Mutazioni

Dove eravamo rimasti?

Cosa succede all'uomo? Guarisce senza conseguenze (75%)

Capitolo 1 - A

-Non è possibile… Donato? Vieni, subito!
Il laboratorio è deserto, avvolto nel silenzio e illuminato da poche luci ancora accese, a quell’ora della sera. Donato è dall’altra parte del corridoio, nella sua stanza, assorto nel suo progetto, quando la voce di Maria Sole lo raggiunge.
-Che è successo, Marisol?
-Vieni qua e dimmi cosa vedi.
-Un microscopio.
-Idiota. Guarda dentro il microscopio.
Lo vede chinarsi sulle lenti. Il suo odore di sudore misto a formalina è pungente, ma i sensi di Maria Sole in questo momento sono concentrati solo su quel vetrino.
-Allora?
-Allora niente, sono cellule di ratto, in fase replicativa.
-Allora lo vedi anche tu? Lo vedi?
-Marisol, per carità, sono le -abbassa lo sguardo sullo smartwatch- cazzo, sono le 22.15, che vuoi da me adesso? Che devo vedere?
Gli indica una cavia nello scomparto sulla scrivania.
-Il campione l’ho preso da lì.
-Ma che cazzo dici?
Nello scomparto, sotto i loro occhi, la cavia è rigida, immobile. Donato accosta un dito all’altezza dell’incavo tra le zampe anteriori. Non c’è battito.
-Ti rendi conto di che significa? Donato, il CX-2255 non riscrive il DNA, lo resuscita!!!
-Ok Marisol, rallenta, rallenta. Questa cosa qui la sappiamo solo io e te?
-Certo, l’ho appena scoperta, chi altro deve saperla? Ma adesso chiamo subito Del Giudice.
Vittorio Del Giudice, amministratore delegato della EV Pharmaceuticals, già nota come “Fondazione Enrico Vinci”, aveva preso il posto del fondatore al vertice della compagnia ormai da molti anni, dopo la sua morte. Maria Sole l’ha inquadrato sin dal primo colloquio di lavoro: freddo calcolatore, burocrate, avido, professa amore per la scienza, ma ogni volta che lei ha provato ad ampliare gli orizzonti della ricerca lui ha sempre risposto con la stessa sdegnata indifferenza. Questa cosa però è troppo grossa per essere taciuta. Fa per comporre il suo numero. Per un attimo ci ripensa, come colta da una perplessità senza forma. Ah, al diavolo la perplessità!
-Dottor Del Giudice, scusi la disturbo?
-Sì che mi disturba. Sono all’inaugurazione.
Se n’è completamente dimenticata. Quella sera i massimi vertici dell’azienda sono impegnati alla presentazione del farmaco al pubblico, il Rescripta, come l’hanno chiamato. “La nuova frontiera della terapia genetica nel diabete”.Il conference meeting di presentazione è trasmesso in diretta streaming in oltre 38 Paesi nel mondo. Lei, rinchiusa da ore nel suo laboratorio ad inseguire il suo intuito, ha perso la cognizione del tempo. Proprio come quando da bambina inseguiva le formiche per intuire dove stessero andando e si perdeva tra gli scivoli del parco, fino al punto di dimenticarsi del tempo che passava. Curioso, è da tanto che non pensava alle sue formiche.
Del Giudice abbaia al telefono:
-Che c’è?
-Ho scoperto una cosa fondamentale. Bloccate la presentazione.
-Dottoressa, non dica stronzate.
-No no, le assicuro, è una cosa molto importante. Io ho fatto…-esita per un secondo, ingoiando la poca saliva rimasta-…un esperimento su un cadavere di cavia. Ed è..
-Su cadavere?- un applauso rompe il silenzio in sottofondo – Che cadavere? Chi l’ha autorizzata? Ma come si è permessa?
-Lei non capisce! È successa una c…
-È lei che non capisce. Torni a fare il suo lavoro, e non mi disturbi più per queste stronzate.
Riaggancia.
Maria Sole resta a fissare il telefono. Stronzo arrogante e bastardo. Sbatte una mano contro la scrivania, incazzata.
-Andata male?- le chiede Donato, con occhi compassionevoli.
-Non mi ha neanche fatta parlare, che stronzo. Io ho qui una scoperta sconvolgente, e lui non mi ha neanche fatta parlare! Ma ti rendi conto? Io sto qui a lavorare tutta la notte e lui non mi fa neanche parlare! Ma che autorizzazione vuole?
-Cosa è questa storia?- gli chiede Donato, poi sgrana gli occhi – Vuoi dirmi che tutto questo l’hai fatto senza autorizzazione?- sospira, poi le sorride con affetto – Maledetta te e la tua curiosità!
Maria Sole cammina nervosamente da una parte all’altra del laboratorio. Guarda la cavia, poi il microscopio, poi l’orologio, poi il telefono. Donato la osserva in silenzio, poi le propone:
-Chiudiamo qui per oggi? Dai, tanto anch’io ho finito, devo aspettare almeno 12 ore per la mia soluzione di elettroquanti.
-Ah già, il tuo progetto segreto. Come sta andando?
-Male, ma forse stavolta ho trovato il voltaggio giusto. E magari oh, tra una settimana o tra un mese inizio con le prime cavie.
Maria Sole però non lo sta ascoltando. Sta ripensando a quel campione di tessuto, alla telefonata, a cosa fare l’indomani.
Sì, sa cosa fare. Domani sarà un giorno decisivo. Domani tutto cambierà. Saluta il suo collega, esce dalla sua stanza chiudendo a chiave il suo laboratorio. Lungo la strada verso l’uscita cammina a testa bassa, assorta nei suoi pensieri.
Non vede l’ombra nera nascosta in fondo al corridoio.

Qual è il progetto di Maria Sole per l'indomani?

  • Ripetere l'esperimento su più ampia scala (75%)
    75
  • Diffondere la sua scoperta a tutti i colleghi (25%)
    25
  • Fiondarsi nell'ufficio di Del Giudice (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

5 Commenti

  1. Allora, è scontato che tu sia bravo e che mi piace come scrivi. Perciò vorrei dirti altro. I dialoghi tra Maria Sole e il giudice sono troppo poco credibili e troppo Infodump. Nessuno al telefono parlerebbe davvero così. Capisco la necessità di dare spiegazioni al lettore, ma forse ti sei fatto prendere la mano.
    Tu non mollare, eh! La mia critica è solo un granellino e vuole essere totalmente costruttiva.
    A presto.

  2. Ho cliccato il “segui la storia” prima ancora di leggere, perché avevo già appezzato in passato un tuo lavoro.
    Il tuo stile è sempre riconoscibile. Siamo solo alle prime 5000 battute e già hai messo molta carne al fuoco. È difficile ancora capire la piega che prenderà la tua storia.
    Non è stato un incipit che mi ha fatta innamorare subito al primo colpo come il tuo precedente lavoro. Questo tuttavia non vuol dire nulla. Alcuni racconti con me ci mettono di più a carburare, ma alla fine mi entrano nel cuore.
    Quindi continua così! Attendo curiosa il tuo aggiornamento.

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi