Storie di confine

Dove eravamo rimasti?

Dove continua il racconto? L'addestramento e il piano di Fhoe (40%)

Doppio inganno

Orbilor chiamò a raccolta i soldati: “La nostra macchina di morte stà per arrivare, ho bisogno che alcuni di voi, i più temerari, vadano su quella collina. Dovrete aspettare fin quando vedrete giungere una carovana scortata da Silonti. Nel frattempo io proporrò una tregua ai nostri degni avversari per coprirvi le spalle.Lexa, che girava per l’accampamento travestita da soldato, drizzò subito le orecchie, il Silonte e Orbilor avevano confabulato per molto tempo, il Silonte era entrato in uno stato di trance, poi quell’annuncio, stava per succedere qualcosa. “Avrà chiesto aiuto ai suoi amichetti”, pensò Lexa, “devo scoprire di cosa si tratta e avvisare mio fratello”. In men che non si dica Lexa si stava incamminando assieme ad altri cinque soldati verso la collina. Orbilor alzò una bandiera e si diresse, accompagnato solo dal Silonte verso il centro del campo di battaglia, Fhoe fece lo stesso. Come al solito prese la parola Fhoe: “Bene, bene, un Silonte nelle fila dell’esercito di Komachaka, chissà perché non sono stupito. E così avete svelato a tutti la vostra alleanza. Immagino non siate qui per arrendervi.”, il mago sorrise, si tolse il cappuccio per mettere in mostra le rune tatuate con il sangue di bambini sul suo volto: “Amico, tu avresti dovuto essere tra di noi. Sei astuto, forte, probabilmente non saresti diventato un disegno sulla mia pelle.Fhoe provò un senso di disgusto e anche Orbilor mostro un certo senso di sdegno. “Non so chi ti ha addestrato ma il vostro giochino è finito, la vostra farsa è stata scoperta, vedi quegli uomini”, disse mentre con la mano sinistra indicava un gruppo di soldati sulla collina a fianco, “non stanno aspettando una macchina da guerra come credi”, Fhoe fece un sussulto “Sorpreso? Si? Sappiamo di tuo fratello. E’ anche inutile che tenti di comunicare con lui, quegli scudi sono pervasi di magia, bloccano qualsiasi forma di telepatia. OPS. Nel momento esatto in cui abbasso questa mano quei soldati, dopo averlo fatto soffrire lo taglieranno a pezzi, a meno che…”, “A meno che?” ribatte Fhoe con rabbia! “Lo sai. Una resa incondizionata del vostro esercito, la cessione del vostro regno e la tua testa.” Nel frattempo, un altro discorso impegnava le teste di Fhoe e Lexa, “Sorellina, ti hanno scoperto

Al diavolo queste buffonate, lo sai che vivo per questi momenti, ne hanno mandati solo cinque, e mi stanno dando le spalle, potrei staccare la testa a tutti prima che quel buffone riesca ad emettere la prossima parola

Stiamo al gioco, divertiamoci ancora un pò

Fratello, io ti avviso, in questo momento la volpe dentro di me si stà trasformando in uno squalo assetato di sangue e ci sono qui davanti a me cinque belle sacche di sangue.

Il Silonte non poteva immaginare che quegli scudi erano assolutamente inutili.

Fhoe, è ora che ti decidi, il braccio comincia a pesarmi e credo di non poterlo tenere alzato ancora moltoOrbilor rise compiaciuto della maestria del suo alleato Silonte.

Fratellone, ha detto che il braccio gli fa male! Quindi fammi, e fagli, un favore: Staccaglielo! Così non gli peserà più! Dai ormai la copertura è saltata, apriamo le danze.

Fhoe riflette un attimo, guardò il mago negli occhi, poi Orbilor, poi di nuovo il mago, guardò in basso e di nuovo guardò il mago negli occhi, il Silonte sorrideva tronfio: “Allora, cos’hai deciso?”.

Ammetto che siete stati furbi, ma avete fatto un piccolo errore, quello non è mio fratello è mia sorella”. Il mago tremò di paura nel vedere come cambiava l’animo di Fhoe, senti un tonfo alla sua sinistra e si rese conto che il suo braccio era stato reciso dal suo corpo. Orbilor stava ancora ridendo. Sulla collina Lexa tolse il mantello da soldato rivelando un corpo forte, muscoloso ma pur sempre femminile e leggero: “Ehi ragazzi, il mago ha detto che quando avrebbe abbassato il braccio dovevate attaccarmi immediatamente, a me il braccio sembra proprio in basso”. Un soldato fu più pronto degli altri, che ancora si guardavano in giro confusi. Era un guerriero esperto e crudele come pochi, appoggiò la mano destra sull’elsa della spada scagliandosi verso la sua preda. Per Lexa fu un istante, i suoi occhi vedevano solo oscurità, distingueva solo i corpi dei suoi avversari. Vedeva il sangue scorrergli nelle vene. Sfilò due spade da dietro la schiena, le fece roteare sopra la testa e le calò con una violenza e una ferocia che non potevano appartenere a quel corpo sulle spalle del malcapitato che la stava aggredendo. Le lame erano ancora a metà del loro viaggio che Lexa ruotò su se stessa mettendo le spade in orizzontale e con la stessa violenza colpì il suo antagonista da destra staccando in un sol colpo la testa e le gambe dal busto, poi si ricompose e sorrise agli altri soldati strizzando l’occhiolino: “Cos’aspettate? Quattro soldati grandi e grossi contro una signorina. Avete forse bisogno di rinforzi?

E adesso?

  • Orbilor si ritira (0%)
    0
  • Fhoe inizia l'attacco (50%)
    50
  • Giunge veramente la macchina di morte (50%)
    50
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

33 Commenti

  1. Scusate, ho fatto un errore di copia/incolla.
    Il “comincia” iniziale e il “a scrivere la tua storie…” finale non c’entrano nulla ma non trovo il modo di correggere. Sono il testo preimpostato nel form di inserimento della storia, non mi sono accorto che non li avevo cancellati.

  2. Eccomi. Questo capitolo è più descrittivo e più “spiegone”, rispetto ai primi più dinamici.
    Ci sta fare un capitolo di passaggio.
    Trovo che i dialoghi siano comunque migliorati e più credibili.
    In alcuni punti, forse lo stile è un po’ enfatico e teatrale, ma non penso sia un difetto… è una tua caratteristica che può piacere o meno. Cerca di lavorare sui tuoi pregi e di trovare il modo di esprimerti, senza tradire il tuo essere, ma risultando interessante per la maggior parte del pubblico.
    Ti saluto.
    Ci si legge!

  3. Benvenuto. Si vede che hai letto molto nella tua vita. Sembri masticare bene il genere fantasy bellico. In questo sei molto credibile.
    Ho apprezzato che la storia si aprisse nel vivo dell’azione.
    Non è tuttavia di mio gusto vedere il nome dei protagonisti in grassetto e i dialoghi in corsivo. Però questa è una tua precisa scelta stilistica e non la discuto.
    Ti segnalo i numeri: “tre nobili, anziché di 3 nobili”, “cinquecento uomini, anziché 500”.
    Alla prossima!

    • Ciao Caterina, grazie mille del commento e dei consigli.
      Sui numeri sono al 101% d’accordo con te, neanche a me piacciono scritti in cifra. Mi sono permesso questo escamotage tecnico per accorciare un pochino il numero di caratteri, avevo sforato un pò troppo i limiti e non sapevo più cosa tagliare… inesperienza!

      Nei prossimi capitoli cercherò di pensarci prima di scrivere 😉

  4. Ciao Fabio!
    Innanzitutto ben bevuto su questo sito.
    La tua scrittura è molto scorrevole e nell’incipit la tensione della guerra è veramente molto palpabile, come se il lettore si trovasse veramente nelle file dell’esercito; bravo!
    Anch’io ti consigli di scrivere dei periodi più bravi, magari limitando l’uso delle virgole.
    Seguirò la tua storia. Al prossimo episodio!.

  5. Ciao e benvenuto!
    Innanzitutto bravo perché ti sei messo in gioco. Questo sito è un nell’allenamento per chi scrive. Grazie ai consigli altrui sono migliorata molto e ti auguro altrettanto.
    Non male l’incipit in un momento già teso e in medias res: ti permette di continuare l’azione dando spiegazioni qua e là nei prossimi episodi, evitando così descrizioni eccessivamente lunghe.
    Secondo me dovresti fare frasi più brevi: in alcuni punti io ‘sentirei’ un punto fermo piuttosto che una virgola.
    Altra cosa in cui caschiamo un po’tutti: attento ai refusi (come l’articolo ‘un’, che va con l’apostrofo se si riferisce ad un nome femminile). Io cerco sempre di rileggere molte volte e spesso di leggere/far leggere gli episodi a qualcuno.
    Ti seguo comunque per apprezzare i tuoi ulteriori passi. Non prendere il mio commento come cattiveria, voglio soltanto aiutarti. A me è servito tantissimo.
    Cio detto, secondo me orbilor inizia l’attacco. Alla prossima!

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi