Quattro improbabili eroi (Racconti di Heartwind #1)

Dove eravamo rimasti?

Ora che abbiamo scoperto qualcosa in più sui nostri personaggi, è arrivato il momento di concentrarsi su qualcosa di diverso. Ma su cosa? Inizieremo a conoscere più da vicino il "villain" di questa storia. (67%)

Il santuario di Vahel

L’uomo in nero cavalcò per quasi un intero giorno, inerpicandosi con fatica per il pendio che sovrastava il borgo marittimo di Brandal. Addentratosi nella boscaglia, impiegò ancora qualche ora prima di sbucare in una profonda gola rocciosa scavata dalle intemperie. Un posto praticamente incontaminato, se non per la facciata in marmo bianco, sbiadita dal tempo, posizionata in fondo alla voragine.

L’uomo, sceso a terra e con le briglie del suo ronzino strette in mano, si incamminò verso l’enorme ingresso: il portone era spalancato, le colonne ai suoi lati percorse da profonde scanalature. Nella parte più alta, un architrave era stato scolpito con immagini raffiguranti le gesta degli eroi d’altri tempi; gli stessi motivi venivano ripresi da un rosone di vetro colorato.

Legato il cavallo, l’uomo varcò la soglia. Il salone principale non era certo da meno: i vecchi monaci che avevano eretto il santuario di Vahel, ormai scomparsi, si erano concentrati sulla costruzione di un’ampia sala circolare, dall’altissimo soffitto e punto centrale in cui tutte le vie del santuario si congiungevano.

Arrivati in quel luogo abbandonato da anni, gli uomini in nero si erano limitati ad eliminare tutti i simboli sacri presenti e a raffigurare sul pavimento del salone la stella a dieci punte.

L’uomo percorse i lunghi corridoi, rischiarati soltanto dalle fiamme tremolanti delle torce alle pareti; le uniche zone che non necessitavano di luce artificiale erano il salone di ingresso e la cappella, dove l’uomo era diretto: un ingegnoso sistema di finestre e specchi meccanici faceva in modo da riflettere i raggi del sole e della luna all’interno della stanza, fornendo sempre la medesima illuminazione.

Arrivato all’ingresso della cappella, l’uomo notò un altro individuo, vestito come lui, fermo davanti alla porta.

“Devo parlare con lui, Jeber”, disse il primo levandosi il cappuccio. “Fammi passare.”

“Calmati, Dalos. Cosa è successo? Dove sono Carter e gli altri?”

“Non sono tenuto a darti spiegazioni. Fammi passare. Ora.”

I due si guardarono in cagnesco per alcuni secondi. Poi, Jeber si scansò di lato per lasciar passare l’altro.

Entrato nella cappella, Dalos si ritrovò davanti ad uno spettacolo surreale: due file di panche correvano lungo tutta la navata, fiancheggiata da altissime finestre; tuttavia, la parte che più catturava l’attenzione era il soffitto, una massa informe ma allo stesso tempo ordinata di luci, ombre e onde marine, che si infrangevano le une contro le altre senza mai perdere il loro moto.

Mentre camminava sul tappeto rosso tutto sgualcito, Dalos intravide una figura umana sul fondo della sala che, dando le spalle all’ingresso, era chinata sull’altare cosparso di candele e adibito a scrivania. L’uomo indossava una lunga tunica ed era scalzo.

“Signore”, disse Dalos, lasciandosi sfuggire un singhiozzo.

L’uomo, che fino a quel momento era intento a scrivere, lasciò cadere la penna d’oca. Si alzò in piedi e si voltò, mostrando una testa completamente rasata e una lunga barba bianca.

“Signore”, ripeté Dalos. “La missione non è andata a buon termine.”

L’altro rimase in silenzio: aspettava che l’uomo finisse di parlare.

“Tuttavia, sappiamo per certo che il mezzorco ha il cristallo. E sappiamo anche che l’umano che stiamo cercando è con lui.”

“E il nano?”, domandò l’altro con voce roca.

“Anche il nano è con loro, signore.”

L’uomo, con le mani intrecciate dietro la schiena, scese dal pulpito e si affiancò a Dalos, guardandolo dritto negli occhi.

“Qualcun altro?”

“Carter è stato catturato, ma dalla sua cella è riuscito a mettersi in contatto con me: dice che c’è anche una mezzelfa.”

“Ti ha detto anche il nome?”, chiese incuriosito l’uomo con la tunica.

“Ehm… Elythe, credo. Qualcosa del genere.”

L’altro sorrise.

“Edythe… bene: porteremo a termine ciò che è iniziato anni fa, finalmente. Il tutto ha un che di poetico… I tuoi compagni dove sono?”

Dalos deglutì: “Morti, signore. C’è stato uno scontro.”

L’uomo si accarezzò la barba: “Capisco.”

Poi, attraversò con passo lento l’intera navata, fermandosi appena dopo l’ingresso e scambiando parole incomprensibili con qualcuno che Dalos non poteva vedere. Poi, l’uomo riprese a camminare con la stessa lentezza e scomparve alla vista, mentre Jeber faceva il suo ingresso nella navata sguainando la spada.

Capite le intenzioni del compagno, Dalos estrasse la pistola da sotto il mantello, colto dalla terribile consapevolezza che non avrebbe fatto in tempo a caricare l’arma prima che Jeber sferrasse il suo attacco. Lasciò allora cadere la pistola per estrarre la spada a sua volta, ma l’altro si era ormai avvicinato troppo: Dalos parò a fatica il primo colpo, ma il secondo lo trapassò da parte a parte con estrema facilità.

Si accasciò a terra, coprendosi con le mani il punto in cui la lama era penetrata, mentre il sangue zampillava dalla ferita come una fontana.

Lentamente, i sensi lo abbandonarono, e la pozza di sangue che si stava espandendo sotto di lui si mescolò con il rosso del tappeto.

Ci avviciniamo lentamente al finale. Su cosa sposteremo l'attenzione nel prossimo capitolo?

  • Qualcuno attenderà gli avventurieri al santuario di Vahel. (29%)
    29
  • Gli avventurieri cadranno in una trappola. (57%)
    57
  • Gli avventurieri, arrivati al santuario di Vahel, inizieranno ad esplorarlo. (14%)
    14
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

48 Commenti

  • Un bel finale, nemmeno troppo affrettato tutto considerato, e la storia in sè è un buon mix di classicismo e originalità, quindi bravo. Se dovessi continuare ti suggerisco di cercare di caratterizzare ancora di più questo mondo e questi personaggi. All’inizio non ero del tutto convinto visto che di fantasy in giro ce n’è tanto, ma una seconda parte la leggerei volentieri. Ciao!

    • Ciao 🙂
      Innanzitutto, ti ringrazio per i complimenti e, avendo ora la possibilità di scrivere un seguito, amplierò sicuramente l’ambientazione e il mondo in cui i protagonisti si ritrovano ad agire. Come già detto in altri commenti, però, vorrei provare a concentrarmi su altri generi, quindi il seguito arriverà più avanti.
      Sono contento che il racconto ti sia piaciuto, grazie per aver seguito la storia fino alla fine 😀

  • 1) Colpo di scena meraviglioso: non me lo aspettavo!
    2) Con questo finale ti sei obbligato a fare un seguito!
    3) Il fatto che sia andato tutto secondo i piani di Nelkor, è il classico cliché del cattivo che sa sempre tutto, prevede tutto ed alla fine farà la figura del fesso. Avrei giocato di più sul suo stupore del “qualcos’altro” e che poi avesse ideato il nuovo piano 😉

    Ciò detto, la storia mi è piaciuta un casino e ti aspetto per la prossima 😀

    Ciao 🙂

    • Ciao ?
      Immaginavo che il cliché del “piano perfetto” avrebbe fatto storcere il naso ai più, ma la “perfezione” di Nelkor è un argomento che mi sono ripromesso di trattare in un possibile seguito: strategia di marketing, vedremo i suoi effetti sul lungo termine (scherzo ?)
      Eh sì, molto probabilmente farò un seguito, anche perché mi sono divertito un sacco a scrivere questa storia, ma non penso arriverà molto presto, al momento preferirei provare a cimentarmi con altri generi.
      Detto questo, ti ringrazio tanto per i complimenti, spero di averti intrattenuto e divertito almeno un po’ ?

  • In effetti non saprei… ti dispiace se tiro a caso? Roll… roll… Falin!

    Il capitolo l’hai gestito molto bene, le scene d’azione non sono mica male e tutto va che è una meraviglia… però… è allo stesso tempo tutto sacrificato. Forse avresti avuto più spazio per i personaggi facendo un seguito 🙂

    Ciao 🙂

    • Ciao, ti ringrazio per i complimenti ?
      Per quanto riguarda i personaggi, mi piacerebbe poterne riprendere alcuni in mano, magari in una storia futura: nonostante alcune critiche, mi pare che il racconto sia stato abbastanza apprezzato, quindi chissà… ?
      Grazie ancora per aver seguito la storia fino a questo punto, spero di portarvi un finale convincente ?

  • Ho votato il mezzorco, non solo perché è il mio preferito, ma soprattutto perché, secondo me ha senso chiudere da dove siamo iniziati, ossia con il mezzorco.
    Le scene di azione ti vengono bene, anche se ritengo che tu inserisca troppa carne al fuoco e troppi particolari. 5000 battute sono pochissime per raccontare scene troppo articolate con troppi nomi nuovi e troppi dettagli.
    Inoltre, ma forse è una tua scelta è la rispetto, a parte qualche accenno su Gnorth, altri personaggi, soprattutto i cattivi, appaiono bidimensionali, non perché non li sai caratterizzare, ma perché probabilmente hai tolto spazio all’introspezione per concentrarti sull’anzione.
    Nonostante queste critiche, io ritengo che tu sia un pozzo di fantasia con idee molto interessanti. Forse troppe è troppo articolate per dieci capitoli da 5000 battute.
    Detto questo, continua a scrivere, sei interessante e le tue storie sono originali con uno stile personale.
    Complimenti!

    • Capisco, le scene d’azione tendono ad essere piene zeppe di particolari spesso anche inutili, ma è un “vizio” che mi permette di prefigurarmi in mente una sequenza con tutti i dettagli al loro posto; anzi, dopo una iniziale stesura del capitolo, mi capita frequentemente di tagliare via una buona metà della bozza perché troppo lunga perché piena di questi particolari. Capisco però che il tutto possa non piacere, infatti devo ancora prendere la mano con il formato offerto da questa piattaforma, ma cercherò sicuramente di migliorarmi con il tempo ?
      Per quanto riguarda la caratterizzazione dei personaggi, mi sono accorto anche io che in questi ultimi capitoli alcuni di loro appaiono abbastanza piatti, ma è una conseguenza derivata dal fatto che ho preferito concentrarmi sui protagonisti e sulla narrazione. Anche questo, però, sarà un difetto che pian piano eliminerò prendendo sempre più la mano con The Incipit ?
      Detto questo, ti ringrazio infinitamente per i complimenti e spero di riuscire a portare un finale che possa convincere ?

  • La storia mi cattura. È il mio genere. Mi piace il modo scorrevole con cui ci presenti i personaggi, mostrandoceli in azione, invece di tediarci con lunghe descrizioni.
    Alcuni nomi che hai scelto, sono difficilmente pronunciabili, ma forse è un mio problema… in ogni caso, trovo tutto coerente nell’universo complesso che stai costruendo.
    In capitolo 2 mi ha lasciata perplessa la pistola in mano ad una mezzelfa… non mi sembrano creature da arma da fuoco… ma questo è il tuo mondo e il tuo racconto, quindi ci sta sovvertire i normali stereotipi.
    Il mezzorco è per ora il mio personaggio preferito. Un antieroe reso magistralmente .
    Sei abile nel creare dialoghi credibili e inserire una narrazione corale.
    Ho apprezzato anche il cacciatore di demoni (se ho capito bene l’umano fa questo di mestiere), in quanto è un personaggio ben costruito.
    Verso il capitolo 7 la narrazione si velocizza, come se avessi fretta di concludere, dando poco spazio ad eventi e personaggi che avrebbero meritato una maggiore spiegazione.
    Capitolo 8 è poco chiaro nelle scene di azione.
    Ho come l’impressione che tu sia partito con il botto con questo tuo racconto. I primi 4 capitoli mi hanno presa, incuriosita ed emozionata. Gli ultimi 4 non mi convincono come i primi, per quanto io ritenga che tu abbia un indubbio talento nella scrittura. Infatti non discuto il tuo stile e le tue capacità, ma proprio il modo in cui verso la fine hai velocizzato tutto, rendendo la comprensione meno accessibile e la lettura meno godibile. Questo è un mio personalissimo parere. Spero che tu non te la prenda, perché come ho scritto sopra, sei meritevole è capace.

    • Ciao! 🙂
      Ti ringrazio per i complimenti, ma anche e sopratutto per le critiche che, se ben motivate e pacate (come hai fatto tu d’altronde, così come tutti gli altri che stanno seguendo questa storia), sono sempre ben accette e servono per migliorarsi ogni giorno.
      Prima di iniziare questo racconto avevo in mente uno schema generale, ma essendo la prima volta che scrivo su The Incipit ho avuto un po’ di difficoltà a causa delle limitazioni di spazio, dunque è probabile e piuttosto plausibile che qualcuno possa non apprezzare uno svolgimento così rapido.
      Per fugare gli altri tuoi dubbi: sì, l’umano è un cacciatore di demoni, mentre con la mezzelfa ho voluto mettere un personaggio spesso troppo stereotipato sotto una luce leggermente differente; se ci saranno altri racconti con questi personaggi, ci sarà anche l’opportunità di spiegare meglio alcune questioni 😉
      Detto questo, ti ringrazio per essere passata e spero che gli ultimi due capitoli possano piacerti 😀

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi