IL viaggio di Woody.

Dove eravamo rimasti?

I due riprendono per i boschi, verso Ankar, chi incontreranno? Soldati di Ankar (100%)

CAPITOLO 8.

In una taverna non poco distante da Akash, tra i fitti boschi verdi i cui alberi secolari filtravano la luce del sole calante, c’erano un Ratatok e un Centrale mezzi ubriachi a discutere del più e del meno davanti a due boccali stracolmi di birra rossa di Yodan. Il Ratatok, un ragazzo di bassa statura che non arrivava nemmeno a diciotto anni, era accasciato, ubriaco, sul lurido bancone, mentre l’umano continuava a incalzarlo con parole del tipo” tu ti preoccupi che non riesci a smettere di bere, pensa a che condizioni staresti se ti facessi l’essenza!”Ma il Ratatok mugugnava parole senza senso. Arrivati lì, dopo una giornata di cammino senza sosta, affamati e stremati dall’effetto dell’essenza che scemava, Woody e il cugino trovarono riparo in quella bettola. Un fuoco riscaldava la piccola e accogliente sala, stracolma di viandanti in cerca di un piatto caldo e un letto per riposare. Scendeva la sera. Un tramonto bellissimo faceva da sfondo a un cielo che si inscuriva sempre di più. I due entrarono e si sedettero. Una locandiera Reptikol con la pelle grigia e raggrinzita come un fico secco, dopo aver mostrato loro un sorriso che mostrava un solo dente- sorriso di cui avrebbero volentieri fatto a meno- prese le loro ordinazioni, senza domande su dove venissero o chi fossero. Bene. Meglio così. Zuppa di fave per Woody e minestra di ceci e carote lesse per Norbert. Woody era tornato esile e gli occhi di Norbert normali. Erano letteralmente sfiniti. Consumarono in fretta e furia il pasto e poi con un pezzo d’oro ciascuno pagarono la cena e una stanza. Avrebbero dormito con un occhio aperto, certo, non erano di certo fuori pericolo, ma almeno si sarebbero distesi. Tre tavoli davanti al loro c’era una grossa tavolata di loschi tipi in armatura, i loro archi e le loro spade erano accuratamente poggiate vicino a loro.
<< Sono stremato devo dormire>> disse esausto Norbert.
<<Sì, anche io, poi domani mi spieghi che diavolo ti era successo prima con l’essenza.>>
Norbert assunse un’espressione smarrita e terrorizzata.
<< Non lo so, ma la rivoglio>> gli rispose.
<<OK, adesso andiamo a dormire>> concluse Woody.
Quando stettero per alzarsi, due dei strani tizi che bivaccavano a quel tavolo davanti a loro si avvicinarono. Erano due umani Centrali, di bell’aspetto e dal portamento fiero, avevano entrambi un’armatura in acciaio e una spada a due mani attaccata alla cintola.
<< Voi siete i due Ratatok?>> senza nemmeno aspettare una risposta aggiunsero << dovete immediatamente venire con noi.>>
I due cugini riconobbero subito l’elblema di Ankar inciso sul petto dell’armatura dei soldati, raffigurante l’acqua che sgorga da una cascata. Né Woody né Norbert dissero una parola, riuscivano a tenere gli occhi aperti a malapena, e dopo quel pasto caldo ogni rimanenza di energia era fluttuata via dai loro corpi affusolati. <<Il conte ha avuto un sogno, un sogno di fuoco e fiamme e morti, e lo stesso sogno lo ha avuto mastro Been.>>
<< Qualcuno di voi due con l’essenza sviluppa poteri psichici,e io sono pronto a scommettere che l’avete presa, per arrivare fin qui.>> Per avere sogni premonitori, era ovvio che sia mastro Been che il Conte Edwaed si facevano di essenza. Woody ci avrebbe messo la mano sul fuoco, almeno su Mastro Been. I Ratatok avevano spesso sogni premonitori,con l’essenza sarebbero aumentati.
<<Il Dragone ha riunito un’armata a Est, e si sta muovendo verso Akash, ma prima passerà per Ankar, vuole l’essenza.>> disse uno dei due soldati. I due furono molto sorpresi dalla notizia. Allora il Conte e il Mastro non avevano sognato Lilith, bensì il Dragone, il fratello del Demone?
Le ciotole di cibo di entrambi i cugini Ratatok erano vuote, avevano mangiato con avidità tutto e ora volevano solo dormire.
<< I soldati di Lilith ci stanno inseguendo>> disse Norbert, che riusciva a stento a tenere aperti gli occhi.
<< A guidarli c’è il Demone>> aggiunse Woody.
<< Venite con noi>> ordinò uno dei soldati. Woody e Norbert si unirono al loro tavolo. Erano tutti Centrali, giovani, muscolosi, e Woody si sentì al sicuro tra loro. Il tavolo era imbandito di piatti di minestra fumante, cosci di pollo e boccali di birra scura.
Dopo che Woody ebbe raccontato tutta la loro esperienza ad Akash ai soldati, il loro capitano, che sedeva a capotavola, disse<< Quindi abbiamo due eserciti, da Ovest e da Est, diretti ad Ankar…dobbiamo muoverci, dobbiamo subito tornare ad Ankar.>>
La porta d’entrata della locanda si aprì di schianto, fuori si era fatto buio ormai. Era il Demone. dietro di lui c’erano i cinque della guardia.
Ci fu un brusio generale dei  commensali, che erano tutti rivolti verso di loro. 
<< Oh, soldati di Akash!Prego signori, accomodatevi! E’ un onore!>>esclamò la locandiera sfoggiando con un sorriso il suo unico dente.
<< Stiamo cercando due Ratatok>> le rispose il Demone.

E adesso?

  • i soldati di ankar sconfiggono i cinque della guardia reale ma il demone massacra tutti, i ratatok riescono a scappare (0%)
    0
  • i soldati di Ankar fanno nascondere i ratatok (50%)
    50
  • c'è una battaglia tra i soldati di Ankar e i sei di Akash (50%)
    50
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

22 Commenti

  1. Decisamente interessante, decisamente appassionante. Giusto si è persa un poco la spavalderia di Woody, ma dopo quanto è successo mi sembra il minimo 🙂
    Attendo il proseguio ^_^

    Ciao 🙂
    PS: un piccolo consiglio per il proseguio: il primo capitolo dovrebbe essere sia un riassunto degli eventi di quanto è accaduto (per chi non ha letto questa storia), sia un modo per presentare la nuova situazione che si va delineando. Non è facile.

  2. Tutti riescono a scappare: diamoli un po’ di fortuna a ‘sti poracci.

    Mi ha fatto un po’ schifo la scena delle viscere e corpi sparpagliati, ma son contento di come hai reso il combattimento. Soprattutto vedere in azione il Demone ed il Capitano 🙂

    Il prossimo è l’ultimo capitolo: mi aspetto una bella fine prima parte per leggerci poi nel proseguio ^_^

    Ciao 🙂
    PS: se scrivi il seguito immediatamente dopo aver scritto l’ultimo capitolo, avvertirmi perché altrimenti perdo la notifica 😉

    • Buonasera, son contento che ti è piaciuto il combattimento🙂💪
      Sì senz’altro ti avvertirò, finita la prima parte. Finita questa ci allargheremo in un mondo più vasto in cui questa vicenda sta accadendo, spiegherò e descriverò molte più cose, razze, culti, città, poteri magici e legami tra le razze terrene e i segni zotiacali, mi allargherò.
      Ciao a domani💪

  3. Voto i soldati di Ankar! Se son giunti fin lì, significa che qualcosa di grosso si sta muovendo. Se sono i Ratatok ad essersi sufficientemente allontanati, significa che quelle fiale sono più potenti di quanto mi aspettassi. Se è una via di mezzo, allora son vere entrambe le cose 😀

    Ciao 🙂

  4. A me piace sia che il demone gli aiuti sia che bevano la fiala di essenza. Come voto, visto che uno bisogna votare, dico che bevono l’essenza.

    La storia è interessantissima, solo che di viaggio c’è poco 😉
    Questo capitolo mi è sembrato un po’ un riassunto di una lunga sequenza di eventi. Giusto per curiosità: hai avuto problemi col numero dei caratteri o lo avevi pensato così fin dall’origine?

    Ciao 🙂

    • Buongiorno, in questo capitolo ho voluto riassumere un po’ ciò che è successo a partire da quella che sarà poi la loro avventura. Infatti finiti i 10 capitoli a disposizione dovrò continuare, purtroppo il numero di righe a disposizione e i capitoli non mi bastano, ho dovuto tagliare alcune cose, e poi riassumerle, quindi finiti questi capitoli ne inizierò altri sempre riguardanti questa storia. Grazie per il supporto alla prossima!💪

  5. Se devo essere sincero non mi aspettavo una simile reazione all’Essenza Blu. Sei riuscito a ben descriverla senza essere scabroso e questa è una buona cosa 🙂
    Quella frase “Ora sei mio” non fa presagire nulla di buono. Io però rimango fermo nella mia idea che il Demone Nero è magnanimo (solo) con i Ratatok e quindi in realtà Norbert è salvo (ma prigioniero).
    Il piano della regina ha una grossa falla: se muore l’unico che è a conoscenza del segreto per fabbricare l’Essenza Blu (e probabilmente lei non sa chi è), si è fregata con le sue mani 😉

    Ciao 🙂

  6. Fantastica la descrizione della Regina Lillith, tremendo il suo modo di fare e curioso di sapere come i due scoiattoli riusciranno ad uscirne. Voto che Norbert venga imprigionato (mi piace pensare che il Demone Nero le uniche persone su cui si muove a compassione siano proprio gli scoiattoli) e Woody dovrà salvarlo ma aggiungo che mi piacerebbe che la Regina inietta (una parte) della fiala blu anche a Woody per vederne l’effetto e capire a cosa serva ^_^

    Avanti! ^_^

    Ciao 🙂

  7. A me piacerebbe una via di mezzo tra Lilith che vuole Woody a corte e Norbert che viene arrestato e Woody che lo libera. Come voto scelgo che Lilith vuole Woody a corte.
    Mi chiedo come sia questa Lilith: il Demone Nero ha appena detto che capiranno subito che tipa è appena la vedono, mi aspetto qualcosa di particolare. Finora il Demone Nero è l’unico che non si è mostrato antipatico verso i due “scoiattoli”: sarà una finta o sarà vero? Vedremo ^_^

    Ciao 🙂
    PS: aspetta qualche giorno prima di pubblicare il prossimo capitolo, così anche gli altri hanno il tempo per votare. Il sito consiglia di scrivere un capitolo ogni 2-3 giorni, io mi son trovato bene aspettando una settimana. Altro consiglio, fatti un giro, leggi, vota e commenta le storie che ti piacciono, così fai vedere che ci sei e, forse, vengono più lettori 🙂

  8. Woody non tiene la bocca chiusa, come suo solito fare… vedremo che conseguenze potrebbe avere!
    Molto discorsivo e scritto bene questo primo capitolo, e la storia mi incuriosisce; ammetto che il fantasy non sia il mio genere preferito, ma la tua storia sembra promettere bene.
    Ti seguo. Al prossimo episodio.

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi