Essere una TecnoRaider!

Dove eravamo rimasti?

Nel prossimo episodio... Seguiamo un allenamento: conosciamo meglio le TecnoRaider (60%)

Il primo allenamento

Un gruppetto di ragazzini si trova nella Sala di Allenamento, nell’attesa della Prima Addestratrice. In prima linea, nelle loro uniformi verdi e nere, si trovano Flora, Rubinia e Giada. Rubinia è una ragazzina dalla pelle bianchissima, i capelli lunghi tanto biondi da essere bianchi e gli occhi rossi. Giada ha invece la pelle nera, gli occhi color giada e dei capelli color ebano che le arrivano fin quasi al fondoschiena. Flora è impaziente e c’è un certo vociare in giro, fin quando Lea non fa la sua entrata.

«È vera» mormora qualcuno.

Lea indossa un vestito azzurro dalla gonna corta. Si avvicina al gruppetto e porta i pugni incrociati al petto.

«Benvenute Reclute TecnoRaider – dice – Siete qui per iniziare il vostro addestramento per essere degli operativi. So che siete impazienti di inforcare le moto, ma dovrete attendere: dovete superare diverse selezioni prima di poterle inforcare. Conosco poco di voi, quindi iniziamo con un semplice riscaldamento. 10 giri di corsa intorno al campo. Avanti Marsh!»

Il gruppetto inizia a correre. Terminato il giro, Lea fa fare loro diverse flessioni e piegamenti.

«Siete stanchi?» chiede alla fine.

«No!» è la risposta corale, anche se hanno tutti il fiatone.

Lea conduce il gruppo davanti ad una distesa di sabbia che si muove; sopra vi sono diversi sacchi oscillanti; oltre una montagnola ci sono delle pozze d’acqua e qualcos’altro che si vede poco. Termina il tutto un alto muro con delle corde.

«Questo è un percorso semplificato – spiega Lea – Serve a testare le vostre capacità reattive ed i vostri sensi. Ogni giorno gli ostacoli aumenteranno, siete avvertiti. Ora mi mostro come si supera»

Preme un pulsante su un telecomando e delle turbine iniziano a sollevare la sabbia, rendendo difficoltoso vedere. Lea si lancia in mezzo. La sua sagoma schiva, salta, piroetta, percorre tutto il percorso e con un solo salto arriva in cima al muro.

«Non mi aspetto che riusciate a farlo come me, ma vediamo cosa siete in grado di fare. I Leoni di Giada per primi. Avanti!»

Flora, Rubinia e Giada si lanciano nel percorso…

«Scotta!» si lamenta Flora passando tra la sabbia.

«È gelata!» si lamenta invece Giada.

«Ahio! Che botta!» si lamenta Rubinia.

È un disastro: non vedono niente, sbattono contro tutti i sacchi, cadono nelle fosse, nelle acque, inciampano, finiscono a terra, soffocano nella sabbia… arrivano al muro praticamente strisciando. Tutte e tre afferrano le corde e cercano di tirarsi su. Lea le solleva e le getta dall’altro lato, facendole finire su dei cuscini.

«Che disastro» si lamenta Flora.

Diversi minuti dopo, Lea si avvicina loro. Sono stanche, abbacchiate, sporche. Sollevano lo sguardo verso Lea che sorride loro.

«I miei complimenti – le dice – Avete superato il percorso»

«Veramente ci hai aiutato tu» dice Flora.

«E con questo? Ce l’avete fatta: gli altri si sono arenati molto prima»

Guardandosi indietro, vedono che gli altri sono sparpagliati per tutto il terreno.

«Sono in pochi a farlo alla prima mossa e proprio per ciò vi meritate questo» dona loro una medaglia coccarda.

L’orgoglio delle tre va a mille.

«I Leoni di Giada vincono!» dicono entusiaste battendosi il cinque.

***

È il momento del “discorso a quattr’occhi”: Lea interrogherà separatamente ognuno e loro dovranno rispondere sinceramente ad ogni domanda. Nessuno sa che razza di domande gli aspetta. È il turno di Flora. Lea la fa accomodare su un panchetto alto.

«Cosa ti ha spinto a voler essere una TecnoRaider?» le chiede.

«Era la mia occasione – risponde lei – un’opportunità inaspettata ed incredibile»

«C’entra per caso la tua mutazione?»

Flora si prende una ciocca di capelli con un dito.

«Preferirei non parlarne»

«Perché?»

«Non credo capiresti»

«Prova a spiegarmelo»

«Sai che io sono affetta da una rara mutazione… una mutazione che mi rende “compatibile” con tutti»

«Che intendi per “compatibile”?»

«Beh, ad esempio io posso donare il sangue a chiunque. I miei tessuti non causano rigetto perché si adattano al corpo ospite»

«Non è una bella cosa?»

«Non quando ti vogliono usare come pezzi di ricambio. Io sono nata per essere usata come pezzi di ricambio per altre persone. Una specie di spada di damocle era sempre sulla mia testa. Venivo dissanguata, tagliata… un giorno mi avrebbero fatto del tutto a pezzi per salvare qualcun’altro – la coda di Lea si muove a quelle parole – Non aveva importanza di quello che ero io. Ma quando doveva avvenire, sei arrivata tu»

«Sì, so quel pezzo di storia»

«Già, mi hai mostrato quello che ero, quello che potevo fare. I TecnoRaider mi hanno dato uno scopo: aiutare la gente senza dover per forza morire nel tentativo. È una cosa meravigliosa. Lo sa anche Rubinia: è stato grazie a voi che ho capito come potevo “stabilizzarla”. Io… voglio essere una TecnoRaider per poter aiutare la gente, esattamente come i TecnoRaider hanno aiutato me»

«E con questo hai superato la prova»

«Eh?»

«Sei stata sincera ed esauriente. Esci pure dall’altra porta, ora tocca a Rubinia»

E adesso?

  • Raccontaci il secondo sogno: vogliamo conoscere meglio Jen (0%)
    0
  • Mostraci il secondo sogno: vogliamo conoscere meglio Lea (25%)
    25
  • Ehi! Non puoi lasciarmi a metà: parlaci di Rubinia e Giada! (75%)
    75
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

19 Commenti

  1. La backstory di Rubinia, Flora e Giada è molto interessante e parecchio densa, sembra quasi una storia nella storia, o magari materiale da prequel o spinoff… son curioso di sapere se sono fatti che resteranno nel loro passato o se si integreranno in qualche modo con la storia di Lea. Comunque tutto contribuisce al worldbuilding e quindi apprezzo molto 🙂
    Mi è piaciuto anche che l’intero capitolo sia stato dedicato a questi colloqui, mi piacciono gli episodi “tematici”.
    Per il futuro: tutte e tre le possibili motivazioni per l’atteggiamento di Stiven sembrano descrivere una persona non proprio matura, ma l’antipatia nei confronti delle altre ragazze o di Lea mi sembra un po’ troppo infantile: io voto per un po’ di sano egoismo e per il desiderio di diventare qualcuno!

  2. Vorrà sabotare l’operato di tutti!
    Ciao Red,
    vedo che hai tenuto in considerazione i consigli ricevuti e hai affidato il colore degli occhi a uno sguardo pieno di disgusto, bene.
    Occhio alle ciccatrici…
    Il racconto fila, vediamo che combina Stiven.
    Alla prossima!

  3. Io continuo ad aver bisogno di una panoramica un po’ più dettagliata di questo mondo, quindi voterei per conoscere meglio le altre due ragazzine che magari ci danno qualche informazione in più 🙂
    Delle ripetizioni te lo hanno già fatto notare (ma comunque niente di che, io ci perdo un sacco di tempo per evitarle e alla fine ne lascio sempre un sacco) mentre per quanto riguarda la descrizione fisica dei personaggi mi accodo a keziarica e ti do un consiglio: se ne hai tanti da presentare insieme, come le tre bambine, la prima volta accenna ad un unico elemento distintivo che ci faccia capire di chi parla (colore dei capelli o della pelle) e aggiungi dettagli quando hai l’occasione di renderli rilevanti, per esempio se durante il colloquio Lea e Flora si guardano negli occhi puoi citarne il colore in quel momento, o magari se non sappiamo ancora di che colore ha i capelli una scena in cui se li attorciglia nelle dita per l’imbarazzo può svelarci anche questo dettaglio. Il problema di descrivere tanti personaggi con tante informazioni tutte insieme è che poi si confondono e ottieni l’effetto opposto 😀

  4. Ciao Red,
    le scene d’azione ti riescono bene, te lo devo dire… be’ in realtà l’ho già fatto in precedenza 😉
    Attenzione alle ripetizioni e, se posso, evita di elencare le caratteristiche dei personaggi, sarebbe meglio dare qualche indizio qua e là, senza fare un body Scan dei tratti somatici 🙂
    Per il resto, si fa interessante.
    Voto il secondo sogno.
    Alla prossima!

    • Quello del “body scan” è un problema che non riesco a risolvere: se non lo faccio, non hai idea di cosa hai di fronte (e può essere importante), se lo faccio sembrano che facciano le belle statuine (anche se in questo caso, più o meno, ci stava). Dare indizi qua e là ciò provato, ma non aiuta: non si capisce una fava comunque!

      Ciao 🙂

  5. Ciao! Lea è è una protagonista che mi piace molto, specialmente per la visione un po’ “distorta” che ha di certi fatti, che spero sia approfondita. Maaa bisogna aspettarsi qualcosa di affine al genere furry o è solo un’impressione? Comunque al momento sono più interessato ad avere qualche dettaglio in più sul contesto, per me l’allenamento e i sogni possono aspettare, quindi voto Flora

    • Lea è un’aliena donna-leonessa ed è l’unica presente sulla Terra. Non ho intenzione di mettere altri uomini-leone (sogni a parte) perché quello che vorrei descrivere è la differenza tra la sua cultura e quella terrestre (ovviamente in scenette come quella che abbiamo appena letto).

      Comunque nelle mie storie c’è (quasi) sempre qualche animale antropomorfo 😛

      Ciao 🙂

  6. Ciao Red,
    Bentornato! Hai fatto presto🙂.
    Se posso
    Dirtelo questo è il miglio incipit che ci proponi, intrigante e pieno di particolari. Bello. Sono felice di poterti rileggere in questa chiave, ci sono due cosine, tipo il punto è virgola e forse qualche refusino, ma poca, davvero poca roba😉
    Alla prossima e ho scelto l’allenamento!

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi