Essere una TecnoRaider!

Il primo sogno

Un bosco, di notte. Dei tizi incappucciati avanzano fiaccole alla mano. Giungono in uno spiazzo. Vi è una pira di legno con sopra sdraiata una leonessa. Non appena la circondano lei apre un occhio verde, mentre l’altro occhio, passato da tre ciccatrici, rimane chiuso. Fa per alzarsi ma è incatenata; tuttavia si nota che è umanoide. Una di quelle persone abbassa il cappuccio, rivelando una testa da leone. Prende una pergamena e legge.

«Lea. Siete stata condannata per il vostro tradimento e la vostra colpa…» inizia a dire.

«Piantala! – l’interrompe Lea – Sappiamo tutti quello che c’è scritto. A mia discolpa posso solo dire di non essere la stata la prima ad infrangere il Patto dei Leoni di Giada»

«Sei semi-sterile» dice il leone.

«Lo ammetto: posso avere bambini solo una volta ogni 10 anni. Non è mia la colpa e non ne sento il peso. Ma se non l’avesse scoperto, ora non saremo qui a fare questa farsa»

«Hai solo una possibilità di salvarti, Lea. Dicci dove hai nascosto il bambino»

«È al sicuro. Al sicuro dalle tue grinfie. Al sicuro dai Leoni di Giada e da tutti quelli che vogliono fargli male. Ho perso l’occhio per salvarlo e non lo venderò a voi!»

«Ti stai condannando da sola»

«Ascoltami bene – parola incomprensibile – Tu devi solo ringraziare che io sia qui incantenata, altrimenti ti avrei già sbranato ed avrei banchettato con le tue carni e bevuto il tuo sangue!» il tono di Lea diviene sempre più alto e ruggente.

«Sia come tu hai deciso! Procedete!»

Mettono tutti le torce nella pira che prende fuoco. Lea si sdraia ed aspetta che le fiamme l’avvolgano.

***

Lea si sveglia di soprassalto nel suo letto, nel quartier generale delle TecnoRaider, sulla Terra. Il suo occhio destro è passato sì da tre ciccatrici ma lei lo apre rivelando un’iride color argento. Sentendosi ancora bruciare, balza giù dal letto e corre a farsi una doccia gelata!

«Cribbio!» esclama.

***

Il giorno dopo Lea è al bar; ha la testa appoggiata ad una mano e tiene il broncio. Indossa la sua tenuta da Prima Addestratrice: un vestito blu dalla gonna corta privo di maniche.

«Per tirarti su di morale» le dice Jen, una ragazza dai capelli rossi, sua partner.

Lei indossa la divisa standard da tecnoraider: maglia e pantaloni attillati completamente rossi.

Lea volge gli occhi e si illumina in volto.

«L’oro nero!» esclama.

«Ciccolata!» sospira Jen.

«Cioccolata» ripete Lea prendendo la tazza ed infilandoci il muso.

«Allora – dice la ragazza sedendosi di fronte alla leonessa – Hai passato una brutta notte?»

«Incubi – si lecca i baffi – Sempre lo stesso per la precisione. Ogni volta un po’ più orrendo del precedente»

«Racconta»

Lea racconta il sogno.

«Ed ogni volta io ero ridotta sempre peggio. Ora, io non voglio dire, ma qualsiasi cosa significhi, non ha senso. Esisteva un gruppo chiamato Leoni di Giada, ma si è sciolto quando ero una cuccioletta. E poi non ha senso: non siamo così barbari»

«Stiamo parlando degli stessi che ti hanno violentata in cento perché eri semi-sterile?»

«Ancora con questa storia? No! Hanno cercato di guarirmi!»

Jen la guarda scettica.

«Poi – prosegue Lea – visto che non ci sono riusciti, si sono giustamente arrabbiati. Anche io lo avrei fatto»

«E ti hanno torturata ed abbandonata su un pianeta distante anni luce, in pieno deserto. Se non ti avessimo trovata…»

«Ok. Lo ammetto: il mio Master è stato molto cattivo con me. Ma se lui era un – parola incomprensibile – non significa che dobbiamo esserlo tutti, ti pare?»

Jen decide di cambiare argomento:

«Censuri sempre le parolacce con parole in altra lingua?» dice divertita.

«Sempre! È il vantaggio di essere un interprete» caccia di nuovo il muso nella tazza.

«Ciao! – esclama una ragazzina tra i tredici ed i quattordici anni, con gli occhi azzurri ed i capelli rosa, incrociando le braccia sul petto – Posso unirmi a voi?»

Indossa una divisa attillata nera e verde.

«Accomodati Flora» le dice Jen mentre Lea le fa segno di avvicinarsi mentre finisce di leccare la tazza.

«Dunque – dice Flora guardando il menù – io prendo un doppio cappuccino, tre spremute di arancia, mezzo chilo di biscotti ed un cornetto gigante»

«Hai fame!» commenta Jen.

«La mattina sempre!» risponde lei.

«Allora – interviene Lea – Come ti senti? Sei pronta per l’allenamento delle unità operative?»

«Sì! Sono eccitatissima! Non vedevo l’ora! Non credevo che… è un’opportunità incredibile! – saltella sulla sedia – Ah! Quasi dimenticavo: abbiamo scelto il nome del gruppo – pausa d’effetto – I Leoni di Giada! – pausa – Perché quelle facce? Ho detto qualcosa che non va?»

Nel prossimo episodio...

  • Salta tutto e passa al secondo sogno! (0%)
    0
  • Approfondiamo Flora: con lei conosciamo meglio il mondo (40%)
    40
  • Seguiamo un allenamento: conosciamo meglio le TecnoRaider (60%)
    60
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

19 Commenti

  1. La backstory di Rubinia, Flora e Giada è molto interessante e parecchio densa, sembra quasi una storia nella storia, o magari materiale da prequel o spinoff… son curioso di sapere se sono fatti che resteranno nel loro passato o se si integreranno in qualche modo con la storia di Lea. Comunque tutto contribuisce al worldbuilding e quindi apprezzo molto 🙂
    Mi è piaciuto anche che l’intero capitolo sia stato dedicato a questi colloqui, mi piacciono gli episodi “tematici”.
    Per il futuro: tutte e tre le possibili motivazioni per l’atteggiamento di Stiven sembrano descrivere una persona non proprio matura, ma l’antipatia nei confronti delle altre ragazze o di Lea mi sembra un po’ troppo infantile: io voto per un po’ di sano egoismo e per il desiderio di diventare qualcuno!

  2. Vorrà sabotare l’operato di tutti!
    Ciao Red,
    vedo che hai tenuto in considerazione i consigli ricevuti e hai affidato il colore degli occhi a uno sguardo pieno di disgusto, bene.
    Occhio alle ciccatrici…
    Il racconto fila, vediamo che combina Stiven.
    Alla prossima!

  3. Io continuo ad aver bisogno di una panoramica un po’ più dettagliata di questo mondo, quindi voterei per conoscere meglio le altre due ragazzine che magari ci danno qualche informazione in più 🙂
    Delle ripetizioni te lo hanno già fatto notare (ma comunque niente di che, io ci perdo un sacco di tempo per evitarle e alla fine ne lascio sempre un sacco) mentre per quanto riguarda la descrizione fisica dei personaggi mi accodo a keziarica e ti do un consiglio: se ne hai tanti da presentare insieme, come le tre bambine, la prima volta accenna ad un unico elemento distintivo che ci faccia capire di chi parla (colore dei capelli o della pelle) e aggiungi dettagli quando hai l’occasione di renderli rilevanti, per esempio se durante il colloquio Lea e Flora si guardano negli occhi puoi citarne il colore in quel momento, o magari se non sappiamo ancora di che colore ha i capelli una scena in cui se li attorciglia nelle dita per l’imbarazzo può svelarci anche questo dettaglio. Il problema di descrivere tanti personaggi con tante informazioni tutte insieme è che poi si confondono e ottieni l’effetto opposto 😀

  4. Ciao Red,
    le scene d’azione ti riescono bene, te lo devo dire… be’ in realtà l’ho già fatto in precedenza 😉
    Attenzione alle ripetizioni e, se posso, evita di elencare le caratteristiche dei personaggi, sarebbe meglio dare qualche indizio qua e là, senza fare un body Scan dei tratti somatici 🙂
    Per il resto, si fa interessante.
    Voto il secondo sogno.
    Alla prossima!

    • Quello del “body scan” è un problema che non riesco a risolvere: se non lo faccio, non hai idea di cosa hai di fronte (e può essere importante), se lo faccio sembrano che facciano le belle statuine (anche se in questo caso, più o meno, ci stava). Dare indizi qua e là ciò provato, ma non aiuta: non si capisce una fava comunque!

      Ciao 🙂

  5. Ciao! Lea è è una protagonista che mi piace molto, specialmente per la visione un po’ “distorta” che ha di certi fatti, che spero sia approfondita. Maaa bisogna aspettarsi qualcosa di affine al genere furry o è solo un’impressione? Comunque al momento sono più interessato ad avere qualche dettaglio in più sul contesto, per me l’allenamento e i sogni possono aspettare, quindi voto Flora

    • Lea è un’aliena donna-leonessa ed è l’unica presente sulla Terra. Non ho intenzione di mettere altri uomini-leone (sogni a parte) perché quello che vorrei descrivere è la differenza tra la sua cultura e quella terrestre (ovviamente in scenette come quella che abbiamo appena letto).

      Comunque nelle mie storie c’è (quasi) sempre qualche animale antropomorfo 😛

      Ciao 🙂

  6. Ciao Red,
    Bentornato! Hai fatto presto🙂.
    Se posso
    Dirtelo questo è il miglio incipit che ci proponi, intrigante e pieno di particolari. Bello. Sono felice di poterti rileggere in questa chiave, ci sono due cosine, tipo il punto è virgola e forse qualche refusino, ma poca, davvero poca roba😉
    Alla prossima e ho scelto l’allenamento!

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi