Giulia contro tutti

Come al solito

Giulia la mattina non usciva mai, come al solito era troppo impegnata a godersi casa libera da vent’enne che era, dato che lavoravano i genitori ed era l unico momento per sé. Dopo pranzo fumava la sua solita cannetta prima di uscire, come un rito oramai da circa 7 anni. 

Giulia fuma da tanto, vorrebbe smettere per risparmiare soldi ma non ci riesce. Forse non vuole, è il suo unico vizio. E ognuno ha il proprio, ci caratterizza l’uno con l’altro, la propria cattiva abitudine. 

Come Davide, il suo più grande amico da tempo, che ha la pessima abitudine di sperare che Giulia un giorno sarà puntuale quando si daranno appuntamento per uscire. Si, loro escono spesso, forse quasi tutti i giorni, nessuno dei due lavora. Che scansafatiche, direste. Ma questi due ragazzi hanno tanto da offrire, solo non riescono a capirlo; A comprendere il motivo per il quale un individuo debba lavorare per il resto della vita senza godersela.

– Magari esiste un altro modo per vivere. Da, te che dici? – pensò Giulia ad alta voce mentre erano al solito parco del quartiere – Si, un altro meccanismo che potrebbe funzionare comunque.. Magari ce lo tengono segreto sti bastardi. – 

Come tutti i giorni erano in attesa dello spacciatore, che detta così suona anche troppo importante come frase; alla fine stavano aspettando per poco meno di tre cannette. Giulia come sempre è impaziente e non tollera ritardi quando c’è da aspettare il fumo. Davide nella vita di Giulia ricopre invece il ruolo della persona che la fa riflettere e razionalizzare, essendo lei troppo impulsiva. Quindi aspettavano, seduti su quella panchina vestita di scritte fatte col pennarello, in quel parco vuoto dove i bambini non andavano più a giocare. 

Quei due parlavano spesso di argomenti profondi, tipo la morte, l’esoterismo, il cielo, la luna, l’esistenza umana.. Amavano chiacchierare per ore senza mai stancarsi, farsi domande, cercare risposte, sfogarsi e confidarsi l’uno con l’altro per alleviare i dolori del peso che è la vita, di un adolescente soprattutto. Perché quando sei giovane ogni problema ti sembra immenso, ogni ostacolo insormontabile, sembra sempre che tutti ce l’abbiano con te. Infatti ora Giulia era agitata, inquieta, perché Blakito (soprannome dello spacciatore) non si faceva vivo, tra poco sarebbe dovuta rientrare a casa, e lei voleva solo farsi una canna e rilassarsi, quindi non chiedeva molto. 

E allora si incazzava e chiamava Blakito a ripetizione, attaccava e richiamava di continuo, era nervosa ora. Blakito non rispondeva più ormai da mezz’ora, tanto che i due ragazzi cominciarono a pensare che fosse stato fermato dalla polizia.. 

Allora cominciarono i sensi di colpa, e Giulia smise anche di fare il suo numero, per paura di essere coinvolta qualsiasi cosa fosse successa. Proprio quando persero le speranze e pensarono al peggio,videro arrivare in lontananza Blakito, accompagnato da una ragazza molto alta, che abitava in zona e non era molto amata da Giulia, solo che lei non lo sapeva. Fece per entrare all ingresso del parco. 

-A giù! Che dici? Scusa se ti ho trattenuto il pusher, è stata colpa mia. Era da tanto che non lo vedevo volevo raccontargli delle cose, era come un fratello per me lui, capiscimi. – 

– Tranquilla Ilà non ti preoccupare, tanto ormai dopo due ore un ora in più di attesa che mi cambia, certamente. – 

Rispose Giulia stizzita e con tono palesemente sarcastico. Ma Ilaria se ne fregó, d’altra parte come sempre e fece finta di non notare l’ironia nella frase di Giulia, la ignoró del tutto. 

Quanto si odiavano in realtà quelle due. Nessuna di loro però lo voleva ammettere, entrambe facevano buon viso a cattivo gioco ormai dalle elementari, non si capisce perché. Forse avevano troppi amici in comune per starsi antipatiche nella vita vera. 

Blakito lascia il fumo a Giulia e avvenuto lo scambio vola via in sella alla sua bici, mentre Ilaria rimane con Davide e la sua amichetta preferita. 

Giulia alzava gli occhi al cielo appena capiva che Ilaria si tratteneva solo perché voleva fumare gratis, scroccona e opportunista. Però quel giorno era stufa di essere presa per il culo, quindi prese una decisione diversa dal solito. 

Come si comporterà nei confronti di Ilaria? E Davide la sosterrà? 

  • Giulia si alza e dice che ha perso già abbastanza tempo, e che ora se ne deve andare a casa, invece si sposta con Davide per fumare soli (67%)
    67
  • Giulia chiarisce comunque il concetto a Ilaria ma lei reagisce male, e tirando fuori vecchi trascorsi in sospeso le due iniziano a litigare (33%)
    33
  • Giulia dice chiaramente una volta per tutte a Ilaria che la deve smettere di fare la scroccona, di pagarsi i vizi da sola e lei se ne va. (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi