ORIGINI

Dove eravamo rimasti?

Luca e Mcral sono catturati dai nemici Sono catturati da una fazione sconosciuta a Mcral, ma amica. (60%)

L’INCONTRO

Il buio fu dilaniato da piccoli fari incassati nel pavimento e Mcral sciolse l’abbraccio con estrema rapidità. Luca si guardò attorno, erano in una stanza dalle pareti chiare ma di un colore indefinibile, forse una tonalità del grigio. Mcral si era tolta il casco e si osservava il palmo della mano destra, sicuramente stava analizzando qualcosa con i sensori che aveva addosso. Mancava un punto di riferimento utile a trovare una porta o qualcosa di simile.

In realtà qualcosa c’era. Si trattava della vibrazione, appena percettibile, che arrivava da sotto il pavimento. Luca era sicuro che si stessero muovendo.

«Stiamo volando».

«Lo so.» Mcral toccò una delle pareti con la mano sinistra, si era allontanata molto da Luca, la stanza sembrava destinata a qualche cosa di enorme e il soffitto doveva essere alto una decina di metri o forse più.

Uno scossone improvviso e Luca finì in terra. Provò a rialzarsi ma quello successivo l’obbligò restare giù, Mcral si avvicinò strisciando.

«Siamo sotto attacco».

«Dal mio pianeta possono accorgersi?».

«Sì, lo scontro a fuoco fa cadere la copertura cosmica.» controllò ancora il palmo della mano «A meno che… So chi sono, so chi ci ha presi!».

Il pavimento si inclinò ed entrambi scivolarono veloci contro una parete.

«È una manovra evasiva».

Gli scossoni terminarono il pavimento si raddrizzò.

Alcuni minuti più tardi, in una delle pareti, si aprì una fessura rettangolare ed entrarono quattro esseri alti e con vestiti larghi e chiari.

«Inkhreshta azmach karthnruzu».

Mcral annuì e Luca si sentì preso per mano.

«Non avere paura, siamo al sicuro».

Il gruppetto li circondò, due dietro e gli altri davanti, guidandoli con lentezza attraverso dei corridoi dall’aspetto monotono e identico. Luca perse il conto di quante porte si aprirono nei muri e di quanti ascensori, se potevano essere chiamati in quel modo, avevano preso. Mcral continuava a restare in silenzio, ogni tanto scambiava uno sguardo con lui ma niente di più. L’ennesima apertura che oltrepassarono li portò all’interno di uno stanzone enorme. Un tavolo fluttuava al centro, sul piano scorrevano immagini che non capiva, le pareti erano scure e piene di punti luminosi e due enormi finestre mostravano l’esterno.

La vista della Terra gli fece rimbalzare il cuore nel petto e Luca si avvicinò per vedere meglio.

Nessuno lo fermò.

Quando arrivò a pochi centimetri da una delle finestre si accorse che non erano di vetro, come aveva pensato inizialmente, ma si trattava di un pannello simile ai display a LED che conosceva ma con una definizione stupefacente.

«È bellissima da qui.» Luca si accorse anche delle altre due navi poco distanti. Una era enorme, l’altra sembrava più piccola ed era danneggiata.

Un sibilo lo fece voltare verso sinistra e dal pavimento emerse una persona dai capelli lunghi e bianchi. Era avvolta in una tunica scura con maniche lunghe che ricadeva larga coprendo i piedi. Gli occhi erano di un colore prossimo al ghiaccio con venature azzurrognole. I quattro esseri dal viso coperto inclinarono la testa verso il basso lentamente.

Era un segno di saluto o qualcosa di simile e Mcral fece la stessa cosa.

Luca capì di trovarsi difronte a una persona importante e pensò di imitare il gesto in segno di rispetto. Con la testa china continuò a osservare i presenti.

«Rekrntsra tzrigritko sahnrktrza.» l’uomo indicò con un cenno del capo proprio lui.

Uno dei quattro esseri gli si avvicinò con un oggetto in mano e glielo posizionò con delicatezza nel canale uditivo dell’orecchio destro.

«La prossima volta lo sguardo a terra, ma ho apprezzato l’impegno».

Luca ora capiva ciò che stava dicendo l’uomo.

«Ora accomodatevi, ho delle cose da spiegare a tutti e due.» L’uomo sorrise e indicò dei cuscini fluttuanti che erano apparsi attorno al tavolo. I quattro che li avevano portati lì si distribuirono agli angoli restando in piedi.

«Noi siamo la leggenda che aleggia su questo pianeta. Noi siamo il vostro dio».

«Io non credo nella religione».

«Lo so, conosco molte cose di te e Mcral. Per esempio il vostro futuro, che un po’ è già stato modificato.» con un gesto fece comparire delle immagini sul tavolo «In origine avresti salvato Mcral e l’avresti aiutata a tornare dalla sua fazione. Nessun combattimento, vi sareste innamorati e tu avresti deciso di seguirla diventando il nostro collegamento con i tuoi simili».

«E ora?» Luca osservò Mcral.

«Adesso è più difficile. Nel tempo abbiamo sviluppato la capacità di predire il futuro attraverso i sogni e il vostro lo ha visto chi non doveva, ma non sappiamo come abbia fatto. Così ha deciso di anticipare i tempi e cercare di cambiare le cose».

«Voi siete i veri pionieri,» Mcral fissava il piano del tavolo «mi hanno sempre detto che la mia fazione eravate voi».

«È una lunga storia, ma adesso dovete salvare il futuro del pianeta Terra».

«E come pensate che possiamo farlo?» Luca continuava a non credere alle parole del vecchio «Io non sono nessuno sulla Terra».

«Farai ciò per cui sei destinato, sarai il nostro ambasciatore».

Luca diventerà ambasciatore dei creatori?

  • Sì, scenderà sulla superficie del pianeta scortato dai creatori. (0%)
    0
  • Sì, ma perderà Mcral in uno scontro. (0%)
    0
  • Sì, anche se dovrà affrontare l'ultima battaglia. (100%)
    100
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

77 Commenti

    • Buon giorno, tutto bene grazie.
      Sono impegnato nell’emergenza Covid-19 in questo periodo e non ho molto tempo per scrivere. Non ho fatto in tempo nemmeno a finire un racconto per Thriller Cafè con scadenza ieri.
      Ancora un po’ di pazienza e arriverà anche il prossimo episodio.

  1. Mi piace l’idea che gli “sperimentatori” abbiano un fine molto concreto come indagare sulle loro stesse origini, anche se c’è da dire che l’interferenza della fazione nemica ha di per sé compromesso la riuscita di questo esperimento che quindi potrebbe non avere molto senso portare avanti in segretezza… Comunque dai lo spiegone si è fatto attendere ma devo dire che l’ho apprezzato. Per il prossimo capitolo voto un qualche tipo di arma!

  2. La fazione alleata la facciamo comparire nel capitolo 9, intanto la base è stata colpita da qualcosa 🙂

    C’è una cosa che non ho capito: ma interferire nell’esperimento non ne causa automaticamente il fallimento, visto quello che si erano proposti gli sperimentatori? A parte questo, molto interessante (e dannatamente devastante!).

    Ciao 🙂

    • Grazie per aver letto anche questo capitolo.
      Infatti quel nerd di Luca chiarisce subito il concetto di esperimento fallito, ma Mcral non è della stessa idea.
      Questi personaggi che si ribellano alla trama… Che barba!
      Devastante è che devo per forza terminare la storia al decimo capitolo, io andrei avanti ancora per un po’.

  3. Secondo me riuscirà ad entrare nel nascondiglio segreto, dove troverà Mcral ferita intenta a medicarsi.
    Quante ne sta passando Luca😂
    Comunque io continuo a pensare che una storia d’amore, dopo tante peripezie, ci stia tutta… forse sono io ad essere troppo romantica.
    Aspetto il tuo prossimo capitolo.

  4. Direi che una cattura potrebbe far luce sui misteriosi nemici. Non sono un grande fan delle “guerre nel futuro” visto che questo concetto ci ha regalato serie e film non proprio esaltanti (a parte Terminator, dai) ma spero che avrai qualcosa di buono da raccontare sul tema, anche perchè i viaggi nel tempo sono sempre affascinanti. A presto!

  5. Luca riuscirà ad allontanarsi, ma resterà isolato da Mcral.
    Molto adrenalitico questo tuo 4 capitolo, letto tutto d’un fiato.
    Una storia d’amore ci starebbe tutta, ovviamente con tutte le complicazioni che essa porterebbe. Vedremo cos’hai in mente!.
    Al prossimo capitolo.

  6. Evviva, un po’ di azione.
    Cosa difficilissima da scrivere, tanto che io ho imparato a saltarla con esiti che lasciano a desiderare.

    Vedo una progressione di misteri che ingigantiscono la curiosità, però alla fine dovranno avere una spiegazione verosimile, a meno che tu non voglia scrivere qualcosa del tipo di Lost. In tal caso ti abbandonerei subito.

    Alcune note

    “Luca seguì il gesto e notò i tre esseri con una tuta simile a quella della ragazza.”
    Se hanno la tuta simile a quella della ragazza, come mai il narratore li chiama esseri e non soldati o persone?

    “Li avevano trovati.”
    Lo trovo astratto. Sarà che detesto il narratore onnisciente, ma secondo me avresti fatto meglio a descrivere la scena e lasciare al lettore il capire che sono stati trovati. Lo so, hai usato 4995 caratteri e sei stato costretto a comprimere, ma lì è talmente astratto che potevi continuare con “li avevano trovati, ma lei se ne liberò”.

    “Mcral s’incamminò verso l’interno del bosco, Luca la bloccò prendendola per un braccio.
    «Chi sei?».
    La soldatessa inspirò profondamente.”
    Ormai è una coprotagonista, non la puoi più chiamare con un sinonimo.

    Ho votato: Ci prova ma viene interrotta

    • Grazie per i consigli!
      Effettivamente tendo sempre a superare il limite e poi, in revisione, a tagliare ciò che mi sembra superfluo.
      Lost? Cos’è Lost? Sì e no ho visto la prima stagione e non mi piaceva.
      L’azione non è difficile da scrivere, bisogna prenderci la mano e usare solo un punto di vista.

  7. Può sembrare presto per le spiegazioni, però… le storie hanno solo dieci capitoli, quindi a meno che l’identità di Mcral non sia proprio il più grande mistero in questa faccenda direi che almeno un piccolo chiarimento si può avere, senza raccontare tutta la verità. Mi fa un po’ strano poi che Luca di fronte al mondo congelato pensi solo alla quantità di energia che serve, ma è comunque un personaggio abbastanza bizzarro anche lui!

  8. Davanti all’auto si forma qualcosa mai visto da Luca.

    Ciao! Questo racconto mi ha catturato subito! Questo Luca è particolare nel suo modo di comportarsi, almeno agli occhi di Mcral; noi sappiamo che è guidato dal suo desiderio di notorietà… che sarà puntualmente infranto }:)

    Ciao 🙂

  9. Luca sembra un po’ troppo ingenuo se pensa che otterrà notorietà da questa storia, se ha mai visto un film con una trama simile dovrebbe sapere cosa succede a chi ha a che fare con governi e fuggitivi strambi 😛 Però mi piace che sia mosso dalla fama di notorietà. Per il prossimo capitolo voto per gli inseguitori!

    • Grazie per aver letto e commentato, in effetti mi sono lasciato un po’ prendere dall’entusiasmo per questa nuova scoperta e non ho passato il giusto tempo per revisionare il testo come faccio solitamente nei concorsi, equivale a circa una decina di revisioni prima di quella definitiva.
      Il secondo episodio presterò più attenzione perché so fare di meglio.
      Grazie ancora.

  10. Ciao e benvenuto! La tua storia ha un inizio piuttosto classico, ma mi incuriosisce che al posto di un incontro con un personaggio evidentemente alieno qui abbiamo una militare probabilmente impegnata in qualche esperimento o forse non del tutto umana, un elemento che aiuta il lettore a fare ipotesi invece di orientarsi subito sulle risposte più scontate. Per il prossimo capitolo anche se il richiamo dell’avventura si fa sentire credo che la cosa più sensata da fare con una persona ferita e sconosciuta sia portarla in ospedale, anche se non penso ci arriverà 🙂

    • Grazie per aver commentato,
      di solito metto i personaggi subito in una situazione di azione, ma qui dovevo in qualche creare una sorta di prologo che rompesse la normale routine di un personaggio preciso.
      Cosa accadrà lo vedremo più avanti, lascerò qualche altro giorno per le votazioni e poi scriverò il secondo capitolo.

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi