovare qualche pietra fuori posto, che potesse far aprire un passaggio segreto. Tentò per alcuni minuti , finchè non vide qualcosa di strano. C’era una pietra che , a differenza delle altre, era più levigata ed aveva forma diversa. Il ragazzo allora tirò verso di sè quella pietra; l’aprì e vi trovò una chiave. John non riusciva a credere ai suoi occhi ma non capiva cosa potesse aprire la chiave. All’improvviso gli venne in mente la botola che suo nonno gli faceva vedere quando era più piccolo e gli aveva raccontato che era stato un rifugio durante la guerra. Il ragazzo si precipitò vicino alla botola e l’aprì; tirò sù lo sportello ma non vide niente oltre all’oscurità. Non sapeva se andare a chiamare suo padre per riferirgli tutta la vicenda, oppure scendere in quella botola. Rimase  indeciso ed immobile  per qualche minuto,ma poi la curiosità prese il sopravvento e così decise di scendere. Fece una dozzina di scalini ed arrivò in uno stretto corridoio. Camminò ancora.  All’improvviso udì un rumore. Si immobilizzò ma dopo poco tornò a camminare. Dopo aver percorso qualche metro, vide di fronte a lui una luce fioca. Non capiva di cosa si trattasse poiché era buio, ma avanzò sempre più fino a raggiungere quello strano bagliore.

Cosa è la luce?

  • il riflesso della luce sull'acqua (75%)
    75
  • la luna (13%)
    13
  • un faro (13%)
    13

Voti totali: 8

Vota la tua opzione preferita

Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

21 Commenti

  1. Non amava parlare….. per osservare e poter cogliere particolari che lo circondano e che sfuggono alla maggior parte delle persone…….. Solo lui è in grado di farlo perché concentrato su se stesso prova determinate emozioni senzazioni che il mondo intorno gli regala sotto forma di colori odori bellezze negatività e tant altro ancora da scoprire …….. Continua così mettendo in risalto questa personalità dall’ animo introverso ma sensibile difronte all’ imminente realtà!

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi