IL viaggio di Woody.

Dove eravamo rimasti?

Come prosegue? I due entrano a corte ma nulla è come si aspettavano (100%)

CAPITOLO 3.

<< Oh mio dio, sei davvero tu? Il leggendario Demone oscuro? >> disse Woody, che sembrava aver avuto un’esperienza oltre la vita, dove, a seconda dei saggi, ci sarebbero state le rivelazioni tanto ambite dagli esseri umani.  Il guerriero, considerato il più valoroso e coraggioso del reame, scese un altro gradino e ormai sovrastava i due  Ratatok di tutto il busto.<< Demone nero, non oscuro >> rispose, austero. Né Woody né Norbert poterono guardarlo negli occhi: il suo elmo era una placca intera con corna demoniache, e nella fessura degli occhi filtrava solo oscurità. Due delle cinque guardie che presidiavano il palazzo insieme al demone erano di razza Reptikol: umanoidi alti, grossi e con zanne e artigli lunghi, con squame su tutto il corpo, famosi per la loro brutalità anche più degli Alti. Uno di loro, con l’elmo più aperto rispetto al demone nero, e dal quale si intravedevano i suoi occhi ferini, guardava Norbert e Woody con un disprezzo che Woody non aveva mai visto in faccia a nessuno. Alzandosi la placca con due fori per la vista, e scoprendo quindi il volto squamato, rettiliano, si rivolse ai due dicendo<< Quelli come voi ce li mangiamo. Quando siamo in viaggio, attraverso boscaglie o sentieri di montagna, li prendiamo, gli infiliamo un bastone nel culo e glielo facciamo uscire dalla bocca, e poi li cuociamo piano piano.>> Sul suo volto c’era un’espressione tra il divertito e lo schifato. Woody lottò con tutte le sue forze per non ribattere che dei fottuti rettiliani non sarebbero mai riusciti a catturare dei Ratatok, e tenne la bocca chiusa, mentre il sangue gli ribolliva dentro e comunque la sua attenzione era completamente rivolta al grande Demone nero.
Norbert invece, nel sentire quelle parole, sentì un brivido freddo lungo la sua schiena pelosa, e ,col raziocinio che lo distingueva dal cugino, si espresse pacatamente<< Noi dobbiamo soltanto vendere quest’essenza alla contessa, ehm, cioè, Regina, Lilith, poi non ci vedrete più.>> L’attenzione del Demone si spostò quindi sul più grande dei due cugini;<< Entrate allora, discuterete direttamente con lei per un giusto prezzo.>> Il demone nero placcato d’oro risalì i gradoni con le cinque guardie al seguito, fino ad arrivare ad un massiccio portone con due batacchi d’oro raffiguranti una figura femminile.
<< Prima di entrare..>> esordì il guerriero leggendario, girandosi verso gli ospiti,<< è bene che sappiate cosa vi portate dietro,e perché Lilith stavolta ne ha ordinate così tante.>>Il suo sguardo passò da Norbert a Woody e si soffermò proprio sul giovane. << La regina Lilith non ha marito, molti pretendenti sì, amanti, che usa e getta come carta straccia, ma non riesce a trovare un uomo degno di lei e poi capirete il perché, quando la vedrete.>> Il demone aprì il grosso portone che cigolò e aprendosi gettò una profonda eco nell’immenso atrio nel quale i due cugini, scortati da dietro dalle cinque guardie ostili e guidati dal demone, parvero perdersi. << Di qua >> li esortò il guerriero, imboccando una delle tre scale a chiocciola dell’atrio. Gli altri lo seguirono. Dopo un’interminabile scalinata, dove se se ti giravi ogni tanto verso le pareti appena affrescate potevi ammirare dei stupendi quadri di natura rigogliosa e ragazze–dee coperte a malapena da un velo, arrivarono a un enorme salone adornato con ogni genere di pianta o cianfrusaglia d’oro. Prima di aprire la porta, il Demone si girò verso gli altri e con aria seria e preoccupata gli disse- guardando soprattutto Woody – :<< Mi raccomando ragazzi, la regina è molto permalosa riguardo alla sua età, non parlate senza essere interpellati e non fatevi venire in mente pensieri sporchi su di lei, lo sentirebbe subito, fidatevi.>> Gli occhi del demone, o quello che si intravedeva dall’elaborato elmo, erano perlopiù rivolti a Woody.
Questo ” Demone Nero ” un guerriero temprato da mille battaglie e sofferenze, una persona che aveva visto morte e disperazione, tatuato sulla gola col demone degli ” anziani neri”: la setta con cui si era  addestrato per diciassette anni, e che si vociferava si sbattesse alla grande la regina, per dirla come l’avrebbe detta Woody. non era affatto come quei viscidi Rdeptikol o quei bruti Nordici..sembrava quasi di animo gentile, nonostante tutto, e a Woody incuteva sì una sorta di timore reverenziale, ma anche molta serenità. Norbert invece, di fianco a lui, non aveva pù proferito parola, era un fascio di nervi. Di solito non si risparmiava nel correggere o commentare gli atteggiamenti del cugino più piccolo. Stavolta no. Forse erano le grosse ombre che le cinque guardie proiettavano su di loro, forse era il fatto che avrebbero visto Lilith..Lilith!!! La Regina-dea in carne ed ossa!! Forse era quello che aveva ammutolito Norbert, ma Woody era calmo, sereno, e soprattutto curioso, una curiosità che era la sua più grande forza. IL Demone aprì il portone.

L'incontro con Lilith.

  • Norbert viene arrestato e chiuso in una cella buia e fredda, Woody non se ne andrà finché non lo avrà liberato.lo avrà libe. (0%)
    0
  • Lilith, estasiata dalla potenza di quell'essenza, ne vuole altra e vuole che i due la producano a corte, sotto la sua supervisione. (0%)
    0
  • Lilith acquista tutte le fiale blu e guardando negli occhi Woody gli chiede di Rimanere a corte.. (100%)
    100
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

22 Commenti

  1. Decisamente interessante, decisamente appassionante. Giusto si è persa un poco la spavalderia di Woody, ma dopo quanto è successo mi sembra il minimo 🙂
    Attendo il proseguio ^_^

    Ciao 🙂
    PS: un piccolo consiglio per il proseguio: il primo capitolo dovrebbe essere sia un riassunto degli eventi di quanto è accaduto (per chi non ha letto questa storia), sia un modo per presentare la nuova situazione che si va delineando. Non è facile.

  2. Tutti riescono a scappare: diamoli un po’ di fortuna a ‘sti poracci.

    Mi ha fatto un po’ schifo la scena delle viscere e corpi sparpagliati, ma son contento di come hai reso il combattimento. Soprattutto vedere in azione il Demone ed il Capitano 🙂

    Il prossimo è l’ultimo capitolo: mi aspetto una bella fine prima parte per leggerci poi nel proseguio ^_^

    Ciao 🙂
    PS: se scrivi il seguito immediatamente dopo aver scritto l’ultimo capitolo, avvertirmi perché altrimenti perdo la notifica 😉

    • Buonasera, son contento che ti è piaciuto il combattimento🙂💪
      Sì senz’altro ti avvertirò, finita la prima parte. Finita questa ci allargheremo in un mondo più vasto in cui questa vicenda sta accadendo, spiegherò e descriverò molte più cose, razze, culti, città, poteri magici e legami tra le razze terrene e i segni zotiacali, mi allargherò.
      Ciao a domani💪

  3. Voto i soldati di Ankar! Se son giunti fin lì, significa che qualcosa di grosso si sta muovendo. Se sono i Ratatok ad essersi sufficientemente allontanati, significa che quelle fiale sono più potenti di quanto mi aspettassi. Se è una via di mezzo, allora son vere entrambe le cose 😀

    Ciao 🙂

  4. A me piace sia che il demone gli aiuti sia che bevano la fiala di essenza. Come voto, visto che uno bisogna votare, dico che bevono l’essenza.

    La storia è interessantissima, solo che di viaggio c’è poco 😉
    Questo capitolo mi è sembrato un po’ un riassunto di una lunga sequenza di eventi. Giusto per curiosità: hai avuto problemi col numero dei caratteri o lo avevi pensato così fin dall’origine?

    Ciao 🙂

    • Buongiorno, in questo capitolo ho voluto riassumere un po’ ciò che è successo a partire da quella che sarà poi la loro avventura. Infatti finiti i 10 capitoli a disposizione dovrò continuare, purtroppo il numero di righe a disposizione e i capitoli non mi bastano, ho dovuto tagliare alcune cose, e poi riassumerle, quindi finiti questi capitoli ne inizierò altri sempre riguardanti questa storia. Grazie per il supporto alla prossima!💪

  5. Se devo essere sincero non mi aspettavo una simile reazione all’Essenza Blu. Sei riuscito a ben descriverla senza essere scabroso e questa è una buona cosa 🙂
    Quella frase “Ora sei mio” non fa presagire nulla di buono. Io però rimango fermo nella mia idea che il Demone Nero è magnanimo (solo) con i Ratatok e quindi in realtà Norbert è salvo (ma prigioniero).
    Il piano della regina ha una grossa falla: se muore l’unico che è a conoscenza del segreto per fabbricare l’Essenza Blu (e probabilmente lei non sa chi è), si è fregata con le sue mani 😉

    Ciao 🙂

  6. Fantastica la descrizione della Regina Lillith, tremendo il suo modo di fare e curioso di sapere come i due scoiattoli riusciranno ad uscirne. Voto che Norbert venga imprigionato (mi piace pensare che il Demone Nero le uniche persone su cui si muove a compassione siano proprio gli scoiattoli) e Woody dovrà salvarlo ma aggiungo che mi piacerebbe che la Regina inietta (una parte) della fiala blu anche a Woody per vederne l’effetto e capire a cosa serva ^_^

    Avanti! ^_^

    Ciao 🙂

  7. A me piacerebbe una via di mezzo tra Lilith che vuole Woody a corte e Norbert che viene arrestato e Woody che lo libera. Come voto scelgo che Lilith vuole Woody a corte.
    Mi chiedo come sia questa Lilith: il Demone Nero ha appena detto che capiranno subito che tipa è appena la vedono, mi aspetto qualcosa di particolare. Finora il Demone Nero è l’unico che non si è mostrato antipatico verso i due “scoiattoli”: sarà una finta o sarà vero? Vedremo ^_^

    Ciao 🙂
    PS: aspetta qualche giorno prima di pubblicare il prossimo capitolo, così anche gli altri hanno il tempo per votare. Il sito consiglia di scrivere un capitolo ogni 2-3 giorni, io mi son trovato bene aspettando una settimana. Altro consiglio, fatti un giro, leggi, vota e commenta le storie che ti piacciono, così fai vedere che ci sei e, forse, vengono più lettori 🙂

  8. Woody non tiene la bocca chiusa, come suo solito fare… vedremo che conseguenze potrebbe avere!
    Molto discorsivo e scritto bene questo primo capitolo, e la storia mi incuriosisce; ammetto che il fantasy non sia il mio genere preferito, ma la tua storia sembra promettere bene.
    Ti seguo. Al prossimo episodio.

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi