Gianni, giornalista eroe

Dove eravamo rimasti?

Adesso che sono all'interno del Palazzo Gesuitico, che fanno? Scendono direttamente nella sesta città per ammazzare mutanti e vampiri. (100%)

La salvezza del Mondo

Così, appena la piazza si era spopolata, erano rimasti solo Gianni, Eroma ed i loro amici, telefonò ai suoi due figli intimandoli di non uscire di casa e di non stare in pensiero per loro, perchè presto torneranno. A loro piaceva rimanere soli in casa, perché così facendo potevano fare quello che voleevano, tanto erano fansiulli, non potevano fare niente di male ed i loro genitori erano sicuri che non potevano fare del male ad una mosca.

Il tempo di finire la telefonata, Antonio, uno dei suoi amici, entrò con il teletrasporto dentro la biblioteca comunale e sentirono il rumore del portone quando premi il tasto del citofono per aprirlo, e tutti entrarono dentro senza fare storie. Chiusero il portone, ormai non era rimasto nessuno fuori dal Palazzo Gesuitico, avevano visto le scalinate, tra cui una che portava normalmente in alto, verso la biblioteca comunale e le varie associazioni culturali, ma loro dovevano scendere in basso, dovevano scendere le scale che portavano verso la Sesta Città. Potevano utilizzare il teletrasporto, ma preferivano scendere le scale, per godersi il viaggio e così fecero. Scesero ad uno alla volta, Gianni ed Eroma furono i primi a scendere, Panda e Koala li seguivano, perché dovevano far credere al Malvagio Essere che li aveano finalmente catturati, poi scesero anche i ragazzi che erano con loro. Videro che era tuto buio e freddo, l’aria all’interno era umida e silenziosa, se porvavano a parlare, sicuramente echeggiava, ma loro non dovevano giocare, sapevano dell’esistenza dell’eco, perché sentivano echeggiae i loro respiri e sapevano che erano i loro, sentivano pure i loro battiti cardiaci, perché era un luogo totalmente silenzioso.

“Ce la stiamo facendo!” Disse Gianni a seguire l’eco e tutti risero e si sentiva lo stesso l’eco. Tornarono seri, si accorsero di vedere in lontananza delle ombre ed una luce soffusa, sicuramente di candele. Luigi disse: “Possibile che quelli lì non hanno nemmeno la luce elettrica? Siamo nel 2700, mica nell’anno mille”

Si sentì di nuovo l’eco, ma ora non rise nessuno, perchè erano tutti concentrati di vedere come erano dal vivo i mutanti ed i vampiri.

Incontrarono uno dei mutanti, videro che aveva la pelle color ocra e tutto rigoso, avea il collo sottole, la testa calva ed era sdentato. Guardò con gioia Panda e Koala e disse; “Finalmente li avete catturati e gli altri chi sono?” riferendosi ai ragazzi.

Panda rispose: “Sì, io ed il mio socio abbiamo catturato finalmente vivo Gianni, sua moglie e tutti i loro fans, ora pensiamo soltanto a portarli dal nostro capo”.

“Sì, signore!” Rispose il mutante. Fecero la stessa strada assieme, quella viscida creatura era avanti a tutti loro ad indicargli la strada, inconsapevole che i due sbirri erano passati dalla parte del bene. Arrivarono altri mutanti e si presentarono pure i vampiri, esseri pallisi e con gli occhi spenti e fuori dalle orbite. Annusavano il sangue fresco dei ragazzi a distanza, senza nemmeno averli morsi, ma non si azzardavano a morderli. Si accorsero della loro appetenza ed erano pronti a distruggerli appena provava a d avvicinarsi qualcuno.

Un vampiro cercò di avvicinarsi a Pietro, uno dei fan di Gianni, ma venne subito decapitato con un colpo al collo, con un colpo di karate. Altri mutanti e vampiri si accorsero che avevano a che fare con persone più forti di loro, si accorsero che avevano a confronto non semplici umani, ma persone dotate di super poteri.

Vedendo questo, scapparono dal loro capo, il Malvagio Essere e Mr Spregevole Urticante, che spesso venivano scambiati l’uno per l’ altro, siccome erano pericolosi allo stesso livello, come Satana e Lucifero, che non sono la stessa cosa, ma spesso vengono scambiati l’uno per l’altro. Luigi lanciò raggi laser dagli occhi, bruciando due dei mutanti che stavano lì sotto e gli altri scapparono, così il gruppo intero corse molto velocemente. errivarono dai due capi e finalmente Gianni potè guardarli negli occhi. Niente di interessante, due uomini anziani dai pochi capelli bianchi, ma non dovevano abbassare la guardia, sapevano benissimo di torvarsi di fronte a due pezzi grossi di criminali, due che comandavano il Mondo in modo sbagliato da dietro le quinte. il 99,9% delle cause di criminalità era per colpa loro, quindi dovevnao farli fuori definitivamente.

Mr Spregevole Urticante disse; “Bravi i miei due piedi piatti, hanno catturato l’impostore”

Panda; No capo, sono stati loro a catturare noi”

Mr Spregevole Urtiante; “Cosa? Ho sentito bene?”

Koala: “Il mio socio ha detto la veirtà, siamo venuti per combattervi”

Il Malvagio Essere si rivolse ai mutanti ed ai vampiri, comandandoli di attaccare, così fecero, mentre attaccavano per primi, i fans di Gianni sapevano difendersi benissimo e polverizzarono sia i vampiri che i mutanti, agivano assieme, erano in minosìranza nimerica, ma erano più forti di loro, li stavano fulminando tutti. Rimasero solo i due boss, ma da soli non erano tanto forti, circondati e terrorizzati, presero del veleno e si tolsero la vita.

Categorie

Lascia un commento

19 Commenti

  • Prima di entrare nel Palazzo Gesuitico, devono trovare Panda e Koala e fargli capire che erano dalla parte sbagliata. Mi piacciono i voltagabbana 😀

    Ti segnalo un errore nella seguente frase: “Antonio la tranquillizzò dicendo che loro non erano spie, non erano mutanti nè vampiri, ma che dovevano assolutamente sterminarli, per evitare quel pericolo.” Letta così, sembra che debbano sterminare i fan…

    Ciao 🙂

  • Dopo una conversazione, chiede sostegno ed aiuto a loro, per essere aiutato a sconfiggere il Malvagio Essere.

    Allora:
    1) è passato troppo tempo e non mi ricordo un cavolo!
    2) troppe informazioni sciorinate tutte insieme, mischiate, soprattutto, all’azione del protagonista; la cosa rende il testo poco chiaro.
    3) non si è mica capito a che gli serviva la maschera del lupo…

    Ciao 🙂

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi