Tutto quello che nessuno sa di me

Dove eravamo rimasti?

Cosa iniziò a insinuarsi tra i pensieri di Beatrice? Voleva capire se Marco potrà ricambiare i suoi sentimenti (67%)

Quello strano pomeriggio

 Ebbene si, Marco ormai si era trasferito già da una settimana e, pur non frequentando la stessa scuola, accompagnava me e Cristina tutte le mattine e passava a prenderci dopo scuola per tornare a casa insieme. Capitava, a volte, che Cristina non c’era e quindi io e Marco trascorrevamo del tempo da soli e la cosa sorprendente era che io non ero affatto dispiaciuta di questa situazione.

Era nata una bella amicizia e le uscite insieme si espandevano anche al pomeriggio ed era diventata quasi un’abitudine incontrarci nel parchetto e stare ore a parlare e scherzare delle cose più strane. Un giorno però qualcosa andò storto o meglio successe qualcosa di inaspettato. Cristina non aveva voglia di uscire, probabilmente era in uno dei suoi momenti di pigrizia assoluta, ma io e Marco decidemmo di uscire lo stesso. Ci ritrovammo noi due soli sulla panchina del parco vicino casa mia. Come era suo solito fare, iniziò a parlarmi della sua mattinata e poi mi chiese come fosse andata la mia. Era una di quelle giornate che ti facevano venir voglia d’estate e decidemmo di fare una passeggiata con sosta al bar dove ci eravamo incontrati per la prima volta per il solito caffè macchiato. A quel punto, tra una battuta e l’altra, Marco mi pose delle domande che mi fecero rimanere a quanto perplessa. Iniziò chiedendomi se c’era qualche ragazzo nella mia classe con cui ero riuscita a legare; in effetti qualcuno c’era e d’istinto risposi: <<Matteo>>. Dall’espressione che Marco fece dopo aver sentito quel nome ebbi l’impressione che non gli piacesse molto e mi diede  la conferma dicendomi:<<Sai, quel ragazzo non me la racconta giusta, ha dei modi di fare che non mi piacciono affatto, si crede superiore alle altre persone. Non mi sono mai piaciuti i tipi così. Credo che tu debba stargli lontana>>. Stupita non compresi bene il senso delle sue parole e, proprio mentre stavo per controbattere le sue affermazioni, mi interruppe e riprese con le sue domande: <<Siete amici da tanto o avete legato solo da poco?>>. E io risposi, prima che ricominciasse a fare domande: <<Andiamo d’accordo da sempre, ma ultimamente ci siamo avvicinati di più, abbiamo scoperto di avere molto in comune e ci divertiamo molto quando siamo insieme>>. Mi guardò in modo strano, aggrottando le sopracciglia; esitò un po’ e disse: <<Sei sicura che per te sia solo un amico? Sai da come ne parli non sembra proprio>>. A quel punto diventai rossa come la sua maglietta. In realtà io avevo preso una cotta per Matteo al primo anno e, anche se ormai non ci pensavo più, arrossivo ancora per l’imbarazzo. Decisi di non dirglielo e mi limitai a rispondere:<<Siamo ottimi amici>>. Marco allora pagò i caffè e mi disse: <<Anche se non sono del tutto convinto, non fa niente, non insisterò>> e aggiunse: <<Vieni, ti accompagno a casa>>.  Lungo il tragitto lo trovai molto taciturno così accelerai il passo in modo da arrivare prima. Una volta sotto casa mia, Marco mi salutò con un bacio sfiorando le mie labbra con sue. Presa dall’imbarazzo mi precipitai in casa e lo salutai con la mano da lontano.

La mattina dopo sembrava tutto nella norma, ma la mia testa continuava a porsi domande a cui non trovavo risposta: perché Marco era partito con domande a raffica come se fosse un interrogatorio? E perché mi aveva salutata in quel modo? Ma soprattutto: dovevo parlarne con Cristina o era meglio aspettare?

Cosa farà Beatrice?

  • Marco la precederà, racconterà tutto lui a Cristina (33%)
    33
  • Deciderà di aspettare (44%)
    44
  • Racconterà tutto a Cristina (22%)
    22

Voti totali: 9

Vota la tua opzione preferita

Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

16 Commenti

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi