Il futuro che verrà…

Dove eravamo rimasti?

Chi è l'uomo misterioso? Il creatore di Olivia (colui che lo aveva mandato a chiamare) (73%)

Uno strano incontro...

L’uomo misterioso, vedendo Lorenzo entrare nella grande sala, si alzò di botto e fece uscire subito le altre persone.
Con un volto pieno di stupore si avvicina molto lentamente al ragazzo e arrivato davanti dice
《Salve Lorenzo, spero che il viaggio sia andato bene…》
Lorenzo risponde
《Si grazie signore…lei chi è?》
L’uomo risponde
《Io sono Lorenzo, il presidente dell’unità scientifica di Terra 2…sono colui che ti ha fatto venire nel futuro E ho creato Olivia proprio per farti aiutare nella grande impresa che dovrai compiere…》
Lorenzo a sentire questa parole rimane a blocca aperta e subito risponde
《Wow…é un onore incontrarla…ha il mio stesso nome, che coincidenza…》
Il Signore risponde…
《Ho il tuo stesso nome perchè sono proprio te del futuro…è bello vederti…quasi non mi ricordavo più come ero quando avevo la tua età.》
Nella stanza tutto tace e Lorenzo rimane sempre più sbalordito dalla cosa.
Non riusciva a credere di aver incontrato se stesso da grande e non riusciva a credere che un giorno sarebbe diventato uno scienziato e inventore importante.
Dopo vari sguardi il Lorenzo del futuro porta Lorenzo in un altra stanza del palazzo dove si trovava una grande mappa olografica che mostrava il pianeta terra e il satellite terra 2.
Lorenzo nota che la terra non era come nel passato… l’ologramma mostrava un pianeta arido dove tutti i mari erano scomparsi e presentava un grande buco nel luogo in cui, una volta, c’era l’America.
Lorenzo dice
《Scusa perchè nel pianeta c’è un grande buco, perchè i mari sono scomparsi e vi siete trasferiti su terra 2?》
Il Lorenzo del futuro risponde
《Nel 2030 è scoppiata la 3 guerra mondiale che ha portato all’esplosione di una potentissima bomba nucleare in Russia, la quale ha cambiato il clima e il campo magnetico terrestre in modo permanente. Successivamente, nel 2049 un asteroide grande come l’Italia ha colpito l’America e l’impatto ha provocato una potentissima onda d’urto che ha incalzato di ben 10 gradi la temperatura terrestre.
La grande quantità di gas e vapore ha inquinato l’atmosfera e ha provocato un grande effetto serra rendendo la vita sulla terra impossibile. Così noi scienziati abbiamo progettato Terra 2 e nel 2060 abbiamo evacuato la popolazione terrestre che era sopravvissuta portandola sul satellite e abbandonando così definitivamente il nostro pianeta.》
A Lorenzo scese qualche lacrima ascoltando quelle parole pensando alle grandi catastrofi che avverano nel suo futuro. Successivamente chiede a se stesso del futuro…
《Posso chiederti perchè mi hai fatto venire quì》
Il Lorenzo del futuro gli disse…

Per quale motivo è stato chiamato Lorenzo?

  • Senza motivo (9%)
    9
  • Per distruggere la terra (9%)
    9
  • Per salvare la terra (82%)
    82
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

25 Commenti

  1. La macchina del tempo sparita! Ta-Da! 😀

    La storia che si sta delineando è molto interessante. L’unico appunto che posso muovere è che questo Lorenzo giovane non sembra provare emozioni: nessuna esclamazione di stupore, nessun sorriso, smorfia, tono alterato od eccitato della voce, nessuna meraviglia negli occhi o semplice confusione si quanto gli sta succedendo intorno. Sembra che non provi nulla…

    Ciao 🙂

  2. Un mondo sott’acqua: variamo un po’ le cose.

    Il capitolo parte bene ma poi si trasforma: dal dialogo si passa alla descrizione. Faccio anch’io questi errori quando i caratteri non bastano, però da una strana impressione al lettore.
    Ti consiglio di usare i caratteri « » al posto di segni minore e maggiore perché quest’ultimi si mangiano 16 caratteri l’uno (non so perché).

    Ciao 🙂

  3. è bello vedere giovani che hanno voglia di scrivere 😀 Mi permetto di darti un paio di consigli tecnici: come ti hanno già suggerito, ricontrolla il testo prima di pubblicarlo onde evitare typo ed errori grammaticali o di sintassi, che possono sempre capitare ma con due o tre riletture si riducono notevolmente. Poi studiati un pochino anche l’utilizzo della punteggiatura, tipo le regole per usare al meglio i segni dei dialoghi come i caporali (che a me piacciono ma vedo che qui non sono molto popolari XD), i puntini di sospensione o i punti esclamativi (ne basta uno, per carità :P).
    Altro consiglio che posso darti, anche se qui si va più sul soggettivo, è di scegliere bene quali informazioni dare sui tuoi personaggi e in che modo farlo. Il tuo protagonista è introdotto in maniera molto descrittiva, quasi fosse una scheda del personaggio e non il passaggio di un racconto. A volte è meglio tralasciare alcuni dettagli tipo le sue materie preferite o i suoi hobby e magari parlarne in un momento in cui ha senso farlo anche per la trama (per esempio se deve trovarsi a risolvere un enigma avrebbe senso far sapere al lettore che è bravo nelle materie scientifiche). Una regola generale recita SHOW, DON’T TELL, ossia mostra quello che il tuo personaggio è o sa fare invece di parlarne solamente. Comunque non scoraggiarti e continua 😉

  4. Ciao Vincenzo,
    benvenuto, non credo di aver mai letto altri tuoi racconti. Il tuo incipit è interesante, mi piacciono molto le storie che parlano di viaggi nel tempo, ne sto aggiustando una da anni… 🙂
    Bene, si nota una leggera ingenuità nella scrittura, data soprattutto dalla giovane età, ma l’idea mi pare buona e anche ben congegnata, quindi sono curiosa di vedere cosa troverà Lorenzo nel futuro.
    Ti consiglio di usare le caporali al posto dei segni maggiore e minore per aprire e chiudere i dialoghi, di andare a capo e di usare solo tre puntini di sospensione e non dopo il punto interrogativo. 🙂
    Detto questo, aspetto il nuovo episodio, voto per il mondo sommerso e ti seguo.
    Alla prossima!

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi