NYLAND GAMES

Dove eravamo rimasti?

CHE FAZIONE VUOI SEGUIRE? "DRAGON'S FLAME", guidati dalla tenacia ed altruismo di Jim. il punto di partenza sarà il Porto Rotto. (100%)

L’HOLA-GRAMMA

Dopo essere entrati nell’Anello Tele-trasportatore, piombarono a terra come se fossero precipitati dal cielo. A Nyland si respirava un’aria diversa, più pesante. Le nuvole regnavano sopra di loro, oscurando il sole.

«Ragazzi! Tutto bene?» chiese Jim rivolgendosi ai compagni, dopo l’impatto su quel suolo ruvido.

«Si» rispose Elaine in piedi, pulendosi i vestiti dalla polvere.

Mentre si osservavano, notarono che entrambi indossavano una tuta completamente nera, al centro della quale era stato cucito un emblema dorato: un drago fiammeggiante.

«Wow» sospirò la bella ragazza toccandolo, «Che forza questo simbolo!».

«Si, davvero. Ora però ci sono cose più importanti a cui pensare. Tipo… dov’è finito l’altro ragazzo?».

In distanza riconobbero una voce.

«Io stare qui! Tutto bene».

Era il loro compagno ricoperto di cime dalla testa ai piedi; era scapicollato all’interno di un gozzo ormeggiato. Almeno il suo fu un atterraggio morbido.

Levandosi il cordame di dosso, li seguì.

«Okay. Ora che ci siamo tutti, andiamo a raggiungere il castello» dichiarò Elaine.

Tuttavia Jim non sembrava essere della stessa idea.

«Un attimo. Prima di avanzare avventatamente, cerchiamo degli indizi. Non sappiamo nemmeno dove sia questo castello»

«Giusto! Cercare in giro indizi» gridò Bobo entusiasta.

Dalla fisionomia del luogo, dovevano essere in un piccolo porticciolo abbandonato. C’erano giusto tre barche malandate attraccate alla banchina e i resti di una casetta. C’era un’insegna sopra la porta d’accesso: Porto Rotto.

«Beh, rotto è sicuramente rotto» disse la ragazza, facendo una smorfia divertita.

Jim vi entrò, cercando di stare attento a non urtare le pareti di legno. Sembravano poter crollare da un momento all’altro. Perlustrò attentamente la zona.  Mentre i due compagni lo stavano aspettando fuori, il giovane ragazzo uscì dal rudere trascinando un vecchio oggetto.

«Un baule?» domandò la ragazza perplessa.

«Non è un semplice baule. È uno dei forzieri presenti sull’isola» affermò affaticato dal peso della cassaforte. «Al suo interno ci sono degli oggetti che ci potranno essere utili per trovare il castello», ma mentre spiegava, un essere comparve alle loro spalle.

«Hola! Sono Jordi, un Hola-gramma».

I tre compagni, presi alla sprovvista, si voltarono immediatamente verso di lui.

«Un ologramma?» disse Jim senza parole. Provò a toccarlo, ma le sue mani riuscivano solamente a sfiorare quell’immagine scattosa, come se il segnale non prendesse bene. Aveva l’aspetto di un elfo mingherlino.

«No! Un Hola-gramma!» rispose adirato, «Gli ologrammi sono americani, stupidi e soprattutto maleducati! Io invece sono spagnolo, saluto e sono qui per aiutarvi»

Elaine lo scrutava attentamente.

«E come faresti ad aiutarci? Ci condurrai al castello?» domandò poco convinta.

«Mi piacerebbe, chica. Sfortunatamente gli Hola-grammi possono stare soltanto in determinate postazioni e voi siete nella prima, il Porto Rotto. O come lo chiamo io, el Puerto Roto. Vedete, poco più avanti c’è una foresta. Dovrete immergervi tra le foglie e raggiungere la postazione successiva. Quello è il Bosco di Cantalù»

Mentre Jordi illustrava la situazione col suo accento spagnoleggiante, Bobo aprì il forziere senza che gli altri se ne accorgessero.

«Guardare! Esserci dentro degli oggetti!» urlò esaltato.

Le sue grida catturarono l’attenzione dei compagni, che analizzarono quali manufatti fossero nascosti al suo interno.

«Esserci: tre spade, una mappa arrotolata e tre strani orologi»

Non sapevano cosa scegliere, così l’Hola-gramma si impelagò in un’altra spiegazione.

«Vedete chicos, voi ne dovrete scegliere soltanto uno, ricordatevelo. Se no…» ma il suo proferire venne interrotto.

«Prendere tutto, io prendere tutto!» affermò sorridendo il ragazzone dotato di poco intelletto. Con le sue possenti braccia, raccolse tutto ciò che c’era all’interno del forziere.

«No! Eres un chico loco! Loco!» strillò Jordi, cercando di fermarlo.

Mentre Bobo teneva in braccio i vari utensili, una scossa elettrica folgorante lo colpì, facendolo stramazzare al suolo. Gli oggetti ritornarono magicamente all’interno del baule. Jim ed Elaine corsero subito a soccorrerlo. Il ragazzo africano sembrava aver subito un brutto colpo.

«Stare bene, stare bene» mormorò, mentre i suoi capelli crespi erano completamente scompigliati e affumicati.

«Vedete chicos, dal forziere si può prendere solamente un oggetto su tre. Uno en tres, non los tres! Me entendiste?».

«Si, Jordi» risposero in coro.

«Bueno. Allora, torniamo a noi. Potrete prendere una spada a testa, utile sia nei combattimenti, sia per farvi strada nella foresta. Se invece non pensate sia utile utilizzare delle armi, c’è una mappa dell’isola a vostra disposizione, importante per capire dove siete e dove dovete andare. La Mapa de Nyland. E poi per ultimo ci sono tre Hola-rogi. Non sono dei semplici orologi. Servono per evocarmi e chiedere il mio aiuto in qualsiasi situazione. Todo claro? Allora, ci vediamo nella prossima postazione. Addentratevi nella foresta e… state attenti al lupo. Hola chicos».

QUALE OGGETTO VUOI RACCOGLIERE DAL FORZIERE?

  • I tre Hola-rogi (100%)
    100
  • La mappa di Nyland (0%)
    0
  • Le tre spade (0%)
    0

Voti totali: 3

Vota la tua opzione preferita

Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

4 Commenti

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi