Storie di confine

Faccia a faccia

La nebbia si stava diradando nelle pianure vicino al villaggio, i due eserciti potevano finalmente vedersi. La tensione era altissima, nessuno osava fiatare, ogni soldato sapeva che entro poche ore avrebbe affrontato una battaglia, prima le frecce, poi i cavalli, le picche e infine spade, asce, mazze, il rumore metallico degli scudi che tentano di fermare la violenza del nemico, poi sangue, fiumi di sangue, corpi inermi lacerati e calpestati. Entrambi gli eserciti erano composti da veterani e ognuno dei guerrieri aveva già combattuto, sapeva che quella battaglia probabilmente sarebbe stata l’ultima. In quei momento ogni soldato ripensava alle scelte che lo avevano portato lì, in quel punto, in quel giorno e sperava che qualcosa lo portasse via, ma non sarebbe successo.

In quell’epoca, prima delle battaglia, era usanza che le delegazioni dei due eserciti si incontrassero al centro del campo di battaglia per discutere eventuali termini di resa. La delegazione dell’esercito invasore era già schierata, c’erano il generale con una brillante armatura rossa, 3 guerrieri enormi, probabilmente erano lì solo per intimorire gli avversari, 3 nobili a cavallo, il paggio che teneva fisso lo stendardo rosso con ricamato di nero la sagoma di un lupo, simbolo del regno. Orbilor, il re, se ne stava al centro, seduto su uno sgabello di legno e tela in trepidante attesa. Non vedeva l’ora di invadere quel piccolo regno, il suo impero non conosceva confini, almeno nella sua testa.

Le fila dell’esercito di Panadax, si aprirono per far passare la delegazione, lo stupore apparve sulla faccia di tutti i soldati, un solo uomo usci, il generale Fhoe, l’uomo che era arrivato da pochi mesi, li aveva addestrati ogni giorno ed era divenuto in poco tempo generale. Avanzava da solo, fiero, silenzioso, sembrava quasi calmo. Indossava un armatura, ma non la solita armatura blu dei generali ma l’armatura da battaglia. I suoi uomini gioirono, nessuno si aspettava di vederlo vestito così, di solito i generali se ne stavano da qualche parte a guardare, averlo a fianco nella battaglia era la cosa migliore che poteva capitare in quel momento.  

Orbilor nel vedere un soldato avanzare verso di lui inizio ad innervosirsi, com’era possibile una cosa del genere, tutti nella delegazione erano perplessi. Quando Fhoe fu loro davanti il re inveii contro di lui: “Dove diavolo è il tuo re, come si permette di mandare un…” Il re fu interrotto nel suo discorso dalla spada di Fhoe che con la punta gli sfiorava la gola, tutti estrassero la loro arma ma rimasero immobili. A quel punto il generale Fhoe rimise la spada nel fodero, e così fecero tutti: “Bene, ora che ci siamo capiti, vi spiego la situazione! Il mio re e signore al momento sta facendo colazione e non ha tempo per queste cose, si scusa e vi manda i suoi più cari saluti. Ha chiesto a me di occuparmi della situazione.”, Orbilor era su tutte le furie ma si trattenne e rispose pacatamente: “E sia, se il vostro re non ha il coraggio neanche di scambiare due parole, discuterò con te della vostra resa, i termini sono questi”, Fhoe tocco velocemente l’elsa della sua spada senza estrarla, il re si zitti pietrificato e tutti misero mano alle armi, Fhoe sorrise, la reazione a quel gesto gli confermò che aveva ottenuto la posizione che voleva nella trattativa, e prese a parlare al posto del re “I termini sono questi: voi prendete i vostri uomini, i vostri cavalli, i vostri carri e vi levate di mezzo, come segno della vostra resa e come atto dimostrativo di un sincero pentimento per la vostra invasione ogni soldato, partendo dal qui presente generale, lascerà sul campo una delle sue armi.” il re stava per esplodere di rabbia ”Poi tra qualche mese avremo piacere di invitare voi e il vostro seguito per un pranzo al castello per discutere alcune regole di comune accordo per gestire al meglio i rapporti di buon vicinato”. Mentre pronunciava queste parole il generale Fhoe era assolutamente tranquillo, si girò come per andare poi si fermo e aggiunse: “dimenticavo, avete qualche minuto di tempo, diciamo fino a quando raggiungo il mio esercito, poi sarà troppo tardi”. Orbilor iniziò ad inveire contro Fhoe, a pronunciare discorsi e frasi senza senso, era completamente fuori controllo. Fhoe però lo ignorò dirigendosi verso il suo esercito. La delegazione degli invasori rimase in silenzio mentre il re schiumava rabbia dalla bocca. Nessuno aveva mai visto o udito una cosa del genere e nessuno sapeva come comportarsi. Orbilor, che era un buon arciere, afferrò un arco e scaglio tre frecce contro Fhoe, la prima si piantò in terra prima di raggiungere il bersaglio, la seconda passo talmente vicina a Fhoe che ne potè sentire lo spostamento d’aria sulla sua guancia sinistra, la terza colpi in pieno centro la schiena di Fhoe ma rimbalzò sull’armatura cadendo a terra. Il generale Fhoe, mentre camminava verso i suoi uomini, non fece un minimo cenno quando avvertì l’impatto della freccia. Prosegui come se nulla fosse.

Come prosegue la guerra?

  • L'esercito di Orbilor inizia l'attacco (67%)
    67
  • Fhoe attacca immediatamente l'esercito invasore prima che possano decidere (0%)
    0
  • L'esercito invasore si ritira (33%)
    33
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

45 Commenti

  1. Scusate, ho fatto un errore di copia/incolla.
    Il “comincia” iniziale e il “a scrivere la tua storie…” finale non c’entrano nulla ma non trovo il modo di correggere. Sono il testo preimpostato nel form di inserimento della storia, non mi sono accorto che non li avevo cancellati.

  2. Eccomi. Questo capitolo è più descrittivo e più “spiegone”, rispetto ai primi più dinamici.
    Ci sta fare un capitolo di passaggio.
    Trovo che i dialoghi siano comunque migliorati e più credibili.
    In alcuni punti, forse lo stile è un po’ enfatico e teatrale, ma non penso sia un difetto… è una tua caratteristica che può piacere o meno. Cerca di lavorare sui tuoi pregi e di trovare il modo di esprimerti, senza tradire il tuo essere, ma risultando interessante per la maggior parte del pubblico.
    Ti saluto.
    Ci si legge!

  3. Benvenuto. Si vede che hai letto molto nella tua vita. Sembri masticare bene il genere fantasy bellico. In questo sei molto credibile.
    Ho apprezzato che la storia si aprisse nel vivo dell’azione.
    Non è tuttavia di mio gusto vedere il nome dei protagonisti in grassetto e i dialoghi in corsivo. Però questa è una tua precisa scelta stilistica e non la discuto.
    Ti segnalo i numeri: “tre nobili, anziché di 3 nobili”, “cinquecento uomini, anziché 500”.
    Alla prossima!

    • Ciao Caterina, grazie mille del commento e dei consigli.
      Sui numeri sono al 101% d’accordo con te, neanche a me piacciono scritti in cifra. Mi sono permesso questo escamotage tecnico per accorciare un pochino il numero di caratteri, avevo sforato un pò troppo i limiti e non sapevo più cosa tagliare… inesperienza!

      Nei prossimi capitoli cercherò di pensarci prima di scrivere 😉

  4. Ciao Fabio!
    Innanzitutto ben bevuto su questo sito.
    La tua scrittura è molto scorrevole e nell’incipit la tensione della guerra è veramente molto palpabile, come se il lettore si trovasse veramente nelle file dell’esercito; bravo!
    Anch’io ti consigli di scrivere dei periodi più bravi, magari limitando l’uso delle virgole.
    Seguirò la tua storia. Al prossimo episodio!.

  5. Ciao e benvenuto!
    Innanzitutto bravo perché ti sei messo in gioco. Questo sito è un nell’allenamento per chi scrive. Grazie ai consigli altrui sono migliorata molto e ti auguro altrettanto.
    Non male l’incipit in un momento già teso e in medias res: ti permette di continuare l’azione dando spiegazioni qua e là nei prossimi episodi, evitando così descrizioni eccessivamente lunghe.
    Secondo me dovresti fare frasi più brevi: in alcuni punti io ‘sentirei’ un punto fermo piuttosto che una virgola.
    Altra cosa in cui caschiamo un po’tutti: attento ai refusi (come l’articolo ‘un’, che va con l’apostrofo se si riferisce ad un nome femminile). Io cerco sempre di rileggere molte volte e spesso di leggere/far leggere gli episodi a qualcuno.
    Ti seguo comunque per apprezzare i tuoi ulteriori passi. Non prendere il mio commento come cattiveria, voglio soltanto aiutarti. A me è servito tantissimo.
    Cio detto, secondo me orbilor inizia l’attacco. Alla prossima!

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi