LOOK AT ME

Dove eravamo rimasti?

Dove si sveglierà? In un’altra casa (50%)

5.Situazioni ingestibili

… 

“Scusami” sentii,non riconobbi il tono

Un profumo diverso.

Un fremito.

Ansia.

Aprii di scatto gli occhi.

Ciò che vidi però fu completamente inaspettato,non ero in casa mia, non era il mio letto. Era un luogo del tutto nuovo,non c’ero mai stata. 

La stanza era ampia e presentava una vetrata che dava sulla città,le luci della notte mi avevano sempre affascinata. 

Dove diavolo ero finita? 

Presi il telefono, 4:08. Mi alzai e cercai la cucina. Per mia fortuna la trovai subito. Ma ciò che vidi fu diverso da ciò che avrei voluto vedere. 

Io mio capo,Dan, era lì. Sommerso da fogli e con il laptop sul ventre,tornava tutto.

Dovevo solo andare via. 

Così feci, volevo solo far finta che nulla fosse successo, io non dovevo essere in casa sua nè nel suo ufficio. 

La testa mi faceva male,forse avevo perso qualcosa, chiamai un taxi mentre uscivo dal palazzo. 

Volevo lasciarmi tutto dietro, anche non sapendo cosa fosse realmente successo.

E quando finalmente arrivai nel mio loft mi spogliai e sistemai,volevo stare nel mio letto.

Eppure così non fu, avevo troppe domande.

Perché non mi ha svegliato? 

Come ci sono arrivata? 

Qualcuno ci ha visti?

Perché si comporta così? 

Quando lo rivedrò lunedì cosa succederà? 

Troppe domande e troppe poche risposte,continuavo a girarmi e rigirarmi nel letto, presa dalla stanchezza mi abbandonai alle braccia di Morfeo. 

La mattina dopo mi svegliai e non mi alzai dal letto,finché il brontolio della mia pancia non divenisse troppo insistente.

Non sapevo cosa fare nè avevo voglia di fare 

Se non aspettare lunedì e rendermi conto delle conseguenze. 

L’unica idea era il mio licenziamento. 

La domenica fu monotona,avevo sprecato il weekend aspettando il lunedì. 

3 giorni per un incontro fortuito in cui nulla sarebbe successo.

Il lunedì mattina mi presentai in ufficio,tutto procedeva celermente,indubbiamente. 

Nessuno sembrava accusare la mia presenza,raggiunsi la scrivania salutando qualche collega. 

Dopo qualche ora vidi la sua figura fare capolino fuori dal suo ufficio,abbassai lo sguardo. 

“Tu in fondo,nel mio ufficio” ordinò 

Ero proprio io.

Di cosa discuteranno?

  • Bilanci (50%)
    50
  • Sera precedente (50%)
    50
  • Licenziamento (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

4 Commenti

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi