ARANCIO

Dove eravamo rimasti?

Silvestro deve diventare un vero mago. Come lo farà? Baltasar lo farà diventare suo apprendista (75%)

Silvestro diventa un mago!

Baltasar lo farà diventare suo apprendista..

La mattina del giorno successivo arrivò molto presto per Silvestro. Anzi secondo lui era ancora notte quando si sentì scuotere delicatamente ma con fermezza e aprendo a fatica le palpebre scorse accanto al letto, nell’incerta luce dell’alba nascente, Baltasar.

“Che…che è successo?” chiese e siccome il vecchio non gli rispondeva, pensò che forse aveva cambiato idea, rivoleva il suo letto e lo stava cacciando di casa per tempo. Era abituato ai rifiuti, per cui buttò giù le gambe magre dal letto, si infilò a tentoni i suoi vestiti e prese in mano lo zaino. Il mago a questo punto si mise a ridere, il che mise Silvestro molto in confusione. Baltasar gli prese di mano lo zaino e lo riappoggiò a terra, poi lo fissò dritto negli occhi e pronunciò le parole che avrebbero cambiato la vita del giovane. “Per essere un mago vero, c’è del lavoro da fare. Tu vuoi diventare un mago?”

Silvestro arrossì, poi sbiancò, poi arrossì di nuovo non credendo a quello che udiva: “Io? Un mago? Ce..certo..ma… posso davvero? Io non so fare cose magiche, solo lanciare in aria le arance, come ieri…”

“La magia, Silvestro, è nel cuore delle persone, e tu ne hai tanta, io la vedo. – rispose Baltasar – Però bisogna tirarla fuori, e per far questo c’è da studiare e fare pratica. Si comincia all’alba, si finisce al tramonto, e spesso si lavora di notte. Non è uno spasso, ma il risultato non ha prezzo. Te la senti?”

“Si.. sicuro! – rispose entusiasta il giovane, che quando era emozionato tendeva a incespicare nelle parole. Quando si comincia?” “Abbiamo già cominciato” e Baltasar allargò le braccia. La stanza si riempì di una luce strana e Silvestro si accorse di essere non più nella cameretta, ma in cima ad una collina, ancora scalzo e con la camicia fuori dai pantaloni. Per un momento rimpianse il risveglio della mattina precedente e la buona colazione che l’aveva seguito, ma fu solo un momento: mise a tacere lo stomaco che brontolava e guardò il suo maestro in attesa di istruzioni.

Passarono molti, molti mesi. Anni.

Per prima cosa Silvestro imparò a stare in silenzio, perché solo così poteva sentire le voci delle creature magiche, la musica degli alberi del bosco e dei fiori dei campi,  le conversazioni delle api, il chiacchierare dei torrenti e insomma come ogni cosa intorno a lui si esprimeva. Gli capitò una volta di incrociare un piccolo istrice nel bosco che per la paura drizzò tutti i suoi aculei, e si rese conto che udiva anche la sua paura, come una sorta di mormorio sconnesso: Baltasar gli insegnò a rispondere con suoni rassicuranti, e la bestiola abbassò gli aculei, sollevò il musetto a punta verso di lui e, se non fosse stato che proprio lo riteneva impossibile, Silvestro avrebbe giurato che gli aveva sorriso.

Lo studio delle lingue delle creature del posto, visibili e invisibili– ed erano tante! – prese parecchio tempo, ma Silvestro dimostrò grande pazienza: in fondo, non c’era nessuno che lo aspettava a casa, se non la famiglia di Baltasar che ormai lo considerava un membro adottivo. 

Tra una lingua e l’altra, mago Balta – come prese a chiamarlo il giovane con gran divertimento dei familiari (meno dell’anziano mago che si sentiva diminuito nella sua autorità) – gli insegnò qualche gioco di prestigio un po’ più complesso del tirare in aria tre arance. Silvestro imparò a spostarsi da un punto all’altro ad una velocità incredibile. Le prime volte doveva stare attento a dove finiva: muretti, alberi e mobili di casa gli lasciarono qualche bel segno addosso, ed anche gli abitanti del villaggio si lamentarono che l’apprendista gli appariva davanti all’improvviso, a rischio di far prendere un infarto ai più vecchi.

Poi imparò a cercare le cose perdute creandosi nella testa la loro immagine: sembrava un’occupazione stupida, ma non era così. Procurò grande contentezza a Rosmilda, la moglie di Baltasar, a cui ritrovò una spilla persa da qualche secolo dentro una vecchia zuccheriera che non usava più, e un enorme sollievo al maestro di scuola Nando, a cui fece ritrovare il gesso magico per scrivere su qualsiasi superficie. Ne aveva in dotazione solo uno e gli era indispensabile nelle uscite con i suoi allievi: il gesso era finito dentro uno scarpone che si era tolto dopo un’uscita e che non aveva più usato perché gli martoriava il ditone del piede sinistro. E alla fine Silvestro si accorse che poteva ritrovare qualsiasi cosa, in qualsiasi parte del mondo, purché gliene fornissero un ricordo ‘emozionato’, in cui ci fosse una traccia di sentimento che, come un sentiero, lo guidava.

E molto altro, naturalmente. Ci mise qualche decina d’anni, che peraltro passarono velocissimi come aveva promesso Baltasar, e non incisero molto né sull’aspetto esteriore di Silvestro, tranne per qualche rughetta intorno agli occhi, né sul suo carattere, che rimase un po’ timido e introverso, anche se si era conquistato l’affetto di tutti gli abitanti di Settestreghe e ora sapeva veramente fare moltissime cose.  Era un mago.

Silvestro ha finito l’apprendistato, ma per poter praticare deve

  • Trascorrere un anno (tempo umano) nella foresta dei Mille incanti e uscirne vivo (75%)
    75
  • Avere l’approvazione di Fata Selene, la madrina del villaggio, che nessuno sa dove abiti (25%)
    25
  • Ottenere l’attestato ufficiale di mago dal consiglio degli anziani superando un esame (0%)
    0

Voti totali: 4

Vota la tua opzione preferita

Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

10 Commenti

    • Grazie Caterina. Sono stata un po’ in ferie, ma ora riprendo. Mi fa piacere che non trovi scontata la mia storia, forse lo sviluppo che era nella mia testa ti piacerà, se riesco a tenerlo fermo con le vostre scelte. Al prossimo giro sarò già in un pasticcio: avete commentato in due e scelto due cose diverse!. vedremo come me la cavo.

    • Grazie molte a tutti! Fa piacere essere letti, veramente, e grazie per i vostri complimenti. Faccio una risposta generale per tutti, spero vada bene.
      La maggioranza ha votato per l’apprendistato, che poi sarebbe stata anche la mia scelta, perché Baltasar mi sta simpatico e lo vorrei approfondire, occasione buona.
      Lorenzo, non so se sarò all’altezza delle tue aspettative… Ero partita proprio con una favola fantasy, semmai con un risvolto di altro tipo (leggero) ma non sociale, comunque vedremo come si mette la storia.
      A presto con il secondo episodio.. e intanto vado a leggere le vostre storie!
      Camelia

  1. È un po’ di tempo che, per qualche motivo, faccio fatica a leggere fantasy, ma per questo racconto farò un’eccezione. Davvero notevole, la scrittura è impeccabile e la mescolanza di realtà e fantasia lo rende molto interessante. Anche il tono fiabesco mi piace, anche se il riferimento al conformismo nel parlare del passato del protagonista lascia intendere che sarà qualcosa di più di una semplice storiella. Voto per farlo diventare apprendista di Baltasar, al prossimo capitolo!

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi