Il suo improvviso cambiamento

Ep.1- Basta!

“Adesso basta! Smettetela”
Finalmente era riuscita a dirlo, le risultava cosi’ difficile…era solita essere presa in giro restando in silenzio. Parlo di una ragazza della mia scuola, si chiama Loren, viene tutti i giorni derisa dai suoi “amici” per il suo aspetto estetico, per il semplice fatto che ha qualche kg in più. Anche in classe viene sempre esclusa, trattata male e ad ogni occasione si cerca sempre un modo per offenderla. Lei, prima, non riusciva a difendersi, si sentiva troppo debole e troppo sola per affrontare tutti. A scuola io non l’ho mai sentita parlare, non l’ho neanche mai vista a qualche attività extrascolastica o in giro la sera, dove eravamo soliti incontrarci quasi tutti. Ero sempre stata molto curiosa di conoscerla per quella che realmente è e non per il suo aspetto ma ero sempre stata frenata dalla vergogna e dalla paura che potesse credere che ero una ragazza come tante altre che voleva solo prenderla in giro. Ma finalmente dopo aver sentito le sue parole e che era riuscita a chiedere di essere lasciata in pace ero così stupida e felice per lei da prendere coraggio. Non volevo aspettare neanche un secondo di più, avevo più voglia che mai di andare da lei. In quel momento iniziò tutto, forse anche l’amicizia più bella che ho. Mi avvicinai a lei e le dissi “hai fatto bene, finalmente ti sei fatta sentire” ero stata l’unica a rivolgerle la parola senza cattiveria, aveva capito dal primo momento che poteva fidarsi di me e dimostrò di essere felice di aver trovato qualcuno, mi parlò a lungo di tutto ciò che le era stato fatto: scherzi, prese in giro, battute, chiamata nei peggiori modi possibili… Non avevo parole per confortarla, mi colpì il cuore, le dissi solo di sentirsi bella per il suo animo perché è quella l’unica bellezza, quella estetica è solo apparenza. Parlandole era impossibile non sentire la sua sofferenza ma le promisi di esserci sempre per lei. Da quel momento iniziammo ad uscire insieme, spesso nel pomeriggio o io andavo a casa sua o lei veniva da me, studiavamo insieme ma soprattutto parlavamo tantissimo, stando in classi diverse avevamo sempre molto da raccontarci tanto che le ore, i giorni e i mesi trascorrevano e noi eravamo sempre più legate. A scuola la situazione era la stessa, non era cambiata per nulla, continuavano a prenderla in giro e dopo un po’ iniziarono anche con me chiamandomi “l’amica della cicciona” o dicendomi frasi stupide come “attenta che mangia anche te” ma a noi non importava, eravamo felici della nostra amicizia e andavamo avanti senza pensarci troppo, o almeno io credevo che era così… Erano le 02:15, mi squillò il telefono, mi svegliai ed era lei, presa dalla paura quasi non riuscivo neanche a rispondere, le chiesi cosa fosse successo e lei piangendo mi racconto tutto…

Cosa era successo?

  • Le era stata diagnosticata una patologia? (70%)
    70
  • Era stata sospesa a scuola? (8%)
    8
  • Era stata chiamata e presa in giro? (23%)
    23

Voti totali: 40

Vota la tua opzione preferita

Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

19 Commenti

  1. Bravissima Mary, sono fiera di te! Hai scritto delle parole bellissime, lasciando un significato a chiunque le legge. Purtroppo questo “problema” è presente in tutte le scuole e magari con questa tua storia puoi aiutare tantissime persone che ne soffrono! ❤️

  2. Mi piace molto, tema molto attuale. Nelle scuole purtroppo ci sono ancora troppi casi di bullismo. Si dovrebbe insegnare ai giovani che le parole possono lasciare ferite inguaribili e che la vera bellezza è dentro ognuno di noi… attendo il continuo per scoprire cosa sia successo a Loren.

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi